Disoccupazione ai minimi da tre anni, ma il Pil rallenta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

lavoro

ROMA. – La disoccupazione scivola ai minimi da tre anni, con il tasso che si ferma all’11,5%, ma l’attesa revisione al rialzo della stima del Pil non arriva: anzi, la limatura è stata al ribasso. Gli ultimi dati dell’Istat oscillano quindi tra segni più e meno ma il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha le idee chiare sul risultato finale della crescita per quest’anno: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9”, il target fissato nel Def.

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, invita infatti all’ottimismo. Fra la fiducia e la paura, dice il ministro, “penso prevalga” la prima. Ad oggi tuttavia i numeri dell’Istituto di statistica non hanno soddisfatto le speranze della vigilia. La crescita nel terzo trimestre del Prodotto interno lordo si è fermata allo 0,2%, confermando il dato preliminare, mentre il valore annuo è passato allo 0,8% dallo 0,9%. Il Tesoro e lo stesso Renzi non avevano nascosto di attendersi una revisione al rialzo che non c’è stata.

Per ora l’Italia ha messo in cascina un incremento che non va oltre lo 0,6% per il 2015. C’è quindi molta strada da fare per centrare l’obiettivo indicato dal Governo e un solo trimestre per recuperare il rallentamento. Gli analisti di Intesa San Paolo e Unicredit indicano uno sprint che per gli ultimi tre mesi dell’anno, che però non andrebbe oltre lo 0,4% (lontano dall’1% necessario secondo gli economisti per raggiungere il valore previsto dall’Esecutivo).

Certo nel terzo trimestre non hanno aiutato le esportazioni, ma la loro discesa era data per scontata. “Sono venuti meno alcuni motori dei paesi emergenti”, sottolinea Padoan, citando tra gli altri il Brasile che in contemporanea con il Pil italiano segna una contrazione dell’ 1,7% nel terzo trimestre. La doccia gelata è arrivata piuttosto dagli investimenti, la cui frenata potrebbe comunque essere motivata dal rinvio per agganciare i maxiammortamenti. Bene invece i consumi.

Di certo la ripresa sta investendo in pieno la fiducia, come mostra anche l’indice Pmi sull’attività manifatturiera, con l’ad di Fca Sergio Marchionne che parla di “sistema industriale” che “sta tirando a 100 all’ora”. Alla fiducia si appella anche Padoan, ministro che ‘ha richiamato’ Renzi, rileva lo stesso premier sorridendo, per aver parlato di una crescita limitata allo 0,8%: “Mi ha inviato un sms Padoan: sullo 0,9% di crescita del Pil tieni la linea, non è Roma-Fiorentina…”.

Di sicuro per Renzi “i segnali di ripartenza ci sono”. E in serata altri dati di miglioramento giungono dal fabbisogno (a 64,4 miliardi nei primi 11, “in linea” dice il Mef con il calo del deficit). E a rassicurare sui conti arrivano anche i risultati della Voluntary Disclosure sulla regolarizzazione dei capitali all’estero: frutteranno 3,8 miliardi di gettito ma solo 1,5 miliardi è già impegnato sulle coperture della Legge di Stabilità. Il resto è manna per il bilancio pubblico.

La raffica di dati macroeconomici è però partita con le cifre sul lavoro. La buona notizia è la riduzione dei senza posto, ormai sotto la soglia dei tre milioni, con 410mila persone in meno a caccia di un impiego nell’arco di un anno.

L’arretramento non vale però per tutti: tra gli under25 il tasso torna a salire, attestandosi al 39,8%. E nel mese non fa progressi l’occupazione (-39mila), che scende a causa dalla contrazione registrata tra gli ‘indipendenti’, in cui rientrano sia gli autonomi che i collaboratori. Un dato che per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, deriva dalla “riduzione delle false partite Iva e delle collaborazioni a progetto”.

Resta invece in positivo l’occupazione dipendente, che su base annua macina risultati, grazie, guardando a ottobre 2015 su ottobre 2014, ai contratti a tempo. Poletti sottolinea anche come si restringa “ulteriormente il gap rispetto alla media dell’area euro”, dove pure si rileva una flessione del tasso di disoccupazione (10,7%).

Ma, parlando dell’Italia, un aiuto è arrivato dagli inattivi, coloro che né hanno un posto né lo cercano, che si sono tornanti ad aumentare (quasi +200 mila in un anno).

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

22:19Polonia: proteste per riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - In migliaia stanno affluendo nella principali città della Polonia per chiedere al presidente Andrzej Duda di non firmare la legge che attribuisce al governo il controllo della Corte suprema e del sistema giudiziario, limitando l'autonomia dei giudici. A Varsavia la manifestazione si tiene davanti al palazzo presidenziale dove sventolano numerose bandiere polacche e dell'Unione europea. Molti striscioni hanno il nuovo logo 'tre volte no' divenuto il simbolo della protesta popolare contro le tre leggi che cancellano l'autonomia dei giudici. Molte anche le scritte di appoggio alla Costituzione messa in pericolo, secondo i dimostranti, dal partito di maggioranza di Jaroslaw Kaczynski. Una grande folla si è radunata a Cracovia nella centrale piazza del mercato. Il Senato polacco ha approvato stanotte la riforma ed ora il presidente ha 21 giorni di tempo per firmarla. con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario.

22:15Orban, proteggerò Polonia dall’ inquisizione dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - L'Ungheria si erge a paladina della Polonia e assicura che proteggerà Varsavia dalla "campagna di inquisizione" a cui la sta sottoponendo l'Ue dopo l'approvazione della legge sulla Corte Suprema con la quale viene cancellata l'autonomia del sistema giudiziario polacco. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato che il suo Paese ricorrerà a tutti i mezzi legali possibili per proteggere la Polonia dall'inquisizione dell'Ue. "In questo momento - ha detto - il principale obiettivo dell'inquisizione, l'esempio di governo nazionale da indebolire, smantellare e spezzare è la Polonia". Per Orban l'Ue sta aggirando i diritti degli stati membri e sta cercando di applicare politiche, come quelle sull'aumento dell'immigrazione a cui si oppongono molti paesi europei. La leadership europea insieme al miliardario George Soros vuole una "Europa nuova, mista, musulmanizzata": le barriere alle frontiere ungheresi - ha aggiunto - fermeranno gli sforzi di Ue-Soros per incrementare l'immigrazione musulmana.

22:08Calcio: scontri Brescia, immagini al vaglio della Digos

(ANSA) - BRESCIA, 22 LUG - La Digos della questura bresciana analizzerà, nelle prossime ore, le immagini degli scontri tra ultras di Brescia e Cagliari avvenuti a Palazzolo sull'Oglio, prima dell'amichevole tra le due squadre. Sono attesi numerosi provvedimenti di Daspo per i responsabili. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero stati i tifosi bresciani a provocare gli ultras del Cagliari, che hanno reagito.

21:43Donna uccisa in Sardegna: il fidanzato confessa

(ANSA) - NUORO, 22 LUG - Dimitri Fricano, 30 anni di Biella, ha confessato ai carabinieri l'omicidio della fidanzata Erika Preti, 28 anni anche lei di Biella, avvenuto il 12 giugno scorso a San Teodoro, nel nord Sardegna, dove la coppia si trovava in vacanza. Il giovane era l'unico indagato per omicidio volontario. La ragazza era stata uccisa a coltellate, il fidanzato, rimasto anche lui ferito, aveva sempre detto agli inquirenti che i due avevano subito una rapina in casa finita nel sangue.

Archivio Ultima ora