Istat: in Italia ci si sposa meno e si convive di più

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

matrimoni

ROMA. – In Italia ci si sposa sempre meno, sempre più tardi e sempre più spesso davanti al sindaco che non in chiesa, e per contro si sceglie sempre più la convivenza, forma di unione più ‘leggera’ e disimpegnata.

Un fenomeno che riguarda soprattutto i più giovani, italiani, ma il calo dei matrimoni tocca anche gli stranieri e i connazionali che scelgono un partner di un’altra nazionalità. E’ quanto si evince dal report dell’Istat su matrimoni, separazioni e divorzi relativo al 2014.

CALANO PRIME NOZZE TRA ITALIANI – Negli ultimi anni si è accelerata la tendenza alla diminuzione della nuzialità, attribuibile soprattutto alla contrazione del numero dei primi matrimoni, che nel 2014 sono stati meno di 143 mila, 40 mila in meno in 5 anni. Ciò avviene, secondo l’Istat, anche perché i giovani sono sempre meno numerosi per effetto della prolungata diminuzione delle nascite in Italia.

Cala anche il numero complessivo delle unioni: nel 2014 sono stati celebrati quasi 190 mila matrimoni, 4.300 in meno rispetto all’anno precedente. Nel complesso, dal 2008 al 2014 i matrimoni sono diminuiti di circa 57.000 unità.

BOOM DELLE CONVIVENZE – Le unioni di fatto – che possono preludere a un matrimonio o restare tali nel tempo – sono più che raddoppiate dal 2008, superando il milione nel 2013-2014. In particolare, le convivenze more uxorio tra partner celibi e nubili sono cresciute quasi 10 volte rispetto al 1993-1994. A conferma del fatto che questo tipo di unione è sempre più diffusa, il fatto che oltre un nato su quattro nel 2014 ha genitori non coniugati.

PIU’ MATURI AL PRIMO SI’ – Attualmente gli sposi al primo matrimonio hanno in media 34 anni e le spose 31 (entrambi un anno in più rispetto al 2008). A spostare in avanti la data delle nozze è soprattutto la sempre più prolungata permanenza dei giovani in famiglia: il 78,6% dei maschi 18-30enni e il 68,4% delle loro coetanee. Le seconde nozze, o successive, sono 30.638 nel 2014. Anche se in lieve flessione, prosegue l’aumento della loro incidenza sul totale dei matrimoni,dal 13,8% del 2008 al 16,1% del 2014.

AL CENTRO E NORD RITO CIVILE BATTE QUELLO RELIGIOSO – Il 43% dei matrimoni è celebrato in Comune; al Nord (55%) e al Centro (51%) i matrimoni civili superano quelli religiosi. Nel caso di coppie miste o di entrambi i partner stranieri, quasi 9 matrimoni su 10 sono celebrati con rito civile, ma questa scelta si va affermando anche nel caso dei primi matrimoni di coppie italiane (dal 20% nel 2008 al 28,1% nel 2014).

IN FLESSIONE MATRIMONI MISTI E TRA STRANIERI – Le unioni in cui almeno uno dei due sposi è straniero sono circa 24 mila, in calo di 1.850 unità sul 2013. La diminuzione si deve sopratutto alle nozze tra stranieri. Tra i matrimoni misti, la tipologia prevalente è quella in cui è la sposa a essere straniera, e una sposa straniera su due è cittadina di un paese dell’Est Europa.

LA COPPIA ‘SCOPPIA’ DOPO 16 ANNI – L’instabilità coniugale si è assestata: nel 2014 le separazioni sono state 89.303 e i divorzi 52.335, le prime in leggero aumento e i secondi in lieve calo rispetto all’anno precedente. In media ci si separa dopo 16 anni di matrimonio, ma i matrimoni più recenti durano sempre meno. Le unioni interrotte da una separazione dopo 10 anni sono quasi raddoppiate, passando dal 4,5% dei matrimoni celebrati nel 1985 all’11% per le nozze del 2005.

L’età media alla separazione è di 47 anni per i mariti e 44 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge, rispettivamente, 48 e 45 anni. Aumentano le separazioni con almeno uno sposo ultrasessantenne. Il 76,2% delle separazioni e il 65,4% dei divorzi hanno riguardato coppie con figli; nell’89,4% delle separazioni di coppie con figli i genitori hanno scelto l’affido condiviso.

Ultima ora

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

21:28Cile al voto, incerto ballottaggio ex presidente-ex cronista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un ricco imprenditore conservatore e liberista ex presidente contro un ex giornalista progressista in Cile si contendono fino all'ultimo voto in un ballottaggio presidenziale che deciderà una continuità di centro-sinistra o una svolta a destra, in quelle che vengono considerate le elezioni più incerte della storia cilena. Il miliardario è il 68enne Sebastian Pinera, grande manager laureato a Harvard e già presidente della Repubblica dal 2010 al 2014, con un basso tasso di popolarità ma sotto il quale l'economia cilena ha conosciuto una crescita del 5%. E che nel primo turno, tenutosi a novembre, è arrivato primo con il 36,6%. L'ex giornalista televisivo è Alejandro Guillier, 64 anni, che ha riscosso l'endorsement della presidente di centro-sinistra uscente, Michelle Bachelet, i cui mandati presidenziali hanno preceduto e seguito quello di Pinera. Al primo turno ha preso il 22,7%, ma nei sondaggi delle ultime settimane è risalito, e ora si trova spalla a spalla con l'avversario.

21:23Tajani, importante che l’Austra non preveda uscita da Ue

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "E' importante che il programma di governo austriaco non preveda l'uscita dall'Ue, un 'Oexit', un referendum. Il neo cancelliere Kurz verrà a parlare con noi la prossima settimana a Bruxelles e ascolteremo il suo programma. L'importante è che si muova nella direzione del sostegno all'Europa". Così il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani al Tg3.

21:14Ultimo volo Boeing 747, tramonta era del jumbo in Usa

(ANSA) - NEW YORK, 17 DIC - Dopo quasi 50 anni va in pensione il Boeing 747. Soprannominato jumbo jet e diventato dal suo debutto un'icona del trasporto civile, il modello sara' utilizzato per l'ultima volta da una compagnia americana martedì prossimo quando la Delta Airlines effettuerà la tratta d'addio Seoul-Detroit. Poi l'aereo, che e' stato anche definito 'Queen of the Skies' (Regina dei cieli), cedera' il posto ad aerei piu' a basso consumo nel trasporto civile. Il 747 resterà nelle flotte di Lufthansa, British Airways e Korean Air Lines. E, cosi' come avviene dal 1990, continuerà a trasportare i presidenti americani nelle vesti dell''Air Force One'. Il 747, a quattro motori, entrò in servizio il 22 gennaio 1970 sulla rotta Pan Am 'New York - Londra'. Fu l'inizio di un'era e mise le ali al trasporto civile facilitando l'accesso alle rotte transoceaniche. Fu soprannominato 'jumbo jet' per le sue dimensioni e per l'enorme gobba che caratterizzava il ponte superiore. Può trasportare fino a 600 passeggeri.

21:13Gerusalemme: Pence non vedrà né i palestinesi né le Chiese

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il vicepresidente Usa Mike Pence è atteso mercoledì in Israele per una visita di due giorni dove vedrà il premier Benyamin Netanyahu ed il presidente Reuven Rivlin. Pence - che giungerà in Israele a due settimane dalla dichiarazione di Trump su Gerusalemme capitale del paese - andrà quasi subito in visita al Muro del Pianto. Il luogo sacro all'ebraismo si trova nella parte della città considerata dalla comunità internazionale occupata da Israele dopo la Guerra dei 6 giorni. La Casa Bianca in una presa di posizione recente ha fatto sapere che la considera parte dello Stato ebraico in qualunque accordo di pace futuro tra israeliani e palestinesi. Il 21 Pence prenderà la parola alla Knesset e prima di partire si recherà il 22 a Yad Veshem, il museo sacrario di Gerusalemme. Per Pence non ci sarà alcun incontro né con i palestinesi - che lo considerano persona non grata dopo l'annuncio di Trump ed hanno annunciato proteste per il suo arrivo - né con le Chiese cristiane a Gerusalemme.

Archivio Ultima ora