Da Deutsche Bank a Vw, l’anno orribile di Berlino

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

azioni-deutsche-bank

ROMA. – Prima domanda: riuscirà Volkswagen a superare la crisi drammatica che sta attraversando senza chiamare in aiuto il capitale pubblico? Seconda: il crollo di credibilità della Germania permetterà di mantenere regole europee sulle verifiche dei bilanci bancari che proteggono Deutsche Bank e le permettono di superare i controlli nonostante bilanci pessimi? Terza: è accettabile che le Landesbanken, cioè le banche regionali, vengano tenute fuori dal raggio d’azione della vigilanza bancaria europea?

Finora la forza della grande Germania ha permesso di aggirare gli ostacoli ma il 2015 verrà ricordato come l’anno terribile dei tedeschi, quello che ha minato un patrimonio di fiducia ricostruito a partire dal dopoguerra. Così la legge del più forte, quella che finora ha funzionato permettendo di avere l’Unione europea al loro servizio, potrebbe non funzionare più.

C’è un proverbio, del resto, che dice: ‘il troppo stroppia’, per sottolineare come ogni eccesso finisce per trasformarsi in boomerang. Il rischio per la Germania non è trascurabile anche perché, a ben guardare, i guai tedeschi nascono oltre Oceano, negli Stati Uniti.

Naturalmente sarebbe arbitrario stabilire con certezza un nesso causa-effetto, ma certo l’accusa di avere aggirato i test antinquinamento delle auto diesel è arrivata dall’americana Environmental protection agency (e ha avuto l’effetto di bloccare piani importanti di aumento delle quote di mercato negli Stati Uniti).

Ugualmente buona parte dei guai di Deutsche Bank, che hanno costretto all’uscita di scena i due amministratori delegati, l’indiano Anshu Jain e il tedesco Juergen Fitschen, nasce da due maxi multe, in particolare per manipolazioni dei tassi interbancari, decise dalle autorità statunitensi e del Regno Unito.

Di sicuro, per la Germania, i fronti aperti sono da far tremare i polsi. Basta considerare che Deutsche Bank ha chiuso il terzo trimestre 2015 in profondo rosso, con perdite intorno a 6,2 miliardi di euro. Tanto da annunciare l’uscita da una decina di paesi, tagli massicci del personale, la sospensione del dividendo.

In più, da tempo, il colosso bancario tedesco è sotto osservazione da parte delle autorità di vigilanza per il possibile occultamento di perdite per miliardi di dollari su derivati, su cui ha indagato anche la Sec (Securities and exchange commission, l’organo di controllo dei mercati Usa). In queste condizioni è quanto meno curioso che la banca abbia superato senza problemi le verifiche sulla qualità dei bilanci e gli stress test europei.

La verità è che, almeno finora, rapporti di forza schiaccianti hanno messo la Germania al riparo da sorprese e in Europa i parametri stabiliti penalizzano pesantemente le banche che, come quelle italiane, fanno soprattutto credito commerciale alle imprese, mentre sono indulgenti verso quelle che fanno soprattutto finanza, più o meno creativa (come Deutsche Bank).

“Sono scelte che pesano come macigni e finiscono per ostacolare i finanziamenti all’economia reale”, commenta Ignazio Rocco di Torrepadula, senior advisor di Tikehau investment management, fondo paneuropeo specializzato in mercati del credito.

La Germania, indebolita dagli scandali, riuscirà a mantenere piena copertura alle sue banche oppure il destino dei parametri europei di valutazione delle banche è, prima o poi, di essere cambiati eliminando distorsioni inaccettabili?

Sul fronte Volkswagen, invece, il problema non è soltanto la supermulta per avere truccato le emissioni dei motori diesel ma l’ampliamento delle irregolarità alle auto a benzina e, in particolare, le class action che possono scattare in diversi Paesi, a partire dagli Stati Uniti, cioè le azioni legali collettive per ottenere il risarcimento dei danni. Una catena di guai che finirebbe per mettere in ginocchio il colosso tedesco, portandolo sulla soglia del fallimento.

Ecco perché potrebbe risultare indispensabile l’intervento di capitale pubblico a sostegno dell’azionista di maggioranza privato. Attualmente la Porsche automobil holding controlla poco più del 50% del capitale, affiancata da due soci di peso: il Land della Bassa Sassonia (socio pubblico, con una partecipazione del 20%) e la Qatar holding (17%).

Con quale credibilità, nel caso d’intervento pubblico massiccio, la Germania potrebbe continuare a tenere i fucili puntati contro gli aiuti di Stato a favore di grandi aziende in altri Paesi?

Va ricordato, per esempio, che proprio i tedeschi sono dietro alle imposizioni europee con cui negli anni Novanta è stato imposto al governo italiano lo smantellamento dell’Iri e, più recentemente, all’alzata di scudi preventiva contro l’intervento pubblico a sostegno dell’Ilva, leader nell’acciaio e concorrente di ThyssenKrupp (che ha il quartier generale a Essen, nella Renania settentrionale-Vestfalia) e dell’ArcelorMittal (a capitale misto francese e indiano).

Il vento, però, sta cambiando direzione. Tanto da mettere in discussione la leadership, fino a poco tempo fa incontrastata, del premier Angela Merkel. Chi l’avrebbe mai detto?

(di Fabio Tamburini/ANSA)

Ultima ora

18:27Corea Nord: Kim zoppica in tv, ipotesi problemi di obesità

(ANSA) - PECHINO, 18 GEN - Il leader nordcoreano Kim Jong-un è apparso claudicante nel documentario trasmesso dalla tv di Stato Kctv e relativo alle ispezioni sul campo fatte lo scorso mese, tra cui una fabbrica di scarpe, rilanciando l'ipotesi di nuovi problemi alla caviglia a causa del sovrappeso. Nelle immagini Kim appare zoppicare sulla gamba sinistra, in forma ancora più evidente mentre sale su una rampa di scale. L'ultimo episodio simile risale a luglio 2014 durante la cerimonia del ventennale della morte del nonno, il "presidente eterno" e fondatore dello Stato, Kim Il-sung. Il leader sparì dagli eventi pubblici per diverse settimane e fece immaginare scenari come una grave malattia e un colpo di Stato, ricomparendo il 14 ottobre con un bastone. L'intelligence di Seul appurò che Kim fu operato da un chirurgo europeo per la rimozione di una ciste formatasi alla caviglia che si sarebbe potuta riformare per l'obesità. Per il ministro sudcoreano dell'Unificazione è troppo presto per parlare di problemi di salute.

18:26Maltempo: Sardegna,allerta per neve e ghiaccio anche domani

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - La Protezione civile regionale ha esteso l'avviso di condizioni meteorologiche avverse dalla serata di oggi e fino alla mattinata di domani, con nevicate sopra i 400-500 metri sulla Sardegna orientale e centrale. Successivamente la quota neve si innalzerà progressivamente. Si segnalano ancora venti di burrasca sulla parte nord-orientale dell'Isola e mareggiate sulle coste settentrionali, con gelate nelle ore più fredde. Diramata, inoltre, una allerta di criticità ordinaria per rischio idraulico sulle zone del Flumendosa-Flumineddu e della Gallura.

18:16Moro: parti offese, interroghiamo noi ex Br omertosi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Morucci davanti la Commissione Moro è stato arrogante e omertoso. Chiederò a tutti i brigatisti di rendere interrogatorio promosso da indagini difensive della persona offesa". Lo annuncia l'avvocato Valter Biscotti, che rappresenta i familiari dei caduti in via Fani dopo la "sconcertante" audizione di ieri sera a San Macuto dell'ex "postino" delle Br. La difesa delle persone offese a questo punto intende intraprendere un'azione clamorosa:"chiederò come difensore della persona offesa di sentire in indagini difensive tutti i brigatisti del commando". "Se si rifiuteranno chiederò al PM di poterli interrogare. E li vorrò discutere se sia legittimo il loro ulteriore diniego di rispondere visto che oggi (esauriti i loro processi) sono solo persone informate sui fatti".

18:10Speleologia:Lombardia, scoperta nuova grotta sotto Grigna

(ANSA) - LECCO, 18 GEN - Importante scoperta in Lombardia degli speleologi del gruppo "InGrigna". Sono riusciti a scendere oltre nella grotta "W le donne" - nelle viscere della Grigna Settentrionale, una delle principali montagne della provincia di Lecco - e hanno scoperto una nuova galleria che hanno battezzato "L'autostrada del sole", alla profondità di meno 1150 metri, esplorando 400 nuovi metri di cavità. Il progetto nato un paio d'anni fa, consisteva nello svuotare un sifone con una pompa a manovella per avere la possibilità di andare oltre, un modus operandi del tutto particolare. Ci sono volute sette ore di pompaggio. Il gruppo è partito dal rifugio Bogani. La grotta "Viva le donne" è la seconda più profonda d'Italia, ha l'ingresso a quota 2170 metri e scende fino al "Ramo del cobra".(ANSA).

18:05Ragazza di 16 anni si taglia polso a scuola, non è grave

(ANSA) - LECCE, 18 GEN - Una ragazzina di 16 anni, studentessa di un liceo a Lecce, ha tentato di tagliarsi le vene del polso nel bagno della scuola. E' accaduto alla terza ora poco prima del compito in classe di Fisica in programma nella classe della ragazzina. E' stato il perdurare dell'assenza che ha allarmato il docente il quale ha chiesto ad una compagna di classe della 16enne di andare nella toilette dell'istituto per vedere cosa stesse accadendo. La 16enne era in bagno ancora lucida con la musica del cellulare diffusa ad alto volume. Per terra c'era sangue e la ragazzina aveva un taglio ad un polso. In ospedale dove la 16enne è stata condotta, i sanitari le hanno diagnosticato una lesione superficiale auto inferta sembrerebbe durante un attacco di ansia di cui sembra che la giovane soffra a causa di un lieve stato depressivo. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri mentre la dirigente scolastica ha provveduto ad informare il Provveditore e il Tribunale dei Minorenni.

17:49Crolla tensostruttura adibita ad asilo nel maceratese

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - ''La neve, forse le scosse di oggi, hanno fatto crollare la tensostruttura provvisoria adibita ad asilo, e che per fortuna era deserta''. Lo dice il sindaco di Pieve Torina Alessandro Gentilucci, che è furioso per la carenza di aiuti ricevuti in questi giorni con l'emergenza neve: ''servono più Stato e meno burocrazia, altrimenti non so come andremo a finire qui. Ho 35 persone isolate nelle frazioni e non posso raggiungerle''. Secondo il sindaco anche altre tensostrutture si sono abbassate.

17:49Maltempo: Spagna nella neve, anche in spiaggia

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - L'ondata di freddo siberiano colpisce anche la Spagna, dove neve e gelo da ieri occupano buona parte del paese. Le temperature sono scese fino a -21 gradi nei Pirenei, e la neve è scesa anche sulle spiagge della costa mediterranea vicino a Valencia e Alicante e nelle Baleari. Tutte le regioni del paese a parte le Canarie sono state poste oggi in allerta arancione dall'Agenzia metereologica Aemet per vento, neve e freddo intenso. A Dau, nei Pirenei della Catalogna settentrionale, vicino alla frontiera francese, il termometro è sceso questa mattina a -21,6 gradi.

Archivio Ultima ora