Putin e Erdogan, sfida tra zar e sultano su Assad

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

Putin e Erdogan

Putin e Erdogan

MOSCA.- L’abbattimento di un caccia russo da parte di F16 turchi al confine con la Siria ha il sapore di una sfida inattesa che riporta quasi ai tempi degli imperi ottomano e russo, della ‘seconda’ e della ‘terza Roma’: quella del ‘sultano’ Erdogan allo ‘zar’ Putin, due uomini ‘forti’ con ambizioni neo imperiali a livello regionale, legati da forti interessi economici ma divisi dal futuro di Assad e della Siria.

Il duello, il primo tra un membro della Nato e la Russia dopo i raid di Mosca in Siria contro l’Isis, rischia di congelare le relazioni tra i due Paesi, che negli ultimi anni hanno rafforzato le loro relazioni commerciali ed energetiche superando una lunga storia di rivalità geopolitiche e religiose: dalla guerra di Crimea a quella russo-turca, dalla prima guerra mondiale alle rivendicazioni territoriali staliniane orientali al termine della della Seconda guerra mondiale, sino al conflitto congelato del Nagorno-Karabak e all’annessione della Crimea tatara.

“E’ stata una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo”, ha denunciato Putin evocando forse non a caso l’immagine levantina del coltello e del colpo a tradimento. E, dopo le denunce velate dell’ultimo G20, ha accusato apertamente Ankara di offrire protezione armata ai militanti dell’Isis e sostegno economico con l’acquisto del loro petrolio, minacciando “conseguenze serie” nei rapporti bilaterali.

La prima è nel settore turistico: il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, dopo aver annullato la visita in Turchia, ha già sconsigliato ai connazionali di visitare il Paese ammonendo che la minaccia terroristica è analoga a quella esistente in Egitto. La seconda è militare: stop a tutti i contatti.

E rafforzamento della protezione contraerea, con i bombardieri scortati dai caccia e l’incrociatore Moskva più vicino alla costa di Latakia per colpire “qualsiasi pericolo potenziale”. Tra le prossime ritorsioni potrebbe esserci invece l’annullamento di vari accordi, da quello per una centrale nucleare a quello per il gasdotto Turkish Stream, che doveva trasformare la Turchia in un hub del gas russo nell’Europa sud-orientale.

Il Cremlino ha escluso però reazioni militari. Secondo molti analisti, dopo i recenti moniti per gli sconfinamenti degli aerei di Mosca e l’abbattimento di un drone di fabbricazione russa, Ankara ha deciso di lanciare un avvertimento al Cremlino, che con il suo intervento militare a sostegno di Assad ha scompaginato i piani turchi.

A far scattare la reazione potrebbero essere stati i raid aerei russi contro le autocisterne sospettate di trasportare il petrolio dell’Isis in Turchia e/o contro le comunità sunnite turkmene al confine turco-siriano, anch’esse contro Assad e sostenute dai turchi come cuscinetto contro l’espansione delle milizie della minoranza curda siriana.

Anche Erdogan, come Putin, deve mantenere la sua immagine di uomo forte, capace di difendere i ‘fratelli’ turkmeni. Ma i due leader sono legati da una certa consuetudine, cementata dal crescente volume di affari tra i due Paesi, che fa della Russia il secondo partner commerciale della Turchia, mentre Ankara compra il 60% del gas dalla Russia. Una dipendenza economica che sembra spingere Erdogan ad evitare un’escalation della tensione, anche se ora non tutto dipende da lui.

Putin deve salvarsi la faccia, soprattutto in patria, ma anche lui potrebbe essere interessato a non portare l’incidente oltre un certo limite: il rischio è quello di perdere, oltre ad un partner commerciale ed energetico di primo piano, la congiuntura favorevole ad una alleanza tra Russia e Occidente in Siria contro l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:14Insulti razzisti: verso inchiesta penale per agente

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Si profila l'apertura di un'indagine per il caso del video dell'extracomunitario in bicicletta sull'autostrada del Frejus girato da un agente della polizia stradale. I suoi colleghi della sezione di polizia giudiziaria del compartimento di Susa gli hanno infatti sequestrato il telefonino con un provvedimento che, in base a quanto si apprende, è di carattere penale e non amministrativo. L'agente si è rivolto a un avvocato torinese, Piefranco Bertolino. "Allo stato attuale - spiega il penalista - possiamo solo attendere eventuali sviluppi. Non sappiamo se ci sono o ci saranno iniziative da parte della procura. Cerchiamo però di non perdere di vista un aspetto fondamentale: i poliziotti, compiendo il loro dovere con il massimo scrupolo e la massima professionalità, hanno di fatto salvato la vita a quel malcapitato che stava percorrendo un'autostrada in bicicletta. Mettendo a repentaglio la loro stessa vita". (ANSA).

19:10Scherma: Mondiali, bronzo Italia nella sciabola uomini

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - L'Italia conquista la medaglia di bronzo nella prova di sciabola a squadre maschile ai Mondiali di scherma di Lipsia (Germania). La squadra azzurra, composta da Luca Curatoli, Luigi Samele, Enrico Berrè e Dario Cavaliere, che ha sostituito l'infortunato Aldo Montano, ha sconfitto gli Stati Uniti con il punteggio di 45-40.

19:07Ragazza denuncia, “sono stata violentata in spiaggia”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - I carabinieri della Compagnia di Cagliari stanno lavorando per fare piena luce su una presunta violenza sessuale avvenuta sulla spiaggia del Poetto, due settimane fa, a Cagliari. La denuncia è stata presentata da una ragazza di 22 anni residente nell'hinterland cagliaritano che ha dichiarato ai militari di essere stata costretta ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. Il fatto sarebbe avvenuto durante la notte, sulla spiaggia non troppo distante da una discoteca. La giovane avrebbe conosciuto il ragazzo proprio nel locale e poi si sarebbe allontanata con lui. Arrivata in spiaggia, dopo un primo approccio, sarebbe stata costretta ad avere un rapporto sessuale. I carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti e sarebbero già sulle tracce dell'autore. La vicenda è coperta dalla massima riservatezza. (ANSA).

19:05Siccità: campagne a secco e restrizioni per cittadini sardi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - La Sardegna, prima regione in Italia insieme alla Toscana a chiedere lo stato di calamità per la siccità, rischia di restare completamente a secco nelle campagne. Non va meglio nelle abitazioni, dove i cittadini sono alle prese con le restrizioni e chiusure notturne imposte da nord a sud dell'Isola per limitare gli sprechi dovuti alle reti colabrodo. Le situazioni più critiche, secondo l'ultimo monitoraggio del Distretto idrografico della Sardegna e del gestore idrico regionale, Abbanoa, si registrano nella zona nord occidentale, in particolare nel sassarese. Qui è già emergenza: l'invaso del Bidighinzu è al di sotto del 15% rispetto alla capienza massima. A soffrire maggiormente alcuni quartieri di Sassari e 14 Comuni limitrofi. Acqua agli sgoccioli anche nel Sulcis, con la città di Iglesias che sta subendo la chiusura dei rubinetti dalle 19 alle 5 del mattino. Ad Alghero l'erogazione non viene garantita per tutte le 24 ore a causa dei minori apporti in arrivo a Monte Agnese. Anche il Cedrino e il Posata, nel nord est dell'Isola, sono al limite minimo, ma l'acqua presente nel Coghinas, per ora, sta scongiurando le limitazioni. Il Distretto idrografico ricorda che per garantire le scorte dell'uso potabile, secondo quanto prevede la normativa, le restrizioni maggiori vengono subite nelle campagne. Per questo motivo la Regione ha già messo mano al provvedimento di stato di emergenza: secondo Coldiretti la siccità ha già provocato la riduzione del 40% delle produzioni agricole, pari a 120 milioni di euro di danni. Solo nel Sulcis, ricorda l'organizzazione, sono quattromila le aziende in ginocchio, mentre la produzione dei carciofi nel nord Sardegna è messa seriamente a rischio. L'assessore regionale dell'Agricoltura, Pier Luigi Caria, si augura che, insieme alle azioni messe in campo dal ministero, "riviste in base ai danni e alle reali esigenze delle Regioni, vengano garantiti anche gli impegni sui pagamenti da parte di Agea". L'amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti, avverte: "è emergenza siccità in tutta Italia. In condizioni di scarsità, come dimostra l'esempio di Roma, sono necessarie le interruzioni della fornitura".(ANSA).

18:59F1: Renault conferma, Kubica proverà la RS17

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Con un tweet sul proprio profilo la Renault ha confermato che Robert Kubica proverà la RS17 durante i test che la Formula 1 svolgerà all'Hungaroring dopo il Gp d'Ungheria. La giornata prevista per i test del pilota polacco è la prima, martedì 1 agosto. Il 2 scenderà in pista Nicholas Latifi, test driver e guida di punta della Renault Academy. Cyril Abiteboul, direttore generale F1 di Renault, ha spiegato che il test permetterà alla scuderia di valutare pienamente le attuali capacità di Kubica e quante probabilità abbia "di tornare alle competizioni nei prossimi anni".

18:57Incendi, evacuato stabilimento Fiat Termoli, chiusa A14

(ANSA) - TERMOLI (CAMPOBASSO), 24 LUG - Lo stabilimento della Fiat Termoli è stato evacuato a causa di un vasto incendio che si è sprigionato tre le sterpaglie del Nucleo Industriale di Termoli. Ad andare a fuoco è stata una tensostruttura in plastica che conteneva materiale non produttivo. Le fiamme si sono propagate rapidamente lambendo numerose aziende del polo 'Valle Biferno'. Autostrada A14 chiusa per circa 20 km in entrambe le direzioni tra Vasto Sud (Chieti) e Poggio Imperiale (Foggia) a causa del fumo prodotto da un incendio divampato in aree adiacenti all'autostrada; chiusa la Ss 87, all'altezza dello svincolo dell'A/14 e tratti della ss 16 Adriatica e della ss 647 Fondo Valle del Biferno.

18:49Incendi: fiamme a Oristano, bloccata strada per spiagge

(ANSA) - ORISTANO, 24 LUG - Il denso fumo che si è levato da due distinti incendi, a distanza di pochi chilometri l'uno dall'altro, ha provocato la chiusura temporanea della strada provinciale che collega la borgata marina di Torregrande alle spiagge del Sinis di Cabras, nell'Oristanese. Le fiamme, alimentate anche dal forte vento di maestrale che da questa mattina sta spazzando la Sardegna, hanno interessato alcune decine di ettari di terreno incolto, canneti e siepi. Il rogo si è avvicinato pericolosamente a un agriturismo e a un impianto per la lavorazione del riso. La strada provinciale è stata chiusa per un tratto e il traffico veicolare è stato bloccato e deviato. Sul posto hanno operato diverse squadre dei Vigili del fuoco, del Corpo Forestale gli operatori di Forestas. (ANSA).

Archivio Ultima ora