Clima: Cop 21, nuova bozza di accordo ma ancora molti nodi

Pubblicato il 03 dicembre 2015 da redazione

GP0STPG3O

LE BOURGET. – Il quarto giorno di trattative nella Conferenza Onu sul clima si è aperto con una nuova bozza del testo dell’accordo, leggermente più corta della precedente (50 pagine invece che 54) ma ancora appesantita da circa 250 opzioni aperte e oltre un migliaio di termini tra parentesi.

Il nodo principale resta quello dei finanziamenti per gli interventi di riduzione delle emissioni e adattamento al clima che i Paesi avanzati dovrebbero fornire a quelli emergenti e in via di sviluppo. India, Cina e diversi Stati africani e asiatici chiedono garanzie su questo fronte, sottolineando che pur riconoscendo l’importanza dell’azione di tutela del clima non possono rinunciare a fornire accesso all’energia a una fetta più ampia possibile di popolazione.

“Dobbiamo soddisfare i bisogni energetici di tutti gli indiani, in parte con le rinnovabili ma in parte anche con il carbone”, ha spiegato alla stampa un portavoce della delegazione di New Delhi, secondo cui il Paese può agire per fare in modo che “progressivamente la parte delle rinnovabili aumenti”, ma non può rinunciare in tempi brevi al carbone, che fornisce oggi circa 160 gigawatt di energia al Paese, ovvero il 59% circa della capacità istallata.

“Dobbiamo continuare a usare il carbone, e farlo nel modo più pulito possibile – ha aggiunto – oggi, ogni anno le nuove centrali a carbone che vengono installate sono più efficienti di quelle dell’anno prima”.

Il problema, spiegano fonti vicine alle trattative, riguarda innanzitutto il fatto che resta un grosso divario tra la cifra che i Paesi avanzati si erano impegnati a mobilitare, 100 miliardi di dollari l’anno di capitali pubblici e privati, e quella effettivamente fornita quest’anno, che secondo una stima dell’Ocse è di 57 miliardi – cifra a sua volta contestata, perché include anche le somme versate tramite prestiti e ‘grant’, che quindi dovranno essere restituite.

Per colmare il divario, gli Usa avrebbero proposto di ampliare la rosa dei donatori, inserendovi per esempio la Cina, che già fornisce un rilevante aiuto finanziario ad alcuni Stati vicini per progetti di transizione energetica. La risposta degli emergenti, e in particolare dell’India, è però nettamente negativa: “Quello è un contributo che secondo gli impegni deve essere versato dai Paesi avanzati – ha detto ancora il portavoce dei negoziatori indiani – i capitali della cooperazione sud-sud non possono assolutamente essere inclusi nel calcolo”.

Alcuni Paesi in via di sviluppo, inoltre, criticano la suddivisione dei capitali mobilitati, concentrata sul finanziamenti di piani per riduzione delle emissioni e mitigazione del cambiamento climatico, e solo in minima parte (16%, sempre secondo i calcoli Ocse), assegnata a opere di adattamento al nuovo clima, che sono invece cruciali per le popolazioni vulnerabili. La loro richiesta è che questo squilibrio sia almeno in parte ridotto, e che la percentuale di fondi dedicati all’adattamento sia raddoppiata.

Restano poi pesanti disaccordi anche sull’obiettivo di contenimento dell’aumento della temperatura globale rispetto all’età preindustriale. I Paesi insulari su questo punto hanno “fatto sentire la loro voce come mai prima d’ora”, insistendo su una riduzione da 2 a 1,5 gradi, e secondo le Ong del Climate Action Network hanno ottenuto il supporto di “oltre cento” altri Paesi. Restano però forti resistenze da parte dei cosiddetti ‘grandi inquinatori’, a cominciare dall’India, secondo cui “il consenso internazionale raggiunto dopo un dibattito tecnico e politico è per un obiettivo di 2 gradi”.

(di Chiara Rancati/ANSA)

  • Rinaldo Sorgenti

    Bisogna riconoscere la lucidità e coerenza dei rappresentanti dell’India, che non possono certo dimenticarsi delle centinaia di milioni di indiani che ancora oggi non dispongono della “banale” elettricità e vivono in condizioni davvero miserevoli che i tanti vacanzieri parigini fanno finta di non sapere.

    Una piccola riflessione (estratto che ho colto dal suo ultimo articolo) del Prof. Luigi Mariani sul tema delle assurde conumelie di riduzione della CO2 in atmosfera, giousto per riflettere:

    Q U O T E

    Ad onor del vero va qui ricordato che la rivoluzione verde del XX secolo si è avvalsa di due alleati potenti (che sono oggi ignorati dai più) e cioè le temperature più miti di quelle del gelido XIX secolo e gli elevati livelli di CO2 (se i livelli atmosferici di tale gas ritornassero a quelli pre-industriali la produzione agricola subirebbe un calo del 30%, con una catastrofe alimentare senza precedenti).
    La parte finale della relazione verterà sulle prospettive che oggi si aprono grazie alla disponibilità di tecnologie innovative nei settori delle agrotecniche (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione, difesa integrata, ecc.) e della genetica (tecniche di ingegneria genetica). Ciò apre interesantissime prospettive che tuttavia potranno garantire sicurezza alimentare e prosperità all’umanità intera se riusciremo a preservare quel sentimento di fiducia nella tecnologia che negli anni più recenti si è di molto appannato, specie nelle comunità dei paesi evoluti.

    U N Q U O T E
    Oh bella, direte voi! E perché tutta questa enfasi sull’aumento (molto modesto, peraltro), delle temperature, cominciano a calcolarlo dall’inizio del XIX secolo?
    Pare che, alle abituali variazioni del clima,(periodiche ed alternate, tra aumenti e diminuzioni anche drastiche da portare alla glaciazione), si alterni un periodo di aumento, reso ancora più evidente proprio perché si comincia a considerarlo dal periodo basso precedente.
    Del famoso periodo “Optimum climatico medioevale) è meglio far finta di non conoscerlo, per carità, altrimenti la BOLLA (o BALLA) si sgonfia!
    Povero mondo.

  • Rinaldo Sorgenti

    Leggo dall’Agenzia NOVA.IT che la Cina si sarebbe “svegliata” ed avrebbe “scoperto” che dismettendo le sue vecchissime centrali alimentate a Carbone e totalmente prive delle tecnologie necessarie per prevenire le emissioni nocive in atmosfera, raggiungerebbe dei risultati incredibilmente significativi:
    – riduzione delle emissioni del 60% (soprattutto delle vere emissioni nocive: SO2, NOx, Particolato Fine);
    – riduzione delle emissioni di CO2 (per valori ben maggiori di quelli assurdi in discussione a Parigi;
    – riduzione proporzionale del consumo di combustibile, grazie all’incredibile maggiore efficienza dei nuovi impianti: 45% contro 25/30% dei vecchi precedenti.
    E se facessero così ovunque nel mondo?
    Ah, no. Così son capaci tutti e sarebbe anche un incredibile sinergico volano di rilancio dell’economia a livello mondiale.
    Quindi, non scherziamo, che a far ridere ci pensano già gli pseudo-ambientalisti in scena a Parigi.

Ultima ora

21:08Difesa: Pili, esplosivo a bordo di tre tir su statale 130

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - "Centomila chili di esplosivo a bordo di tre tir sulla strada statale 130, dal porto Canale di Cagliari allo stabilimento Rwm di Domusnovas, senza il rispetto di alcuna misura di sicurezza". E' la denuncia del deputato di Unidos, Mauro Pili, che ha scritto della "la movimentazione esplosiva" sulla sua pagina Facebook. E ha già annunciato un'interrogazione urgente al ministro dell'Interno per chiedere se è al corrente di "condizioni di sicurezza totalmente inesistenti per questo tipo di carico". L'esplosivo, ha spiegato l'ex presidente della Regione sarda, è stato scaricato in mattinata da una nave porta container. Pili ha parlato anche di "un tentativo di impedire la documentazione di ciò che stava accadendo": "Avermi identificato attraverso le forze dell'ordine (carabinieri e guardia di finanza) costituisce un fatto grave per la libertà parlamentare e di informazione. Non vi era alcuna area vietata mentre reiteratamente si è cercato, anche con metodi bruschi, di impedire la documentazione dei fatti". Infine: "E la prima volta che viene documentato un carico a ritroso di esplosivo verso la Rwm. Il quantitativo, oltre 100 chili di esplosivo, costituisce la più evidente dimostrazione di quanto questa fabbrica stia foraggiando il sistema mediorientale con particolare riferimento all'Arabia Saudita che sta incrementando come non mai i propri arsenali".(ANSA).

