Da Deutsche Bank a Vw, l’anno orribile di Berlino

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

azioni-deutsche-bank

ROMA. – Prima domanda: riuscirà Volkswagen a superare la crisi drammatica che sta attraversando senza chiamare in aiuto il capitale pubblico? Seconda: il crollo di credibilità della Germania permetterà di mantenere regole europee sulle verifiche dei bilanci bancari che proteggono Deutsche Bank e le permettono di superare i controlli nonostante bilanci pessimi? Terza: è accettabile che le Landesbanken, cioè le banche regionali, vengano tenute fuori dal raggio d’azione della vigilanza bancaria europea?

Finora la forza della grande Germania ha permesso di aggirare gli ostacoli ma il 2015 verrà ricordato come l’anno terribile dei tedeschi, quello che ha minato un patrimonio di fiducia ricostruito a partire dal dopoguerra. Così la legge del più forte, quella che finora ha funzionato permettendo di avere l’Unione europea al loro servizio, potrebbe non funzionare più.

C’è un proverbio, del resto, che dice: ‘il troppo stroppia’, per sottolineare come ogni eccesso finisce per trasformarsi in boomerang. Il rischio per la Germania non è trascurabile anche perché, a ben guardare, i guai tedeschi nascono oltre Oceano, negli Stati Uniti.

Naturalmente sarebbe arbitrario stabilire con certezza un nesso causa-effetto, ma certo l’accusa di avere aggirato i test antinquinamento delle auto diesel è arrivata dall’americana Environmental protection agency (e ha avuto l’effetto di bloccare piani importanti di aumento delle quote di mercato negli Stati Uniti).

Ugualmente buona parte dei guai di Deutsche Bank, che hanno costretto all’uscita di scena i due amministratori delegati, l’indiano Anshu Jain e il tedesco Juergen Fitschen, nasce da due maxi multe, in particolare per manipolazioni dei tassi interbancari, decise dalle autorità statunitensi e del Regno Unito.

Di sicuro, per la Germania, i fronti aperti sono da far tremare i polsi. Basta considerare che Deutsche Bank ha chiuso il terzo trimestre 2015 in profondo rosso, con perdite intorno a 6,2 miliardi di euro. Tanto da annunciare l’uscita da una decina di paesi, tagli massicci del personale, la sospensione del dividendo.

In più, da tempo, il colosso bancario tedesco è sotto osservazione da parte delle autorità di vigilanza per il possibile occultamento di perdite per miliardi di dollari su derivati, su cui ha indagato anche la Sec (Securities and exchange commission, l’organo di controllo dei mercati Usa). In queste condizioni è quanto meno curioso che la banca abbia superato senza problemi le verifiche sulla qualità dei bilanci e gli stress test europei.

La verità è che, almeno finora, rapporti di forza schiaccianti hanno messo la Germania al riparo da sorprese e in Europa i parametri stabiliti penalizzano pesantemente le banche che, come quelle italiane, fanno soprattutto credito commerciale alle imprese, mentre sono indulgenti verso quelle che fanno soprattutto finanza, più o meno creativa (come Deutsche Bank).

“Sono scelte che pesano come macigni e finiscono per ostacolare i finanziamenti all’economia reale”, commenta Ignazio Rocco di Torrepadula, senior advisor di Tikehau investment management, fondo paneuropeo specializzato in mercati del credito.

La Germania, indebolita dagli scandali, riuscirà a mantenere piena copertura alle sue banche oppure il destino dei parametri europei di valutazione delle banche è, prima o poi, di essere cambiati eliminando distorsioni inaccettabili?

Sul fronte Volkswagen, invece, il problema non è soltanto la supermulta per avere truccato le emissioni dei motori diesel ma l’ampliamento delle irregolarità alle auto a benzina e, in particolare, le class action che possono scattare in diversi Paesi, a partire dagli Stati Uniti, cioè le azioni legali collettive per ottenere il risarcimento dei danni. Una catena di guai che finirebbe per mettere in ginocchio il colosso tedesco, portandolo sulla soglia del fallimento.

