Nato contro Russia, altra spina dopo due anni di tensioni

Pubblicato il 24 novembre 2015 da redazione

russia

BRUXELLES. – “Non poteva avvenire in un momento peggiore”. Così un alto diplomatico in servizio nel quartier generale della Nato sintetizza l’effetto dell’abbattimento del jet russo al confine fra Turchia e Siria. Che arriva proprio mentre gli incontri di Vienna hanno fatto nascere la speranza che possa scattare la transizione a Damasco.

Tanto è delicato il momento, che dopo il Consiglio Atlantico straordinario il segretario generale, Jens Stoltenberg, usa toni concilianti e invita Ankara e Mosca alla “calma e de-escalation”. “Ci auguriamo che le conseguenze non siano tali da incrinare le dinamiche diplomatiche avviate sulla Siria”, aveva già detto il ministro degli esteri italiano, Paolo Gentiloni, dando il senso della vera posta in gioco dietro l’incidente.

Ennesimo motivo di tensione tra Nato e Russia, tornate al clima da Guerra Fredda 25 anni dopo la caduta del Muro e 12 anni dopo il vertice di Pratica di Mare, che aveva segnato l’inizio della partnership tra i due ex nemici. Era il 28 maggio 2002 quando George W. Bush e Vladimir Putin si strinsero la mano sotto gli occhi di Silvio Berlusconi nel primo vertice Nato-Russia organizzato in Italia.

Per 12 anni l’intesa continuò a crescere, malgrado le tensioni per il conflitto russo-georgiano del 2008, per il caso del figlio dell’ambasciatore russo espulso nel 2009 e le polemiche di Mosca per lo scudo antimissile progettato dalla Nato in Paesi dell’ex Patto di Varsavia. Tensioni che non avevano impedito una convinta cooperazione logistica con la missione Isaf in Afghanistan.

La crisi ucraina ha riportato indietro l’orologio della storia. Detonatore: il ‘no’ alla Ue pronunciato, su spinta del Cremlino, dall’ex presidente filo-russo ucraino Viktor Yanukovich, la sollevazione di pazza Maidan a Kiev cominciata a dicembre 2013 e sfociata con la fuga di Yanukovick nel febbraio successivo.

A gelare i rapporti tra Alleanza Atlantica e Cremlino sono state prima l’invasione della Crimea dei primi di marzo, poi la rivolta dei separatisti foraggiati, armati e guidati dai russi nelle province del Donbass ucraino, culminata con la tragedia del volo MH17 abbattuto nel luglio 2014.

Così la Nato è tornata ad alzare il muro. Già il 5 marzo 2014 l’Alleanza aveva deciso di ridurre i rapporti con Mosca, aumentandoli nel frattempo con Kiev. Da allora, un crescendo: il primo aprile sospende “ogni cooperazione pratica” con la Russia e una settimana dopo decreta la limitazione degli accessi per i russi al quartier generale di Bruxelles.

Il 5 settembre il vertice in Galles sancisce la revisione della politica della Nato: rafforzamento a est, raddoppio delle forze di reazione, creazione di una brigata di pronto intervento, apertura di sei basi logistiche in Estonia, Lituania, Lettonia, Polonia, Romania e Bulgaria.

Mosca ha risposto con centinaia di plateali violazioni dello spazio aereo della Nato nel Baltico, nel Mar Nero ma anche lungo le coste del Portogallo. Ai primi di ottobre scorso una serie di sconfinamenti in Turchia, che il governo di Ankara e la stessa Nato avevano definito “inaccettabili”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

13:37Schulz, ‘mi batto per parità, a casa stiro e lavo i panni’

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - A casa è in grado di lavare i panni, stirare e rifare - bene - i letti. E in Germania, se diventasse cancelliere, si impegnerebbe subito per le pari opportunità. Martin Schulz, candidato dell'SDP alla guida della Germania contro Angela Merkel, ne ha parlato con la Bild am Sonntag, che gli ha chiesto delle priorità dei suoi primi 100 giorni, se vincesse, e di qualche abitudine domestica. "Affronterei subito due cose, un riconoscimento per un'Ue più forte e l'eliminazione di una delle più grandi ingiustizie: il fatto che le donne guadagnano meno degli uomini", ha detto. Schulz risponde anche sulle sue attitudini casalinghe: "So lavare i panni, con tutte le fasi del lavaggio, e so stirare. E mi viene davvero bene fare i letti. Ovviamente spalo la neve, e porto la spazzatura" mentre la cucina non è il suo forte. "Quando si dice 'cucina papà' viene consultata la lista di tutti i ristoranti della città". Come vede la candidatura sua moglie Inge? "E' molto sobria, mi dice di restare coi piedi a terra".

