Papa Francesco apre il Giubileo, anteporre la misericordia al giudizio

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

Papa Francesco apre la Porta Santa in San Pietro.

Papa Francesco apre la Porta Santa in San Pietro.

CITTA’ DEL VATICANO. – Allarga le braccia, spinge le ante che fanno un po’ di resistenza, sicché quando si aprono, quasi irrompe dentro la basilica. Sorride titubante, e dalla piazza sale un applauso. Sono le 11,10 della festa dell’Immacolata quando papa Bergoglio, che indossa un mantello bianco ricamato sul davanti, apre la Porta santa di San Pietro.

Subito prima, nell’atrio, ha salutato il papa emerito Benedetto XVI, si sono abbracciati, hanno scambiato qualche parola. Ratzinger sarà il primo pellegrino a varcare la porta santa, e andrà nuovamente incontro a Bergoglio, per una ulteriore stretta di mano. E questi all’Angelus chiederà alla folla in piazza di mandare “tutti” un saluto al papa emerito.

L’abbraccio tra i due, Ratzinger ultimo dei papi che ha fatto il Concilio, e Bergoglio, il primo della generazione successiva, suggella la messa solenne con cui papa Francesco ha dato inizio al giubileo della misericordia, affermando di compiere “questo gesto, come ho fatto a Bangui, tanto semplice quanto fortemente simbolico, alla luce della Parola di Dio”.

Il rito che inizia con la scenografica processione dei circa 200 celebranti, è multilingue, sia nelle letture proclamate in spagnolo, italiano e inglese, sia nelle preghiere dei fedeli, che sono in cinese, arabo, francese, swahili e malayalam. Esprime l’universalità della Chiesa nel giorno in cui, sottolinea papa Bergoglio, “varcando la porta santa, qui a Roma e in tutte le diocesi del mondo, – ha aggiunto a braccio – vogliamo anche ricordare” la porta aperta dal Concilio 50 anni fa, quando i padri la “spalancarono verso il mondo”.

L’Anno santo in tutte le diocesi e anticipato in Africa, dalla periferia del mondo, è dedicato alla misericordia. Così nell’omelia, che pronuncia con molta concentrazione e alcuni minimi inserti a braccio, il papa latinoamericano intreccia subito la misericordia al messaggio del Concilio ecumenico Vaticano II, che si è concluso esattamente 50 anni fa.

“Dobbiamo anteporre – esorta – la misericordia al giudizio, e in ogni caso il giudizio di Dio sarà sempre nella luce della sua misericordia. Attraversare la Porta Santa, dunque, ci faccia sentire partecipi di questo mistero di amore, di tenerezza”. “Riprendiamo con la stessa forza e entusiasmo”, chiede la “spinta missionaria” del Concilio, che “è stato un incontro, un vero incontro tra la Chiesa e gli uomini del nostro tempo”.

“Un incontro – rimarca – segnato dalla forza dello Spirito che spingeva la sua Chiesa ad uscire dalle secche che per molti anni l’avevano rinchiusa in sé stessa, per riprendere con entusiasmo il cammino missionario.

Era la ripresa di un percorso per andare incontro ad ogni uomo là dove vive: nella sua città, nella sua casa, nel luogo di lavoro, dovunque c’è una persona, là la Chiesa è chiamata a raggiungerla per portare la gioia del Vangelo e portare la misericordia e il perdono di Dio. Una spinta missionaria, dunque, che dopo questi decenni riprendiamo con la stessa forza e lo stesso entusiasmo”.

Il messaggio della misericordia, nel quale si declina la onnipotenza di Dio, viene spiegato da papa Francesco anche in relazione alla figura della Madonna, “testimone privilegiata della promessa di Dio e del suo compimento”, nella quale Dio non solo ha perdonato il peccato, ma è giunto “fino a prevenire la colpa originaria, che ogni uomo porta con sé entrando in questo mondo”: è la Immacolata concezione della Madonna, che la Chiesa festeggia l’8 dicembre, e che Bergoglio ricorderà anche nei due appuntamenti pomeridiani, a piazza di Spagna e a Santa Maria Maggiore, omaggi a Maria cari alla tradizione romana. E a piazza di Spagna ricorda che “sotto il manto di Maria c’è posto per tutti”, tra cui anziani, disoccupati, migranti.

Alla messa ha partecipato una delegazione italiana guidata dal presidente Sergio Mattarella, accompagnato dalla figlia Laura e dal premier Matteo Renzi. Il presidente ha varcato la porta santa, come hanno potuto fare le persone che hanno partecipato alla messa. Settantamila persone in totale, tra piazza e via della Conciliazione, alla messa e poi all’Angelus sono la stima degli organizzatori per l’apertura dell’Anno santo, una cifra di tutto rispetto, se si considera e l’allarme terrorismo, e il fatto che anche prima di Parigi molti puntavano a celebrare il giubileo in diocesi.

Chiuso lo spazio aereo della città, sigillati i tombini, creati corridoi per i fedeli preceduti dal controllo ai metal detector, militarizzata l’aerea circostante la basilica, è stata la prova generale per la sicurezza da qui al 20 novembre 2016, quando si concluderà l’Anno santo.

E ha anche mostrato l’interesse delle altre fedi e confessioni cristiane, che hanno inviato loro rappresentanti. Le Comunità del Mondo arabo in Italia hanno lanciato, e diffuso anche in Vaticano durante la messa, #TuttiUnitiperilGiubielo, hastag con gli “auguri a Papa Francesco e ai cristiani”, la “condanna con fermezza terrorismo e violenza” e l’invito “tutti i musulmani, cristiani, ebrei e tutte le religioni a unirsi contro il terrorismo e gli assassini delle religioni”. Un segnale di buon auspicio per il giubileo e per la pace.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

11:41Alfano, legge elettorale non prevede alleanze, andremo soli

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La legge elettorale non chiama alleanze, noi del resto siamo distinti sia dalla destra di Salvini che vuole uscire dall'Ue, sia dalla sinistra dell' indietro tutta, andremo da soli". Così il leader di Ap Angelino Alfano rispondendo, su Rtl, ad una domanda sulle possibili alleanze in caso di elezioni. "Alternativa popolare - ha aggiunto - punta a un piano-fisco all'americana per contrastare l'evasione, un progetto sui salari, un programma molto serio. Visto che nessuno avrà la maggioranza, saremo dopo se necessario in una maggioranza che rispetti queste priorità".

11:38Alfano, sostegno a Gentiloni, purché non viri a sinistra

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Il governo Gentiloni, finché non fa virate a sinistra insostenibili è un governo che va sostenuto e che vogliamo portare avanti". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, intervistato su Rtl. Per questo, ha aggiunto, "invitiamo Gentiloni a difendere tutte le conquiste riformatrici di questi anni. Noi garantiamo il sostegno al governo ma ci distinguiamo da una sinistra che vuole fare marcia indietro su riforme importanti".

11:32Violenza sessuale e truffa, arrestato psichiatra Aosta

(ANSA) - AOSTA, 29 MAR - Per violenza sessuale, truffa pluriaggravata, peculato e corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, la guardia di finanza di Aosta ha arrestato uno psichiatra nei confronti del quale era stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare dal gip. Al medico sono stati concessi gli arresti domiciliari. Le indagini sono state svolte con l'uso di telecamere nascoste negli studi ambulatoriali che l'Usl aveva messo a disposizione del sanitario e hanno documentato episodi di violenza sessuale e corruzione nei confronti di pazienti psichiatrici affidati alle sue cure dal Servizio sanitario nazionale. "Il medico ha inoltre abusato della propria funzione consegnando ai pazienti farmaci ospedalieri nella sua disponibilità in ragione del suo servizio e in cambio di denaro" aggiungono le Fiamme gialle. Infine il medico è accusato di aver rilasciato certificati sanitari falsi destinati al rinnovo delle patenti di guida di propri pazienti, omettendo di rilevarne le patologie psichiatriche". (ANSA).

11:31Yara, appello per Bossetti a Brescia il 30 giugno

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - È stato fissato al 30 giugno davanti alla Corte d'assise d'appello di Brescia il processo a carico di Massimo Bassetti, condannato all'ergastolo in primo grado per l'omicidio della tredicenne Yara Gambirasio. La Corte d'assise d'appello sarà presieduta da Enrico Fischetti, a latere il consigliere Massimo Vacchiano.

11:27Furti e rapine in serie, in carcere intera famiglia

(ANSA) - CASERTA, 29 MAR - I carabinieri di Casal di Principe (Caserta) hanno arrestato su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord 19 persone, tra cui i cinque membri di una stessa famiglia residente a Giugliano in Campania (Napoli), composta da padre, madre, figlio e due generi, ritenuti responsabili di almeno nove rapine e dieci furti compiuti quasi interamente nel 2016 - due gli episodi accertati nel 2015 - tra le province di Napoli e Caserta per un bottino totale di oltre 100mila euro. A organizzare i colpi era il 56enne Pasquale Cuciniello di Giugliano, aiutato dalla moglie di 51 anni Carmela Ciriano, dal figlio 24enne Luigi e dai mariti delle due figlie; ai singoli colpi, è emerso, hanno preso parte di volta in volta varie persone, per lo più ragazzi di 20 anni residenti tra Mugnano e Villaricca.

11:13Basket: Nba, Golden State senza rivali, batte anche Houston

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - I Golden State Warriors continuano a dettare legge in Nba: Ultima vittima stanotte gli Houston Rockets battuti 113-106 nella sfida più attesa. Fra i padroni di casa, grande serata di Stephen Curry, che ha messo a segno 32 punti (con 10 rimbalzi e 7 assist). Sul fronte avverso ce l'ha messa tutta James Harden, andato pure in tripla doppia (24 punti, 13 rimbalzi e 11 assist), ma i Warriors sono stati decisamente più forti e portano a casa la 60ma vittoria stagionale. Nelle altre sette partite della notte Nba, si segnala l'importante vittoria, per un solo punto di differenza, 97-96, dai Miami Heat contro i Detroit Pistons. Vittoria che consente a Miami di guardare ancora con fiducia ai playoff. Vittoria per un solo punto di differenza anche per Minnesota, 115-114, ai danni degli Indiana Pacers. In chiave italiana, serata negativa per il Denver di Danilo Gallinari battuto in casa 122-113 da Portland. E pure per gli Hornets di Marco Belinelli, superati 118-108 da Milwaukee. E i playoff si allontanano. (ANSA).

11:10Terremoti: scossa magnitudo 6,6 in Russia

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,6 ha colpito oggi la penisola di Kamchatka, nell'estremo oriente russo. L'epicentro del sisma, riporta l'Istituto geofisico americano (Usgs), e' stato registrato 78 chilometri a nordest di Ust'-Kamchatsk Stary mentre l'ipocentro e' stato calcolato a una profondità di 22,8 chilometri. Per ora non si hanno notizie di feriti o danni. La stessa zona, sempre oggi, e' stata colpita da altre due scosse minori, di magnitudo 5,2 e 4,9. Il centro di monitoraggio Sakhalin ha emesso un avviso di un possibile tsunami in seguito al forte terremoto: lo riporta il sito dell'emittente RT.

Archivio Ultima ora