9 studenti su 10 non vogliono far vincere la paura dopo gli attentati di Parigi

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

Spectators embrace each other as they stand on the playing field of the Stade de France stadium at the end of a friendly soccer match between France and Germany in Saint Denis, outside Paris, Friday, Nov. 13, 2015. (AP Photo/Christophe Ena)

Spectators embrace each other as they stand on the playing field of the Stade de France stadium at the end of a friendly soccer match between France and Germany in Saint Denis, outside Paris, Friday, Nov. 13, 2015. (AP Photo/Christophe Ena)

ROMA. – Non vincerà la paura: nove studenti su 10 non hanno intenzione di cambiare le proprie abitudini dopo i drammatici attentati di Parigi. E’ quanto emerge da una web survey di Skuola.net che ha coinvolto circa 2200 studenti, dalle scuole medie alle superiori.

Soltanto 1 ragazzo su 10 dichiara di essere fortemente spaventato nello svolgere le proprie attività quotidiane: gli altri vanno avanti senza battere ciglio, o quasi. Oltre 1 su 3 non prova alcuna insicurezza, mentre più di 1 su 2, pur avendo qualche timore, porta avanti la propria vita senza cedere.

Ma la quotidianità tra i banchi di scuola ha risentito degli attentati in Francia? Certamente si è sentito il bisogno di confrontarsi e di parlarne: ben il 90% racconta infatti di essere stato coinvolto in riflessioni in classe sul tema. Cosa che non è successa ai tempi della strage di Charlie Hebdo, quando ben il 44% di 9mila studenti raccontava di non aver neanche sfiorato l’argomento.

Gite all’estero o a Roma sono evitate dalla scuola secondo quasi il 20% dei ragazzi intervistati e un altro 6% racconta che lascerà perdere ogni tipo di visita di istruzione. Qualcosa sembra essere cambiato negli equilibri in classe. Un teen su 5, tra quelli che hanno compagni di scuola musulmani, racconta di aver avvertito una certa tensione dopo la terribile notte di Parigi, assente in precedenza.

Se la stragrande maggioranza dice di avere buoni rapporti quotidiani a scuola con i coetanei fedeli all’Islam, circa il 9% racconta di entrare spesso in conflitto per la diversa mentalità e 1 su 10 li vede poco interessati a fare gruppo con la classe. Un altro 5% confessa che gli altri studenti tendono a emarginarli.

Al di fuori dai cancelli di scuola, buona parte dice poi di non frequentarli: o perché non si è in confidenza (38% circa) o addirittura per opposizione delle reciproche famiglie (6%). In questa situazione, i ragazzi sembrano aver bisogno di capire di più e la scuola si è impegnata per aiutarli. La quasi totalità del campione, circa il 90%, afferma, infatti, di aver parlato di quanto accaduto a Parigi soprattutto attraverso discussioni in classe con insegnanti e compagni.

Un dibattito stimolante, visto che circa il 70% aggiunge di aver cercato in autonomia ulteriori informazioni sulla cultura islamica e sulle tensioni internazionali legate al terrorismo: circa la metà di questi in maniera più attenta, il resto solo curiosando qua e là.

E se la paura non paralizza, l’effetto Parigi è addirittura quello di non voler rinunciare a feste e simboli religiosi tradizionali. La maggioranza dei teenager, il 56%, rivendica forte e chiaro il suo diritto all’identità. Solo il 15% del campione complessivo vorrebbe eliminare crocifisso o presepe dal proprio istituto. Eviterebbe poi la celebrazione scolastica delle feste religiose (Natale o Pasqua, ad esempio) il solo 3%.

Ultima ora

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

20:29Calcio: rissa in ristorante, Terim lascia panchina Turchia

(ANSA) - ANKARA, 26 LUG - Fatih Terim lascia la guida tecnica della nazionale turca. L'annuncio è stato dato dalla federcalcio locale, con la precisazione che "entrambi le parti, la federazione e Terim, hanno deciso che sia meglio per tutti separarsi", e che la decisione è stata presa per motivi extracalcio. I motivi di opportunità che hanno portato a questa decisione sono quelli del coinvolgimento del 63enne ex allenatore del Milan e i suoi due generi in una rissa con il proprietario di un ristorante, all'interno del locale. La stampa turca aveva dato ampio risalto a questo episodio.

20:24Vitalizi: Sì della Camera a testo Richetti

(ANSA) - ROMA, 26 LUG- L'Aula della Camera ha approvato la proposta di legge Richetti sull'abolizione dei vitalizi dei parlamentari. Il testo, approvato a Montecitorio con 348 voti a favore, 17 contrari e 28 astenuti, passa al Senato.

Archivio Ultima ora