Criminalità primo problema per le famiglie, mai così temuta

Pubblicato il 19 novembre 2015 da redazione

Un fermo immagine mostra il tentativo di sventare una rapina da parte di Anatoliy Korol, il muratore eroe ucciso lo scorso settembre in un supermercato a Castello di Cisterna nel Napoletano. ANSA/

Un fermo immagine mostra il tentativo di sventare una rapina da parte di Anatoliy Korol, il muratore eroe ucciso lo scorso settembre in un supermercato a Castello di Cisterna nel Napoletano.
ANSA/

ROMA. – Spaventati dalla criminalità, diffidenti verso gli altri, esasperati da traffico e smog. Il rapporto Istat sulla soddisfazione dei cittadini descrive gli italiani come un popolo in trincea.

Il giudizio medio sulle condizioni di vita resta stabile a 6,8 su dieci nel 2015, invariato dal 2012, e ci sono progressi nella situazione economica, ma oltre quattro famiglie su dieci si sentono minacciate dalla criminalità nella zona in cui abitano.

Non sono mai state così tante dall’inizio delle serie storiche, nel 1994. La sicurezza è diventata il problema principale, superando gli ingorghi stradali e l’inquinamento, che erano ai primi posti lo scorso anno.

PAURA IN CRESCITA. La quota delle famiglie che manifesta timori per la criminalità nel proprio quartiere aumenta di oltre dieci punti in un anno fino al 41,1%, segnando un nuovo record storico. Quello precedente, registrato nel 2008, era del 37%. Al tempo stesso crescono i nuclei che indicano problemi come il traffico (fino al 38,4%), la ricerca del parcheggio (37,3%) e lo smog (36,7%).

EMERGENZA ACQUA. Nel Mezzogiorno le difficoltà relative alla mobilità, tra parcheggi impossibili, ingorghi infernali e mezzi pubblici fantasma, e alla sporcizia delle strade sono percepite come superiori a quelli della criminalità. Un capitolo a parte riguarda l’acqua: il 40,2% delle famiglie meridionali non si fida a bere quella del rubinetto e sono in crescita, per la prima volta dal 2010, quelle che lamentano irregolarità nel servizio. Si tratta del 18,3%, quasi una su cinque.

MENO FIDUCIA NEGLI ALTRI. All’aumento delle preoccupazioni per il proprio quartiere, si associa un peggioramento della fiducia verso gli altri, dopo due anni di lieve crescita. Il 78,6% degli italiani con più di 13 anni pensa che “bisogna stare molto attenti” mentre appena il 19,9% ritiene che “gran parte della gente è degna di fiducia”. Calano inoltre le persone che credono probabile vedersi restituire il portafoglio smarrito da un vicino di casa (al 69,4%) o da uno sconosciuto (all’11,1%).

FORTI LEGAMI FAMILIARI. Gli estranei appaiono come una minaccia e così ci si rifugia negli affetti. Aumentano le persone contente delle proprie relazioni familiari – ambito verso il quale esprime soddisfazione il 90,9% degli italiani – e dei propri rapporti con gli amici. Sono positivi e in crescita anche i giudizi sul proprio tempo libero, più per gli uomini che per le donne. Ed è stabile all’81,2% la soddisfazione per la propria salute.

LA CRISI ALLENTA MORSA. Un altro aspetto in miglioramento è l’economia. Cresce infatti la quota di italiani soddisfatti della propria situazione economica, dal 43,4% del 2014 al 47,5% del 2015, il livello più alto da quattro anni. Inoltre la quota di famiglie che valuta invariata o in miglioramento la propria condizione, passa dal 52,1% del 2014 al 57,3% del 2015.

LAVORARE PIACE. La grande maggioranza di chi lavora è soddisfatto del proprio impiego. A dare giudizi positivi sono soprattutto le lavoratrici (con una quota del 76,5%, a fronte del 73,6% dei lavoratori). In generale, gli occupati risultano molto più soddisfatti di chi è alla ricerca di un posto delle proprie condizioni di vita (con un voto di 7 contro 6,1).

IMPRENDITORI E STUDENTI AL TOP. I livelli di soddisfazione più alti contraddistinguono i dirigenti, gli imprenditori e i liberi professionisti (7,2), insieme agli impiegati (7,1). Anche gli studenti risultano mediamente molto soddisfatti (7,2), mentre operai e lavoratori in proprio sono meno contenti (6,8). Il livello di soddisfazione generale cresce con il titolo di studio, passando da un punteggio di 6,4 tra chi ha solo la licenza elementare fino al 7,1 dei laureati.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora