Il presidente Pietro Grasso al convegno “Carlo Levi e l’emigrazione italiana”

Pubblicato il 28 novembre 2015 da redazione

Carlo-Levi-Senato

ROMA – Il presidente del Senato Pietro Grasso ha aperto a Palazzo Madama, in Sala Zuccari, il convegno su “Carlo Levi. Senatore, scrittore e pittore. A 40 anni dalla morte. Uno sguardo partecipato sull’emigrazione italiana”, organizzato dal Comitato per le questioni degli italiani all’estero.

Qui di seguito il testo integrale dell’intervento.

Gentili Ospiti, colleghi,
è con molto piacere che ho accolto l’invito che il senatore Micheloni mi ha rivolto chiedendomi di intervenire a questo incontro su Carlo Levi, figura di intellettuale complessa e dai molti talenti, nel quarantesimo anniversario dalla morte e settantesimo dalla pubblicazione della sua opera più nota, “Cristo si è fermato a Eboli”.

Come si evince dal titolo, colui che ricordiamo principalmente come scrittore in questa sede sarà oggetto di relazioni che esamineranno le sue diverse sfaccettature, perché Levi fu anche apprezzato pittore e politico attivamente impegnato.

Il suo capolavoro scritto a Firenze durante l’occupazione tedesca della città, “Cristo si è fermato a Eboli”, è una rielaborazione dell’esperienza del confino prima a Grassano e poi ad Aliano, in provincia di Matera. Ebbe immediato successo, suscitando dibattiti e analisi sul rapporto tra civiltà contadina e modernizzazione, e divenne il soggetto del noto film di Francesco Rosi del 1979, prestandosi perfettamente alla trasposizione da parte del grande regista recentemente scomparso date le sue forti analogie con il filone di narrativa neorealista.

C’è una frase in quel libro che colpisce il nervo più scoperto per chi, come me, ha servito le Istituzioni, in forme diverse, per tutta la vita: “Che cosa avevano essi a che fare con il Governo, con il Potere, con lo Stato? Lo Stato, qualunque sia, sono «quelli di Roma», e quelli di Roma, si sa, non vogliono che noi si viva da cristiani. C’è la grandine, le frane, la siccità, la malaria, e c’è lo Stato. Sono dei mali inevitabili, ci sono sempre stati e ci saranno sempre.”

Mi viene da dire che Cristo può fermarsi dove crede, nella sua onnipotenza, ma lo Stato non può certo fermarsi ad Eboli, o a Roma. Così ogni volta che leggo di un viadotto crollato in Calabria o in Sicilia, di trasporti veloci che si fermano a Salerno, di strade che sono in perenne costruzione o, come nei giorni scorsi, di intere città senz’acqua, come Messina, o in cui esce dai rubinetti acqua gialla, come a Olbia, mi chiedo quando le Istituzioni – nazionali, regionali, locali – saranno davvero in grado di creare le condizioni per uno sviluppo che vada oltre lo 0,1% e metta in condizione di vera parità e uguaglianza, almeno in partenza, tutti i cittadini del nostro Paese. Sono state procrastinate alla seconda lettura alla Camera le misure per il sud, attendiamo fiduciosi.

Torniamo a Carlo Levi: nel 1963 entrò in politica, risultando eletto senatore nel collegio di Civitavecchia come indipendente del Partito comunista italiano e, nel 1968, nel collegio di Velletri nelle liste del PCI – PSIUP (Partito socialista di unità proletaria). Nei nove anni di mandato parlamentare nella IV e nella V legislatura fu membro di Commissioni diverse e, come documentato nella raccolta dei “Discorsi parlamentari” edita dal Senato, intervenne sulle più importanti questioni di politica interna e di politica estera dell’epoca: il varo dei primi governi di centrosinistra (che lealmente contrastò), i problemi del Sud, dell’emigrazione e della programmazione economica, la contestazione studentesca, la “primavera di Praga”, la guerra del Vietnam, i rapporti con la Cina.

Essendo stato anche componente della Commissione di indagine sul patrimonio culturale, tema a lui caro, intervenne a più riprese anche in quest’ambito, in particolare in occasione delle celebrazioni del settimo centenario della nascita di Dante, della morte di Giorgio Morandi e per la tutela dei beni artistici e paesaggistici. Conoscendo a fondo la realtà e le problematiche che hanno origini storiche lontane, giudico, inoltre, di particolare rilievo i discorsi riguardanti le condizioni della Sicilia, indubbiamente sollecitati dalla consonanza intellettuale e dall’amicizia tra Carlo Levi e Danilo Dolci.

La risonanza che ebbe il romanzo scritto in seguito all’esperienza del confino mise in ombra la sua attività di pittore – anch’essa sotto molti profili influenzata dal soggiorno coatto in Basilicata – ma non è affatto da escludere che, se il corso della sua vita non fosse stato profondamente segnato e mutato dall’improvvisa notorietà in ambito letterario, probabilmente lo ricorderemmo principalmente come pittore di nature morte, nudi, paesaggi e ritratti, pittore assolutamente riconosciuto, tant’è che espose nell’ambito di manifestazioni prestigiose quali la Biennale Venezia del 1924 e quella successiva.

Come si è visto, le angolazioni da cui esaminare l’opera di Carlo Levi sono molteplici. Molto è già stato scritto e detto rispetto ad ognuna di esse. Per questo trovo particolarmente originale il taglio che si è voluto dare all’incontro odierno, il rapporto Levi-emigrazione, e mi complimento vivamente per la scelta. In attesa dei nuovi elementi che i vostri contributi ci forniranno anche su questo aspetto meno noto, vi auguro buon lavoro.