13:37F1:Australia, Sticchi ‘orgogliosi per Ferrari e Giovinazzi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "Il successo della Ferrari e di Vettel e la grande prestazione di Antonio Giovinazzi al debutto in Formula 1, tingono la Formula 1 con i colori del tricolore''. Il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, saluta così la grande giornata per i motori del Bel Paese con la vittoria della Ferrari e il ritorno di un pilota italiano in Formula 1. ''Siamo felici per la vittoria della Ferrari tutta italiana fortemente voluta da Sergio Marchionne e orgogliosi per la prestazione di Giovinazzi e per il lavoro svolto dall'Automobile Club d'Italia a favore non solamente del pilota pugliese ma anche di tanti altri talenti dell'automobilismo tricolore. In questo momento - aggiunge il numero uno dell'Aci - credo vada sottolineato l'enorme sforzo che, ormai da anni, Automobile Club d'Italia sta facendo per riportare il nostro paese ad essere protagonista assoluto del Campionato del Mondo di Formula 1''.

13:32Iran: sanzioni a 15 aziende Usa, sostengono terrorismo

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - L'Iran ha deciso sanzioni nei confronti di 15 aziende statunitensi accusandole di "sostegno al terrorismo" e a Israele. Lo riferisce al Arabiya.

13:16Pronta la Dallara di Cetilar Villorba Corse per Le Mans

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La location di "Piazza dei "Miracoli" a Pisa è stata l'ineguagliabile cornice della presentazione del team Cetilar Villorba Corse e della Dallara P217 che affronteranno la prossima 24 Ore di Le Mans. Una squadra tutta italiana che sotto una benaugurante pioggia ha svelato i programmi sportivi 2017 e il prototipo di classe LMP2 con la quale sarà impegnata nella più celebre e leggendaria gara di durata e nell'intero campionato internazionale European Le Mans Series. Il team principal Raimondo Amadio e i piloti Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi hanno tolto il velo alla nuova sportscar al fianco dello stesso costruttore Giampaolo Dallara e alla presenza del primo cittadino di Pisa Marco Filippeschi. Proprio Dallara ha sottolineato durante la presentazione: "Senza dubbio è una magnifica squadra, con dei bravi piloti e un team di alto livello. Guardiamo con fiducia a Le Mans e credo che torneremo sorridenti".

13:08Incidenti stradali: fugge alt e travolge passanti, 5 feriti

(ANSA) - PISA, 26 MAR - Un auto con a bordo tre persone è fuggita, la scorsa notte intorno alle 4, all'alt intimato dalla polizia, in Lungarno Mediceo a Pisa. Nella sua corsa la vettura si è ribaltata finendo contro un palo della luce e ha travolto due passanti, secondo quanto riferito dalla polizia stradale, un italiano e un peruviano, che sono stati soccorsi e ricoverati. Feriti lievemente i tre occupanti dell'auto, alla guida un cittadino marocchino e i due passeggeri, un connazionale e una donna italiana. L'investitore, ha spiegato la polstrada, è stato denunciato per lesioni causate da incidente stradale ed è stato sottoposto ad alcoltest. I due passanti, per i quali in un primo momento si sono temuti danni gravi, hanno riportato ferite guaribili in 35 e 40 giorni. Non sono in pericolo di vita. L'auto con a bordo i tre è stata intercettata da una volante della polizia stradale e da una della questura. Sul posto anche i vigili del fuoco per rimuovere l'auto e soccorrere i feriti.

13:06Carceri: arrestato detenuto evaso da carcere Frosinone

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - I Carabinieri di Caserta hanno arrestato il detenuto evaso il 18 marzo dal carcere di Frosinone. Il suo compagno di cella, che aveva tentato anche lui la fuga, era rimasto ferito nel tentativo di scavalcare il muro di cinta del carcere. Sono tutt'ora in corso le indagini per accertare eventuali complici dell'evasione. L'uomo è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri a Recale (Caserta) suo paese d'origine. Qui era tornato dopo la fuga rocambolesca dall'istituto penitenziario del Lazio.

12:58F1: Morandi festeggia Vettel, su Fb con modellino Ferrari

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - La vittoria della 'Rossa' sul circuito di Melbourne, nel Gran Premio d'Australia, fa esultare anche Gianni Morandi che sulla sua pagina Facebook, seguita da quasi 2 milioni e mezzo di persone, pubblica una sua foto con in mano il modellino di un'auto, da strada, del Cavallino Rampante. 'La Ferrari di Vettel ha vinto - scrive nel post che accompagna la foto -. Mi sono comprato subito una Ferrari anch'io!. Tanti i commenti alla foto. Il primo dei quali ironico sulla grandezza delle mani del cantante. "In realtà la Ferrari è vera - scherza una fan - è che nella tua mano sembra piccola'". Pronta la replica dell'artista bolognese: "una mano come garage...Un abbraccio".

Archivio Ultima ora