Venezuela: Cne contrario all’osservazione internazionale

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

cne

Incomprensibile, inspiegabile. Almeno col metro europeo. Ma l’America Latina non è l’Europa. Il nostro è l’emisfero della “realtà magica”. E allora tutto è possibile, anche ciò che il comune senso delle cose boccerebbe come insensato.

Ad esempio, l’atteggiamento del Consiglio Nazionale Elettorale, recalcitrante ad accettare la presenza di osservatori internazionali indipendenti prima, durante e dopo il voto del 6 dicembre.

La giustificazione, se analizzata nell’ottica di un nazionalismo passato di moda ma rispolverato prima dall’estinto presidente Chàvez e poi dal presidente Maduro, non è privo di logica: nessun Paese che si rispetti può permettere ad organismi esterni d’intervenire nelle sue faccende interne.

Meno, se si tratta di elezioni destinate a determinare l’orientamento politico, economico e sociale del Paese. Quindi, è prerogativa dell’autorità elettorale, “in primis”, decidere se permettere o no la presenza di osservatori internazionali.

E’ vero. Nelle democrazie avanzate l’osservazione internazionale non è una consuetudine. Ma è anche vero che la possibilità di frode elettorale è assai ridotta. E comunque le istituzioni e i poteri pubblici sono indipendenti, il cittadino ha gli strumenti per far valere i propri diritti e la giustizia arriva, anche se con ritardo.

Contraddittorio. Pare assurdo ma la paura di frode elettorale, in Venezuela, più che dall’Opposizione è alimentata dalle stesse autorità parlamentari e dal governo. E, infatti, il presidente del Parlamento, e altri esponenti filo-governativi, hanno più volte fatto intendere che, in caso di una sconfitta elettorale, non sarebbero disposte a riconoscere i risultati.

In una recente apparizione pubblica, lo stesso capo dello Stato, Nicolàs Maduro, ha affermato che non riconoscerà un Parlamento con una maggioranza dell’Opposizione, non “consegnerà la rivoluzione al nemico” e continuerà a Governare con una Giunta “civico-militare”. Una minaccia di “autogolpe”, quindi, che lascia molti interrogativi senza risposta.

E’ evidente che la presenza di osservatori stranieri indipendenti, seri e autorevoli resta una necessità. La richiesta della “Mesa della “Unidad Democràtica” è dettata dal clima politico ed elettorale che si vive nel Paese.

L’accredito, qualora il Cne decidesse finalmente di cedere alle pressioni dell’eterogeneo arcipelago di partiti aderenti alla Mud, deve necessariamente permettere l’assoluta libertà di movimento prima, durante e dopo l’esercizio del voto.

L’osservazione internazionale non può limitarsi a un tour nei diversi centri di votazione, scelti “ad hoc” dalle autorità del Cne. Al contrario, deve poter documentare tutto il processo elettorale. Solo così potrà comprovare, qualora ci fossero, l’esistenza di abusi di potere, di squilibri informativi, e di eccessi istituzionali.

Ad esempio, l’impiego illimitato dei mass-media statali per la propaganda politica governativa e per gettare discredito sui candidati dell’Opposizione; o la presenza di seggi elettorali in locali poco idonei ad un processo elettorale delicato e complesso come quello del 6 dicembre.

Antinomie, contrasti e incoerenza. L’Opposizione non trova pace. Affoga nelle proprie contraddizioni. Queste hanno origine, come abbiamo già scritto, nella mancanza di un programma di governo chiaro, logico e trasparente. Nessuno sa, oggi, gli obiettivi dell’Opposizione.

Pochi conoscono le proposte elettorali dei candidati della Mud. Nulla o quasi si sa su cosa farebbe l’Opposizione qualora, come indicano i sondaggi delle agenzie demoscopiche, dovesse trionfare il prossimo 6 dicembre. Certo, esistono attenuanti. Innanzitutto, l’impossibilità dei pochissimi mass-media ancora indipendenti di far giungere il messaggio dei candidati della Mud a tutti gli strati della popolazione.

L’opposizione oggi è cementata da un “antichavismo” e “antimadurismo” viscerale. Slogan e messaggi privi di contenuto. Mentre il governo ripropone ossessivamente la tesi della “guerra economica” che affama i venezuelani – e quindi la necessità dell’unità per sconfiggere il nemico comune rappresentato in Venezuela dall’Opposizione -, molti candidati della Mud si lasciano andare ad un anti-chavismo ruvido e irrazionale.

Alla fine, però, dovranno accettare l’inesorabile necessità del “chavismo” come voce del dissenso. E anche un processo di transizione che eviti la violenza, scongiuri il pericolo di un “putsch” e permetta la governabilità del Paese.

Allegria, buonumore e spensieratezza. Erano queste le caratteristiche del clima che accompagnava i processi elettorali e il Natale in Venezuela. Oggi, purtroppo, sono i grande assenti. La mancanza di alimenti e di medicine hanno trasformato la caratteristica allegria del venezuelano in irascibilità, irritabilità e ira. La crisi pesa come un macigno sull’economia delle famiglie venezuelane. Si ha la sensazione di vivere in un Paese sull’orlo di un burrone.

Il governo, in periodo elettorale, non assume la responsabilità di provvedimenti draconiani. E’ comprensibile. Ed allora tutto è rinviato al prossimo anno. A febbraio, o forse ancor prima, passata la sbornia natalizia il venezuelano si scoprirà più povero.

Le nuove autorità parlamentari dovranno legislare con prudenza per ricondurre il paese allo splendore di un tempo. Non più discorsi demagogici né provvedimenti populisti. La crisi, che oggi si manifesta anche attraverso la presenza di malattie endemiche che si credevano sconfitte come la malaria, potrà superarsi solo con una politica economica e sociale coerente che ponga sempre il cittadino in primo piamo.

Atteso, nei prossimo giorni, l’intervento del presidente Maduro presso il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni unite. In via del tutto eccezionale, l’Onu ha organizzato una sessione straordinaria per ascoltare il capo dello Stato. Il presidente Maduro, stando a quanto informato, denuncerà le presunte provocazioni militari degli Stati Uniti.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

00:26Calcio: serie A, Roma-Cagliari 1-0

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Roma soffre ma batte il Cagliari nell'ultimo anticipo del sabato della 17/a giornata di serie A. Dopo la sconfitta dell'Inter e la vittoria del Napoli, la squadra di Di Francesco affianca la Juve a 38 punti, ma ha ancora una partita da recuperare. Poche emozioni nel primo tempo. La Roma, che schierava per la prima volta titolare la coppia Dzeko-Schick, ha gestito il possesso senza riuscire però a creare eccessivi pericoli per Cragno, mentre il Cagliari, impegnato in un ragionato contenimento, ha cercato qualche timida reazione in contropiede. Nella ripresa, la Var concede un rigore ai giallorossi, ma Cragno para il lento tiro di Perotti. Nel recupero, Fazio in mischia insacca. Altra Var, e l'arbitro convalida la rete. I tre punti ormai insperati consentono alla Roma di affiancare la Juve al terzo posto, a quota 38, ma entrambe devono ancora giocare una partita. Il Napoli è primo con 42.

Archivio Ultima ora