Ecco perché potrebbe risultare indispensabile l’intervento di capitale pubblico a sostegno dell’azionista di maggioranza privato. Attualmente la Porsche automobil holding controlla poco più del 50% del capitale, affiancata da due soci di peso: il Land della Bassa Sassonia (socio pubblico, con una partecipazione del 20%) e la Qatar holding (17%).

Con quale credibilità, nel caso d’intervento pubblico massiccio, la Germania potrebbe continuare a tenere i fucili puntati contro gli aiuti di Stato a favore di grandi aziende in altri Paesi?

Va ricordato, per esempio, che proprio i tedeschi sono dietro alle imposizioni europee con cui negli anni Novanta è stato imposto al governo italiano lo smantellamento dell’Iri e, più recentemente, all’alzata di scudi preventiva contro l’intervento pubblico a sostegno dell’Ilva, leader nell’acciaio e concorrente di ThyssenKrupp (che ha il quartier generale a Essen, nella Renania settentrionale-Vestfalia) e dell’ArcelorMittal (a capitale misto francese e indiano).

Il vento, però, sta cambiando direzione. Tanto da mettere in discussione la leadership, fino a poco tempo fa incontrastata, del premier Angela Merkel. Chi l’avrebbe mai detto?

(di Fabio Tamburini/ANSA)

Ultima ora

17:47Calcio: Zidane, non posso immaginare Real senza Ronaldo

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Non posso immaginare un Real Madrid senza Cristiano": all'indomani delle indiscrezioni della stampa che ventilano una possibile uscita del 5 volte Pallone d'Oro, il tecnico merengue getta acqua sul fuoco: "E' nella squadra in cui deve stare - ha detto Zizou nella conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa del Re contro il Leganes - Il club, i tifosi, tutti lo amano e, ripeto, non vedo un Real senza di lui. Quello che mi interessa è la parte sportiva. Siamo in un momento difficile, ma lui è lì. Cristiano deve pensare a giocare, come ha sempre fatto. Non voglio parlare del contratto o di altre cose. Di questo deve parlarne col club. Quello che mi interessa è quello che fa sul campo. Il resto lo gestisce lui e io non mi intrometto", ha aggiunto.

17:43M5S: parlamentarie, si punta a prima lista già giovedì sera

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Una prima lista provvisoria di vincitori da diffondere giovedì sera: è questo l'obiettivo al quale puntano, secondo diverse fonti parlamentari, i vertici del M5S. Le votazioni online potrebbero essere prorogate anche domani dalle 10 alle 14 visti i rallentamenti registrati sul sistema Rousseau ma, nonostante questo, il Movimento starebbe puntando ad annunciare una prima lista di vincitori prima della kermesse prevista a Pescara (rpt, Pescara) venerdì, sabato e domenica, kermesse dedicata proprio all'illustrazione del programma M5S agli attivisti e a chi siederà in Parlamento. Difficile, quindi, che la lista dei candidati sia diffusa durante l'evento pescarese con il rischio che diversi partecipanti si ritroverebbero esclusi "in diretta". Sulla lista provvisoria, comunque, i vertici faranno un'ulteriore verifica, in particolare sui certificati penali e sulle indagini a carico. In alcuni casi, infatti, i candidati non hanno fatto in tempo a inviare le certificazioni giudiziarie richieste.

17:40M5S: escluso da parlamentarie il vignettista ‘Marione’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - C'è anche il vignettista Marione tra gli autocandidati al M5s che non hanno passato il vaglio delle selezioni. Lo annuncia lui stesso su Twitter dove posta la sua "comunicazione importante". "Non risulto tra i candidati. Per cui non potrete votarmi. Grazie a tutti coloro che mi stanno scrivendo, mi dispiace", scrive il disegnatore che si era candidato avvertendo: "Domani sceglieremo i nostri candidati portavoce in Parlamento. Ancora non so se sarò tra questi. Qualora fosse, e qualcuno volesse votarmi, vi avviso subito: non sarò 'moderato', non sarò 'diplomatico', non smetterò di essere 'intransigente' contro chi ha distrutto il Paese".

17:34Camera: Boldrini, per me ultima seduta, sono emozionata

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Questa è l'ultima seduta che presiedo, c'è un po' di emozione. Si chiude una parentesi". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini ad alcuni giornalisti primi dell'inizio della seduta della Camera dedicata alle missioni all'estero. La presidente ha incontrato il gruppetto dei giornalisti, che stavano conversando con Pino Pisicchio, capogruppo del Misto, e si è fermata per salutare e per fare gli auguri di buon anno e poi, sorridendo, ha osservato che di lì a poco sarebbe iniziata per lei "l'ultima seduta".

17:27M5S: parlamentarie, su blog ancora proteste, verso ricorsi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ancora proteste sul blog di Beppe Grillo per i rallentamenti che si registrano sulla piattaforma Rousseau in questo secondo giorno di votazioni. "Votare su Rousseau è roba da fanta-horror", scrive un utente di Palermo laddove Vincenzo chiede: "E' normale che ci siano tutte queste difficoltà per votare? Si può ipotizzare interventi esterni tendenti a incasinare il blog?". In diversi chiedono l'intervento dei vertici mentre alcuni utenti, più benevoli, invitano alla calma: "Ci vuole solo un po' di pazienza che è la virtù dei forti", scrive Adelaide. Intanto gli esclusi dalle parlamentarie sembrano attrezzarsi per una pioggia di ricorsi. "Mi hanno chiamato in una trentina tra ieri e oggi ma ho declinato l'incarico perché lo ritengo contrario ai principi che mi stanno portando a difendere gli iscritti alla prima associazione del M5S", spiega l'avvocato Lorenzo Borré osservando: "chi si è candidato ha infatti accettato si aderire alla terza associazione contro la quale ci stiamo battendo".

17:10Sculacciata in ufficio, per giudice non è reato

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Una sculacciata data in ufficio, seppur davanti agli altri colleghi, ma con "spirito goliardico", e senza morbosità, non sconfina nella violazione penale. Questa è la decisione assunta dal gip del Tribunale di Vicenza che ha archiviato un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre distinte occasioni, aveva ricevuto dal 38enne, suo diretto responsabile, delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma il reato, nel frattempo depenalizzato, è perseguibile solo nel civile. La Procura aveva raccolto le testimonianze dei colleghi della vittima, che avrebbero 'derubricato' a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un po' a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice.

16:55Diciottenne ucciso: tutta Crotone a dargli l’ultimo saluto

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Migliaia di persone, praticamente tutta la città, hanno voluto dare il loro commosso ultimo saluto a Giuseppe Parretta, il 18enne ucciso sabato scorso a Crotone. Una partecipazione tanto imponente da non poter essere contenuta nella basilica cattedrale dove si sono svolti i funerali. E così la piazza antistante e quelle limitrofe si sono riempite di uomini, donne, ragazzi raccolti nel dolore, conseguenza di un evento vissuto come un lutto collettivo, ma anche accomunati da un sentimento di solidarietà e vicinanza alla famiglia della vittima. "Mio figlio - ha detto la mamma Katia Villirillo - era un piccolo grande uomo". Le esequie sono state officiate dal rettore don Serafino Parisi e concelebrate da tutti i parroci della città con la bara bianca poggiata ai piedi dell'altare. Don Serafino ha detto che si "sta manifestando una pacifica rivolta morale, un malessere che ha un duplice significato: la vicinanza della comunità ai familiari ed il rifiuto e il disgusto per quello che è accaduto". (ANSA).

Archivio Ultima ora