9 studenti su 10 non vogliono far vincere la paura dopo gli attentati di Parigi

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

Spectators embrace each other as they stand on the playing field of the Stade de France stadium at the end of a friendly soccer match between France and Germany in Saint Denis, outside Paris, Friday, Nov. 13, 2015. (AP Photo/Christophe Ena)

Spectators embrace each other as they stand on the playing field of the Stade de France stadium at the end of a friendly soccer match between France and Germany in Saint Denis, outside Paris, Friday, Nov. 13, 2015. (AP Photo/Christophe Ena)

ROMA. – Non vincerà la paura: nove studenti su 10 non hanno intenzione di cambiare le proprie abitudini dopo i drammatici attentati di Parigi. E’ quanto emerge da una web survey di Skuola.net che ha coinvolto circa 2200 studenti, dalle scuole medie alle superiori.

Soltanto 1 ragazzo su 10 dichiara di essere fortemente spaventato nello svolgere le proprie attività quotidiane: gli altri vanno avanti senza battere ciglio, o quasi. Oltre 1 su 3 non prova alcuna insicurezza, mentre più di 1 su 2, pur avendo qualche timore, porta avanti la propria vita senza cedere.

Ma la quotidianità tra i banchi di scuola ha risentito degli attentati in Francia? Certamente si è sentito il bisogno di confrontarsi e di parlarne: ben il 90% racconta infatti di essere stato coinvolto in riflessioni in classe sul tema. Cosa che non è successa ai tempi della strage di Charlie Hebdo, quando ben il 44% di 9mila studenti raccontava di non aver neanche sfiorato l’argomento.

Gite all’estero o a Roma sono evitate dalla scuola secondo quasi il 20% dei ragazzi intervistati e un altro 6% racconta che lascerà perdere ogni tipo di visita di istruzione. Qualcosa sembra essere cambiato negli equilibri in classe. Un teen su 5, tra quelli che hanno compagni di scuola musulmani, racconta di aver avvertito una certa tensione dopo la terribile notte di Parigi, assente in precedenza.

Se la stragrande maggioranza dice di avere buoni rapporti quotidiani a scuola con i coetanei fedeli all’Islam, circa il 9% racconta di entrare spesso in conflitto per la diversa mentalità e 1 su 10 li vede poco interessati a fare gruppo con la classe. Un altro 5% confessa che gli altri studenti tendono a emarginarli.

Al di fuori dai cancelli di scuola, buona parte dice poi di non frequentarli: o perché non si è in confidenza (38% circa) o addirittura per opposizione delle reciproche famiglie (6%). In questa situazione, i ragazzi sembrano aver bisogno di capire di più e la scuola si è impegnata per aiutarli. La quasi totalità del campione, circa il 90%, afferma, infatti, di aver parlato di quanto accaduto a Parigi soprattutto attraverso discussioni in classe con insegnanti e compagni.

Un dibattito stimolante, visto che circa il 70% aggiunge di aver cercato in autonomia ulteriori informazioni sulla cultura islamica e sulle tensioni internazionali legate al terrorismo: circa la metà di questi in maniera più attenta, il resto solo curiosando qua e là.

E se la paura non paralizza, l’effetto Parigi è addirittura quello di non voler rinunciare a feste e simboli religiosi tradizionali. La maggioranza dei teenager, il 56%, rivendica forte e chiaro il suo diritto all’identità. Solo il 15% del campione complessivo vorrebbe eliminare crocifisso o presepe dal proprio istituto. Eviterebbe poi la celebrazione scolastica delle feste religiose (Natale o Pasqua, ad esempio) il solo 3%.

Ultima ora

20:51Maltempo: Postiglione, allerta rossa in Sicilia e Calabria

(ANSA) - RIETI, 22 GEN - "Oggi sarà giornata impegnativa, temiamo, perché abbiamo un'allerta rossa per rischio idraulico-idrogeologico in zone di grandissima vulnerabilità, perché stiamo parlando di Messina, Catania e Reggio Calabria. Si tratta di zone che hanno un dissesto idrogeologico elevatissimo ed una esposizione al rischio elevata, legata al grande numero di persone che le popolano. C'e' grande attenzione ed il sistema è allertato". E' quanto ha detto il capo dell'Ufficio emergenze della Protezione Civile, Titti Postiglione, intervenendo dalla Dicomac di Rieti.

