Disoccupazione ai minimi da tre anni, ma il Pil rallenta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

lavoro

ROMA. – La disoccupazione scivola ai minimi da tre anni, con il tasso che si ferma all’11,5%, ma l’attesa revisione al rialzo della stima del Pil non arriva: anzi, la limatura è stata al ribasso. Gli ultimi dati dell’Istat oscillano quindi tra segni più e meno ma il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha le idee chiare sul risultato finale della crescita per quest’anno: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9”, il target fissato nel Def.

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, invita infatti all’ottimismo. Fra la fiducia e la paura, dice il ministro, “penso prevalga” la prima. Ad oggi tuttavia i numeri dell’Istituto di statistica non hanno soddisfatto le speranze della vigilia. La crescita nel terzo trimestre del Prodotto interno lordo si è fermata allo 0,2%, confermando il dato preliminare, mentre il valore annuo è passato allo 0,8% dallo 0,9%. Il Tesoro e lo stesso Renzi non avevano nascosto di attendersi una revisione al rialzo che non c’è stata.

Per ora l’Italia ha messo in cascina un incremento che non va oltre lo 0,6% per il 2015. C’è quindi molta strada da fare per centrare l’obiettivo indicato dal Governo e un solo trimestre per recuperare il rallentamento. Gli analisti di Intesa San Paolo e Unicredit indicano uno sprint che per gli ultimi tre mesi dell’anno, che però non andrebbe oltre lo 0,4% (lontano dall’1% necessario secondo gli economisti per raggiungere il valore previsto dall’Esecutivo).

Certo nel terzo trimestre non hanno aiutato le esportazioni, ma la loro discesa era data per scontata. “Sono venuti meno alcuni motori dei paesi emergenti”, sottolinea Padoan, citando tra gli altri il Brasile che in contemporanea con il Pil italiano segna una contrazione dell’ 1,7% nel terzo trimestre. La doccia gelata è arrivata piuttosto dagli investimenti, la cui frenata potrebbe comunque essere motivata dal rinvio per agganciare i maxiammortamenti. Bene invece i consumi.

Di certo la ripresa sta investendo in pieno la fiducia, come mostra anche l’indice Pmi sull’attività manifatturiera, con l’ad di Fca Sergio Marchionne che parla di “sistema industriale” che “sta tirando a 100 all’ora”. Alla fiducia si appella anche Padoan, ministro che ‘ha richiamato’ Renzi, rileva lo stesso premier sorridendo, per aver parlato di una crescita limitata allo 0,8%: “Mi ha inviato un sms Padoan: sullo 0,9% di crescita del Pil tieni la linea, non è Roma-Fiorentina…”.

Di sicuro per Renzi “i segnali di ripartenza ci sono”. E in serata altri dati di miglioramento giungono dal fabbisogno (a 64,4 miliardi nei primi 11, “in linea” dice il Mef con il calo del deficit). E a rassicurare sui conti arrivano anche i risultati della Voluntary Disclosure sulla regolarizzazione dei capitali all’estero: frutteranno 3,8 miliardi di gettito ma solo 1,5 miliardi è già impegnato sulle coperture della Legge di Stabilità. Il resto è manna per il bilancio pubblico.

La raffica di dati macroeconomici è però partita con le cifre sul lavoro. La buona notizia è la riduzione dei senza posto, ormai sotto la soglia dei tre milioni, con 410mila persone in meno a caccia di un impiego nell’arco di un anno.

L’arretramento non vale però per tutti: tra gli under25 il tasso torna a salire, attestandosi al 39,8%. E nel mese non fa progressi l’occupazione (-39mila), che scende a causa dalla contrazione registrata tra gli ‘indipendenti’, in cui rientrano sia gli autonomi che i collaboratori. Un dato che per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, deriva dalla “riduzione delle false partite Iva e delle collaborazioni a progetto”.

Resta invece in positivo l’occupazione dipendente, che su base annua macina risultati, grazie, guardando a ottobre 2015 su ottobre 2014, ai contratti a tempo. Poletti sottolinea anche come si restringa “ulteriormente il gap rispetto alla media dell’area euro”, dove pure si rileva una flessione del tasso di disoccupazione (10,7%).

Ma, parlando dell’Italia, un aiuto è arrivato dagli inattivi, coloro che né hanno un posto né lo cercano, che si sono tornanti ad aumentare (quasi +200 mila in un anno).

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora