La Francia bombarda Raqqa, diluvio di fuoco sull’Isis

Pubblicato il 15 novembre 2015 da redazione

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

ROMA.- Diluvio di fuoco su Raqqa, la ‘capitale’ dell’Isis in Siria, da dove era partito l’ordine del Califfo Abu Bakr al-Baghdadi di attaccare Parigi e dove si sono addestrati gli attentatori che hanno sconvolto l’Europa. Francois Hollande ieri aveva annunciato che la vendetta della Francia sarebbe stata “spietata”. E ha mantenuto la promessa.

Almeno trenta raid aerei hanno messo in ginocchio la città siriana nelle ultime ore. Dodici jet francesi – guidati da dati di intelligence Usa e in coordinamento con gli americani – hanno scatenato l’inferno colpendo i centri di comando, di addestramento e reclutamento dello Stato islamico assieme ad altri obiettivi “nevralgici” dei jihadisti.

La città è avvolta in una palla di fuoco, hanno testimoniato gli attivisti sul terreno, ed è saltata del tutto la corrente. Dopo le rivendicazioni dell’Isis, si è saputo che è stato al-Baghdadi in persona ad ordinare di colpire i Paesi “nemici”, creando un’unità specifica per la pianificazione degli attacchi terroristici all’estero. E Baghdad aveva avvertito della minaccia “imminente” Parigi, Teheran e Washington 24 ore prima della mattanza nella capitale francese.

Rivelazioni che fanno tremare le mura delle cancellerie occidentali, ma anche quelle russe e iraniane, finite nel mirino dei jihadisti che da mesi promettono di portare la guerra in casa degli “infedeli” che li stanno cacciando indietro in Siria e Iraq.

Secondo le informazioni dei servizi segreti iracheni rivelate all’AP, il gruppo di fuoco per colpire Parigi “era composto da 24 elementi, 19 con il compito di effettuare gli attentati, addestrati a Raqqa, e altri 5 per il coordinamento e la logistica”: in altre parole individuare i nascondigli e procurare armi ed esplosivi. Lo ‘squadrone della morte’ dell’Isis ha poi preso contatto con una “cellula dormiente” d’Oltralpe, che ha “facilitato il compimento della missione”.

Il ministro degli Esteri di Baghdad, Ibrahim al Jaafari, ha precisato che l’Iraq ha informato della minaccia imminente al più tardi giovedì scorso non solo la Francia ma anche l’Iran e gli Stati Uniti, e che il ‘warning’ “riguarda tutti i Paesi europei” della coalizione anti-Isis. “Ma non ci hanno ascoltato”, ha commentato Baghdad.

Dagli Usa funzionari di intelligence hanno confermato che al Baghdadi ha ordinato la creazione di un dipartimento dell’Isis che ha il compito specifico di colpire all’estero, “in particolare in Europa occidentale e negli Stati Uniti”.

Mentre in Gran Bretagna gli esperti anti-terrorismo hanno evidenziato il possibile legame operativo e strategico tra gli attentati di Parigi, i kamikaze che qualche giorno prima hanno fatto strage a Beirut – 41 morti nel più sanguinoso attentato della storia recente libanese – e la bomba che si ipotizza l’Isis sia riuscito a piazzare a bordo dell’aereo russo schiantatosi in Sinai due settimane fa.

Fonti dell’intelligence francese si sono difese affermando che “minacce di attentati imminenti arrivano ogni giorno”. L’ultima, più clamorosa, a metà settembre, quando il premier iracheno Abadi aveva paventato un attentato imminente nelle metro di Parigi e New York. In quel caso era sembrato un falso allarme, ma quello di giovedì scorso ha spezzato le vite di almeno 129 persone, in gran parte ragazzi e ragazze.

Gli 007 francesi ora rischiano di finire davvero nella bufera. Dovranno chiarire, loro e tutte le intelligence europee, come lo ‘squadrone della morte’ jihadista sia riuscito a penetrare nelle maglie della sicurezza europea.

Degli 8 terroristi entrati in azione a Parigi – il numero è stato fornito dall’Isis stesso nella sua rivendicazione del massacro – almeno quattro sono presunti ‘foreign fighter’. Tre francesi e un belga. Potrebbero essersi mescolati al fiume di centinaia di migliaia di migranti in fuga dalla guerra siriana.

Anche se questa rischia di essere una falsa pista, creata ad arte dal Califfo per minare la politica europea di accoglienza dei rifugiati già al centro di un furioso scontro tra e all’interno dei Paesi Ue.

