Venezuela: Cne contrario all’osservazione internazionale

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

cne

Incomprensibile, inspiegabile. Almeno col metro europeo. Ma l’America Latina non è l’Europa. Il nostro è l’emisfero della “realtà magica”. E allora tutto è possibile, anche ciò che il comune senso delle cose boccerebbe come insensato.

Ad esempio, l’atteggiamento del Consiglio Nazionale Elettorale, recalcitrante ad accettare la presenza di osservatori internazionali indipendenti prima, durante e dopo il voto del 6 dicembre.

La giustificazione, se analizzata nell’ottica di un nazionalismo passato di moda ma rispolverato prima dall’estinto presidente Chàvez e poi dal presidente Maduro, non è privo di logica: nessun Paese che si rispetti può permettere ad organismi esterni d’intervenire nelle sue faccende interne.

Meno, se si tratta di elezioni destinate a determinare l’orientamento politico, economico e sociale del Paese. Quindi, è prerogativa dell’autorità elettorale, “in primis”, decidere se permettere o no la presenza di osservatori internazionali.

E’ vero. Nelle democrazie avanzate l’osservazione internazionale non è una consuetudine. Ma è anche vero che la possibilità di frode elettorale è assai ridotta. E comunque le istituzioni e i poteri pubblici sono indipendenti, il cittadino ha gli strumenti per far valere i propri diritti e la giustizia arriva, anche se con ritardo.

Contraddittorio. Pare assurdo ma la paura di frode elettorale, in Venezuela, più che dall’Opposizione è alimentata dalle stesse autorità parlamentari e dal governo. E, infatti, il presidente del Parlamento, e altri esponenti filo-governativi, hanno più volte fatto intendere che, in caso di una sconfitta elettorale, non sarebbero disposte a riconoscere i risultati.

In una recente apparizione pubblica, lo stesso capo dello Stato, Nicolàs Maduro, ha affermato che non riconoscerà un Parlamento con una maggioranza dell’Opposizione, non “consegnerà la rivoluzione al nemico” e continuerà a Governare con una Giunta “civico-militare”. Una minaccia di “autogolpe”, quindi, che lascia molti interrogativi senza risposta.

E’ evidente che la presenza di osservatori stranieri indipendenti, seri e autorevoli resta una necessità. La richiesta della “Mesa della “Unidad Democràtica” è dettata dal clima politico ed elettorale che si vive nel Paese.

L’accredito, qualora il Cne decidesse finalmente di cedere alle pressioni dell’eterogeneo arcipelago di partiti aderenti alla Mud, deve necessariamente permettere l’assoluta libertà di movimento prima, durante e dopo l’esercizio del voto.

L’osservazione internazionale non può limitarsi a un tour nei diversi centri di votazione, scelti “ad hoc” dalle autorità del Cne. Al contrario, deve poter documentare tutto il processo elettorale. Solo così potrà comprovare, qualora ci fossero, l’esistenza di abusi di potere, di squilibri informativi, e di eccessi istituzionali.

Ad esempio, l’impiego illimitato dei mass-media statali per la propaganda politica governativa e per gettare discredito sui candidati dell’Opposizione; o la presenza di seggi elettorali in locali poco idonei ad un processo elettorale delicato e complesso come quello del 6 dicembre.

Antinomie, contrasti e incoerenza. L’Opposizione non trova pace. Affoga nelle proprie contraddizioni. Queste hanno origine, come abbiamo già scritto, nella mancanza di un programma di governo chiaro, logico e trasparente. Nessuno sa, oggi, gli obiettivi dell’Opposizione.

Pochi conoscono le proposte elettorali dei candidati della Mud. Nulla o quasi si sa su cosa farebbe l’Opposizione qualora, come indicano i sondaggi delle agenzie demoscopiche, dovesse trionfare il prossimo 6 dicembre. Certo, esistono attenuanti. Innanzitutto, l’impossibilità dei pochissimi mass-media ancora indipendenti di far giungere il messaggio dei candidati della Mud a tutti gli strati della popolazione.

L’opposizione oggi è cementata da un “antichavismo” e “antimadurismo” viscerale. Slogan e messaggi privi di contenuto. Mentre il governo ripropone ossessivamente la tesi della “guerra economica” che affama i venezuelani – e quindi la necessità dell’unità per sconfiggere il nemico comune rappresentato in Venezuela dall’Opposizione -, molti candidati della Mud si lasciano andare ad un anti-chavismo ruvido e irrazionale.

Alla fine, però, dovranno accettare l’inesorabile necessità del “chavismo” come voce del dissenso. E anche un processo di transizione che eviti la violenza, scongiuri il pericolo di un “putsch” e permetta la governabilità del Paese.

Allegria, buonumore e spensieratezza. Erano queste le caratteristiche del clima che accompagnava i processi elettorali e il Natale in Venezuela. Oggi, purtroppo, sono i grande assenti. La mancanza di alimenti e di medicine hanno trasformato la caratteristica allegria del venezuelano in irascibilità, irritabilità e ira. La crisi pesa come un macigno sull’economia delle famiglie venezuelane. Si ha la sensazione di vivere in un Paese sull’orlo di un burrone.

Il governo, in periodo elettorale, non assume la responsabilità di provvedimenti draconiani. E’ comprensibile. Ed allora tutto è rinviato al prossimo anno. A febbraio, o forse ancor prima, passata la sbornia natalizia il venezuelano si scoprirà più povero.

Le nuove autorità parlamentari dovranno legislare con prudenza per ricondurre il paese allo splendore di un tempo. Non più discorsi demagogici né provvedimenti populisti. La crisi, che oggi si manifesta anche attraverso la presenza di malattie endemiche che si credevano sconfitte come la malaria, potrà superarsi solo con una politica economica e sociale coerente che ponga sempre il cittadino in primo piamo.

Atteso, nei prossimo giorni, l’intervento del presidente Maduro presso il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni unite. In via del tutto eccezionale, l’Onu ha organizzato una sessione straordinaria per ascoltare il capo dello Stato. Il presidente Maduro, stando a quanto informato, denuncerà le presunte provocazioni militari degli Stati Uniti.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

15:01Terremoto: camper Telefono Azzurro in partenza per Amatrice

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Camper Azzurro, un mezzo che agevolerà il supporto di Telefono Azzurro ai piccoli abitanti delle zone nel centro Italia vittime un anno fa del sisma, è in viaggio verso Amatrice, dove l'associazione è presente sin dallo scorso agosto. Il mezzo, presentato ieri sera al Giffoni Festival alla presenza della ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli, consentirà all'associazione di rafforzare la sua presenza e il suo supporto ai bambini, offrendo sostegno educativo e psicologico attraverso attività ludico-ricreative impostate sull'importanza dell'ascolto, tema distintivo dell'attività trentennale di Telefono Azzurro. Le attività di Telefono Azzurro ad Amatrice proseguiranno nei prossimi mesi nelle scuole, ma anche all'interno di moduli prefabbricati, grazie al lavoro di operatori specializzati che si alterneranno per favorire il rafforzamento delle attività. (ANSA).

14:59Lancia acido addosso a moglie e fugge con i figli

(ANSA) - FORLÌ, 22 LUG - Al culmine di una lite ha aggredito la moglie con un coltello, ferendola leggermente, e poi le ha lanciato addosso una sostanza acida. Quindi è fuggito in auto, probabilmente con i due figli piccoli. Il fatto è successo a fine mattina in un appartamento di un condominio di via Salinatore a Forlì. La donna, albanese di 37 anni, è stata portata in ospedale e secondo le prime informazioni non sarebbe grave, anche se ha riportato ferite e ustioni. L'uomo, kossovaro, è attivamente ricercato. Probabilmente a limitare i danni alla donna è stato l'intervento di alcuni vicini, che hanno 'lavato' la pelle della donna dall'acido. I vicini hanno anche tentato di fermare l'uomo che però si è dileguato e in casa non ci sono più nemmeno i due figli piccoli. È intervenuta la polizia.(ANSA).

