La Francia bombarda Raqqa, diluvio di fuoco sull’Isis

Pubblicato il 15 novembre 2015 da redazione

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

ROMA.- Diluvio di fuoco su Raqqa, la ‘capitale’ dell’Isis in Siria, da dove era partito l’ordine del Califfo Abu Bakr al-Baghdadi di attaccare Parigi e dove si sono addestrati gli attentatori che hanno sconvolto l’Europa. Francois Hollande ieri aveva annunciato che la vendetta della Francia sarebbe stata “spietata”. E ha mantenuto la promessa.

Almeno trenta raid aerei hanno messo in ginocchio la città siriana nelle ultime ore. Dodici jet francesi – guidati da dati di intelligence Usa e in coordinamento con gli americani – hanno scatenato l’inferno colpendo i centri di comando, di addestramento e reclutamento dello Stato islamico assieme ad altri obiettivi “nevralgici” dei jihadisti.

La città è avvolta in una palla di fuoco, hanno testimoniato gli attivisti sul terreno, ed è saltata del tutto la corrente. Dopo le rivendicazioni dell’Isis, si è saputo che è stato al-Baghdadi in persona ad ordinare di colpire i Paesi “nemici”, creando un’unità specifica per la pianificazione degli attacchi terroristici all’estero. E Baghdad aveva avvertito della minaccia “imminente” Parigi, Teheran e Washington 24 ore prima della mattanza nella capitale francese.

Rivelazioni che fanno tremare le mura delle cancellerie occidentali, ma anche quelle russe e iraniane, finite nel mirino dei jihadisti che da mesi promettono di portare la guerra in casa degli “infedeli” che li stanno cacciando indietro in Siria e Iraq.

Secondo le informazioni dei servizi segreti iracheni rivelate all’AP, il gruppo di fuoco per colpire Parigi “era composto da 24 elementi, 19 con il compito di effettuare gli attentati, addestrati a Raqqa, e altri 5 per il coordinamento e la logistica”: in altre parole individuare i nascondigli e procurare armi ed esplosivi. Lo ‘squadrone della morte’ dell’Isis ha poi preso contatto con una “cellula dormiente” d’Oltralpe, che ha “facilitato il compimento della missione”.

Il ministro degli Esteri di Baghdad, Ibrahim al Jaafari, ha precisato che l’Iraq ha informato della minaccia imminente al più tardi giovedì scorso non solo la Francia ma anche l’Iran e gli Stati Uniti, e che il ‘warning’ “riguarda tutti i Paesi europei” della coalizione anti-Isis. “Ma non ci hanno ascoltato”, ha commentato Baghdad.

Dagli Usa funzionari di intelligence hanno confermato che al Baghdadi ha ordinato la creazione di un dipartimento dell’Isis che ha il compito specifico di colpire all’estero, “in particolare in Europa occidentale e negli Stati Uniti”.

Mentre in Gran Bretagna gli esperti anti-terrorismo hanno evidenziato il possibile legame operativo e strategico tra gli attentati di Parigi, i kamikaze che qualche giorno prima hanno fatto strage a Beirut – 41 morti nel più sanguinoso attentato della storia recente libanese – e la bomba che si ipotizza l’Isis sia riuscito a piazzare a bordo dell’aereo russo schiantatosi in Sinai due settimane fa.

Fonti dell’intelligence francese si sono difese affermando che “minacce di attentati imminenti arrivano ogni giorno”. L’ultima, più clamorosa, a metà settembre, quando il premier iracheno Abadi aveva paventato un attentato imminente nelle metro di Parigi e New York. In quel caso era sembrato un falso allarme, ma quello di giovedì scorso ha spezzato le vite di almeno 129 persone, in gran parte ragazzi e ragazze.

Gli 007 francesi ora rischiano di finire davvero nella bufera. Dovranno chiarire, loro e tutte le intelligence europee, come lo ‘squadrone della morte’ jihadista sia riuscito a penetrare nelle maglie della sicurezza europea.

Degli 8 terroristi entrati in azione a Parigi – il numero è stato fornito dall’Isis stesso nella sua rivendicazione del massacro – almeno quattro sono presunti ‘foreign fighter’. Tre francesi e un belga. Potrebbero essersi mescolati al fiume di centinaia di migliaia di migranti in fuga dalla guerra siriana.

Anche se questa rischia di essere una falsa pista, creata ad arte dal Califfo per minare la politica europea di accoglienza dei rifugiati già al centro di un furioso scontro tra e all’interno dei Paesi Ue.

Clamorose le scivolate di queste ore sul caso del “passaporto egiziano trovato accanto a un kamikaze dello Stade de France”. Il documento appartiene infatti ad un ragazzo originario di Alessandria d’Egitto che ha la sola colpa di avere la passione per il calcio. “Non è un kamikaze, ma un ferito”, anche gravemente, ha tuonato l’ambasciata egiziana in Francia.

C’è poi il “passaporto siriano”, con i dati personali di un certo Ahmad Almohammad. Il passaporto non è stato rilasciato da Damasco, spiegano gli 007 Usa. Forse acquistato in Turchia. Ahmad sbarca in Grecia il 3 ottobre a Lero, ma è costretto a riprendere un barcone per arrivare a Kalymnos (diverse miglia più a sud), perché il traghetto della Blue Star Ferries non parte per il Pireo in quei giorni.

Infine Atene (il 6 ottobre), la Serbia (il 7) e il giorno dopo la Croazia. Poi è scomparso. E’ uno dei terroristi di Parigi o un’ignara pedina della guerra militare e politica di Baghdadi contro i suoi “nemici”?

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

21:19Bimba marocchina muore in ospedale, segni di malnutrizione

(ANSA) - NOVARA, 23 GEN - La procura di Novara ha aperto un'inchiesta su una bambina marocchina di 5 anni morta nei giorni scorsi all'ospedale Maggiore, dove era arrivata con gravi sintomi di malnutrizione e disidratazione. Si attendono ora i risultati dell'esame autoptico per stabilire l'esatta causa della morte. Dai primi accertamenti i genitori, che avevano portato la bimba in ospedale dopo che si era sentita male mentre viaggiava in treno dalla Lombardia al Piemonte, sembrano essere sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Dopo la morte della figlia, i genitori, che dovrebbero essere residenti nella provincia di Bergamo, non hanno più fatto ritorno a Novara. Ad avviare l'indagine è stata una segnalazione dei sanitari dell'ospedale.(ANSA).

21:19Nigeria: bombardati per errore, 236 i morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 23 GEN - E' salito a 236 morti il bilancio delle vittime del bombardamento di un campo profughi compiuto per errore nel nord-est della Nigeria da un jet dell'aeronautica militare nigeriana lo scorso 17 gennaio. Lo hanno reso noto le autorità, aggiungendo che quasi tutte le vittime sono morte sul posto, a Rann, dilaniate e bruciate dalle bombe sganciate dal caccia che - secondo fonti ufficiali - credeva di attaccare un accampamento degli integralisti islamici Boko Haram. In un primo tempo era stato detto che le vittime erano più di cento, la maggior parte sfollati già sopravvissuti alla furia dei Boko Haram ma anche molti medici, infermieri e operatori umanitari di Medici senza Frontiere e della Croce Rossa internazionale.

21:15Calcio: Ranieri, per Napoli è sfida aperta con Real Madrid

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Il Napoli ha chance di superare il Real Madrid e la Juventus non deve sottovalutare il Porto. Questo il pensiero di Claudio Ranieri sulle italiane superstiti in Champions League. "Sarri sta facendo giocare bene il Napoli, è una squadra compatta mentre il Real Madrid lascia spesso qualcosa in difesa. E' una sfida aperta - ha spiegato l'allenatore del Leicester, a Milano per ricevere il 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - La Juventus? Non si può programmare di vincere la Champions, si va partita per partita, e il Porto non si può sottovalutare il Porto". Dando uno sguardo alla Serie A, Ranieri ha notato che "la Juventus sta facendo il suo solito campionato, è solida e forte come società, mentre le altre sono in fase evolutiva. Auguro a tutte - ha aggiunto l'allenatore - di raggiungere al più presto il livello della Juventus. Il gap si è molto ridotto e questo fa bene al calcio italiano".

