Prove di disgelo tra Obama e Netanyahu

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Barack Obama a destra e Benjamin Netanyahu nello Studio Ovale

Barack Obama a destra e Benjamin Netanyahu nello Studio Ovale

WASHINGTON.- Barack Obama e Benyamin Netanyahu tentano di superare dissapori personali e gelo politico incontrandosi per la prima volta in oltre un anno alla Casa Bianca e facendo l’un l’altro caute promesse. Ma se saranno davvero superate quelle differenze sulle quali – lo ha ripetuto Obama – “non ci sono misteri”, è presto per dirlo.

L’analisi al momento è sul ‘body language’ e sulle poche aperture: Obama dice sì a negoziati per nuovi aiuti militari verso Israele e Bibi rassicura sul suo impegno per la pace, non escludendo la soluzione a due Stati.

Parlano anche di Iran i due leader riuniti nello Studio Ovale alla presenza del vicepresidente Joe Biden, di quell’accordo sul nucleare ‘pietra dello scandalo’ per Netanyahu che lo scorso marzo condannò con forza in un accorato intervento al Congresso, al culmine della distanza tra Bibi e Obama che con il faccia a faccia alla Casa Bianca i due tentano di accorciare, un passo alla volta.

Intanto non ci sono fanfare per questa visita, non è stata nemmeno fissata una conferenza stampa congiunta, sebbene le aspettative non siano poche. E’ questa la cautela che mette in campo la Casa Bianca, sottolineando come questo incontro nasca dal desiderio da entrambe le parti di sedersi e rinnovare l’impegno per la sicurezza e sulla base di quei valori condivisi che vanno anche oltre le diffidenze personali.

Fare il punto quindi, necessario per andare avanti ma non necessariamente chiave di svolta. Per questo, se Netanyahu dice che non esclude la soluzione a ‘due stati’, la Casa Bianca apprezza ma ribadisce: più importante delle parole è come vi si dà seguito.

“A giudicare saranno israeliani e palestinesi, più che gli americani”. Quasi certamente non Obama in persona comunque, convinto com’è che la svolta, se ci sarà, non arriverà entro la fine del suo mandato.

E come a confermarlo rimbalza la notizia che Israele ha dato l’approvazione preliminare per piani di sviluppo che potrebbero portare alla costruzione da qui al 2030 di circa 2.200 abitazioni in insediamenti ebraici già esistenti ad est di Ramallah in Cisgiordania, stando a quanto rivela proprio oggi il quotidiano liberal Haaretz. Punto su cui gli Usa hanno a più ripreso espresso la loro contrarietà.

Fino a quando resta lui il presidente e commander in chief degli Stati Uniti però, Obama ha comunque il dovere di ribadire che la sicurezza di Israele è la priorità per l’America. E per farlo, per tentare di mettere un punto ed andare avanti, c’era bisogno di questo incontro, anche senza conferenza stampa e annunci concreti.

Per ora infatti Washington dà il via libera a cominciare i negoziati per un piano decennale di aiuti militari verso Israele, ma i dettagli non sono ancora pronti, anche se nei giorni scorsi si è parlato di 50 miliardi di dollari che comprendono forniture militari ad altissima tecnologia.

Eppure l’urgenza di un intervento è sotto gli occhi di tutti data la situazione sul terreno: l’aviazione israeliana ha centrato la scorsa notte un obiettivo di Hamas a Sud di Gaza in un’immediata reazione al lancio di un razzo da parte di miliziani palestinesi verso il Neghev occidentale.

Mentre una donna palestinese è stata uccisa dopo aver tentato di assaltare con un coltello dei soldati ad un posto di controllo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

23:40Calcio: Sarri, successo importante,questa era gara difficile

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ero tranquillo all'intervallo, la squadra stava facendo bene. La Lazio era in salute, ed è passata in vantaggio in una delle poche occasioni concesse. I ragazzi sono stati bravi nel secondo tempo, l'abbiamo ribaltata, bene anche la gestione. Sono punti che ci fanno piacere. In questo momento è un successo importante, perché loro avevano vinto contro la Juventus e il Milan, e questa era una partita a forte rischio". Così Maurizio Sarri, dopo il successo del Napoli in casa laziale. Anche il match di oggi ha evidenziato la forza dell'attacco napoletano, che ha segnato altre quattro reti, ma il tecnico sottolinea che "il nostro pensiero, oltre all'attacco, deve essere rivolto alla difesa. Oggi abbiamo fatto bene, abbiamo preso gol su una situazione sporca. Nella prima frazione loro si difendevano con ordine, grande gamba di Immobile sulle ripartenze, negli ultimi minuti della frazione siamo venuti fuori. Ci siamo comportati meglio rispetto alle ultime gare. Sono contento per i ragazzi, stanno lavorando bene".

Archivio Ultima ora