Sei bambini morti in 2 naufragi, nuova tragedia migranti

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

A boat is full of life jackets that migrants and refugees used on their travel to the Greek island of Lesbos (Lesvos), Greece, 16 November 2015 .  EPA/ORESTIS PANAGIOTOU

A boat is full of life jackets that migrants and refugees used on their travel to the Greek island of Lesbos (Lesvos), Greece, 16 November 2015 . EPA/ORESTIS PANAGIOTOU

ISTANBUL. – Nuova tragedia delle migrazioni nelle acque tra Turchia e Grecia. Sei bambini sono annegati l’altra notte in due naufragi di gommoni stracarichi di persone, rovesciatisi a causa delle difficili condizioni meteorologiche.

Il primo episodio poco dopo la mezzanotte: la Guardia costiera turca riceve una richiesta di soccorso per un gommone diretto all’isola greca di Lesbo con a bordo 55 persone, di nazionalità siriana e afghana. L’intervento ne trae in salvo 51, ma i 4 corpi di bimbi afghani verranno trovati poco dopo senza vita al largo di Ayvacik, nella provincia nordoccidentale di Canakale.

Qualche ora più tardi, un altro gommone si rovescia circa 400 km più a sud, sempre nel mar Egeo. I corpi di due fratellini siriani di 1 e 4 anni, Diven Halil Hussein e Beren Halil Hussein, vengono trovati al largo di Bodrum, nella provincia di Mugla, dopo il naufragio del loro gommone diretto a Kos. Altre 15 persone sono tratte in salvo, mentre almeno 3 risultano disperse.

Due incidenti in poche ore provocati anche dalle piogge intense e dal forte vento da sud-ovest che hanno investito la zona. Il bilancio di una nottata drammatica nelle acque di fronte alla costa egea della Turchia parla di altri 357 migranti salvati. Tra loro anche una bimba di 4 anni, ritrovata da sola. Subito portata in ospedale, è adesso in buone condizioni.

Il flusso di disperati verso le coste greche non accenna a diminuire neppure con l’arrivo del freddo. Tra 48 ore il premier turco Ahmet Davutoglu sarà a Bruxelles per il summit straordinario con l’Ue sull’immigrazione, da cui si attende una nuova strategia coordinata per ridurre le partenze e gli incidenti in mare.

“L’Ue è stata impreparata ad affrontare i flussi dei rifugiati, l’Italia lo ha detto: è un problema europeo”, ha spiegato l’Alto rappresentante per la politica estera e di difesa della Ue, Federica Mogherini.

“C’è voluta l’ondata di rifugiati sulla rotta balcanica per renderci conto che c’è bisogno di una risposta europea. Il regolamento di Dublino praticamente non è più vigente, è giunto il momento che anche i governi si rendano conto che è necessario prendere una decisione seria sui flussi migratori e dei rifugiati. L’Europa non si può permettere che le persone muoiano sul nostro territorio per lentezza”, ha avvisato Mogherini.

Secondo gli ultimi dati forniti da Ankara, rispetto all’anno scorso i salvataggi sull’Egeo sono aumentati di oltre il 500%, passando da 14.961 in 574 interventi a 79.489 in 2.133 operazioni. Ma i morti su questa rotta sono quasi 600 e la Turchia resta sotto accusa per un filtro alle frontiere giudicato insufficiente da molti governi europei.

“In Turchia non c’è controllo sui migranti, sui profughi, o sui terroristi. E da alcune informazioni nasce il sospetto fondato che ci sia anche una cooperazione con i trafficanti – è l’accusa del presidente greco Prokopis Pavlopoulos, in visita oa Roma -. La Turchia deve rispettare i suoi obblighi, se vuole proseguire il suo percorso europeo”.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora