Nazionale venezuelana in rivolta, la replica del ct Sanvicente

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

VENEZUELA: Il ct Noel Sanvicente

VENEZUELA: Il ct Noel Sanvicente

CARACAS – Lunedì quindici giocatori del Venezuela avevano detto ‘no’ alla Vinotinto. “Non é un addio, anzi la speranza é di tornarci, ma non con questi dirigenti federali”. E’ questo il senso della lunga lettera aperta che 15 calciatori hanno scritto in protesta con la ‘Federación Venezolana de Fútbol’ (Fvf).

Tra di loro anche due giocatori che militano nella nostra Serie A: Tomas Rincón (centrocampista del Genoa) e Josef Martinez (attaccante del Torino). Con loro anche Oswaldo Vizcarrondo, Salomón Rondón, Roberto Rosales, Cesar González, Luis Manuel Seijas, Franklin Lucena, Grenddy Perozo, Juan Falcon, Nicolás Fedor, Ronald Vargas, Alejandro Guerra, Christian Santos e l’italo-venezuelano Gabriel Cichero.

I 15 chiedono le dimissioni dei vertici federali. “Mentre loro comandano, il sogno di andare ai Mondiali é quasi svanito, noi non condividiamo il lavoro della Federazione e i danni fatti possono essere riparati solo con una nuova dirigenza”.

In particolare i giocatori contestano le dichiarazioni rilasciate lo scorso 25 novembre dal presidente federale Laureano González che accusa la squadra di giocare contro l’attuale ct (Noel Sanvicente).

“Accuse totalmente false e lesive della nostra reputazione e del nostro onore. Manifestiamo inoltre una grande delusione per il mancato sostegno nei nostri confronti da parte dello staff tecnico di fronte a queste accuse”, la spiegazione dei 15 giocatori che si assumono “la responsabilità per le sconfitte” e accettano “le critiche tecniche”, ma non “accuse false e gravemente lesive della dignità di ciascuno di noi”.

E adesso é arrivata la replica da parte di Noel Sanvicente, commissario tecnico della Vinotinto, che tramite una lettera inviata ai giocatori ha chiesto scusa ed ha lasciato aperto lo spiraglio su un possibile addio.

“Chiedo scusa ai miei giocatori se in qualche momento non hanno sentito l’appoggio da parte mia, le mie esigenze nascono dell’amore per il calcio. Ho puntato su di loro e con loro spero di continuare a puntare per il cambio che tanto desideriamo e che merita tutta questa gente. Pero che non ci siano dubbi: né io, né il mio staff tecnico abbiamo dubitato dell’amore dei nostri calciatori nei confronti della maglia vinotinto” spiega nel comunicato.

L’ex allenatore di Caracas e Zamora spera che si trovi al più presto un accordo tra le parti in questione. “Per questo motivo, spero che durante il mese di dicembre, mese nel quale tutti riflettiamo sulle cose passate e quelle che stanno per arrivare, pensiamo a quello che vogliamo e come ottenerlo. Non dimentichiamoci che la Vinotinto é stata un punto di unione tra i venezuelani e non possiamo perderlo. Vi invito a tutti a sincerarsi e mettere da parte qualsiasi posizione personale”.

Nello stesso comunicato, Sanvicente ha dichiarato, che deluderebbe tante persone se abbandonasse la nazionale in piena lotta per il mondiale Russia 2018. Ma ha lasciato aperta la possibilità di farsi da parte per il bene della Vinotinto.

“Voglio essere il primo intermediario in questa situazione che stiamo vivendo e far si che giocatori, staff tecnico e dirigente ci uniamo in pro di quel gran obbiettivo che si chiama vinotinto, pero se le mie dimissioni contribuiscono a far si che finiscano gli attriti sono disposto a farmi da parte per il bene del nostro calcio. Nel frattempo, sono qua con la volontà di continuare a lottare, di lottare per i miei giocatori e di continuare a sognare con un miglior calcio venezuelano. Cosi siamo i venezuelani, un popolo di grandi lottatori per le cose giuste e contro le avversità” ha concluso Chita.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

16:38Attacco Londra: la terza vittima è un turista americano

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Era un turista americano, a Londra per una vacanza con la moglie, la terza vittima dell'attacco di ieri sul ponte di Westminster in cui hanno perso la vita, oltre all'attentatore, anche una insegnante di origini spagnole e un poliziotto. Lo riporta il Mirror che cita familiari dell'uomo, Kurt Cochran, che è stato ferito gravemente dal suv ed è poi spirato in ospedale. Coinvolta anche la moglie Melissa, ancora ricoverata con alcune fratture ed una ferita alla testa. "Con dolore rendiamo noto che Kurt è deceduto per le ferite riportate durante l'attacco a Londra", ha postato su Fb la sorella di Melissa, Sara Payne-McFarland.

16:32Trattati Roma: 007, rischio violenze infiltrati in cortei

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - C'è preoccupazione nell'intelligence per la minaccia terroristica dopo l'attacco di Londra. Per quanto riguarda le celebrazioni per i Trattati di Roma di sabato, tuttavia, i pericoli potrebbero arrivare dai violenti infiltrati nei cortei. Lo ha detto, a quanto si apprende, il direttore dell'Aisi, Mario Parente, ascoltato oggi al Copasir per circa tre ore. L'attenzione è puntata sugli antagonisti dei centri sociali più 'duri' - alcune centinaia - che potrebbero strumentalizzare le manifestazioni per fare scontri di piazza. Solo alcune decine sarebbero i manifestanti in arrivo dall'estero, più interessati a eventi come il G20 di Amburgo di luglio ed il G7 di Taormina di fine maggio.

16:22Attacco Londra: King, minaccia estremamente alta in Europa

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - "Non credo sia completamente accidentale che l'attacco a Londra sia avvenuto nel giorno del primo anniversario degli attentati a Bruxelles. La minaccia degli attacchi terroristici è estremamente alta in Europa". Così il commissario Ue alla Sicurezza Julian King all'Eurocamera. "Quello di ieri è stato un attacco alla nostra democrazia e credo questo sia un sentimento condiviso in Europa - afferma -. Il loro obiettivo sono il nostro modo di vivere e i nostri valori, ma non li lasceremo vincere. Anche se non ci sarà mai sicurezza al 100% e zero rischio", verrà fatto di tutto per rafforzare la sicurezza.

16:20Attacco Londra: regina, ‘una terribile violenza’

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La regina Elisabetta offre i suoi ''pensieri, preghiere e la più profonda solidarietà'' a quanti coinvolti dalla ''terribile violenza'' dell'attacco di Londra. E' il messaggio della sovrana diffuso da Buckingham Palace.

16:17Premi: l’ ‘Ischia’ sezione sport a Paolo Condò

(ANSA) - ROMA, 23 MAR -Il Premio Ischia 2017 sezione Sport è stato assegnato a Paolo Condo', di Sky Sport, giornalista triestino gia' inviato della Gazzetta dello Sport. Lo ha deciso la giuria composta dai direttori dei principali quotidiani e agenzie italiane e dai rappresentanti della stampa estera in Italia, riunitasi a Roma. La consegna dei premi è in programma il 30 giugno e il primo luglio ad Ischia e sarà preceduta da una serie di dibattiti, che vedranno come protagonisti giornalisti, politici, esperti in economia e politica estera. Il Premio Ischia è patrocinato tra gli altri dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Campania

16:16Londra: romana ferita ha perso i sensi, ora sta meglio

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La donna italiana rimasta ferita ieri durante l'attacco a Westminster è stata colpita dal paraurti dell'auto dell'attentatore ed ha perso conoscenza per una decina di minuti. Lo ha raccontato lei stessa all'ambasciatore Pasquale Terracciano che - secondo quanto appreso dall'ANSA - l'ha visitata in ospedale, dove stanotte la donna è stata operata per ridurre una frattura scomposta alla gamba. La donna, una turista romana, ha riportato anche una lesione a due vertebre cervicali e un trauma alla testa, senza conseguenze gravi.

16:15Trump: Obama difende Obamacare, ‘sanità diritto per tutti’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Con l'Obamacare si e' stabilito che ''la sanità non e' un privilegio per pochi, ma un diritto per tutti''. ''L'America e' piu' forte grazie all'Affordable Care Act''. Lo afferma l'ex presidente Barack Obama difendendo la riforma sanitaria che porta il suo nome, in occasione del settimo anniversario dell'Obamacare. Una difesa che arriva nel giorno in cui i repubblicani si apprestano a votare alla Camera una misura per abolirla e sostituirla: ogni cambio ''deve rendere il sistema sanitario migliore, non peggio. Questa e' la priorità''. ''Ho sempre detto che questa legge e' una base'' che puo' essere migliorata, mette in evidenza Obama. ''Se i repubblicani sono seri nel voler ridurre i costi e ampliare la copertura sanitaria e se sono pronti a lavorare con i democratici, allora le loro misure sono le benvenute. Ma dobbiamo partire dall'idea che ogni cambio deve rendere il sistema sanitario migliore non peggiore per gli americani. Questa e' la priorità''.

Archivio Ultima ora