Ultima ora

19:44Russiagate: sospesa audizione avv. Trump,sarà pubblica

(ANSA) - WASHINGTON, 19 SET - La commissione Intelligence del Senato Usa ha rinviato la testimonianza dell'avvocato di Donald Trump, Michael Cohen - convocato oggi a Capitol Hill nell'ambito dell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate - dopo che Cohen ha ignorato la richiesta della stessa Commissione di non parlare con la stampa della sua testimonianza. Cohen ha invece diffuso una dichiarazione a riguardo in mattinata. In risposta la Commissione ha fatto sapere che verrà fissata un'altra audizione "nel prossimo futuro" e che sarà pubblica.

19:35Calcio: Genoa, Veloso “Juric non si discute”

(ANSA) - GENOVA, 19 SET - Una partita che "non si può sbagliare". Così Miguel Veloso definisce la gara di domani al Ferraris con il Chievo. Sfida che vede il tecnico Juric già in bilico. "Il calcio è così. Quando le cose vanno male il colpevole o è l'allenatore o il presidente - ha spiegato Veloso -, alla fine però chi va in campo siamo noi e quindi anche noi abbiamo delle responsabilità. Non credo che Juric meriti di essere messo in discussione". La sfida col Chievo, con il ritorno di Bertolacci, il recupero di Biraschi, Pandev in miglioramento, può diventare la gara della svolta in una stagione iniziata male. Gara in cui Pellegri potrebbe partire titolare. "Per me non ha 16 anni - ha scherzato Veloso -. E' un ragazzo con tante qualità, che si allena con maturità e lo dimostra quando gioca. Titolare? Non penso sia troppo giovane, si allena con noi dallo scorso anno e sa cosa vuole il mister da lui, di certo può darci una mano".

19:24Cc Firenze: gip rigetta, non sentirà ragazze Usa

(ANSA) - FIRENZE, 19 SET - Il gip di Firenze Mario Profeta ha rigettato la richiesta della procura di tenere un incidente probatorio per ascoltare le due studentesse Usa che hanno denunciato la violenza sessuale subita da due carabinieri la notte tra il 6 e il 7 settembre scorso. Il gip ritiene che non vi siano i presupposti, neanche di urgenza, per acquisire di nuovo le testimonianze delle due giovani oltre ai verbali di denuncia. Le studentesse potranno tornare in Italia in un altro momento per i futuri processi.(ANSA).

19:23Padre con due bimbi tra rifiuti e topi a Parma

(ANSA) - PARMA, 19 SET - Un padre con due bambini piccoli in un locale di 20 metri quadri, umido e sporco, con un ammasso di rifiuti davanti all'ingresso e ratti che scorazzavano. Li ha trovati la Polizia municipale di Parma durante un controllo in un casolare nella zona San Leonardo. Nello stabile sono stati trovati diversi giacigli con tracce di recenti bivacchi e una donna straniera che dormiva ed è stata indirizzata alla Caritas. In una seconda unità è stato trovato l'uomo, un romeno, che ha detto di essere il padre dei piccoli e ha aggiunto che la mamma era invece 'impegnata' a chiedere l'elemosina in centro. Non avevano documenti e sono stati accompagnati al comando, dove i bambini sono stati ristorati; poi sono stati contattati i servizi sociali. Da un controllo pediatrico i bambini sono risultati in buona salute, nonostante le scarse condizioni igieniche. La famiglia è stata temporaneamente collocata in strutture emergenziali. (ANSA).

19:23Macron a Trump, accordo clima non sarà mai rinegoziato

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - "L'accordo non sarà mai rinegoziato. Rispetto profondamente la decisione degli Stati Uniti e la porta resterà aperta per un loro ritorno. Ma noi andremo avanti": così il presidente francese Emmanuel Macron dalla tribuna dell'Assemblea generale dell'Onu ha replicato a Donald Trump sull'accordo di Parigi sul clima.

19:22Birmania:Macron accusa,pulizia etnica contro Rohingya

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Il presidente francese Emmanuel Macron denuncia la "pulizia etnica" in corso in Birmania contro i Rohingya nel corso del suo primo intervento all'Assemblea generale dell'Onu.

19:20Calcio: Lazio-Napoli, attesi oltre 20mila spettatori

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Sono oltre 20mila gli spettatori attesi per la partita di domani sera tra Lazio e Napoli all'Olimpico. Di questi, quasi duemila provenienti da tutta Italia. Circa 200, invece, gli ultras partenopei in arrivo da Napoli, tutti in possesso di fidelity card. Il piano sicurezza è stato messo a punto ad un tavolo tecnico presieduto dal questore Guido Marino. Previsto un "presidio capillare del territorio" ma "senza blindatura", sottolinea la Questura. Controlli accurati ai caselli autostradali e telecamere della polizia scientifica, oltre il sistema di videosorveglianza dello stadio, soprattutto nelle aree esterne. L'afflusso prevede due direttrici opposte: per i laziali dall'area di Ponte Milvio, raggiungibile dalle arterie Flaminia, Salaria e tangenziale; mentre per i napoletani, che siederanno nel settore Sud, l'arrivo consigliato è dalla direttrice Aurelia e Olimpica per chi deve andare in tribuna Monte Mario. Venti le pattuglie di polizia e dei carabinieri che vigileranno per evitare incontri fra tifoserie.

Archivio Ultima ora