Putin e Erdogan, sfida tra zar e sultano su Assad

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

Putin e Erdogan

Putin e Erdogan

MOSCA.- L’abbattimento di un caccia russo da parte di F16 turchi al confine con la Siria ha il sapore di una sfida inattesa che riporta quasi ai tempi degli imperi ottomano e russo, della ‘seconda’ e della ‘terza Roma’: quella del ‘sultano’ Erdogan allo ‘zar’ Putin, due uomini ‘forti’ con ambizioni neo imperiali a livello regionale, legati da forti interessi economici ma divisi dal futuro di Assad e della Siria.

Il duello, il primo tra un membro della Nato e la Russia dopo i raid di Mosca in Siria contro l’Isis, rischia di congelare le relazioni tra i due Paesi, che negli ultimi anni hanno rafforzato le loro relazioni commerciali ed energetiche superando una lunga storia di rivalità geopolitiche e religiose: dalla guerra di Crimea a quella russo-turca, dalla prima guerra mondiale alle rivendicazioni territoriali staliniane orientali al termine della della Seconda guerra mondiale, sino al conflitto congelato del Nagorno-Karabak e all’annessione della Crimea tatara.

“E’ stata una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo”, ha denunciato Putin evocando forse non a caso l’immagine levantina del coltello e del colpo a tradimento. E, dopo le denunce velate dell’ultimo G20, ha accusato apertamente Ankara di offrire protezione armata ai militanti dell’Isis e sostegno economico con l’acquisto del loro petrolio, minacciando “conseguenze serie” nei rapporti bilaterali.

La prima è nel settore turistico: il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, dopo aver annullato la visita in Turchia, ha già sconsigliato ai connazionali di visitare il Paese ammonendo che la minaccia terroristica è analoga a quella esistente in Egitto. La seconda è militare: stop a tutti i contatti.

E rafforzamento della protezione contraerea, con i bombardieri scortati dai caccia e l’incrociatore Moskva più vicino alla costa di Latakia per colpire “qualsiasi pericolo potenziale”. Tra le prossime ritorsioni potrebbe esserci invece l’annullamento di vari accordi, da quello per una centrale nucleare a quello per il gasdotto Turkish Stream, che doveva trasformare la Turchia in un hub del gas russo nell’Europa sud-orientale.

Il Cremlino ha escluso però reazioni militari. Secondo molti analisti, dopo i recenti moniti per gli sconfinamenti degli aerei di Mosca e l’abbattimento di un drone di fabbricazione russa, Ankara ha deciso di lanciare un avvertimento al Cremlino, che con il suo intervento militare a sostegno di Assad ha scompaginato i piani turchi.

A far scattare la reazione potrebbero essere stati i raid aerei russi contro le autocisterne sospettate di trasportare il petrolio dell’Isis in Turchia e/o contro le comunità sunnite turkmene al confine turco-siriano, anch’esse contro Assad e sostenute dai turchi come cuscinetto contro l’espansione delle milizie della minoranza curda siriana.

Anche Erdogan, come Putin, deve mantenere la sua immagine di uomo forte, capace di difendere i ‘fratelli’ turkmeni. Ma i due leader sono legati da una certa consuetudine, cementata dal crescente volume di affari tra i due Paesi, che fa della Russia il secondo partner commerciale della Turchia, mentre Ankara compra il 60% del gas dalla Russia. Una dipendenza economica che sembra spingere Erdogan ad evitare un’escalation della tensione, anche se ora non tutto dipende da lui.

Putin deve salvarsi la faccia, soprattutto in patria, ma anche lui potrebbe essere interessato a non portare l’incidente oltre un certo limite: il rischio è quello di perdere, oltre ad un partner commerciale ed energetico di primo piano, la congiuntura favorevole ad una alleanza tra Russia e Occidente in Siria contro l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

10:33Attacco Londra: Bbc, sette arresti in diversi raid

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sono almeno sette, secondo quanto riporta il sito della BBc, i fermi effettuati dalla polizia nei raid legati all'attacco di ieri a Westminster. Secondo la Cnn, i sette arresti sarebbero stati compiuti in almeno sei diversi indirizzi in varie località del Paese.

09:59Attacco Londra: premier Cina, insieme contro il terrorismo

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Il premier cinese Li Keqiang ha detto che l'attacco avvenuto a Londra davanti a Westminster, con vittime e feriti, è stato il primo tema di discussone nell' incontro avuto questa mattina col premier australiano Malcolm Turnbull. "Insieme inviamo le condoglianze al premier britannico, insieme condanniamo il terrorismo e insieme ci schieriamo contro tutte le forme di terrorismo", ha detto Li, a Canberra in visita ufficiale. "Non ci può essere un'instabilità continua nel mondo, ma dobbiamo apprezzare pace e stabilità", ha aggiunto.

09:52Corea Sud: riportato in superficie scafo traghetto Sewol

(ANSA) - PECHINO, 23 MAR - Lo scafo del traghetto sudcoreano Sewol, affondato ad aprile 2014 al largo dell'isola di Jindo, è riaffiorato questa mattina in superficie, come primo passo delle attività di sollevamento e stabilizzazione dello scafo di 6.825 tonnellate, finito sul fondale a 44 metri di profondità. Il governo di Seul ha reso noto che le operazioni finiranno con ogni probabilità nella notte: il relitto sarà trasportato nel porto di Mokpo per permettere il riconoscimento degli ultimi dispersi (ufficialmente 9) e ricostruire le cause della tragedia, la peggiore del suo genere nella storia della Corea del Sud, in cui morirono 295 persone, quasi tutti studenti in gita. L'operazione ha un costo di 85,1 miliardi di won (72 milioni di dollari) ed è guidata da un consorzio cinese capeggiato da Shanghai Salvage, un'azienda statale. I sommozzatori hanno finora lavorato all'iniezione di aria nello scafo e alla sistemazione di grandi boe di galleggiamento.

09:47Attacco Londra: media, raid polizia a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Reparti della polizia britannica hanno condotto nella notte un raid in un appartamento al piano di sopra di un negozio poco ad ovest del centro della città di Birmingham, attorno al quale le strade sono rimaste chiuse per diverse ore. Lo riferisce il quotidiano the Guardian nel suo sito online, notando che ieri sera la Bbc aveva reso noto che il suv usato per l'attacco, un Hyundai i40, potrebbe essere stato noleggiato a Birmingham. Secondo altre fonti, almeno una persona sarebbe stata arrestata.

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

Archivio Ultima ora