21:15Comuni: Pizzarotti candidato, sarò a capo di lista civica

(ANSA) - PARMA, 23 GEN - Dopo l'annuncio di sabato scorso, oggi Federico Pizzarotti ha presentato ufficialmente la sua candidatura per il secondo mandato di sindaco di Parma. "Sarò a capo di un movimento veramente civico - ha sottolineato - e rispetto a cinque anni fa saremo più liberi di ascoltare i cittadini". "Possibili alleanze? Tutti sono ben accetti, ma ovviamente parlo di cittadini - ha risposto - Chi vorrà fare questo percorso con noi sarà ben accetto. Il tema dei partiti non ci ha mai appassionato. Di cappelli in questi anni ce ne hanno messi tanti, forse mi manca solo quello di Forza Italia. Noi badiamo ad altro, ai contenuti". Ma si parla di un nuovo feeling con il futuro partito di Pisapia? ''L'ho letto sui giornali ma nessuno mi ha chiamato e tantomeno ci tengo - ha sottolineato Pizzarotti - Forse ci tirano in ballo perché siamo utili a loro visto i grandi risultati che abbiamo ottenuto qui a Parma. Pensiamo solo alla città''.(ANSA).

21:15Siria: Usa smentiscono missione congiunta con Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Un portavoce della coalizione a guida Usa ha smentito quanto riferito da Mosca secondo cui aerei da guerra russi hanno compiuto per la prima volta una missione di combattimento in Siria assieme ad aerei della coalizione a guida Usa. "Sciocchezze", ha detto il portavoce americano citato dall'Associated Press.

21:14Iscritto al Pd ma è ancora magistrato, Csm processa Emiliano

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - E' iscritto al Pd, partecipa alla vita di quel partito in "forma sistematica e continuativa"; ma, comportandosi in questo modo, visto che è ancora un magistrato, ha compiuto un illecito disciplinare, perchè ha violato la norma che vieta alle toghe di fare vita attiva nelle formazioni partitiche. E' l'accusa da cui dovrà difendersi il presidente della Regione Puglia e probabile sfidante di Matteo Renzi alla guida del Pd, Michele Emiliano davanti alla Sezione disciplinare del Csm. Il processo, di cui lo stesso governatore ha parlato in una recentissima intervista, è stato fissato per il 6 febbraio prossimo. Nell'atto di incolpazione si evidenzia che Emiliano durante i mandati prima di sindaco di Bari (dal 2004 al 2014), poi di presidente della Regione Puglia (dal giugno 2015 a ad oggi) ha ricoperto contemporaneamente gli incarichi di segretario (dall'ottobre 2007 all'ottobre 2009 e poi dal 2014 ad oggi) e di presidente (dal novembre 2009 al gennaio 2014) del Pd della Puglia.

21:11Tettoia officina cade sotto il peso di due metri di neve

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO) 23 GEN - Il peso di quasi due metri di neve ha abbattuto la tettoia di un'autofficina che si affaccia sulla strada statale Salaria nel Comune di Arquata del Tronto, frazione Trisungo. La struttura, un capannone di circa trenta metri di lunghezza per cinque di larghezza, è venuta giù investendo le vetture in riparazione che erano parcheggiate proprio sotto. Per rimuoverle è stato necessario un duplice intervento dei vigili del fuoco. Prima è stata portata via la neve, successivamente si è provveduto a smontare sia i pannelli che le parti in ferro che ne costituivano la struttura portante. Per questa seconda operazione è stato necessario l'impiego di personale specializzato che ha usato tecniche speleo-alpinistiche. (ANSA).

Archivio Ultima ora