Bruxelles accusa McDonald’s di evadere il fisco in Ue e Usa

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

A file picture dated 04 April 2014 shows people dining at a McDonald's restaurant on Manezhnaya Square in Moscow, Russia.  EPA/MAXIM SHIPENKOV

A file picture dated 04 April 2014 shows people dining at a McDonald’s restaurant on Manezhnaya Square in Moscow, Russia. EPA/MAXIM SHIPENKOV

BRUXELLES. – Dopo Starbucks, Amazon ed Apple si allunga la lista delle multinazionali Usa messe sotto accusa dall’Europa per aver evaso il fisco grazie ad accordi con alcuni Governi, tra cui il Lussemburgo. Ora è McDonald’s il bersaglio dell’antitrust europeo che ha aperto un’indagine sulla sua maxi-evasione da oltre un miliardo di euro dal 2009, grazie ad accordi fiscali con il Governo lussemburghese.

Al termine dell’inchiesta, l’azienda potrebbe trovarsi a dover ridare quanto sottratto al fisco in tutti questi anni. Secondo la Commissione Ue ‘McDonald’s Europe’, sussidiaria del colosso con sede nel Granducato, ad oggi ha eluso totalmente il fisco sia in Europa che negli Usa. Questo perché “in virtù di due ruling fiscali adottati dalle autorità lussemburghesi, dal 2009 non versa le imposte sulla società, pur avendo realizzato ingenti utili (più di 250 milioni di euro nel 2013)”, scrive Bruxelles.

Una situazione difficile da credere ma facile da realizzare sfruttando la convenzione sulla doppia imposizione, con l’ ‘aiuto’ delle autorità lussemburghesi. La Commissione ha scoperto che un primo ruling fiscale adottato dal Lussemburgo nel marzo 2009 ha confermato che McDonald’s Europa non era tenuta a versare l’imposta sulle società in Lussemburgo in quanto gli utili erano soggetti a tassazione negli Usa.

Un provvedimento giustificato facendo riferimento alla convenzione Lussemburgo-Usa sulla doppia imposizione. Ma, in base al ruling, McDonald’s doveva trasmettere ogni anno la prova che le royalties trasferite negli Stati Uniti attraverso la Svizzera erano state dichiarate e tassate.

Tuttavia, contrariamente a quanto assunto dalle autorità fiscali del Lussemburgo, gli utili non erano soggetti a tassazione negli Stati Uniti perché in base al diritto Usa, McDonald’s Europa non era un soggetto imponibile. Per questo motivo la società non ha potuto fornire alcuna prova delle tasse pagate e ha chiesto un secondo ruling, che la esonerava anche dall’onere della prova.

“Con il secondo ruling – scrive Bruxelles – le autorità lussemburghesi hanno accettato di esonerare quasi integralmente dalla tassazione in Lussemburgo gli utili di McDonald’s Europe”. Per questo Bruxelles vuole vederci chiaro: “Un ruling fiscale che prevede che McDonald’s non paghi né in Lussemburgo né negli Stati Uniti le tasse sulle sue royalties europee va sottoposto ad una disamina scrupolosa alla luce delle norme Ue in materia di aiuti di Stato.

Lo scopo delle convenzioni sulla doppia imposizione tra Paesi è evitare la doppia tassazione, non certo giustificare un doppio sgravio fiscale”, ha detto la commissaria responsabile della Concorrenza Margrethe Vestager, i cui servizi ora verificheranno se McDonald’s ha ottenuto un “vantaggio selettivo” di cui altre società non potevano beneficiare.

Questa è la quinta indagine in Ue e la terza in Lussemburgo aperta da Bruxelles in materia di evasione fiscale, dopo quelle di Starbucks in Olanda, Apple in Irlanda, più Amazon e Fiat nel Granducato. Su Fiat e Starbucks la Commissione ha già preso una decisione imponendo loro di pagare il dovuto finora evaso.

(di Chiara De Felice/ANSA)

Ultima ora

12:41Madrid, da Puigdemont ‘disobbedienza sistematica’

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Per il governo spagnolo il president catalano Carles Puigdemont si è reso responsabile di una "disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole" degli obblighi previsti dalla legge e dalla costituzione e ha "gravemente attentato" all'interesse generale dello stato. Lo affermano le motivazioni della richiesta di attivazione dell'articolo 155 all' esame della riunione straordinaria del consiglio dei ministri a Madrid.

12:30Droga: spaccio via WhatsApp, 9 indagati

(ANSA) - BERGAMO, 21 OTT - Nove persone - 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni - sono state indagate nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all'alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l'operazione è stata infatti ribattezzata 'WhatsApp 2017'. Per l'accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d'Isola, Calusco d'Adda, Bonate Sopra, Chignolo d'Isola e Casirate d'Adda erano piazze 'occupate' degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio. (ANSA).

12:29Anche Catalunya Radio seguirà referendum

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Anche Catalunya Radio è fra i 130 media accreditati per poter seguire l'andamento del voto e dello spoglio delle schede del referendum sull'autonomia che si terrà domani in Lombardia. Lo spiega Gianni Fava, assessore e coordinatore della consultazione per la Regione. A Palazzo Lombardia, nella Sala Biagi, è stata allestita una sala stampa che sarà operativa dalle 7 di domani mattina fino al termine dello scrutinio. Fra le testate accreditate, numerose sono straniere come l' agenzia di stampa Russia Oggi, le emittenti televisive Aptn, BBc arabic, France 24, Euronews, Rtv Sloveija, Rtl Television. Sono previste dirette televisive dalla sala stampa da parte di Rai, Mediaset, Sky e La7 e sui principali siti online dei quotidiani nazionali.

12:24Calcio: Verratti, lasciando il Psg avrei guadagnato di più

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Non mi aspettavo di trascorrere un'estate così. Io non ho mai detto che volevo lasciare il Psg". Marco Verratti, in un'intervista a L'Equipe, racconta la decisione di arrivare a rompere con il suo ormai ex procuratore, Donato Di Campli, per passare alla corte di Mino Raiola. "La gente pensa che sia rimasto al Paris Saint Germain per i soldi, ma avrei potuto guadagnarli anche in altri posti - afferma il centrocampista azzurro - Se la scorsa estate avessi lasciato Parigi ne avrei presi anche di più, c'erano club che offrivano quasi 100 milioni per me. Neymar potrebbe vincere di più nel Manchester City o nel Chelsea, ma ha scelto il Psg per il progetto. Lo stesso ho fatto io". "Raiola lo conoscevo perché era l'agente di Ibrahimovic - spiega tra l'altro Verratti - La sola cosa che gli ho detto era che non volevo più finire sui giornali. Ha esperienza e buoni rapporti con i club. E mi è stato consigliato da Zlatan. Ogni volta che gli ho dato ascolto, in campo e fuori, mi sono trovato bene".

12:03Attacco con coltello a Monaco, è caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - È caccia aperta all'uomo, che ha colpito con un coltello a Monaco, ferendo alcune persone (finora quattro). La polizia sta intervenendo "con tutte le forze in campo", ha affermato un portavoce delle forze dell'ordine. Al momento viene ricercato un uomo sulla quarantina, che porterebbe dei pantaloni grigi, una giacca verde e uno zaino. Un identikit reso possibile dalla descrizione fatta sul web da un testimone.

11:46Catalogna: sondaggio, 68% per elezioni

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il 68,6% dei catalani è favorevole alla convocazione di elezioni per uscire dall'attuale crisi istituzionale mentre il 66,5% è contro un commissariamento della regione da parte di Madrid con l'attivazione dell'art.155, secondo un sondaggio Gesop pubblicato da El Periodico. Alla domanda su che cosa dovrebbe fare ora il presidente Carles Puigdemont, il 29,3% risponde chiedendo la proclamazione immediata dell'indipendenza, il 24,8% la rinuncia all'indipendenza e il 36,5% un ritorno alle urne per evitare il commissariamento.

11:30Chiesa: Delpini apre procedura beatificazione Fratel Ettore

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - L'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha incaricato la Curia Arcivescovile di pubblicare l' editto per l'apertura del processo di beatificazione e canonizzazione del "Servo di Dio" Fratel Ettore Boschini. Da questo momento quindi, come ricorda la Diocesi, in conformità all'art. 43 dell'Istruzione Sanctorum Mater della Congregazione delle Cause dei Santi, i fedeli ambrosiani potranno far pervenire al Servizio per le Cause dei Santi della Curia di Milano testimonianze o scritti sulla figura del sacerdote in vista dell'inizio dell'istruttoria diocesana che avverrà martedì 19 dicembre. Avanzata dall'ordine religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (i Camilliani) e dall'associazione I Missionari del Cuore Immacolato di Maria, la richiesta di apertura del processo di beatificazione era già stata accolta il 12 marzo 2012, dall' allora arcivescovo di Milano, Angelo Scola. Con la pubblicazione dell'Editto, l'arcivescovo Delpini ha confermato la scelta del suo predecessore. (ANSA).

Archivio Ultima ora