20:38Calcio: Juve, Bernardeschi ‘Buffon un esempio’

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - "Buffon è un esempio non solo per me, ma per tutti. Lo ringrazio per le belle parole". Si ispira al capitano della Juventus, la sua nuova squadra, Federico Bernardeschi. Il calciatore, nato a Carrara come il portiere, non vede l'ora di stringere la mano al numero uno che ne aveva caldeggiato l'acquisto. "Lui ha vinto il Mondiale, adesso sarà il mio capitano alla Juve e in Nazionale...". Grande l'accoglienza che i tifosi bianconeri hanno riservato all'ex viola. "Sono molto emozionato, voglio ringraziare tutti quanti perché appena sono arrivato c'era tanta gente ad accogliermi - sottolinea Bernardeschi ai microfoni di Jtv -. Mi hanno fatto sentire il loro calore e li ringrazio. Voglio mettermi a disposizione del Mister e della squadra. Forza Juventus".

20:34Migranti: ‘Welcome Taranto’,polveri minerali Ilva su hotspot

(ANSA) - TARANTO, 24 LUG - La rete di associazioni di 'Campagna Welcome Taranto' denuncia situazioni di rischio nell'area in cui è stato realizzato il centro hotspot per l'dentificazione e lo smistamento dei migranti a causa della diffusione delle polveri minerali provenienti dall'Ilva. "L'hotspot di Taranto - viene osservato - è uno di quelli, secondo la Guida per Rifugiati e Migranti redatta da Welcome to Europe, in cui si registrano ripetute violazioni dei diritti fondamentali. Oltre a questi, più volte documentati e denunciati dagli organi di stampa locali e nazionali, in questo hotspot incombe una seria aggravante: soccombere sotto i minerali che vengono movimentati dal porto alla zona industriale". In una nota si sottolinea che "il colore delle tensostrutture dell'hotspot originalmente era bianco, ad oggi questi tendoni hanno assunto il colore nero carbone e rosso scuro come il minerale di ferro". Alla denuncia viene allegata una foto scattata dalle ecosentinelle di Peacelink.

20:32Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:29Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:18Atletica: Russia ai Mondiali con 19 atleti ‘neutrali’

(ANSA) - MOSCA, 24 LUG - La Russia sarà presente ai Mondiali di atletica di Londra 2017 (4-13 agosto) con 19 atleti, autorizzati dalla Iaaf a competere come 'neutrali'. Fra loro, rientrati nei parametri fissati dalla Iaaf dopo lo stop alla nazionale russa per vicende di doping, ci sono campioni del mondo in carica come Maria Lasitskene (alto) e Sergei Shubenkov (110 hs). La direttrice generale della federazione russa, Elena Orlova, ha fatto il punto della situazione rivelando che fra coloro che hanno chiesto l'iscrizione c'è anche la mezzofondista Yulia Stepanova, dalle cui rivelazione aveva preso il via l'inchiesta sul 'doping di Stato', ma di non essere in grado di confermare se sarà in pista. I 19 russi in gara non potranno indossare gli indumenti della loro nazionale e se dovessero vincere durante la premiazione non verrà eseguito l'inno della Russia. In tutto 38 atleti hanno ricevuto il via libera dalla Iaaf, ma solo la metà ha ottenuto il minimo per Londra 2017.Sono state invece 106 le richieste dalla Russia respinte dalla Iaaf.

20:07Donna uccisa in Sardegna: fidanzato resta in carcere

(ANSA) - BIELLA, 24 LUG - Resta in carcere Dimitri Fricano, il trentenne che ha confessato di avere ucciso, lo scorso 11 giugno durante una vacanza in Sardegna, la fidanzata Erika Petri, 28 anni. Il gip Paola Rava, del tribunale di Biella, ha convalidato l'arresto dell'uomo, negando i domiciliari che avevano chiesto i suoi legali, gli avvocati Alessandra Guarini e Roberto Onida. Gli atti sono stati trasmessi alla procura di Nuoro, titolare dell'inchiesta. I difensori, intanto, non hanno ancora deciso quale linea adottare per la difesa, in attesa che i Ris diano l'esito delle ultime rilevazioni eseguite nella villetta di Lu Fraili, dove la giovane donna è stata accoltellata. I racconti del fidanzato sulla dinamica dei fatti sarebbero infatti ancora "confusi". (ANSA).

Archivio Ultima ora