Napoli Inter 2-1, azzurri in testa da soli dopo 25 anni

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

Napoli's Gonzalo Higuain celebrates the victory at the end of the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs FC Inter at San Paolo stadium in Naples, Italy, 30 November 2015. ANSA/CESARE ABBATE

Napoli’s Gonzalo Higuain celebrates the victory at the end of the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs FC Inter at San Paolo stadium in Naples, Italy, 30 November 2015.
ANSA/CESARE ABBATE

NAPOLI. – Il Napoli si aggiudica il big match con l’Inter grazie ad una doppietta di Higuain e si issa in vetta al primo posto scavalcando i nerazzurri. Il bomber, 12 reti finora, è andato in gol al 2′ pt e il Napoli ha dominato la frazione. Nella ripresa, con l’Inter in 10 per l’espulsione di Nagatomo, l’argentino ha raddoppiato al 17′, ma 5′ dopo Liajic ha ridotto le distanze e l’Inter si è fatta sotto, colpendo due pali nel finale.

In classifica, Napoli 31 punti, Inter 30, Fiorentina 29 e Roma 27

Con il successo sull’Inter, il Napoli torna da solo in testa alla classifica di serie A dopo 25 anni. Per trovare l’ultima volta che gli azzurri avevano chiuso una giornata di campionato al comando da soli bisogna infatti risalire al 29 aprile 1990, quando la squadra allora allenata da Bigon vinse il secondo scudetto. Il Napoli aveva già ipotecato lo scudetto vincendo la settimana prima 4-2 a Bologna e chiusero in trionfo battendo 1-0 la Lazio. Da allora il Napoli era stato altre volte in testa alla classifica di serie A ma sempre in coabitazione con altre squadre.

“E’ una notte spettacolare, stiamo lavorando tanto, siamo in un buon momento ma non dobbiamo esagerare, dobbiamo tenere i piedi per terra perché manca tantissimo”: così ai microfoni di Premium Sport Gonzalo Higuain commenta la vittoria del suo Napoli contro l’Inter che vale il primato in classifica. ”Io nuovo re di Napoli? Lavoro per vincere, perché questa squadra e questa città lo meritano – aggiunge – Scudetto? E’ lecito sognare quindi noi sogniamo”

Sarri, scudetto? Con 31 punti non ci si salva nemmeno – “Il primo posto è il coronamento di un periodo positivo: c’è grande soddisfazione dei nostri tifosi che non provavano un’emozione simile da 25 anni e questo ci fa piacere, ma da domani dobbiamo ripartire perché ancora non abbiamo fatto niente”. Queste le parole del tecnico del Napoli, Maurizio Sarri dopo la vittoria sull’Inter.

“Higuain dice che sognare è lecito? Io non faccio il sognatore: questi ragazzi devono rimanere con i piedi per terra, con 31 punti non ci si salva neanche”, ha aggiunto ai microfoni di Premium Sport.

“Per quanto riguardava l’approccio alla partita era una partita facile, per quanto riguardava le reazioni nella partita era difficile: pensavamo di averla vinta e questi errori non dobbiamo farli, in una partita che per 65′ era in totale predominio. Fatto il 2-0 siamo diventati passivi e dopo il gol preso siamo andati in ansia”, ha affermato ancora Sarri, che sull’espulsione di Nagatomo ha parlato di “giallo inevitabile. Se Mancini dice che Callejon ha simulato ha la sua opinione”. “Scudetto derubricato da bestemmia a parolaccia? No, non fatemi scomunicare: è ancora una bestemmia”, ha concluso.

“Non meritavamo di perdere. E’ una sconfitta ma non sul piano del gioco. La differenza l’hanno fatta anche i loro campioni, Higuain che ha fatto due gol e Reina che ha fatto tre grandi parate”. Lo ha detto Roberto Mancini dopo il 2-1 subito a Napoli, che imputa gran parte della colpa del ko all’arbitro: “Stavamo giocando anche nel primo tempo contro la squadra più forte del campionato. Era una partita molto aperta, rovinata da quell’episodio (l’espulsione di Nagatomo per doppia ammonizione, ndr.) perché non esiste buttar fuori un giocatore così – ha sostenuto ai microfoni di Premium Sport -, sembra che sia meglio buttar fuori un giocatore che andare con una bella donna. Non si possono giocare tutte le partite importanti in 10 contro 11”.

“Ho solo detto all’arbitro che Nagatomo è stato espulso per un mezzo fallo, il secondo – ha insistito Mancini -. Il primo era simulazione netta di Callejon. E’ un’espulsione che ha cambiato la partita, in undici non avremmo perso, forse avremmo vinto”. “Se siamo stati in testa fino ad oggi – ha detto ancora -, vuol dire che abbiamo fatto bene, adesso siamo secondi ma non cambia niente. Il Napoli non ha dominato, sono forti e ci hanno creato delle difficoltà ma hanno avuto anche fortuna. Le altre partite in casa hanno dominato, stasera no. La squadra gioca meglio senza Icardi? L’Inter gioca bene e male come fanno tutte le squadre, non c’entrano i singoli”.

Ultima ora

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

Archivio Ultima ora