Disoccupazione ai minimi da tre anni, ma il Pil rallenta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

lavoro

ROMA. – La disoccupazione scivola ai minimi da tre anni, con il tasso che si ferma all’11,5%, ma l’attesa revisione al rialzo della stima del Pil non arriva: anzi, la limatura è stata al ribasso. Gli ultimi dati dell’Istat oscillano quindi tra segni più e meno ma il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha le idee chiare sul risultato finale della crescita per quest’anno: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9”, il target fissato nel Def.

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, invita infatti all’ottimismo. Fra la fiducia e la paura, dice il ministro, “penso prevalga” la prima. Ad oggi tuttavia i numeri dell’Istituto di statistica non hanno soddisfatto le speranze della vigilia. La crescita nel terzo trimestre del Prodotto interno lordo si è fermata allo 0,2%, confermando il dato preliminare, mentre il valore annuo è passato allo 0,8% dallo 0,9%. Il Tesoro e lo stesso Renzi non avevano nascosto di attendersi una revisione al rialzo che non c’è stata.

Per ora l’Italia ha messo in cascina un incremento che non va oltre lo 0,6% per il 2015. C’è quindi molta strada da fare per centrare l’obiettivo indicato dal Governo e un solo trimestre per recuperare il rallentamento. Gli analisti di Intesa San Paolo e Unicredit indicano uno sprint che per gli ultimi tre mesi dell’anno, che però non andrebbe oltre lo 0,4% (lontano dall’1% necessario secondo gli economisti per raggiungere il valore previsto dall’Esecutivo).

Certo nel terzo trimestre non hanno aiutato le esportazioni, ma la loro discesa era data per scontata. “Sono venuti meno alcuni motori dei paesi emergenti”, sottolinea Padoan, citando tra gli altri il Brasile che in contemporanea con il Pil italiano segna una contrazione dell’ 1,7% nel terzo trimestre. La doccia gelata è arrivata piuttosto dagli investimenti, la cui frenata potrebbe comunque essere motivata dal rinvio per agganciare i maxiammortamenti. Bene invece i consumi.

Di certo la ripresa sta investendo in pieno la fiducia, come mostra anche l’indice Pmi sull’attività manifatturiera, con l’ad di Fca Sergio Marchionne che parla di “sistema industriale” che “sta tirando a 100 all’ora”. Alla fiducia si appella anche Padoan, ministro che ‘ha richiamato’ Renzi, rileva lo stesso premier sorridendo, per aver parlato di una crescita limitata allo 0,8%: “Mi ha inviato un sms Padoan: sullo 0,9% di crescita del Pil tieni la linea, non è Roma-Fiorentina…”.

Di sicuro per Renzi “i segnali di ripartenza ci sono”. E in serata altri dati di miglioramento giungono dal fabbisogno (a 64,4 miliardi nei primi 11, “in linea” dice il Mef con il calo del deficit). E a rassicurare sui conti arrivano anche i risultati della Voluntary Disclosure sulla regolarizzazione dei capitali all’estero: frutteranno 3,8 miliardi di gettito ma solo 1,5 miliardi è già impegnato sulle coperture della Legge di Stabilità. Il resto è manna per il bilancio pubblico.

La raffica di dati macroeconomici è però partita con le cifre sul lavoro. La buona notizia è la riduzione dei senza posto, ormai sotto la soglia dei tre milioni, con 410mila persone in meno a caccia di un impiego nell’arco di un anno.

L’arretramento non vale però per tutti: tra gli under25 il tasso torna a salire, attestandosi al 39,8%. E nel mese non fa progressi l’occupazione (-39mila), che scende a causa dalla contrazione registrata tra gli ‘indipendenti’, in cui rientrano sia gli autonomi che i collaboratori. Un dato che per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, deriva dalla “riduzione delle false partite Iva e delle collaborazioni a progetto”.

Resta invece in positivo l’occupazione dipendente, che su base annua macina risultati, grazie, guardando a ottobre 2015 su ottobre 2014, ai contratti a tempo. Poletti sottolinea anche come si restringa “ulteriormente il gap rispetto alla media dell’area euro”, dove pure si rileva una flessione del tasso di disoccupazione (10,7%).

Ma, parlando dell’Italia, un aiuto è arrivato dagli inattivi, coloro che né hanno un posto né lo cercano, che si sono tornanti ad aumentare (quasi +200 mila in un anno).

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

00:38Calcio: Mondiali 2018, Argentina sconfitta in Bolivia

(ANSA) - LA PAZ, 29 MAR - La Bolivia ha battuto 2-0 l'Argentina in una partita valida per le eliminatorie mondiali del Sudamerica. L'Albiceleste ha giocato senza Lio Messi, squalificato qualche ora prima dell'incontro per quattro gare dalla Fifa. Le due reti sono state segnate ai 31' da Juan Carlos Arce e al 52' da Marcelo Moreno Martins.

00:16Calcio: Ventura, “campionato dal 13/8? Bisogna fare scelta”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Siamo di fronte ad una scelta: o prendiamo la strada della costruzione, per rendere la nazionale più competitiva, o ci affidiamo solo alla buona sorte e alla casualità". Lo ha detto il ct azzurro, Gian Piero Ventura, in merito alla possibilità di cominciare il campionato a metà agosto in vista dell'importantissima sfida a settembre con la Spagna. "Non conta una data, il discorso è più ampio - ha aggiunto -. Tanto per fare un esempio, nell'anno dopo il Mondiale la Germania comincia il campionato a fine agosto, mentre l'anno prima inizia il 10 agosto e l'anno dell'Europeo il 12. Perché? Perché vogliono vincere. E' un segnale di quanto la federazione sia forte".

00:10Calcio: Spagna batte 2-0 la Francia, anche grazie alla Var

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Spagna batte 2-0 la Francia in un'amichevole disputata allo Stade de France, un monito per gli Azzurri che a settembre dovranno affrontare la Roja per le qualificazioni Mondiali. Risultato di rilievo, soprattutto perché ha inciso l'utilizzo della Var (Video assistance referee). Il sistema ha consentito di annullare, per fuorigioco, una rete di Griezmann all'inizio della ripresa. Scampato il pericolo, la Spagna è andato in vantaggio al 23' su rigore per un fallo su Deulofeu trasformato da David Silva. Al 32', il raddoppio delle Furie Rosse è stato messo a segno dal milanista e ancora la Var è stata decisiva, annullando la segnalazione di fuorigioco fatta dal guardalinee.

23:51Calcio: Pjaca si infortuna con la nazionale croata

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Infortunio per Marko Pjaca durante il secondo tempo dell'amichevole tra Estonia e Croazia. Il giocatore della Juventus è uscito in barella, in lacrime, a causa di un problema ad un ginocchio che, al 20', ha subito una brutta torsione. Pjaca è rimasto a terra portandosi le mani al volto, visibilmente sofferente. Ora si attende l'esito degli esami, ma sono state pessimiste le prime parole del Ct della Croazia, Ante Cacic, nel dopo partita: "L'infortunio sembra qualcosa di serio". La partita è terminata con la vittoria per 3-0 dell'Estonia.

23:35Calcio: Bonucci, in Spagna difficile ma non battuti

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Sono contento perché sta nascendo un bel gruppo con i giovani che stanno portando entusiasmo e spensieratezza, alle quali si aggiunge l'esperienza dei 'vecchi'". Leonardo Bonucci, autore del gol vittoria contro l'Olanda, vede una crescita dell'Italia ed - ai microfoni di Raiuno - afferma "tutto è utile per la crescita della squadra. Ci credevamo ed ora bisogna acquisire personalità". Il 2 settembre in Spagna l'Italia si giocherà la qualificazione al Mondiale in Russia: "Sarà difficile - afferma il difensore bianconero - ma non partiamo certo battuti". Ultima battuta sul caso Barzagli: "Ha già risposto il mister, lui si è sempre comportato da grande professionista".

23:32Calcio: Ventura “se andremo in Russia saremo sorpresa”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Stiamo cercando di esportare un'immagine e di costruirci una certa mentalità. Contava il risultato, ma la duplice posta in palio era quella e credo che l'abbiamo centrata". Così il ct dell'Italia, Gian Piero Ventura, dopo la vittoria sull'Olanda ad Amsterdam. "Sarebbe bello andare in Russia, ma ci si va solo attraverso il lavoro e un gruppo che sta nascendo. Sono convinto che lì saremo la sorpresa del Mondiale", ha aggiunto il tecnico ai microfoni Rai. "Verratti? ha fatto una partita di spessore".

23:31Calcio: l’Italia vince 2-1 in Olanda

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Successo per 2-1 dell'Italia nell'amichevole contro l'Olanda giocata ad Amsterdam. La formazione schierata dal Ct Ventura, con ben quattro esordienti (compreso il 18enne Donnarumma tra i pali), si è ben comportata, soprattutto nel primo tempo, nel quale si sono concentrate tutte le reti. L'inizio è sfortunato con l'autorete di Romagnoli al 10'. Ma appena un minuto dopo arriva il pareggio grazie al diagonale di Eder, bravo a sfruttare un errore di rinvio degli avversari. Ed al 32' Bonucci realizza il gol vittoria, ribadendo in rete una deviazione del portiere olandese su un colpo di testa di Parolo. Nella ripresa tante sostituzioni ed un paio di interventi importanti del giovane portiere del Milan che ha 'blindato' il risultato fino al fischio finale.

Archivio Ultima ora