La Vinotinto sogna Bielsa

Pubblicato il 20 novembre 2015 da redazione

Marcelo Bielsa

Marcelo Bielsa

CARACAS – Se vorremmo descrivere l’attuale situazione della vinotinto potremmo usare l’inizio della Divina Commedia di Dante “Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita”. Infatti l’era di Noel Sanvicente alla guida della Vinotinto é iniziato nel peggiore dei modi: in quattro gare del ‘premundial’ sono arrivate altrettante sconfitte con Paraguay (0-1), Brasile (3-1), Bolivia (4-2) ed Ecuador (1-3), con un bottino di gol di 4 reti a favore ed 11 subite.

In una nazionale che dopo aver incantato tutti nelle qualificazioni del 2010 e 2014 e sognava di fare il grande colpo in quelle 2018, qualificandosi per il mondiale di Russia. Dopo i quattro ko sono raffiorate la paura e la frustazione negli ‘hinchas’ e nei giocatori. I tifosi e la stampa stanno chiedendo le dimissioni di Sanvicente, dimissioni che non sono arriavate nel post partita dopo il ko contro l’Ecuador.

Nella giornata di ieri si é sparsa la voce che il tecnico argentino Marcelo Bielsa, potrebbe essere il possibile traghettatore per portare la vinotinto dall’inferno al paradiso. Già in passato, prima della designazione di Sanvicente, il nome dell’ex tecnico del Marsiglia era stato accostato alla nazionale venezuelana.

“La Vinotinto deve crescere nuovamente” aveva affermato Bielsa nel mese di maggio, allora era ancora alla guida della formazione francese. Prima della Coppa America disputata quest’anno in Cile, era stata chiesta la sua opinione sulle nazionali che avrebbero partecipato alla manifestazione continentale ed aveva manifestato che il livello calcistico del Venezuela era pari a quello di Ecuador, Paraguay e Perù.

Ma attualmente, la realtá é un’altra: la Vinotinto è in fondo alla classifica del girone Conmebol, mentre l’Ecuador guarda tutti dall’altro con quattro vittorie in altrettante partite. Adesso, il nome di Bielsa appare nel taccuino dei direttivi della ‘Federación Venezolana de Fútbol’ che, stando ai rumors, gli offrirebbero un contratto fino al 2022.

Dal canto suo Noel Sanvicente, attuale commissario tecnico della Vinotinto, ha dichiarato dopo il pesante ko contro l’Ecuador “sono colpevole, però non darò le dimissioni. Io non pronuncerò queste parole, non rinuncerò sono venuto per dare la faccia. Mi sento colpevole perché molti di quelli che mi volevano adesso non mi appoggiano più. Non vedo l’appoggio che un tecnico merita, dato che questo supporto dovrebbe esserci dentro e fuori dal campo”.

Per il momento sono soltanto pettegolezzi, nei prossimi giorni scoprimero più cose.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

15:14Migranti: Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

15:01Calcio:Spagna, corruzione, sospensione cautelare per Villar

(ANSA) - MADRID, 21 LUG - Il consiglio superiore dello sport (Csd) di Madrid ha avviato la procedura verso la sospensione cautelare del presidente della Federcalcio spagnola (Rfe) Angel Maria Villar, arrestato martedì con il figlio Gorka e altri due dirigenti con l'accusa di presunta corruzione. Una decisione potrebbe essere presa la settimana prossima, ha indicato il ministro dello sporto Inigo Mendez de Vigo. Ieri un giudice di Madrid ha convalidato l'arresto di Villar e del figlio ed ordinato il loro ingresso in carcere.

14:55Figlio alpinista muore sul Cervino,madre discute tesi

(ANSA) - TORINO, 21 LUG - "Era la cosa più naturale, giusta e normale da fare. Sono stupita da tutta questa attenzione". Così Cristina Giordana, mamma di Luca, il giovane cuneese morto lo scorso 8 luglio in un incidente di montagna sul Cervino. Il ragazzo aveva appena consegnato la tesi di laurea in Biologia e la madre si è presentata al suo posto per discuterla. Tra le mani un attestato di laurea, del valore simbolico, col nome del figlio e la tesi, un trattato sugli effetti del succo di barbabietola sulla prestazione sportiva ad alta quota. "Con mio figlio ho sempre condiviso tutte le passioni, dalla montagna a quella per lo studio, in un perfetto legame. Per me è normale essere al suo posto", aggiunge la donna, quasi a voler chiudere un cerchio. La laurea "è l'unico titolo di studio che non ho e, forse, c'era un motivo - racconta -, che la tesi di laurea doveva essere quella di Luca...". Luca sognava di scalare il Dhaulagiri, in Nepal. "Il Dhaulagiri adesso è troppo basso - sorride Cristina - ora è andato molto più su". (ANSA).

14:49Gerusalemme: media, ucciso un palestinese

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - Un palestinese e' stato colpito a morte nel corso di disordini verificatasi nel rione di Ras el-Amud a Gerusalemme est. Lo riferisce il ministero palestinese della sanità, citato da media locali. Una portavoce della polizia israeliana ha replicato che le verifiche del caso sono ancora in corso.

14:46Nuoto: Mondiali, 25 km fondo donne, Bridi è bronzo

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Arianna Bridi ha conquistato la medaglia di bronzo nella 25 km di fondo ai Mondiali di nuoto a Budapest. Oro alla brasiliana Cunha e argento all'olandese Van Rouwendaal.

14:21Fiorentina: Bernardeschi alla Juve, è fatta

(ANSA) - MOENA , 21 LUG - Juventus e Fiorentina hanno trovato l'accordo per Federico Bernardeschi. Al club viola andranno 40 milioni, più due di bonus, e il 10% del ricavato da una futura cessione del giocatore. Per l'ormai ex numero 10 viola è pronto un contratto di 5 anni a circa 4 milioni netti a stagione, 1,5 in più di quanto proposto a suo tempo dalla Fiorentina. Bernardeschi è stato contestato anche oggi con uno striscione esposto al Franchi a firma '1926', sigla che riconduce al gruppo rappresentativo della curva Fiesole.

14:20G8 Genova: bufera per post consigliere Ancona su Fb

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Estate 2001. Ho portato le pizze tutta l'estate per aiutare i miei a pagarmi l'università e per una vacanza che avrei fatto a settembre. Guardavo quelle immagini e dentro di me tra Carlo Giuliani con un estintore in mano e un mio coetaneo in servizio di leva parteggiavo per quest'ultimo. Oggi nel 2017 che sono padre, se ci fosse mio figlio dentro quella campagnola gli griderei di sparare e di prendere bene la mira. Sì sono cattivo e senza cuore, ma lì c'era in ballo o la vita di uno o la vita dell'altro. Estintore contro pistola. Non mi mancherai Carlo Giuliani..."

Archivio Ultima ora