Parigi piange le vittime. Hollande, distruggeremo l’Isis

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

French President Francois Hollande, center, attends  a ceremony to honor the 130 victims killed in the Nov. 13 attacks in the courtyard of the Invalides in Paris, Friday, Nov. 27, 2015. (Philippe Wojazer/Pool Photo via AP)

French President Francois Hollande, center, attends a ceremony to honor the 130 victims killed in the Nov. 13 attacks in the courtyard of the Invalides in Paris, Friday, Nov. 27, 2015. (Philippe Wojazer/Pool Photo via AP)

PARIGI. – “Un’orda di assassini” che in nome di “una causa folle e di un Dio tradito” ha ucciso “130 dei nostri”. Francois Hollande sembra di ghiaccio e pietra nel gelo del grande cortile degli Invalides. Tutti hanno la gola stretta da un nodo di rabbia e dolore, ma al presidente, per 16 minuti, le parole escono inspiegabilmente con tono sobrio, patriarcale.

L’omaggio alle vittime e ai feriti delle stragi terroristiche che hanno insanguinato Parigi due settimane fa si è consumato con la Tour Eiffel inghiottita dal cielo grigio e Parigi distrutta dal dolore ma fiera con le sue bandiere tricolori alle finestre.

L’aveva chiesto il presidente in una pausa di questa settimana di maratona diplomatica in tutto il mondo e i francesi hanno preso d’assalto i rivenditori, persino Amazon. Tutto era bleu-blanc-rouge, chi non era a casa aveva la bandierina piantata sul cruscotto dell’auto, tanti ragazzi ci avevano fasciato il bauletto del motorino come se uscissero dallo stadio dopo una vittoria.

Un soprassalto di orgoglio della gente, soprattutto dei giovani, dei coetanei di quei 130 uccisi mentre bevevano una birra con gli amici o saltavano a un concerto rock.

Agli Invalides, chiunque abbia assistito alla cerimonia ha sentito salire l’emozione via via che le due voci alternate – uno speaker uomo e una donna – elencavano i nomi dei morti, quei 130 “di cui non sentiremo più la risata”, come ha detto Hollande. E la commozione aumentava perché ad ogni nome seguiva l’età, quasi tutti fra i 20 e i 30 anni, come Valeria Solesin, i cui familiari erano nella tribuna con gli altri. Fino ad arrivare a Lola, 17 anni, la più piccola di tutti.

“Nonostante le lacrime – ha detto il presidente – questa generazione è diventata il volto della Republique”. Una generazione falciata ma già simbolo dell'”amore della vita” che si oppone al “culto della morte”: “Contro il terrorismo – ha aggiunto il presidente – il fracasso della musica continuerà, moltiplicheremo le canzoni, le concerti e gli spettacoli, continueremo ad andare allo stadio”.

Ogni parola di Hollande è diventata un hashtag, il silenzio, l’assenza di applausi e di facili riti consensuali ha reso tutto più grave, più profondo. Così come la scansione sobria del programma, che non ha rinunciato ad insistere sulla musica, sulle canzoni, proponendo Jacques Brel e una struggente Barbara eseguita da Nathalie Dessay.

“La Francia – ha promesso Hollande – resterà se stessa così come l’avevano amata coloro che sono scomparsi. Se ci fosse bisogno di una ragione per restare in piedi, per batterci per i nostri principi e difendere la nazione, la ritroveremo nel loro ricordo”.

Non ha pianto Hollande, anche se più volte, provato dai lunghi viaggi di questa settimana di offensiva diplomatica, è sembrato sull’orlo della commozione. Durissimo e segnato anche il volto del primo ministro Manuel Valls, solo qualche lacrima nella tribuna dei politici, con il governo in prima fila e l’opposizione dietro.

Emarginate e a disagio le due ali estreme, piazzate uno (Jean-Luc Mélenchon del Front de Gauche) vicino all’altra (Marion Marechal-Le Pen, Front National).

Rispetto assoluto per i familiari e i feriti, tenuti in una tribuna separata, inavvicinabile ai giornalisti, mai inquadrati dalle telecamere. Sul maxischermo, soltanto le immagini che hanno affollato la mente e il cuore di tutti in questi giorni, quelle dei ragazzi della “generazione Bataclan”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

12:29Calcio: rinnovo ufficiale, Bonaventura al Milan fino 2020

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Il Milan ha prolungato di un anno, fino al 30 giugno 2020, il contratto di Giacomo Bonaventura. Il club ha ufficializzato l'intesa, già definita prima di Natale con il benestare della cordata cinese in procinto di completare l'acquisto del Milan. In base al nuovo accordo è stato ritoccato l'ingaggio del centrocampista che ora guadagnerà circa due milioni di euro a stagione.

12:28Siria: Iran, contrari a partecipazione Usa a vertice Astana

(ANSA) - TEHERAN, 18 GEN - L'Iran "è contrario alla partecipazione degli Stati Uniti" al vertice di Astana del 23 gennaio prossimo per i colloqui di pace in Siria. Lo ha riferito il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, riportato dall'agenzia Tasnim. "Non abbiamo invitato gli Stati Uniti e ci opponiamo alla loro presenza ai colloqui di Astana", ha detto Zarif. L'Iran si colloca in tal modo su una posizione diversa da Mosca. Ieri, infatti, il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, aveva detto di ritenere opportuno invitare anche Usa e Onu al vertice sulla Siria mediato da Russia, Iran e Turchia.

12:26Maltempo:Val d’Aosta ancora sottozero, ma allenta morsa gelo

(ANSA) - AOSTA, 18 GEN - Ancora sole e temperature sottozero in Valle d'Aosta, dove tuttavia la morsa del gelo degli ultimi giorni si sta lentamente allentando. Ad Aosta il termometro segna -7,8 gradi, la minima a Courmayeur è di -10 e a Cervinia di -14 gradi. Per le prossime ore è previsto un rialzo termico moderato, soprattutto oltre i mille metri di altitudine per il fenomeno dell'inversione termica nella valli. (ANSA).

12:23Maltempo: Anas, riaperti tratti E45 tra E-R e Toscana

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - E' stata riaperta la strada statale 3bis 'Tiberina' - nota anche come E45 - da Cesena Nord, in Romagna a Pieve Santo Stefano, nell'Aretino. Riaperto anche il tratto tra Bagno di Romagna e il confine con la Toscana. Lo comunica l'Anas, sul suo sito nella sezione dedicata all'emergenza maltempo e al piano neve. Sui tratti della E45 coinvolti, viene spiegato, "permangono rallentamenti ed il transito è consentito ai soli veicoli leggeri dotati di dispositivi invernali". Ieri sempre sulla E45, a causa della neve, era stato chiuso al traffico un tratto della strada tra Romagna e Toscana, compreso tra il km 149 e il km 200, fra S.Stefano e Montecastello nel Forlivese. Uomini e mezzi dell'Anas, si legge ancora, "stanno intervenendo ininterrottamente su numerosi tratti stradali in Abruzzo, Umbria, Marche, Emilia Romagna e Toscana per garantire la transitabilità e prevenire disagi alla circolazione". (ANSA).

12:23Tennis: Australia, Federer e Wawrinka al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il tennista svizzero Roger Federer si è qualificato per il terzo turno degli Australian Open, battendo l'americano Noah Rubin con il punteggio di 7-5 6-3 7-6 in una partita durata poco più di 2 ore. Nel prossimo turno lo svizzero se la vedrà con il ceco Thomas Berdych. Vittoria anche per l'altro svizzero, Stanislaw Wawrinka, che ha liquidato in un'ora e 51 minuti l'altro americano Steve Jonhson con il punteggio di 63- 6-4 6-4. Al prossimo turno Wawrinka affronterà il serbo Troicki che ha eliminato l'azzurro Paolo Lorenzi.(ANSA).

12:20Terremoto: scossa 5.3 tra L’Aquila e Rieti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Scossa di terremoto di magnitudo 5,3, secondo le prime stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), stamani alle 10.25 tra L'Aquila e Rieti. La scossa è stata sentita nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed è stata avvertita anche a Roma. L'epicentro si trova nella zona di Montereale.

12:13Pregiudicato ucciso a Bari,colpito alla testa mentre guidava

(ANSA) - BARI, 18 GEN - Il 40enne Francesco Barbieri, ucciso ieri sera in un agguato al quartiere Japigia di Bari sarebbe stato inseguito da sicari in sella ad un motorino e colpito mentre era alla guida di un'auto dinanzi al Palaflorio per poi finire la propria corsa, ormai senza vita contro il muro di una scuola. Almeno cinque i bossoli trovati sull'asfalto, quattro colpi sono andati a segno. I sicari hanno affiancato l'auto di Barbieri e hanno sparato infrangendo il finestrino dal lato del guidatore. Tre proiettili hanno ferito il 40enne a braccio e spalla, uno, mortale, alla testa. L'autopsia, che servirà anche a stabilire l'esatta traiettoria dei proiettili per ricostruire la dinamica dell'agguato, sarà eseguita nel pomeriggio. Secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Bari, coordinati dal pm della Dda Ettore Cardinali, l'uomo aveva piccoli precedenti per spaccio ma non risulta affiliato ad un clan. Ieri sera stava raggiungendo la famiglia ad una festa quando è stato freddato.

Archivio Ultima ora