Tomada, la guerra in uno scatto

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Sebastiano Tomada

Sebastiano Tomada

NEW YORK. – Narratore, romanziere. Ecco, questo è Sebastiano Tomada. Ma lo è a modo suo. Non usa parole. Sono superflue, accessori inutili; merce che non riuscirebbe a trasmettere i sentimenti e le sensazioni che invece Tomada sa agitare, incitare, accendere. Tomada ci parla della quotidianità, della nostra realtà attraverso le immagini.

Trasforma lo scatto in arte. Ci trasporta ai teatri di guerra attraverso il pianto di un bambino, lo sguardo triste e smarrito di un soldato o di una donna che, col figlio tra le braccia, stringe forte il mitra. Luci, ombre, riflessi di una realtà appena a poche ore da noi, grazie al miracolo della nuova tecnologia, ma che a volte ci appare molto lontana. Pensiamo non ci appartenga. Ma sarà vero?

Sebastiano Tomada, idolo per quei giovani che desiderano raccontare storie attraverso l’immagine, è nato a New York, a Manhattan. Ma è cresciuto a Firenze. Laureatosi nella Parson University, la sua carriera di fotocronista di guerra è costellata di successi. Suo è stato il prestigioso Word Press Photo Award nel 2013, il “Humanitarian International Red Cross (ICRC) Visa d’or award”. Recentemente gli è stato consegnato dalla “Italy-America Chamber of Commerce” il premio “Primi10 Society”.

Tomada ha conversato con la “Voce” poche ore prima di salire sull’aereo che lo avrebbe portato in Irak. Una conversazione aperta, schietta, sincera in cui è emersa la personalità dell’artista capace, con un click, di narrare storie di vita.

– Perché la fotografia? Perché ha scelto l’immagine per raccontare, trasmettere sentimenti ed emozioni?

– Mi è sembrato il modo migliore per mostraredi cosa ero capace – ci dice -. Una prova, una testimonianza reale della mia esperienza.

– Come si è avvicinato alla fotografia?

– Mia madre era fotografa, ma per diletto, per piacere – spiega -. Quando sono tornato in America ho deciso di studiare fotografia. All’inizio volevo diventare fotografo di moda. Poi, però, ho deciso di dedicarmi ad un altro tipo di fotografia: il reportage di guerra. Ho cominciato a viaggiare molto.

Chi ha avuto modo di ammirare le foto di Tomada sa quanti sentimenti esse riescano a suscitare. Pietà, compassione, orrore, rabbia, paura… E’ per questo che chiediamo:

– Che cosa vuole trasmettere attraverso le scene drammatiche della guerra che congela con un click e propone ai lettori?
Un attimo di silenzio, forse a voler ripassare con la mente i momenti drammatici vissuti e inquadrati nelle sue foto. Quindi commenta:

– Che cosa voglio… quale messaggio… In realtà nessun messaggio. La fotografia di guerra per me è una sfida. E’ riuscire ad avere l’accesso, l’aiuto delle persone nel teatro di guerra. Devi saper fare amicizia, guadagnarti la fiducia… La fotografia in sé è quasi secondaria. Viene in maniera spontanea, naturale. Per me la fotografia di guerra è stata sempre una sfida. Ed è l’aspetto che più mi piace.

Ci spiega che il suo lavoro viene, in un certo senso, facilitato dall’accredito dell’agenzia Sipa press, di grande prestigio nel mondo della fotografia. E’ un biglietto da visita importante che comunque solo si guadagna con lavoro e sensibilità.

– Che cosa consiglia a un giovane alle prime armi che vuole dedicarsi al foto-giornalismo, alla fotografia di guerra?

– Passione – risponde immediatamente -. Tanta passione perché è un mondo difficile. E’ molto complesso soprattutto dal punto di vista psicologico. La fotografia di guerra è anche particolarmente pericolosa. L’unico consiglio che posso dare al giovane che vuole entrare in questo ambiente – prosegue – è quello di cominciare a viaggiare, di lavorare su progetti personali da poter proporre alle riviste e ai giornali. Ecco, questo è un percorso da seguire prima di dedicarsi al reportage di guerra. La nostra è una professione pericolosa… E’ difficile dare consigli.

– Lei è stato in tanti teatri di guerra e ha vissuto l’esperienza dello scontro a fuoco. Qual è stata la sua reazione?

– Gli scontri a fuoco sono importanti e inevitabili – precisa -. Noi facciamo solo reportage in prima linea. Quindi siamo soggetti a rischi, sparatorie, attacchi.

Dopo una breve pausa, con voce grave commenta:
– E’ molto interessante. Sul momento non si ha paura. Le posso assicurare che, dovesse trovarsi in situazioni molto pericolose, il suo corpo, la sua psiche si adatterebbero immediatamente. Si va in “modalità” sopravvivenza. La paura non c’è, svanisce in un istante. E’ interessante osservare come reagiscono il corpo e la mente in un momento di rischio. L’esperienza mi insegna che la paura viene poi, nel post battaglia. Dopo effettivamente ci si rende conto del pericolo, di quello che è accaduto. Ed allora subentra la paura. Ci si comincia a chiedere cosa sarebbe accaduto se avessimo fatto una cosa invece dell’altra.

– Molti soldati, quando tornano, non riescono ad adattarsi alla società. Dopo mesi in prima linea, dopo tanta adrenalina, cosa si sente al tornare avivere in una città tranquilla come New York? Come si assume questa nuova realtà?

Ammette che è una circostanza molto difficile.
– In un primo momento, quando torno – confessa -, mi trovo un po’ perso. Non perché psicologicamente instabile … perso perché è difficile spiegare, a chi ti chiede, cosa si prova a stare in prima linea. E’ difficile raccontare le proprie esperienze. E’ impossibile spiegare cosa si sente, le emozioni… Sono emozioni diverse. Chi non c’è stato non può capire. A volte ci si ritrova soli perché, appunto, ci si rende conto che è impossibile comunicare nel profondo.

– Lei ha famiglia, una fidanzata… come vivono il suo lavoro? Come hanno assimilato le partenze verso teatri di guerra…

– La mia ragazza ormai si è abbastanza abituata a questo mio continuo viaggiare – ci dice -. Non ho fatto promesse, perché non se ne possono fare. Male ho assicurato che non correrò pericoli inutili. Anche nei teatri di guerra i rischi possono essere contenuti. Aiutano molto l’esperienza e la coscienza di ciò che si sta facendo.

– Come ha cambiato l’era digitale la professione di fotoreporter? Ha lavorato sempre con macchine fotografiche digitali o realizza scatti anche con quelle analogiche?
Spiega che “normalmente il lavoro si svolge con macchine fotografiche digitali” che hanno una loro versatilità. Anche così, però, nel caso di progetti personali, in zone di guerra, preferisce l’analogica.

– Sono tre gli elementi che caratterizzano lo scatto con una “analogica” – commenta -. Il primo è l’effetto sorpresa. Ed è quello che più ti eccita. Non conosci, fino a quando non sviluppi la foto, il risultato finale. Il secondo è il colore. I colori nel 35 mm sono bellissimi. E, terzo, il processo dopo lo scatto. Questo, con l’”analogica”, è molto complesso. Non che sia più difficile – precisa -, semplicemente più complesso. Ci si concede più tempo a “formattare” l’immagine, a creare l’immagine, alla ricerca della situazione perfetta. Con l’analogica, si fa molta più attenzione all’inquadratura e si ha solitamente un risultato migliore. Con la digitale si scatta e basta.

– Anche il colore nella foto ha un suo significato, un peso specifico. A volte si pensa che il bianco e nero rende le immagini più drammatiche.

– Nelle foto in bianco e nero – spiega – cerco di concentrarmi di più sui volti e sulle emozioni che questi possono trasmettere.

Aggiunge che “è tutto soggettivo”. Quindi, afferma:
– Siamo stati abituati a vedere le immagini di guerra, le prime immagini di disastri in bianco e nero. Quindi il nostro è un modello in un certo senso “formattato”. Si pensa al bianco e nero per le immagini più macabre, per trasmettere il clima di tragedia. Ma il bianco e nero non rende bene i colori del sangue, del fumo, del fuoco.

– Come si gestisce la fotografia di guerra oggi? Uno pensa ai famosi fotografi di Life e alle immagini tragiche della guerra in Vietnam. Anche tecnicamente, quali sono le differenze?

– Certo – ammette – le cose una volta erano assai più complicate. Ad esempio, per i fotografi famosi di Life, in Vietnam, era difficile coprire un evento. I rullini dovevano essere sviluppati, le foto stampate. E poi, dovevano essere spedite via posta. Potevano anche tardare un mese prima di arrivare in redazione ed essere pubblicate. Oggi non è più così. Con le nuove tecnologie e le comunicazioni satellitari, le immagini possono essere trasmesse nell’arco di un’ora ed essere pubblicate al massimo dopo due ore. E poi, i fotografi di Life portavano 6 o 7 macchine fotografiche. Oggi, se vuoi, puoi muoverti anche con una sola.

– Quante macchine fotografiche porta con sé quando accompagna la pattuglia di soldati? Quali lenti preferisce?

– Porto con me generalmente due macchine fotografiche – afferma –. Una con la lente di 35 mm e l’altra con quella di 50 mm.

Ci spiega che il 35mm è un grand’angolo che aumenta il campo di visione senza alterare l’immagine mentre il 50mm è l’ideale per i ritratti.

Per concludere, chiediamo:
– La concorrenza è tanta, e sempre assai spietata. Raggiungere la cima può essere relativamente facile. Mantenersi al “top”, invece, no.

– Bisogna avere la capacità di trovare storie sempre più difficili e complicate – asserisce -. Oggigiorno, il successo del fotografo di guerra non dipende dalla tecnica, che comunque si impara col tempo e l’esperienza, ma dall’accesso a storie e situazioni interessanti. Se non si ha l’accesso le assicuro che è poco quello che si ottiene. Diciamo che l’80 per cento dipende dal poter arrivare a persone e situazioni, il 20 per cento dalla ricerca e la produzione.

Salutiamo con un “in bocca al lupo” Tomada, che si appresta ad una nuova esperienza”. L’appuntamento è al suo ritorno dall’Irak.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

Archivio Ultima ora