Tomada, la guerra in uno scatto

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

Sebastiano Tomada

Sebastiano Tomada

NEW YORK. – Narratore, romanziere. Ecco, questo è Sebastiano Tomada. Ma lo è a modo suo. Non usa parole. Sono superflue, accessori inutili; merce che non riuscirebbe a trasmettere i sentimenti e le sensazioni che invece Tomada sa agitare, incitare, accendere. Tomada ci parla della quotidianità, della nostra realtà attraverso le immagini.

Trasforma lo scatto in arte. Ci trasporta ai teatri di guerra attraverso il pianto di un bambino, lo sguardo triste e smarrito di un soldato o di una donna che, col figlio tra le braccia, stringe forte il mitra. Luci, ombre, riflessi di una realtà appena a poche ore da noi, grazie al miracolo della nuova tecnologia, ma che a volte ci appare molto lontana. Pensiamo non ci appartenga. Ma sarà vero?

Sebastiano Tomada, idolo per quei giovani che desiderano raccontare storie attraverso l’immagine, è nato a New York, a Manhattan. Ma è cresciuto a Firenze. Laureatosi nella Parson University, la sua carriera di fotocronista di guerra è costellata di successi. Suo è stato il prestigioso Word Press Photo Award nel 2013, il “Humanitarian International Red Cross (ICRC) Visa d’or award”. Recentemente gli è stato consegnato dalla “Italy-America Chamber of Commerce” il premio “Primi10 Society”.

Tomada ha conversato con la “Voce” poche ore prima di salire sull’aereo che lo avrebbe portato in Irak. Una conversazione aperta, schietta, sincera in cui è emersa la personalità dell’artista capace, con un click, di narrare storie di vita.

– Perché la fotografia? Perché ha scelto l’immagine per raccontare, trasmettere sentimenti ed emozioni?

– Mi è sembrato il modo migliore per mostraredi cosa ero capace – ci dice -. Una prova, una testimonianza reale della mia esperienza.

– Come si è avvicinato alla fotografia?

– Mia madre era fotografa, ma per diletto, per piacere – spiega -. Quando sono tornato in America ho deciso di studiare fotografia. All’inizio volevo diventare fotografo di moda. Poi, però, ho deciso di dedicarmi ad un altro tipo di fotografia: il reportage di guerra. Ho cominciato a viaggiare molto.

Chi ha avuto modo di ammirare le foto di Tomada sa quanti sentimenti esse riescano a suscitare. Pietà, compassione, orrore, rabbia, paura… E’ per questo che chiediamo:

– Che cosa vuole trasmettere attraverso le scene drammatiche della guerra che congela con un click e propone ai lettori?
Un attimo di silenzio, forse a voler ripassare con la mente i momenti drammatici vissuti e inquadrati nelle sue foto. Quindi commenta:

– Che cosa voglio… quale messaggio… In realtà nessun messaggio. La fotografia di guerra per me è una sfida. E’ riuscire ad avere l’accesso, l’aiuto delle persone nel teatro di guerra. Devi saper fare amicizia, guadagnarti la fiducia… La fotografia in sé è quasi secondaria. Viene in maniera spontanea, naturale. Per me la fotografia di guerra è stata sempre una sfida. Ed è l’aspetto che più mi piace.

Ci spiega che il suo lavoro viene, in un certo senso, facilitato dall’accredito dell’agenzia Sipa press, di grande prestigio nel mondo della fotografia. E’ un biglietto da visita importante che comunque solo si guadagna con lavoro e sensibilità.

– Che cosa consiglia a un giovane alle prime armi che vuole dedicarsi al foto-giornalismo, alla fotografia di guerra?

– Passione – risponde immediatamente -. Tanta passione perché è un mondo difficile. E’ molto complesso soprattutto dal punto di vista psicologico. La fotografia di guerra è anche particolarmente pericolosa. L’unico consiglio che posso dare al giovane che vuole entrare in questo ambiente – prosegue – è quello di cominciare a viaggiare, di lavorare su progetti personali da poter proporre alle riviste e ai giornali. Ecco, questo è un percorso da seguire prima di dedicarsi al reportage di guerra. La nostra è una professione pericolosa… E’ difficile dare consigli.

– Lei è stato in tanti teatri di guerra e ha vissuto l’esperienza dello scontro a fuoco. Qual è stata la sua reazione?

– Gli scontri a fuoco sono importanti e inevitabili – precisa -. Noi facciamo solo reportage in prima linea. Quindi siamo soggetti a rischi, sparatorie, attacchi.

Dopo una breve pausa, con voce grave commenta:
– E’ molto interessante. Sul momento non si ha paura. Le posso assicurare che, dovesse trovarsi in situazioni molto pericolose, il suo corpo, la sua psiche si adatterebbero immediatamente. Si va in “modalità” sopravvivenza. La paura non c’è, svanisce in un istante. E’ interessante osservare come reagiscono il corpo e la mente in un momento di rischio. L’esperienza mi insegna che la paura viene poi, nel post battaglia. Dopo effettivamente ci si rende conto del pericolo, di quello che è accaduto. Ed allora subentra la paura. Ci si comincia a chiedere cosa sarebbe accaduto se avessimo fatto una cosa invece dell’altra.

– Molti soldati, quando tornano, non riescono ad adattarsi alla società. Dopo mesi in prima linea, dopo tanta adrenalina, cosa si sente al tornare avivere in una città tranquilla come New York? Come si assume questa nuova realtà?

Ammette che è una circostanza molto difficile.
– In un primo momento, quando torno – confessa -, mi trovo un po’ perso. Non perché psicologicamente instabile … perso perché è difficile spiegare, a chi ti chiede, cosa si prova a stare in prima linea. E’ difficile raccontare le proprie esperienze. E’ impossibile spiegare cosa si sente, le emozioni… Sono emozioni diverse. Chi non c’è stato non può capire. A volte ci si ritrova soli perché, appunto, ci si rende conto che è impossibile comunicare nel profondo.

– Lei ha famiglia, una fidanzata… come vivono il suo lavoro? Come hanno assimilato le partenze verso teatri di guerra…

– La mia ragazza ormai si è abbastanza abituata a questo mio continuo viaggiare – ci dice -. Non ho fatto promesse, perché non se ne possono fare. Male ho assicurato che non correrò pericoli inutili. Anche nei teatri di guerra i rischi possono essere contenuti. Aiutano molto l’esperienza e la coscienza di ciò che si sta facendo.

– Come ha cambiato l’era digitale la professione di fotoreporter? Ha lavorato sempre con macchine fotografiche digitali o realizza scatti anche con quelle analogiche?
Spiega che “normalmente il lavoro si svolge con macchine fotografiche digitali” che hanno una loro versatilità. Anche così, però, nel caso di progetti personali, in zone di guerra, preferisce l’analogica.

– Sono tre gli elementi che caratterizzano lo scatto con una “analogica” – commenta -. Il primo è l’effetto sorpresa. Ed è quello che più ti eccita. Non conosci, fino a quando non sviluppi la foto, il risultato finale. Il secondo è il colore. I colori nel 35 mm sono bellissimi. E, terzo, il processo dopo lo scatto. Questo, con l’”analogica”, è molto complesso. Non che sia più difficile – precisa -, semplicemente più complesso. Ci si concede più tempo a “formattare” l’immagine, a creare l’immagine, alla ricerca della situazione perfetta. Con l’analogica, si fa molta più attenzione all’inquadratura e si ha solitamente un risultato migliore. Con la digitale si scatta e basta.

– Anche il colore nella foto ha un suo significato, un peso specifico. A volte si pensa che il bianco e nero rende le immagini più drammatiche.

– Nelle foto in bianco e nero – spiega – cerco di concentrarmi di più sui volti e sulle emozioni che questi possono trasmettere.

Aggiunge che “è tutto soggettivo”. Quindi, afferma:
– Siamo stati abituati a vedere le immagini di guerra, le prime immagini di disastri in bianco e nero. Quindi il nostro è un modello in un certo senso “formattato”. Si pensa al bianco e nero per le immagini più macabre, per trasmettere il clima di tragedia. Ma il bianco e nero non rende bene i colori del sangue, del fumo, del fuoco.

– Come si gestisce la fotografia di guerra oggi? Uno pensa ai famosi fotografi di Life e alle immagini tragiche della guerra in Vietnam. Anche tecnicamente, quali sono le differenze?

– Certo – ammette – le cose una volta erano assai più complicate. Ad esempio, per i fotografi famosi di Life, in Vietnam, era difficile coprire un evento. I rullini dovevano essere sviluppati, le foto stampate. E poi, dovevano essere spedite via posta. Potevano anche tardare un mese prima di arrivare in redazione ed essere pubblicate. Oggi non è più così. Con le nuove tecnologie e le comunicazioni satellitari, le immagini possono essere trasmesse nell’arco di un’ora ed essere pubblicate al massimo dopo due ore. E poi, i fotografi di Life portavano 6 o 7 macchine fotografiche. Oggi, se vuoi, puoi muoverti anche con una sola.

– Quante macchine fotografiche porta con sé quando accompagna la pattuglia di soldati? Quali lenti preferisce?

– Porto con me generalmente due macchine fotografiche – afferma –. Una con la lente di 35 mm e l’altra con quella di 50 mm.

Ci spiega che il 35mm è un grand’angolo che aumenta il campo di visione senza alterare l’immagine mentre il 50mm è l’ideale per i ritratti.

Per concludere, chiediamo:
– La concorrenza è tanta, e sempre assai spietata. Raggiungere la cima può essere relativamente facile. Mantenersi al “top”, invece, no.

– Bisogna avere la capacità di trovare storie sempre più difficili e complicate – asserisce -. Oggigiorno, il successo del fotografo di guerra non dipende dalla tecnica, che comunque si impara col tempo e l’esperienza, ma dall’accesso a storie e situazioni interessanti. Se non si ha l’accesso le assicuro che è poco quello che si ottiene. Diciamo che l’80 per cento dipende dal poter arrivare a persone e situazioni, il 20 per cento dalla ricerca e la produzione.

Salutiamo con un “in bocca al lupo” Tomada, che si appresta ad una nuova esperienza”. L’appuntamento è al suo ritorno dall’Irak.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

10:33F1: Australia, Hamilton vola in prime libere, Raikkonen 5/o

(ANSA) - MELBOURNE, 24 MAR - Lewis Hamilton segna il miglior tempo sulla sua Mercedes nella prima sessione di prove libere del Gran premio d'Australia, prima prova del Mondiale di Formula 1. Nel suo giro più veloce Hamilton ha segnato 1'24"220, quasi sei decimi di secondo più veloce del compagno di squadra Valtteri Bottas. Dietro le due Mercedes si sono piazzate le Red Bull di Daniel Ricciardo e Max Verstapen, poi le Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel.

10:06Brexit: Juncker a Bbc, ‘un fallimento e una tragedia’

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il 29 marzo, quando la Gran Bretagna consegnerà a Bruxelles la lettera che dà l'avvio alla Brexit, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sarà "triste" perchè l'uscita di Londra dall'Ue "è una tragedia, un fallimento e una tragedia". Lo stesso Juncker lo ha detto alla Bbc in una lunga intervista che andrà in onda oggi. L'emittente ne ha anticipato alcuni brevi stralci.

09:42Terremoto: Marini, Parlamento Ue a Norcia è vicinanza gente

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 MAR - "Oggi a Norcia si riunisce la presidenza del Parlamento europeo (presidente, vicepresidenti e presidenti del gruppo politici) nell'ambito delle cerimonie per il 60/O anniversario dei Trattati di Roma. È un gesto simbolico e di vicinanza delle istituzioni europee alla nostra gente colpita dal sisma": è quanto scrive questa mattina sul proprio profilo facebook, Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria. Secondo la quale "dobbiamo ricostruire ciò che il terremoto ha distrutto e lacerato, sostenere la forza resiliente della popolazione, ma anche ricostruire il progetto europeo che ha bisogno della fiducia e del consenso dei cittadini". Marini sarà a Norcia, assieme agli altri presidenti di Regione colpite dal sisma, per accogliere i parlamentari europei, con il presidente Antonio Tajani. Gli esponenti del Parlamento europeo al termine dei lavori visiteranno la città di San Benedetto, recandosi davanti alla Basilica quasi completamente distrutta dal sisma. (ANSA).

08:55Trump: Senato conferma Friedman ambasciatore Usa in Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - Il Senato degli Stati Uniti ha confermato la nomina avanzata dal presidente Donald Trump di David Friedman come ambasciatore americano in Israele, nonostante le critiche espresse dai democratici. I senatori hanno approvato la nomina con 52 voti favorevoli e 46 contrari. Friedman, avvocato di New York molto legato a Trump che e' stato suo cliente, e' noto per la sua posizione a sostegno degli insediamenti israeliani e contraria alla creazione di uno Stato palestinese.

08:51Trump: Casa Bianca spinge per voto oggi contro Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - La Casa Bianca insiste affinche' si voti già oggi sulla legge che dovrebbe sostituire l'Obamacare, dopo che la Camera del Congresso Usa ha deciso di rimandare il voto previsto nelle scorse ore, attribuito da più parti al fallimento dell'ennesimo pressing del presidente Donald Trump e dello speaker Paul Ryan sui membri del Congresso repubblicani riluttanti. Eppure fino all'ultimo momento il portavoce della Casa Bianca si era detto certo che il voto ci sarebbe stato e fiducioso che il testo sarebbe passato, ma questa volta Trump non sembra essere stato capace di 'chiudere l'affare', almeno per ora: stando ai media l'amministrazione ha lanciato un ultimatum ai leader repubblicani al Congresso affermando che "la trattativa e' chiusa" ed esortando al voto già nelle prossime ore, con le pressioni protrattesi fino a tarda sera in incontri a porte chiuse a Capitol Hill, alla presenza anche dei più stretti collaboratori di Trump, dal suo stratega Steve Bannon al chief of staff Rience Priebus.

01:33Calcio: Mondiali 2018, Colombia-Bolivia 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La Colombia ha battuto la Bolivia 1-0 in una gara valida per le qualificazioni mondiali dell'America del sud. Decide la rete su rigore dell'attaccante del Real, James Rodriguez, al 38' del secondo tempo. Si fa male invece Muriel: il giocatore della Samp è stato infatti costretto a uscire per un infortunio dopo mezzora di gioco.

00:41Iraq: tv curda, almeno 200 uccisi in raid a Mosul

(ANSA) - BEIRUT, 23 MAR - La televisione curdo-irachena Rudaw afferma che almeno 200 persone, la maggior parte civili, sono state uccise in raid aerei nell'ovest di Mosul ancora controllato dall'Isis. L'emittente non precisa se i raid siano stati compiuti dall'aviazione irachena o da jet della Coalizione internazionale a guida Usa, che appoggia l'offensiva lealista con pesanti bombardamenti. La settimana scorsa l'ong Osservatorio iracheno per i diritti umani aveva parlato di almeno 299 civili già uccisi dai raid della Coalizione a guida americana a Mosul ovest da febbraio, quando ha avuto inizio l'offensiva governativa per strapparla allo Stato islamico. L'inviato di Rudaw a Mosul, Hevidar Ahmed, ha detto che i raid hanno colpito il quartiere di Al Jadida e fino a 230 persone potrebbero essere state uccise. Di queste, 130 si trovavano in un solo edificio e 100 in un altro.

Archivio Ultima ora