14:59Nautica: si è spento designer Versari, inventò moto d’acqua

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Si è spento questa mattina all'età di 86 anni Giulio Versari, inventore e design papà di alcuni dei più famosi oggetti della nautica moderna. Versari era da tempo malato. Tra le sue invenzioni più famose la poltrona da combattimento per la pesca d'altura, la bitta a scomparsa e il primo prototipo di moto d'acqua. Proprio in questi giorni, fino a domani, alcuni suoi oggetti sono in mostra al Castello di Santa Margherita Ligure, materiale che lo stesso Versari, sammargheritese, ha donato al Comune e al neo nato Museo del Mare cittadino. I funerali si terranno lunedì alle 11:30 nella basilica di Santa Margherita. (ANSA).

14:30Migranti: nuovo sbarco di algerini nel sud Sardegna

(ANSA) - CARBONIA, 22 LUG - Nuovo sbarco di migranti nelle coste del Sulcis. Questa mattina un barchino con a bordo sei algerini è approdato lungo la spiaggia di Capo Sperone, a Sant'Antioco, sulla costa sud occidentale della Sardegna. Gli stranieri sono stati avvistati da un bagnante che ha fatto scattare l'allarme. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Polizia di Carbonia. I migranti, tutti uomini, dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Assemini (Cagliari). (ANSA).

14:21Calcio: Real, la maglia n.10 a Luka Modric

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il nuovo n.10 dei campioni d'Europa del Real Madrid è Luka Modric. Sarà il fuoriclasse croato, una delle stelle della squadra merengue, a ereditare la maglia più prestigiosa fino a poche settimane fa sulle spalle di James Rodriguez, adesso passato al Bayern Monaco. La scelta è stata ufficializzata dal club che ha pubblicato sul sito la nuova numerazione delle maglie per la stagione entrante. Un numero di maglia 'pesante' per il talento croato, che a Madrid ha giocato finora col numero 19, che indosserà la maglia che nel recente passato è stata sulle spalle di Robinho, Özil o del colombiano. Ovviamente scontati e confermati i numeri di maglia delle altre stelle della squadra, da C.Ronaldo (7) a Bale (11), da Benzema (9) a Kroos (8), da Ramos (4) a Marcelo (12), a Isco (22). I nuovi arrivati Theo Hernandez e Dani Ceballos avranno rispettivamente il 15 e il 24.

14:21Calcio: lampi di ‘euro’ Milan in Cina, 4-0 al Bayern Monaco

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Lampi di ottimo Milan in Cina. Con gli assist di Rodriguez, gli inserimenti di Kessié, una doppietta del giovane Cutrone e una prodezza di Calhanoglu i rossoneri hanno battuto 4-0 il Bayern Monaco nell'ultima partita della tournée cinese: a cinque giorni dal preliminare di Europa League, Vincenzo Montella può constatare passi avanti rispetto al ko con il Borussia Dortmund. In porta debutto stagionale per Gianluigi Donnarumma, con il fratello Antonio subentrato nel finale, e da subito si è fatto notare sulla corsia sinistra Rodriguez che al 14' ha servito a Kessié l'assist del vantaggio, e al 25' con una punizione mancina da trenta metri ha offerto una palla perfetta per l'incornata di Cutrone. L'attaccante classe '98 si è ripetuto al 42' finalizzando un perfetto contropiede milanista. I tedeschi di Ancelotti hanno sprecato un paio di chance nella ripresa, quando hanno debuttato in rossonero Biglia e Bonucci, accolto con un'ovazione dal pubblico di Shenzhen. A 5' dalla fine ha completato il poker Calhanoglu.

14:16Muore colpito da un toro nel suo allevamento

(ANSA) - ISERNIA, 22 LUG - Allevatore muore ucciso dal toro a cui stava dando da mangiare. Il 73enne Pasquale Forte di Sesto Campano (Isernia) è stato raggiunto a un fianco dal toro del suo piccolo allevamento. L'animale lo ha caricato colpendolo con le corna. Subito soccorso da operatori del 118, poi trasportato all'ospedale "Veneziale" di Isernia, l'uomo è morto qualche ora dopo il ricovero. Nell'allevamento i carabinieri stanno effettuando rilievi. (ANSA).

Archivio Ultima ora