Parigi piange le vittime. Hollande, distruggeremo l’Isis

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

French President Francois Hollande, center, attends  a ceremony to honor the 130 victims killed in the Nov. 13 attacks in the courtyard of the Invalides in Paris, Friday, Nov. 27, 2015. (Philippe Wojazer/Pool Photo via AP)

French President Francois Hollande, center, attends a ceremony to honor the 130 victims killed in the Nov. 13 attacks in the courtyard of the Invalides in Paris, Friday, Nov. 27, 2015. (Philippe Wojazer/Pool Photo via AP)

PARIGI. – “Un’orda di assassini” che in nome di “una causa folle e di un Dio tradito” ha ucciso “130 dei nostri”. Francois Hollande sembra di ghiaccio e pietra nel gelo del grande cortile degli Invalides. Tutti hanno la gola stretta da un nodo di rabbia e dolore, ma al presidente, per 16 minuti, le parole escono inspiegabilmente con tono sobrio, patriarcale.

L’omaggio alle vittime e ai feriti delle stragi terroristiche che hanno insanguinato Parigi due settimane fa si è consumato con la Tour Eiffel inghiottita dal cielo grigio e Parigi distrutta dal dolore ma fiera con le sue bandiere tricolori alle finestre.

L’aveva chiesto il presidente in una pausa di questa settimana di maratona diplomatica in tutto il mondo e i francesi hanno preso d’assalto i rivenditori, persino Amazon. Tutto era bleu-blanc-rouge, chi non era a casa aveva la bandierina piantata sul cruscotto dell’auto, tanti ragazzi ci avevano fasciato il bauletto del motorino come se uscissero dallo stadio dopo una vittoria.

Un soprassalto di orgoglio della gente, soprattutto dei giovani, dei coetanei di quei 130 uccisi mentre bevevano una birra con gli amici o saltavano a un concerto rock.

Agli Invalides, chiunque abbia assistito alla cerimonia ha sentito salire l’emozione via via che le due voci alternate – uno speaker uomo e una donna – elencavano i nomi dei morti, quei 130 “di cui non sentiremo più la risata”, come ha detto Hollande. E la commozione aumentava perché ad ogni nome seguiva l’età, quasi tutti fra i 20 e i 30 anni, come Valeria Solesin, i cui familiari erano nella tribuna con gli altri. Fino ad arrivare a Lola, 17 anni, la più piccola di tutti.

“Nonostante le lacrime – ha detto il presidente – questa generazione è diventata il volto della Republique”. Una generazione falciata ma già simbolo dell'”amore della vita” che si oppone al “culto della morte”: “Contro il terrorismo – ha aggiunto il presidente – il fracasso della musica continuerà, moltiplicheremo le canzoni, le concerti e gli spettacoli, continueremo ad andare allo stadio”.

Ogni parola di Hollande è diventata un hashtag, il silenzio, l’assenza di applausi e di facili riti consensuali ha reso tutto più grave, più profondo. Così come la scansione sobria del programma, che non ha rinunciato ad insistere sulla musica, sulle canzoni, proponendo Jacques Brel e una struggente Barbara eseguita da Nathalie Dessay.

“La Francia – ha promesso Hollande – resterà se stessa così come l’avevano amata coloro che sono scomparsi. Se ci fosse bisogno di una ragione per restare in piedi, per batterci per i nostri principi e difendere la nazione, la ritroveremo nel loro ricordo”.

Non ha pianto Hollande, anche se più volte, provato dai lunghi viaggi di questa settimana di offensiva diplomatica, è sembrato sull’orlo della commozione. Durissimo e segnato anche il volto del primo ministro Manuel Valls, solo qualche lacrima nella tribuna dei politici, con il governo in prima fila e l’opposizione dietro.

Emarginate e a disagio le due ali estreme, piazzate uno (Jean-Luc Mélenchon del Front de Gauche) vicino all’altra (Marion Marechal-Le Pen, Front National).

Rispetto assoluto per i familiari e i feriti, tenuti in una tribuna separata, inavvicinabile ai giornalisti, mai inquadrati dalle telecamere. Sul maxischermo, soltanto le immagini che hanno affollato la mente e il cuore di tutti in questi giorni, quelle dei ragazzi della “generazione Bataclan”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora