Nato contro Russia, altra spina dopo due anni di tensioni

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

russia

BRUXELLES. – “Non poteva avvenire in un momento peggiore”. Così un alto diplomatico in servizio nel quartier generale della Nato sintetizza l’effetto dell’abbattimento del jet russo al confine fra Turchia e Siria. Che arriva proprio mentre gli incontri di Vienna hanno fatto nascere la speranza che possa scattare la transizione a Damasco.

Tanto è delicato il momento, che dopo il Consiglio Atlantico straordinario il segretario generale, Jens Stoltenberg, usa toni concilianti e invita Ankara e Mosca alla “calma e de-escalation”. “Ci auguriamo che le conseguenze non siano tali da incrinare le dinamiche diplomatiche avviate sulla Siria”, aveva già detto il ministro degli esteri italiano, Paolo Gentiloni, dando il senso della vera posta in gioco dietro l’incidente.

Ennesimo motivo di tensione tra Nato e Russia, tornate al clima da Guerra Fredda 25 anni dopo la caduta del Muro e 12 anni dopo il vertice di Pratica di Mare, che aveva segnato l’inizio della partnership tra i due ex nemici. Era il 28 maggio 2002 quando George W. Bush e Vladimir Putin si strinsero la mano sotto gli occhi di Silvio Berlusconi nel primo vertice Nato-Russia organizzato in Italia.

Per 12 anni l’intesa continuò a crescere, malgrado le tensioni per il conflitto russo-georgiano del 2008, per il caso del figlio dell’ambasciatore russo espulso nel 2009 e le polemiche di Mosca per lo scudo antimissile progettato dalla Nato in Paesi dell’ex Patto di Varsavia. Tensioni che non avevano impedito una convinta cooperazione logistica con la missione Isaf in Afghanistan.

La crisi ucraina ha riportato indietro l’orologio della storia. Detonatore: il ‘no’ alla Ue pronunciato, su spinta del Cremlino, dall’ex presidente filo-russo ucraino Viktor Yanukovich, la sollevazione di pazza Maidan a Kiev cominciata a dicembre 2013 e sfociata con la fuga di Yanukovick nel febbraio successivo.

A gelare i rapporti tra Alleanza Atlantica e Cremlino sono state prima l’invasione della Crimea dei primi di marzo, poi la rivolta dei separatisti foraggiati, armati e guidati dai russi nelle province del Donbass ucraino, culminata con la tragedia del volo MH17 abbattuto nel luglio 2014.

Così la Nato è tornata ad alzare il muro. Già il 5 marzo 2014 l’Alleanza aveva deciso di ridurre i rapporti con Mosca, aumentandoli nel frattempo con Kiev. Da allora, un crescendo: il primo aprile sospende “ogni cooperazione pratica” con la Russia e una settimana dopo decreta la limitazione degli accessi per i russi al quartier generale di Bruxelles.

Il 5 settembre il vertice in Galles sancisce la revisione della politica della Nato: rafforzamento a est, raddoppio delle forze di reazione, creazione di una brigata di pronto intervento, apertura di sei basi logistiche in Estonia, Lituania, Lettonia, Polonia, Romania e Bulgaria.

Mosca ha risposto con centinaia di plateali violazioni dello spazio aereo della Nato nel Baltico, nel Mar Nero ma anche lungo le coste del Portogallo. Ai primi di ottobre scorso una serie di sconfinamenti in Turchia, che il governo di Ankara e la stessa Nato avevano definito “inaccettabili”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora