Petrolio: Iran, nuovo contratto vantaggioso per tutti

Pubblicato il 28 novembre 2015 da redazione

iran'petrolio

TEHERAN.- Un contratto ‘win-win’, con vantaggio reciproco, tra l’Iran e le grandi compagnie straniere che vorranno investire nelle sue vaste risorse di petrolio e gas. A presentarlo così, dopo due anni di incubazione, il ministro del Petrolio Bijan Zanganeh, ad una platea di vip del settore convocati per il Tehran Summit, la prima di due conferenze internazionali – la seconda in febbraio a Londra – in vista della piena entrata in vigore dell’accordo sul nucleare (attesa a inizio 2016) e della nuova era del dopo-sanzioni.

Durata dei contratti estesa da 7 a 20 anni, per garantire tempo per i rientri degli investimenti, e partner compensati non più da una quota fissa come con il vecchio modello buy-back, ma con una parte della effettiva produzione.

Al tempo stesso però l’Iran, con la National Iranian Oil Company (Nioc), rende obbligatorie le joint-venture con imprese locali, per progetti di sviluppo in tutte le fasi della produzione del petrolio come nella petrolchimica e raffineria. Con lo scopo di rafforzare l’industria nazionale, tramite il trasferimento di know-how e tecnologia.

Anche l’Eni, con il suo vicepresidente Lapo Pistelli, partecipa al summit che si conclude oggi. E figura tra le “molte compagnie europee ed asiatiche – ha detto Zanganeh – interessate a investire nella industria petrolifera iraniana. Dobbiamo negoziare con loro, e non posso dire quale sia più vicina a chiudere un contratto”.

Tra i colossi dell”oil&gas’ che non hanno mancato l’evento la francese Total, la britannica Bp, le russe Lukoil e Gazprom, la Royal Dutch Schell, insieme ad altri da Cina, Giappone e Malesia. Ma anche le ‘major’ Usa sono benvenute, ha aggiunto il ministro, anche se forse sono loro – ha fatto capire – ad avere problemi.

Intanto sono stati presentati una cinquantina di progetti di sviluppo (e una ventina per l’esplorazione), per i quali l’Iran invita ad investimenti per 30 miliardi di dollari.

Nel frattempo la partita resta aperta con l’Opec, che ha fatto “il grande errore”, per Zanganeh, di abolire il sistema delle quote per Paese, introducendo il tetto di 30 milioni di barili complessivi al giorno.

Il ritorno alle quote sarebbe una partita persa per l’Iran, che siede nell’Opec insieme al grande rivale politico rappresentato dall’Arabia Saudita, ma non per questo Teheran intende rinunciare a riprendersi la quota di mercato persa negli ultimi tre anni (con un export passato da 2,3 milioni ad un milione di barili al giorno).

Il ministro ha infatti confermato che, all’implementation day, l’Iran è pronto a rimettere sul mercato 500 mila barili al giorno, e altri 500 mila dopo i primi sei mesi. E un ulteriore calo del prezzo del petrolio, ha assicurato, non metterà a rischio i grandi progetti per il futuro: l’obiettivo è infatti quello di arrivare a 5,7 milioni di barili al giorno entro il 2020.

(di Luciana Borsatti-ANSA)

Ultima ora

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

22:21Calcio: Candreva, non siamo stati all’altezza dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Quest'anno non siamo stati all'altezza della maglia che indossiamo". Antonio Candreva, a margine del 22esimo Premio Gentleman, non usa mezze misure per definire la stagione dell'Inter: "Negativa". "Non ce lo aspettavamo nemmeno noi - ammette Candreva - ma ci sono tanti perché. Siamo partiti con tante difficoltà e finito con altrettante difficoltà. I tifosi sono delusi ma lo siamo anche noi. Hanno hanno avuto tanta pazienza per le figure che gli abbiamo fatto fare. Gli dobbiamo delle scuse perché ci sono stati molto vicini. Ripartiremo dalla prossima stagione con un altro registro, con un altro atteggiamento". E sulla scelta del nuovo allenatore, con Spalletti candidato numero uno, Candreva è convinto che la dirigenza saprà scegliere bene: "Io e i miei compagni pensiamo al campo. La società è ambiziosa e vuole tornare in alto e sceglierà un allenatore competente e vincente per tornare in alto".

Archivio Ultima ora