La Francia bombarda Raqqa, diluvio di fuoco sull’Isis

Pubblicato il 15 novembre 2015 da redazione

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

Indian Muslims and children hold candles and slogans against ISIS as they organize a candle light vigil for the victims of the deadly terrorist Paris attacks in Bhopal, India, 15 November 2015. EPA/SANJEEV GUPTA

ROMA.- Diluvio di fuoco su Raqqa, la ‘capitale’ dell’Isis in Siria, da dove era partito l’ordine del Califfo Abu Bakr al-Baghdadi di attaccare Parigi e dove si sono addestrati gli attentatori che hanno sconvolto l’Europa. Francois Hollande ieri aveva annunciato che la vendetta della Francia sarebbe stata “spietata”. E ha mantenuto la promessa.

Almeno trenta raid aerei hanno messo in ginocchio la città siriana nelle ultime ore. Dodici jet francesi – guidati da dati di intelligence Usa e in coordinamento con gli americani – hanno scatenato l’inferno colpendo i centri di comando, di addestramento e reclutamento dello Stato islamico assieme ad altri obiettivi “nevralgici” dei jihadisti.

La città è avvolta in una palla di fuoco, hanno testimoniato gli attivisti sul terreno, ed è saltata del tutto la corrente. Dopo le rivendicazioni dell’Isis, si è saputo che è stato al-Baghdadi in persona ad ordinare di colpire i Paesi “nemici”, creando un’unità specifica per la pianificazione degli attacchi terroristici all’estero. E Baghdad aveva avvertito della minaccia “imminente” Parigi, Teheran e Washington 24 ore prima della mattanza nella capitale francese.

Rivelazioni che fanno tremare le mura delle cancellerie occidentali, ma anche quelle russe e iraniane, finite nel mirino dei jihadisti che da mesi promettono di portare la guerra in casa degli “infedeli” che li stanno cacciando indietro in Siria e Iraq.

Secondo le informazioni dei servizi segreti iracheni rivelate all’AP, il gruppo di fuoco per colpire Parigi “era composto da 24 elementi, 19 con il compito di effettuare gli attentati, addestrati a Raqqa, e altri 5 per il coordinamento e la logistica”: in altre parole individuare i nascondigli e procurare armi ed esplosivi. Lo ‘squadrone della morte’ dell’Isis ha poi preso contatto con una “cellula dormiente” d’Oltralpe, che ha “facilitato il compimento della missione”.

Il ministro degli Esteri di Baghdad, Ibrahim al Jaafari, ha precisato che l’Iraq ha informato della minaccia imminente al più tardi giovedì scorso non solo la Francia ma anche l’Iran e gli Stati Uniti, e che il ‘warning’ “riguarda tutti i Paesi europei” della coalizione anti-Isis. “Ma non ci hanno ascoltato”, ha commentato Baghdad.

Dagli Usa funzionari di intelligence hanno confermato che al Baghdadi ha ordinato la creazione di un dipartimento dell’Isis che ha il compito specifico di colpire all’estero, “in particolare in Europa occidentale e negli Stati Uniti”.

Mentre in Gran Bretagna gli esperti anti-terrorismo hanno evidenziato il possibile legame operativo e strategico tra gli attentati di Parigi, i kamikaze che qualche giorno prima hanno fatto strage a Beirut – 41 morti nel più sanguinoso attentato della storia recente libanese – e la bomba che si ipotizza l’Isis sia riuscito a piazzare a bordo dell’aereo russo schiantatosi in Sinai due settimane fa.

Fonti dell’intelligence francese si sono difese affermando che “minacce di attentati imminenti arrivano ogni giorno”. L’ultima, più clamorosa, a metà settembre, quando il premier iracheno Abadi aveva paventato un attentato imminente nelle metro di Parigi e New York. In quel caso era sembrato un falso allarme, ma quello di giovedì scorso ha spezzato le vite di almeno 129 persone, in gran parte ragazzi e ragazze.

