Putin e Erdogan, sfida tra zar e sultano su Assad

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

Putin e Erdogan

Putin e Erdogan

MOSCA.- L’abbattimento di un caccia russo da parte di F16 turchi al confine con la Siria ha il sapore di una sfida inattesa che riporta quasi ai tempi degli imperi ottomano e russo, della ‘seconda’ e della ‘terza Roma’: quella del ‘sultano’ Erdogan allo ‘zar’ Putin, due uomini ‘forti’ con ambizioni neo imperiali a livello regionale, legati da forti interessi economici ma divisi dal futuro di Assad e della Siria.

Il duello, il primo tra un membro della Nato e la Russia dopo i raid di Mosca in Siria contro l’Isis, rischia di congelare le relazioni tra i due Paesi, che negli ultimi anni hanno rafforzato le loro relazioni commerciali ed energetiche superando una lunga storia di rivalità geopolitiche e religiose: dalla guerra di Crimea a quella russo-turca, dalla prima guerra mondiale alle rivendicazioni territoriali staliniane orientali al termine della della Seconda guerra mondiale, sino al conflitto congelato del Nagorno-Karabak e all’annessione della Crimea tatara.

“E’ stata una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo”, ha denunciato Putin evocando forse non a caso l’immagine levantina del coltello e del colpo a tradimento. E, dopo le denunce velate dell’ultimo G20, ha accusato apertamente Ankara di offrire protezione armata ai militanti dell’Isis e sostegno economico con l’acquisto del loro petrolio, minacciando “conseguenze serie” nei rapporti bilaterali.

La prima è nel settore turistico: il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov, dopo aver annullato la visita in Turchia, ha già sconsigliato ai connazionali di visitare il Paese ammonendo che la minaccia terroristica è analoga a quella esistente in Egitto. La seconda è militare: stop a tutti i contatti.

E rafforzamento della protezione contraerea, con i bombardieri scortati dai caccia e l’incrociatore Moskva più vicino alla costa di Latakia per colpire “qualsiasi pericolo potenziale”. Tra le prossime ritorsioni potrebbe esserci invece l’annullamento di vari accordi, da quello per una centrale nucleare a quello per il gasdotto Turkish Stream, che doveva trasformare la Turchia in un hub del gas russo nell’Europa sud-orientale.

Il Cremlino ha escluso però reazioni militari. Secondo molti analisti, dopo i recenti moniti per gli sconfinamenti degli aerei di Mosca e l’abbattimento di un drone di fabbricazione russa, Ankara ha deciso di lanciare un avvertimento al Cremlino, che con il suo intervento militare a sostegno di Assad ha scompaginato i piani turchi.

A far scattare la reazione potrebbero essere stati i raid aerei russi contro le autocisterne sospettate di trasportare il petrolio dell’Isis in Turchia e/o contro le comunità sunnite turkmene al confine turco-siriano, anch’esse contro Assad e sostenute dai turchi come cuscinetto contro l’espansione delle milizie della minoranza curda siriana.

Anche Erdogan, come Putin, deve mantenere la sua immagine di uomo forte, capace di difendere i ‘fratelli’ turkmeni. Ma i due leader sono legati da una certa consuetudine, cementata dal crescente volume di affari tra i due Paesi, che fa della Russia il secondo partner commerciale della Turchia, mentre Ankara compra il 60% del gas dalla Russia. Una dipendenza economica che sembra spingere Erdogan ad evitare un’escalation della tensione, anche se ora non tutto dipende da lui.

Putin deve salvarsi la faccia, soprattutto in patria, ma anche lui potrebbe essere interessato a non portare l’incidente oltre un certo limite: il rischio è quello di perdere, oltre ad un partner commerciale ed energetico di primo piano, la congiuntura favorevole ad una alleanza tra Russia e Occidente in Siria contro l’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

21:39Cina: stretta sul golf, chiusi 111 campi ‘illegali’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Cina ha dichiarato guerra ai campi da golf "illegali", chiudendone 111 su 683 per violazioni che variano dall'utilizzo improprio di terreni agricoli o aree protette e fino all'eccessivo sfruttamento delle falde per l'irrigazione, senza dimenticare il peso che le strutture hanno come strumento di corruzione per i membri del Partito comunista. L'agenzia Nuova Cina, nell'annunciare il giro di vite deciso dalla National Development and Reform Commission (l'agenzia di programmazione economica), ha precisato che su altri 65 campi sono state imposte diverse restrizioni. La Cina ha formalmente lanciato lo stop ai nuovi green nel 2004 quando nel Paese ce ne erano meno di 200 che, al contrario, sono più che triplicati. Il golf è finito nel mirino della campagna anti-corruzione del presidente Xi Jinping al punto che il Partito comunista ha "invitato" nel 2015 i 88 milioni di iscritti a non calpestare il green, paragonando lo sport a cattive abitudini non conformi ai principi di condotta e morali del Pcc.

Archivio Ultima ora