Clamorose le scivolate di queste ore sul caso del “passaporto egiziano trovato accanto a un kamikaze dello Stade de France”. Il documento appartiene infatti ad un ragazzo originario di Alessandria d’Egitto che ha la sola colpa di avere la passione per il calcio. “Non è un kamikaze, ma un ferito”, anche gravemente, ha tuonato l’ambasciata egiziana in Francia.

C’è poi il “passaporto siriano”, con i dati personali di un certo Ahmad Almohammad. Il passaporto non è stato rilasciato da Damasco, spiegano gli 007 Usa. Forse acquistato in Turchia. Ahmad sbarca in Grecia il 3 ottobre a Lero, ma è costretto a riprendere un barcone per arrivare a Kalymnos (diverse miglia più a sud), perché il traghetto della Blue Star Ferries non parte per il Pireo in quei giorni.

Infine Atene (il 6 ottobre), la Serbia (il 7) e il giorno dopo la Croazia. Poi è scomparso. E’ uno dei terroristi di Parigi o un’ignara pedina della guerra militare e politica di Baghdadi contro i suoi “nemici”?

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

00:28Tennis: Atp Miami, Federer stende Del Potro in due set

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Roger Federer, numero 6 del mondo e 4 del tabellone, ha sconfitto per 6-3, 6-4, in un'ora e 22 minuti di gioco, l'argentino Juan Martin Del Potro, numero 34 e 29esima testa di serie, nel terzo turno del Miami Open, Atp Masters 1000 in corso sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida. Prossimo avversario per lo svizzero sarà lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 18 Atp e 14esima testa di serie, che a sua volta ha prevalso in rimonta (3-6, 6-2, 6-3) sullo statunitense Sam Querrey, numero 27 del ranking e 22 del tabellone. Federer ha vinto tutti e cinque i precedenti confronti diretti senza cedere nemmeno un set.

00:09Calcio: Di Biagio, abbiamo tenuto testa alla Spagna

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "È stato il test che volevamo: abbiamo sempre cercato di competere con squadre di alto livello, proprio com'è la Spagna. I ragazzi hanno dato tutto. Certo, dobbiamo imparare a stringere di più gli spazi, ma bisogna comunque fare un plauso a tutto il gruppo". È il commento a caldo di Gigi Di Biagio, tecnico della Nazionale Under 21, dopo la sconfitta per 2-1, a Roma, con la Spagna, ultima amichevole prima degli Europei. "Nel primo tempo - ha aggiunto sempre intervistato da RaiSport - nonostante una buonissima mezz'ora in cui abbiamo anche avuto le occasione più nette, abbiamo subìto quell'uno-due della Spagna, e rischiato di prendere pure il terzo. Ma poi c'è stata la reazione. I 23 per l'Europeo? Ho 30-35 nomi d'altissimo livello, nelle prossime settimane vedremo. Con Ventura sono in contatto continuo".

00:08Calcio: Under 21, Italia-Spagna 1-2 in amichevole

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - La Spagna Under 21 espugna l'Olimpico, 1-2, ma i pari età dell'Italia non sfigurano in quella che è stata l'ultima amichevole prima degli Europei. E il tecnico Di Biagio può guardare con fiducia all'impegno futuro. Nella sfida di Roma, dove gli azzurrini non giocavano dall'86, gli ospiti partono bene rendendosi subito pericolosi, ma l'occasione migliore è per l'Italia con Berardi che al 9' chiama Lopez ad una grande parata. Quindi, fra il 34' e il 38', il micidiale uno-due degli spagnoli, che segnano prima con Niguez (semirovesciata dopo una respinta di Scuffet) e poi con Mayoral (che, tutto solo, insacca di testa su involontaria torre di Chiesa). Nella ripresa, un legno per parte: traversa di Benassi al 2' e palo di Asensio al 13'. Quindi, Di Biagio inserisce forze fresche e la pressione azzurra è premiata dal colpo di testa di Pellegrini che accorcia le distanze al 27'. La gara si fa un po' meno amichevole, l'Italia ci crede, ma di vere occasioni da gol non ne arrivano più. Resta la bella reazione.

23:20Basket: serie A, Reggio Emilia-Brescia 103-70

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 27 MAR - Contro una Germani Basket fortemente rimaneggiata (assenti Vitali e Moss, Moore in panchina solo per onor di firma) la Grissin Bon Reggio Emilia vince 103-70 nel posticipo della 9/a giornata di ritorno del campionato di serie A di basket e mette in cascina due preziosissimi punti in chiave playoff. Prosegue invece il momento "down" dei lombardi, afflitti dagli infortuni.

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

Archivio Ultima ora