Nazionale venezuelana in rivolta, la replica del ct Sanvicente

Pubblicato il 01 dicembre 2015 da redazione

VENEZUELA: Il ct Noel Sanvicente

VENEZUELA: Il ct Noel Sanvicente

CARACAS – Lunedì quindici giocatori del Venezuela avevano detto ‘no’ alla Vinotinto. “Non é un addio, anzi la speranza é di tornarci, ma non con questi dirigenti federali”. E’ questo il senso della lunga lettera aperta che 15 calciatori hanno scritto in protesta con la ‘Federación Venezolana de Fútbol’ (Fvf).

Tra di loro anche due giocatori che militano nella nostra Serie A: Tomas Rincón (centrocampista del Genoa) e Josef Martinez (attaccante del Torino). Con loro anche Oswaldo Vizcarrondo, Salomón Rondón, Roberto Rosales, Cesar González, Luis Manuel Seijas, Franklin Lucena, Grenddy Perozo, Juan Falcon, Nicolás Fedor, Ronald Vargas, Alejandro Guerra, Christian Santos e l’italo-venezuelano Gabriel Cichero.

I 15 chiedono le dimissioni dei vertici federali. “Mentre loro comandano, il sogno di andare ai Mondiali é quasi svanito, noi non condividiamo il lavoro della Federazione e i danni fatti possono essere riparati solo con una nuova dirigenza”.

In particolare i giocatori contestano le dichiarazioni rilasciate lo scorso 25 novembre dal presidente federale Laureano González che accusa la squadra di giocare contro l’attuale ct (Noel Sanvicente).

“Accuse totalmente false e lesive della nostra reputazione e del nostro onore. Manifestiamo inoltre una grande delusione per il mancato sostegno nei nostri confronti da parte dello staff tecnico di fronte a queste accuse”, la spiegazione dei 15 giocatori che si assumono “la responsabilità per le sconfitte” e accettano “le critiche tecniche”, ma non “accuse false e gravemente lesive della dignità di ciascuno di noi”.

E adesso é arrivata la replica da parte di Noel Sanvicente, commissario tecnico della Vinotinto, che tramite una lettera inviata ai giocatori ha chiesto scusa ed ha lasciato aperto lo spiraglio su un possibile addio.

“Chiedo scusa ai miei giocatori se in qualche momento non hanno sentito l’appoggio da parte mia, le mie esigenze nascono dell’amore per il calcio. Ho puntato su di loro e con loro spero di continuare a puntare per il cambio che tanto desideriamo e che merita tutta questa gente. Pero che non ci siano dubbi: né io, né il mio staff tecnico abbiamo dubitato dell’amore dei nostri calciatori nei confronti della maglia vinotinto” spiega nel comunicato.

L’ex allenatore di Caracas e Zamora spera che si trovi al più presto un accordo tra le parti in questione. “Per questo motivo, spero che durante il mese di dicembre, mese nel quale tutti riflettiamo sulle cose passate e quelle che stanno per arrivare, pensiamo a quello che vogliamo e come ottenerlo. Non dimentichiamoci che la Vinotinto é stata un punto di unione tra i venezuelani e non possiamo perderlo. Vi invito a tutti a sincerarsi e mettere da parte qualsiasi posizione personale”.

Nello stesso comunicato, Sanvicente ha dichiarato, che deluderebbe tante persone se abbandonasse la nazionale in piena lotta per il mondiale Russia 2018. Ma ha lasciato aperta la possibilità di farsi da parte per il bene della Vinotinto.

“Voglio essere il primo intermediario in questa situazione che stiamo vivendo e far si che giocatori, staff tecnico e dirigente ci uniamo in pro di quel gran obbiettivo che si chiama vinotinto, pero se le mie dimissioni contribuiscono a far si che finiscano gli attriti sono disposto a farmi da parte per il bene del nostro calcio. Nel frattempo, sono qua con la volontà di continuare a lottare, di lottare per i miei giocatori e di continuare a sognare con un miglior calcio venezuelano. Cosi siamo i venezuelani, un popolo di grandi lottatori per le cose giuste e contro le avversità” ha concluso Chita.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

13:34Mattarella a Atene,incontri politici e visita campo profughi

(ANSA) - ATENE, 17 GEN - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è arrivato ad Atene per una visita ufficiale in Grecia di due giorni. Tra i tanti temi in agenda centrali saranno sicuramente un'analisi congiunta della crisi migratoria e la situazione politica dell'unione europea soprattutto in materia di crescita e sviluppo. Il capo dello Stato incontrerà oggi il presidente della repubblica ellenica, Prokopis Pavlopoulos. Nel pomeriggio il programma di questa prima giornata prevede una visita di Mattarella al campo profughi di Eleonas. Concluderà la giornata una visita al parlamento greco.

13:33Calcio: Ranieri, tornare in Italia? Ora sto bene in Premier

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Quando tornerò in Italia? Io mi auguro di restare in Inghilterra, ci sto bene, anche se nel calcio un giorno sei alle stelle e quello dopo nella polvere, quindi mai dire mai". Così Claudio Ranieri, tecnico del Leicester, oggi a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano, cerimonia a Palazzo Vecchio dove l'allenatore campione della Premier League riceve il riconoscimento, nel gruppo dei tecnici italiani che hanno fatto la storia. Nel campionato italiano "la Juve resta la squadra da battere - ha proseguito Ranieri - anche se dietro ci sono club che incalzano e piano piano potrebbero riprenderla, questa è la legge del calcio". Intanto in Premier è in testa il Chelsea allenato da un altro italiano, Antonio Conte: "E' arrivato senza clamore ma sta dimostrando che la scuola italiana degli allenatori è quanto mai valida - ha sottolineato il tecnico romano - da ex allenatore del Chelsea e da tifoso italiano, spero che Conte possa centrare l'obiettivo".

13:33Ue-Italia: Brunetta, manovra bis eredità avvelenata Renzi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La manovra correttiva che ci chiede l'Ue è eredità avvelenata che lascia Matteo Renzi. I suoi 1000 giorni sono stati negativi per Italia". Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. "Il governo - prosegue in un altro tweet - chiarisca al più presto la sua posizione e le sue contromisure. Padoan venga in Parlamento e dica come stanno le cose". " A Paolo Gentiloni - conclude - chiediamo discontinuità rispetto alla politica economica di Renzi. Servono chiarezza e trasparenza".

13:23Alpinismo: morto Abram, fu sul K2 nel 1954

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - E' morto Erich Abram alpinista altoatesino: era l'ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai. Abram era nato a Vipiteno nel 1922. Il sodalizio che lo ebbe come socio onorario lo ricorda come un uomo "di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche". Abram (a destra nella foto) è deceduto in serenità la notte scorsa.

13:18Maltempo: sindaca Monsampietro Morico guida spazzaneve

(ANSA) - FERMO, 17 GEN - "Abbiamo alcune zone senza elettricità, quasi un metro di neve e le strade bloccate". Lo dice Romina Gualtieri, sindaca di Monsampietro Morico, 700 abitanti, uno dei Comuni terremotati delle Marche ora stretti nella morsa del maltempo. "Un'emergenza - racconta telefonicamente - che si aggiunge all'emergenza", tanto che la prima cittadina si è dovuta alternare alla guida del mezzo spazzaneve del Comune ("il trattoretto" lo chiama), con "il nostro unico dipendente", mentre il gruppo comunale della Protezione civile "sta rimuovendo dalla strada piante e alberi schiantanti dal peso della neve". Con gli sfollati "tutti in B&B nei pressi", è la viabilità notturna il problema principale, "con varie strade provinciali invase dalla neve e molti automezzi, anche attrezzati con catene e tutto il resto, bloccati o finiti di traverso. "Stiamo lavorando da 24 ore ininterrottamente - aggiunge Gualtieri - per soccorrere i conducenti e tirarli fuori".

13:15Saluto nazista a corteo pakistani, Daspo a 4 ultras

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Il questore di Brescia ha disposto il provvedimento di D.a.spo con divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a manifestazioni sportive, per quattro ultras appartenenti alla "Curva nord Brescia". Il provvedimento - spiega la Questura - è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa, l'11 dicembre per le vie della città. Al passaggio di un corteo che aveva visto la partecipazione di 5000 appartenenti alla comunità pakistana, i quattro erano usciti da un pub, inveendo con cori razzisti e gesta offensive. In particolare, era stato fatto il saluto nazista in direzione degli stranieri, oltre al gesto del dito medio e frasi come "botte, botte, botte".

13:13Incendi Genova: 300 sfollati e tre scuole chiuse

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Oltre ai quasi 300 sfollati dal quartiere Orizzonte di Pegli ci sono tre scuole chiuse in Val Varenna perché minacciate dalle fiamme. La decisione di non far svolgere le lezioni è stata presa autonomamente dai dirigenti scolastici. Lo rende noto l'assessore comunale alla Scuola Pino Boero. Le scuole sono la scuola dell'infanzia Val Varenna, la scuola media Alessi e il liceo Mazzini in piazza Bonavino. Sempre in Val Varenna due persone sono state sfollate dalla loro abitazione e ricoverate in ospedale. Tra Pegli e la Val Varenna operano 4 Canadair, un elicottero, 40 volontari e squadre di vigili del fuoco di Genova e provenienti in rinforzo da Milano, Emilia Romagna, Torino e Alessandria.

Archivio Ultima ora