Gli 007 francesi ora rischiano di finire davvero nella bufera. Dovranno chiarire, loro e tutte le intelligence europee, come lo ‘squadrone della morte’ jihadista sia riuscito a penetrare nelle maglie della sicurezza europea.

Degli 8 terroristi entrati in azione a Parigi – il numero è stato fornito dall’Isis stesso nella sua rivendicazione del massacro – almeno quattro sono presunti ‘foreign fighter’. Tre francesi e un belga. Potrebbero essersi mescolati al fiume di centinaia di migliaia di migranti in fuga dalla guerra siriana.

Anche se questa rischia di essere una falsa pista, creata ad arte dal Califfo per minare la politica europea di accoglienza dei rifugiati già al centro di un furioso scontro tra e all’interno dei Paesi Ue.

Clamorose le scivolate di queste ore sul caso del “passaporto egiziano trovato accanto a un kamikaze dello Stade de France”. Il documento appartiene infatti ad un ragazzo originario di Alessandria d’Egitto che ha la sola colpa di avere la passione per il calcio. “Non è un kamikaze, ma un ferito”, anche gravemente, ha tuonato l’ambasciata egiziana in Francia.

C’è poi il “passaporto siriano”, con i dati personali di un certo Ahmad Almohammad. Il passaporto non è stato rilasciato da Damasco, spiegano gli 007 Usa. Forse acquistato in Turchia. Ahmad sbarca in Grecia il 3 ottobre a Lero, ma è costretto a riprendere un barcone per arrivare a Kalymnos (diverse miglia più a sud), perché il traghetto della Blue Star Ferries non parte per il Pireo in quei giorni.

Infine Atene (il 6 ottobre), la Serbia (il 7) e il giorno dopo la Croazia. Poi è scomparso. E’ uno dei terroristi di Parigi o un’ignara pedina della guerra militare e politica di Baghdadi contro i suoi “nemici”?

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

14:17Calcio: Udinese, per Delneri ‘vincere sarebbe un bel regalo’

(ANSA) - UDINE, 27 MAG - "Vincere domani con l'Inter sarebbe un bel regalo" per il tecnico bianconero Gigi Delneri. Non solo per chiudere bene la stagione dell'Udinese, ma anche per festeggiare le sue 400 panchine in serie A: "Sono una bella soddisfazione - ha detto - e mi inorgoglisce e spero di farne ancora. Vuol dire che abbiamo fatto qualcosa di buono, guidato tante squadre, che mi hanno insegnato tanto. Quando ho cominciato con questa carriera pensavo di non arrivarci: 'mai molà' è un altro insegnamento da trarre. E spero di farne ancora altre". "Con l'Udinese e con chi se no?", ha aggiunto a chi gli ha chiesto lumi sul suo futuro, annunciando che sarà ancora bianconero. "L'annuncio è sempre stato dato, dalla società e da me. Se due vanno d'accordo, la firma è l'ultima cosa". Quanto alla partita che chiuderà il campionato in casa dell'Inter, Delneri sarà costretto a fare i conti con una squadra decimata da squalifiche e infortuni ma comunque pronta a fare "una partita importante, su un palcoscenico importantissimo. Una partita da giocare al massimo sulla falsariga di quanto fatto con la Sampdoria e a prescindere dal risultato che farà la Samp alle 18". (ANSA).

14:05Femminicidio: Boldrini, nella società zoccolo duro misoginia

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Nella nostra società esiste uno zoccolo duro di misoginia". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo al gala di telefono azzurro. "La battaglia contro la violenza di genere deve andare avanti - ha sottolineato -. Le donne seppur fortissime e battagliere sono i soggetti che pagano il prezzo più alto".

14:04Mafia: Grasso, legalità è forza dei deboli

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "La legalità è la forza dei deboli: per difenderla, cari ragazzi, occorre un impegno comune, ogni giorno, nello studio, nel lavoro e nella vita": lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso questa mattina nel Cenacolo di Santa Croce a Firenze dove ha premiato otto classi delle scuole superiori fiorentine che hanno partecipato ad una iniziativa sulla legalità organizzata dallo Spi-Cgil del Quartiere 1. "Sarete tentati, a volte - ha detto Grasso che da ieri partecipa a Firenze alle iniziative per il 24/o anniversario della strage di via dei Georgofili - dalla tentazione di prendere una scorciatoia, di accettare un compromesso o un indebito favore: dovrete avere il coraggio di mantenere pulita la vostra coscienza, di andare avanti a testa alta e schiena dritta". "Lavoro e legalità - ha concluso il presidente del Senato - sono fondamenta irrinunciabili della vita di una nazione che aspira ad essere prospera e giusta".

14:03L. elettorale: Guerini, intesa sia ampia

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - "Intorno alla legge elettorale c'è la necessità di costruire l'intesa più ampia. Martedì c'è la direzione del partito e decideremo". Così Lorenzo Guerini (Pd) ha risposto sulla trattativa per la nuova legge elettorale a margine di una riunione del Pd lombardo al Pirellone. A chi gli chiedeva se ormai sia segnata la strada per le elezioni anticipate in autunno, il dirigente dem ha risposto: "Intanto iniziamo a fare la legge elettorale, poi è evidente che nel momento in cui la legge elettorale viene approvata tecnicamente è possibile andare al voto. Ma un pezzo alla volta, non mettiamo il carro davanti ai buoi". Quanto al dialogo Renzi-Berlusconi, Guerini ha risposto che sono "sciocchezze" le voci di un accordo in vista del dopo elezioni. "Noi - ha detto - siamo alternativi sia al grillismo sia al centrodestra. Dopodiché da soli la legge elettorale non possiamo farla. Ma quello che accadrà dopo il voto sarà un altro capitolo".

14:01Nuovi insulti su saracinesca sezione Lega Nord a Milano

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Una frase scritta con lo spray rosa è apparsa stamani sull'ingresso di una sezione della Lega Nord di Milano, in via Carcano. Ignoti hanno scritto: "Merde razziste morirete". La saracinesca della stessa sezione della Lega era stata presa di mira il 9 maggio scorso, una settimana dopo il blitz delle forze dell'ordine in Stazione Centrale. Sulla saracinesca in quel caso fu lasciata la scritta a vernice rossa "Razzisti assassini dovete morire, merde". Sui casi indaga la Digos.

14:01L. elettorale: Boldrini, dia rappresentanza e governabilità

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "È importante che ci sia un' interlocuzione tra i gruppi, cosa che mi sembra ora esserci. Io non entro nel merito della legge ma mi auguro che sia una legge a vantaggio del nostro paese e che sia in grado di soddisfare alcune esigenze. Una legge che abbia tutto dentro: rappresentanza e governabilità. Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini a margine del gala delle ambasciatrici e degli ambasciatori di telefono Rosa. Quanto ai tempi, Boldrini ha detto: "in capigruppo ci siamo presi l'impegno all'unanimità di portarla in Aula e votarla entro giugno. Spero non ci siano ripensamenti su questo, altrimenti si esautora la capigruppo".

13:57Rally: auto fuoristrada travolge pubblico, morto bimbo

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Grave incidente al rally Città di Torino. A Coassolo, all'altezza di una curva, un'auto è uscita di strada e ha travolto alcuni spettatori. Un bambino di 6 anni è morto, i genitori feriti, mentre il fratellino di tre anni è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso. Secondo una prima ricostruzione, l'auto avrebbe toccato il cordolo di cemento della strada, finendo al di là della linea di sicurezza senza che il pilota potesse fare qualcosa. Per il bambino di 6 anni i soccorsi sono stati inutili. Il rally, secondo quanto appreso, è stato subito sospeso.(ANSA).

Archivio Ultima ora