Disoccupazione ai minimi da tre anni, ma il Pil rallenta

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

lavoro

ROMA. – La disoccupazione scivola ai minimi da tre anni, con il tasso che si ferma all’11,5%, ma l’attesa revisione al rialzo della stima del Pil non arriva: anzi, la limatura è stata al ribasso. Gli ultimi dati dell’Istat oscillano quindi tra segni più e meno ma il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha le idee chiare sul risultato finale della crescita per quest’anno: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9”, il target fissato nel Def.

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, invita infatti all’ottimismo. Fra la fiducia e la paura, dice il ministro, “penso prevalga” la prima. Ad oggi tuttavia i numeri dell’Istituto di statistica non hanno soddisfatto le speranze della vigilia. La crescita nel terzo trimestre del Prodotto interno lordo si è fermata allo 0,2%, confermando il dato preliminare, mentre il valore annuo è passato allo 0,8% dallo 0,9%. Il Tesoro e lo stesso Renzi non avevano nascosto di attendersi una revisione al rialzo che non c’è stata.

Per ora l’Italia ha messo in cascina un incremento che non va oltre lo 0,6% per il 2015. C’è quindi molta strada da fare per centrare l’obiettivo indicato dal Governo e un solo trimestre per recuperare il rallentamento. Gli analisti di Intesa San Paolo e Unicredit indicano uno sprint che per gli ultimi tre mesi dell’anno, che però non andrebbe oltre lo 0,4% (lontano dall’1% necessario secondo gli economisti per raggiungere il valore previsto dall’Esecutivo).

Certo nel terzo trimestre non hanno aiutato le esportazioni, ma la loro discesa era data per scontata. “Sono venuti meno alcuni motori dei paesi emergenti”, sottolinea Padoan, citando tra gli altri il Brasile che in contemporanea con il Pil italiano segna una contrazione dell’ 1,7% nel terzo trimestre. La doccia gelata è arrivata piuttosto dagli investimenti, la cui frenata potrebbe comunque essere motivata dal rinvio per agganciare i maxiammortamenti. Bene invece i consumi.

Di certo la ripresa sta investendo in pieno la fiducia, come mostra anche l’indice Pmi sull’attività manifatturiera, con l’ad di Fca Sergio Marchionne che parla di “sistema industriale” che “sta tirando a 100 all’ora”. Alla fiducia si appella anche Padoan, ministro che ‘ha richiamato’ Renzi, rileva lo stesso premier sorridendo, per aver parlato di una crescita limitata allo 0,8%: “Mi ha inviato un sms Padoan: sullo 0,9% di crescita del Pil tieni la linea, non è Roma-Fiorentina…”.

Di sicuro per Renzi “i segnali di ripartenza ci sono”. E in serata altri dati di miglioramento giungono dal fabbisogno (a 64,4 miliardi nei primi 11, “in linea” dice il Mef con il calo del deficit). E a rassicurare sui conti arrivano anche i risultati della Voluntary Disclosure sulla regolarizzazione dei capitali all’estero: frutteranno 3,8 miliardi di gettito ma solo 1,5 miliardi è già impegnato sulle coperture della Legge di Stabilità. Il resto è manna per il bilancio pubblico.

La raffica di dati macroeconomici è però partita con le cifre sul lavoro. La buona notizia è la riduzione dei senza posto, ormai sotto la soglia dei tre milioni, con 410mila persone in meno a caccia di un impiego nell’arco di un anno.

L’arretramento non vale però per tutti: tra gli under25 il tasso torna a salire, attestandosi al 39,8%. E nel mese non fa progressi l’occupazione (-39mila), che scende a causa dalla contrazione registrata tra gli ‘indipendenti’, in cui rientrano sia gli autonomi che i collaboratori. Un dato che per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, deriva dalla “riduzione delle false partite Iva e delle collaborazioni a progetto”.

Resta invece in positivo l’occupazione dipendente, che su base annua macina risultati, grazie, guardando a ottobre 2015 su ottobre 2014, ai contratti a tempo. Poletti sottolinea anche come si restringa “ulteriormente il gap rispetto alla media dell’area euro”, dove pure si rileva una flessione del tasso di disoccupazione (10,7%).

Ma, parlando dell’Italia, un aiuto è arrivato dagli inattivi, coloro che né hanno un posto né lo cercano, che si sono tornanti ad aumentare (quasi +200 mila in un anno).

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

10:19Esplosione bombola gas: muore paziente ricoverato

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - E' morto il più grave dei tre pazienti ricoverati nel Cardarelli di Napoli in seguito all'esplosione lunedì scorso di una bombola di gas in una piscina. L'uomo, colpito da ustioni profonde su più del 90% del corpo, è deceduto nelle prime ore di questa mattina. Le sue condizioni era apparse subito gravissime. Lo si apprende da fonti della Direzione sanitaria.

10:18Meningite: Napoli, muore in Pronto soccorso Cardarelli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Un uomo di 36 anni è morto a causa della meningite la notte scorsa nel pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli. Lo si apprende dal direttore generale Ciro Verdoliva il quale fa sapere che l'uomo è giunto in pronto soccorso ''in stato di coma e in imminente pericolo di vita'. Verdoliva sottolinea che sono state attivate, come da protocollo, tutte le profilassi necessarie. ''Non esiste nel Cardarelli alcuna emergenza a seguito di questo caso'' ribadisce per non alimentare ''una psicosi ingiustificata''.

10:16Parigi: identificato kamikaze 13 novembre, era iracheno

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Gli inquirenti francesi hanno identificato formalmente uno dei due kamikaze che il 13 novembre 2015 si fecero esplodere allo Stade de France di Saint-Denis. Si trattava, si apprende questa mattina, di un iracheno con falso passaporto siriano, proveniente da Mosul. L'Isis, aggiungono gli inquirenti, indennizzò la famiglia del ventenne Ammar Ramadan Mansour Mohamad al Sabaawi con un risarcimento di 5.000 dollari americani e con un gregge di pecore.

08:22Contrabbando carburante in Sicilia, 14 arresti

(ANSA) - CATANIA, 18 GEN - Oltre 150 finanzieri del Comando provinciale di Catania, a conclusione di un'indagine coordinata dalla locale Procura distrettuale, stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante nelle province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. Agli indagati è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. (ANSA).

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

Archivio Ultima ora