Vendette e rivalità, in Iraq le incognite del dopo Isis

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

isis

BAGHDAD/BEIRUT. – Vendette contro una popolazione araba sunnita percepita in toto come sostenitrice dei jihadisti e rivalità sui nuovi assetti territoriali: non sarà tranquillo il futuro delle regioni liberate dalla presenza dell’Isis, come dimostrato da quanto sta avvenendo in Iraq.

L’ultimo caso è quello di Sinjar, città ‘patria’ della minoranza Yazidi nel nord-ovest del Paese, dove in migliaia sono stati uccisi e molte donne ridotte a schiave sessuali nell’estate del 2014, dopo l’ingresso dello Stato islamico. Vian Dakhil, la deputata irachena di questa minoranza che ha denunciato per prima le violenze contro la sua comunità, ha rivolto ora un appello ai correligionari perché non si lascino andare a vendette contro la popolazione locale che ha sostenuto l’Isis.

“Solo le autorità giudiziarie possono individuare i collaborazionisti”, ha affermato Dakhil.

Saccheggi e distruzioni di case sono stati segnalati da quando, a metà novembre, la città è stata riconquistata da una coalizione curda con l’appoggio dei raid aerei americani. Ma questa volta a commetterli sono stati Yazidi per vendicarsi della popolazone araba e turcomanna sunnita, che in parte aveva sostenuto l’Isis.

Violenze simili erano già avvenute in altre parti dell’Iraq sottratte al controllo dello Stato islamico, in particolare nella provincia di Diyala. Nell’ottobre del 2014 Amnesty International aveva accusato le milizie sciite, armate e sostenute dal governo di Baghdad e in parte dall’Iran, di avere ucciso decine di civili sunniti. Con il rischio che un maggior numero di appartenenti a questa comunità si schieri per reazione con il ‘Califfato’.

Ma Sinjar è anche un simbolo dei nodi politici che verranno al pettine quando lo Stato islamico sarà stato sconfitto. La città è stata strappata all’Isis da milizie curde irachene, siriane, turche del Pkk e degli Yazidi. Ma tensioni sono subito scoppiate sugli assetti futuri dell’area.

Le autorità della regione autonoma del Kurdistan iracheno hanno affermato che Sinjar è ormai parte integrante del loro territorio, e hanno intimato alle altre formazioni curde di lasciare la città. Mentre il governo centrale di Baghdad ha espresso il suo malumore per il fatto che i Peshmerga abbiano innalzato la bandiera curda sulla città.

Una deputata sciita del Parlamento di Baghdad, Aliya Nusayef, ha accusato apertamente gli Stati Uniti di avere dato “luce verde” al presidente del Kurdistan iracheno, Massud Barzani, per impossessarsi di sempre nuove parti di territorio finora sotto il controllo del governo centrale, compresa la provincia di Kirkuk, ricca di petrolio.

Ma alcuni capi tribali anti-Isis accusano anche Washington di non fornire sostegno aereo, come fatto a Sinjar, alle forze lealiste che da mesi cercano di strappare all’Isis la città di Ramadi, capoluogo della provincia occidentale di Al Anbar.

Fonti locali si dicono convinte che a frenare l’impegno degli Usa sia il timore di vedere piombare la città nel caos e nella violenza dopo la partenza dei jihadisti, poiché alcune forze tribali si sono schierate proprio con l’Isis, insieme a una parte delle forze di polizia locali.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

19:31Voto Saarland: Schulz, non è buona giornata per l’Spd

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - "Ci sono giorni buoni e meno buoni: non direi che quello di oggi appartiene a quelli buoni per l'Spd". Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi Martin Schulz, commentando il risultato delle elezioni nel Saarland, dove ha vinto la Cdu con 10 punti di vantaggio, secondo gli exit poll. "Sono un vecchio calciatore", ha aggiunto, "e i giorni meno buoni rappresentano una motivazione".

19:28Attacco Londra: arrestato un 30enne a Birmingham

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo di 30 anni è stato arrestato a Birmingham nell'ambito delle indagini sull'attacco a Londra: è sospettato - riferisce la Press Association - di preparare attentati terroristici.

19:21Trump cancellerà le norme di Obama contro il gas serra

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - Il capo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa), Scott Pruitt, ha annunciato alla Abc che martedì il presidente Donald Trump firmerà un nuovo ordine esecutivo che cancella il piano di Obama per ridurre il surriscaldamento globale. Si tratta del Clean Power Plan, una normativa che limita i gas serra nelle centrali a carbone. Normativa che tuttavia è stata sospesa lo scorso anno in attesa che una corte federale esamini il ricorso presentato da alcuni stati repubblicani favorevoli all'energia fossile e di oltre cento società.

19:14Trump: Wsj, Flynn discusse con turchi ‘rapimento’ Gulen

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Usa Mike Flynn, mentre era ancora tra i collaboratori di Trump durante la campagna elettorale, incontrò alti dirigenti del governo turco e discusse l'ipotesi di portare in Turchia, senza estradizione legale, Fethullah Gulen, l'imam residente in Usa che secondo Ankara avrebbe orchestrato il fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo ha rivelato al Wall Street Journal James Woolsey, direttore della Cia sotto Bill Clinton, divenuto poi collaboratore della campagna di Trump. L'idea, ha raccontato Wollsey, era "una iniziativa coperta nel cuore della notte per portare via questa persona", ma non sarebbero stati discussi piani specifici né è dato sapere chi lanciò la proposta. All'incontro, svoltosi in un hotel di Manhattan il 19 settembre scorso, parteciparono anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu e Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Un portavoce di Flynn ha negato che si sia discusso di alcunché di illegale.

19:04Russia: polizia conferma, circa 500 fermi oggi a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - La polizia di Mosca ha confermato che "circa 500 persone" sono state fermate oggi dalle forze dell'ordine durante la manifestazione non autorizzata indetta da Alexei Navalny. "Sono state portate nelle stazioni distrettuali della polizia per sbrigare le pratiche di violazione delle disposizioni amministrative". Lo riporta la Tass che cita un portavoce della polizia.

18:50Prostituta uccisa Bologna: confessa uomo sentito in questura

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - Ha confessato di essere l'autore dell'omicidio l'uomo interrogato in questura a Bologna per la morte di Ana Maria Stativa, la prostituta 30enne trovata deceduta per un colpo al capo ieri pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, in zona Murri. L'uomo, Francesco Serra, 55enne, era un cliente che si era invaghito della donna. Assistito da un avvocato è stato sentito a lungo dagli investigatori della squadra mobile e dal Pm Roberto Ceroni: alla fine ha ammesso l'omicidio e fatto ritrovare l'arma utilizzata per uccidere, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali. Serra è ora in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. La scintilla che ha fatto scattare la volontà omicida sarebbe il fatto che Ana Maria voleva tornare in Romania e lui non voleva. Le indagini vagliano anche possibili problemi di ordine economico tra omicida e vittima. La donna era stato trovata morta dal fidanzato che aveva dato l'allarme.(ANSA).

18:42Germania: exit poll Saarland, Cdu in testa con il 40%

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - Resta la Cdu di Angela Merkel il partito più forte del Saarland, in Germania, con il 40% dei voti, stando al primo exit poll. L'Spd avrebbe conquistato invece il 30% dei voti. Stando a questi dati resta fuori dal parlamentino regionale l'Fdp con il 3,5%, mentre i populisti dell'Afd sono dentro con il 6%.

Archivio Ultima ora