20:50Rigopiano: sopra hotel un radar vigila su valanghe

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - E' un 'radar doppler', il sistema di monitoraggio che da sabato pomeriggio alle 18 monitora i movimenti sulla montagna intorno all'hotel di Rigopiano per proteggere i soccorritori che continuano a lavorare per individuare ed estrarre i dispersi. Se una massa di neve o roccia dovesse muoversi i soccorritori sentirebbero una sirena e vedrebbero accendersi un segnale luminoso. Avrebbero circa un minuto per abbandonare le loro postazioni. Il radar è stato installato 150 metri più a monte del resort. Lo spiega il professor Nicola Casagli dell'università di Firenze, esperto di sistemi di monitoraggio e frane, centro di competenza della Protezione civile per il monitoraggio della Concordia e in altre decine di crisi in Italia, tra cui, recentemente, il crollo della strada in lungarno Torrigiani, a Firenze. "Nel momento in cui il radar dovesse registrare un movimento, si attiverebbero un segnale luminoso e una sirena per mettere in allerta le 150 persone che operano lassù", spiega il professore.

20:42Usa: maltempo e tornado, in Georgia 11 morti e 23 feriti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Il maltempo si abbatte sulla Georgia e fa almeno 11 morti e 23 feriti. Il bilancio e' ancora provvisorio, con i mezzi di soccorso ancora impegnati a far fronte all'emergenza tornado nell'area.

20:31Terremoto: turbine da Fiumicino liberano frazioni isolate

(ANSA) - FIUMICINO, 22 GEN - Liberate, nelle ultime ore, dai blocchi di neve diverse frazioni isolate di Amatrice, tra i 1300 e 1450 metri di quota. Sono gli ultimi interventi delle squadre della Protezione civile-Associazione Nuovo Domani di Fiumicino e del personale specializzato di Aeroporti di Roma, 11 persone in totale, che da 4 giorni sono in azione tra Accumoli, Torrita, Amatrice e Ussita. Le squadre, in 4 giorni, hanno già rimosso la neve su 340 chilometri di strade, in luoghi con casali e fattorie isolate, e liberato anche mezzi sepolti dalla neve. Gli ultimi interventi hanno riguardato, nel comune di Amatrice, le frazioni di Domo, Poggio Vitellino, Rocca Salli, Villanova, Scandarello, Colle Moresco, oltre alla provinciale 18 di Accumoli. I lavori sono stati svolti attraverso l'impiego di 3 speciali turbine messe a disposizione dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. I macchinari consentono di rimuovere dalle strade e in prossimità delle abitazioni blocchi di neve ghiacciata particolarmente duri e di grossi dimensioni.

20:14Georgiano ucciso nel Barese, forse con colpo pistola

(ANSA) - BARI, 22 GEN - Un georgiano di 45 anni è stato assassinato, forse con un colpo di pistola alla schiena: il cadavere è stato trovato stamani su una panchina di piazza Simon Bolivar, a Corato, nel Barese. In un primo momento si era pensato ad un malore, ma l'ispezione cadaverica esterna ha evidenziato una ferita alla schiena, verosimilmente prodotta da una pistola di piccolo calibro. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza. Dalle informazioni raccolte dalla Squadra Mobile, l'uomo - ha riferito la moglie - ieri sera ha partecipato a una festa tra connazionali. L'ipotesi più plausibile è che possa esserci stato un diverbio durante la serata o immediatamente dopo. Sul luogo in cui è stato trovato il cadavere la polizia non ha trovato né tracce di sangue né bossoli. E' probabile, quindi, che l'uomo sia stato ferito altrove e che sia stato portato in piazza, oppure che l'abbia raggiunta a piedi morendo poco dopo. Alcuni testimoni vengono ascoltati in questura. (ANSA).

20:12Rigopiano: individuata in hotel sesta vittima

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 22 GEN - I vigili del fuoco hanno individuato il corpo di una vittima all'interno dell'Hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo ed è la sesta vittima ufficiale, finora, della slavina che ha investito l'albergo.

20:08Calcio: Empoli, Martusciello “ancora non parliamo salvezza”

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 22 GEN - "Ancora la strada è lunga, la possibilità di perdere punti è ancora concreta. Stiamo facendo passi importanti, ma è presto". Il tecnico dell'Empoli, Giovanni Martusciello, è forse troppo prudente, ma è chiaro che per la matematica il +11 sulla terz'ultima non è ancora sufficiente. Il successo contro l'Udinese è comunque importantissimo: "Fino al 35' eravamo sullo 0-0 e rischiavamo pur sempre di perdere. Accolgo questi tre punti con grande soddisfazione perché non eravamo al meglio e perché ho dovuto scegliere una situazione tattica, senza Saponara, mai vista. Pucciarelli mi è piaciuto. Meno Mchedlidze, ma ha segnato e questo è importante. Un grande gol il suo".

Archivio Ultima ora