Vendette e rivalità, in Iraq le incognite del dopo Isis

Pubblicato il 27 novembre 2015 da redazione

isis

BAGHDAD/BEIRUT. – Vendette contro una popolazione araba sunnita percepita in toto come sostenitrice dei jihadisti e rivalità sui nuovi assetti territoriali: non sarà tranquillo il futuro delle regioni liberate dalla presenza dell’Isis, come dimostrato da quanto sta avvenendo in Iraq.

L’ultimo caso è quello di Sinjar, città ‘patria’ della minoranza Yazidi nel nord-ovest del Paese, dove in migliaia sono stati uccisi e molte donne ridotte a schiave sessuali nell’estate del 2014, dopo l’ingresso dello Stato islamico. Vian Dakhil, la deputata irachena di questa minoranza che ha denunciato per prima le violenze contro la sua comunità, ha rivolto ora un appello ai correligionari perché non si lascino andare a vendette contro la popolazione locale che ha sostenuto l’Isis.

“Solo le autorità giudiziarie possono individuare i collaborazionisti”, ha affermato Dakhil.

Saccheggi e distruzioni di case sono stati segnalati da quando, a metà novembre, la città è stata riconquistata da una coalizione curda con l’appoggio dei raid aerei americani. Ma questa volta a commetterli sono stati Yazidi per vendicarsi della popolazone araba e turcomanna sunnita, che in parte aveva sostenuto l’Isis.

Violenze simili erano già avvenute in altre parti dell’Iraq sottratte al controllo dello Stato islamico, in particolare nella provincia di Diyala. Nell’ottobre del 2014 Amnesty International aveva accusato le milizie sciite, armate e sostenute dal governo di Baghdad e in parte dall’Iran, di avere ucciso decine di civili sunniti. Con il rischio che un maggior numero di appartenenti a questa comunità si schieri per reazione con il ‘Califfato’.

Ma Sinjar è anche un simbolo dei nodi politici che verranno al pettine quando lo Stato islamico sarà stato sconfitto. La città è stata strappata all’Isis da milizie curde irachene, siriane, turche del Pkk e degli Yazidi. Ma tensioni sono subito scoppiate sugli assetti futuri dell’area.

Le autorità della regione autonoma del Kurdistan iracheno hanno affermato che Sinjar è ormai parte integrante del loro territorio, e hanno intimato alle altre formazioni curde di lasciare la città. Mentre il governo centrale di Baghdad ha espresso il suo malumore per il fatto che i Peshmerga abbiano innalzato la bandiera curda sulla città.

Una deputata sciita del Parlamento di Baghdad, Aliya Nusayef, ha accusato apertamente gli Stati Uniti di avere dato “luce verde” al presidente del Kurdistan iracheno, Massud Barzani, per impossessarsi di sempre nuove parti di territorio finora sotto il controllo del governo centrale, compresa la provincia di Kirkuk, ricca di petrolio.

Ma alcuni capi tribali anti-Isis accusano anche Washington di non fornire sostegno aereo, come fatto a Sinjar, alle forze lealiste che da mesi cercano di strappare all’Isis la città di Ramadi, capoluogo della provincia occidentale di Al Anbar.

Fonti locali si dicono convinte che a frenare l’impegno degli Usa sia il timore di vedere piombare la città nel caos e nella violenza dopo la partenza dei jihadisti, poiché alcune forze tribali si sono schierate proprio con l’Isis, insieme a una parte delle forze di polizia locali.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora