Istat: in Italia ci si sposa meno e si convive di più

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

matrimoni

ROMA. – In Italia ci si sposa sempre meno, sempre più tardi e sempre più spesso davanti al sindaco che non in chiesa, e per contro si sceglie sempre più la convivenza, forma di unione più ‘leggera’ e disimpegnata.

Un fenomeno che riguarda soprattutto i più giovani, italiani, ma il calo dei matrimoni tocca anche gli stranieri e i connazionali che scelgono un partner di un’altra nazionalità. E’ quanto si evince dal report dell’Istat su matrimoni, separazioni e divorzi relativo al 2014.

CALANO PRIME NOZZE TRA ITALIANI – Negli ultimi anni si è accelerata la tendenza alla diminuzione della nuzialità, attribuibile soprattutto alla contrazione del numero dei primi matrimoni, che nel 2014 sono stati meno di 143 mila, 40 mila in meno in 5 anni. Ciò avviene, secondo l’Istat, anche perché i giovani sono sempre meno numerosi per effetto della prolungata diminuzione delle nascite in Italia.

Cala anche il numero complessivo delle unioni: nel 2014 sono stati celebrati quasi 190 mila matrimoni, 4.300 in meno rispetto all’anno precedente. Nel complesso, dal 2008 al 2014 i matrimoni sono diminuiti di circa 57.000 unità.

BOOM DELLE CONVIVENZE – Le unioni di fatto – che possono preludere a un matrimonio o restare tali nel tempo – sono più che raddoppiate dal 2008, superando il milione nel 2013-2014. In particolare, le convivenze more uxorio tra partner celibi e nubili sono cresciute quasi 10 volte rispetto al 1993-1994. A conferma del fatto che questo tipo di unione è sempre più diffusa, il fatto che oltre un nato su quattro nel 2014 ha genitori non coniugati.

PIU’ MATURI AL PRIMO SI’ – Attualmente gli sposi al primo matrimonio hanno in media 34 anni e le spose 31 (entrambi un anno in più rispetto al 2008). A spostare in avanti la data delle nozze è soprattutto la sempre più prolungata permanenza dei giovani in famiglia: il 78,6% dei maschi 18-30enni e il 68,4% delle loro coetanee. Le seconde nozze, o successive, sono 30.638 nel 2014. Anche se in lieve flessione, prosegue l’aumento della loro incidenza sul totale dei matrimoni,dal 13,8% del 2008 al 16,1% del 2014.

AL CENTRO E NORD RITO CIVILE BATTE QUELLO RELIGIOSO – Il 43% dei matrimoni è celebrato in Comune; al Nord (55%) e al Centro (51%) i matrimoni civili superano quelli religiosi. Nel caso di coppie miste o di entrambi i partner stranieri, quasi 9 matrimoni su 10 sono celebrati con rito civile, ma questa scelta si va affermando anche nel caso dei primi matrimoni di coppie italiane (dal 20% nel 2008 al 28,1% nel 2014).

IN FLESSIONE MATRIMONI MISTI E TRA STRANIERI – Le unioni in cui almeno uno dei due sposi è straniero sono circa 24 mila, in calo di 1.850 unità sul 2013. La diminuzione si deve sopratutto alle nozze tra stranieri. Tra i matrimoni misti, la tipologia prevalente è quella in cui è la sposa a essere straniera, e una sposa straniera su due è cittadina di un paese dell’Est Europa.

LA COPPIA ‘SCOPPIA’ DOPO 16 ANNI – L’instabilità coniugale si è assestata: nel 2014 le separazioni sono state 89.303 e i divorzi 52.335, le prime in leggero aumento e i secondi in lieve calo rispetto all’anno precedente. In media ci si separa dopo 16 anni di matrimonio, ma i matrimoni più recenti durano sempre meno. Le unioni interrotte da una separazione dopo 10 anni sono quasi raddoppiate, passando dal 4,5% dei matrimoni celebrati nel 1985 all’11% per le nozze del 2005.

L’età media alla separazione è di 47 anni per i mariti e 44 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 48 e 45 anni. Aumentano le separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne. Il 76,2% delle separazioni e il 65,4% dei divorzi hanno riguardato coppie con figli; nell’89,4% delle separazioni di coppie con figli i genitori hanno scelto l’affido condiviso.

Ultima ora

11:39Noemi: spunta un video, Lucio solo sul luogo del delitto

(ANSA) - LECCE, 26 SET - Spunta un video che confermerebbe che Lucio, il 17enne reo confesso dell'omicidio della fidanzata Noemi Durini, avrebbe agito da solo la notte del delitto. A fornirlo la telecamera di sicurezza di una villa che si affaccia lungo via Enea, il proseguimento della provinciale che da Castrignano del Capo conduce a Santa Maria Leuca, che si affaccia proprio sull'ingresso dell'uliveto dove é stato trovato il cadavere della sedicenne di Specchia il 13 settembre, dieci giorni dopo la scomparsa e il delitto. L'apparecchio riprende poco prima dell'alba del 3 settembre la Fiat 500 con a bordo verosimilmente i due fidanzati, arrivare sul posto e poi, dopo un po', andare via. Da quel terreno quella notte sarà l'unica auto ad entrare ed uscire. L'utilitaria guidata da Lucio viene ripresa la notte del delitto da tutte le telecamere posizionate lungo il tragitto percorso, fino al rientro a Montesardo di Alessano, dove vive Lucio, poco dopo le 7. Il diciassettenne, anche in questo caso, è da solo.

11:38Sicilia: Impastato, Lista 100 passi? Operazione strumentale

(ANSA) - PALERMO, 26 SET - "Questa iniziativa, oltre ad essere un'operazione elettorale alla ricerca di consensi, è strumentale e utilizza come un marchio pubblicitario la figura e l'immagine di Peppino e l'impegno di chi ha continuato ad operare 'con le sue idee e il suo coraggio"'. Lo afferma Giovanni Impastato, fratello di Giuseppe, l'attivista ucciso a Cinisi (Pa) da cosa nostra il 9 maggio del 1978, in una nota firmata insieme al centro di documentazione Impastato, Rete 100 passi e associazione Peppino Impastato. Il riferimento è alla lista che sostiene Claudio Fava candidato alla presidenza della Regione siciliana. Nel simbolo spicca la scritta "Cento passi per la Sicilia".

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

Archivio Ultima ora