In Francia tutti contro Le Pen. Il Partito Socialista vuole la ripartenza

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

Le Pen - Sarkozy (elaborazione)

Le Pen – Sarkozy (elaborazione)

PARIGI. – Alle 18, tutti ai blocchi di partenza. La sinistra sacrificando le proprie liste dove sono in testa le due Le Pen, la destra rifiutando accordi e serrando i ranghi. Domenica si riparte da zero e la vittoria al primo turno del Front National potrebbe diventare un po’ meno storica. I socialisti, grandi perdenti finora, sognano la ripartenza.

Mentre Marine Le Pen risponde per le rime al giornalista che le chiede – in diretta al tg delle 20 – se da presidente della Regione pensi di potersi candidare all’Eliseo (“certo, ho un’enorme capacità di lavorare”), Manuel Valls proclama che al ballottaggio la sinistra “può ancora vincere ovunque”. Cinque regioni sono alla sua portata, ma il premier spera anche di più.

Intanto, dilagano le discussioni sulle colpe della classe dirigente francese per l’aumento esponenziale dei voti all’estrema destra negli ultimi 20 anni. La parola d’ordine è rigettare la responsabilità sugli avversari negando ogni addebito. In ogni caso – come ha ordinato Nicolas Sarkozy di fronte all’emergenza regionali – l’imperativo è restare tutti allineati fino a domenica. Poi, dibattito aperto su quella che deve essere la linea del partito.

La giornata si è consumata in un braccio di ferro fra i leader socialisti e Jean-Pierre Masseret, capolista nella terza regiona a rischio Front National, il Grande Est dell’Alsazia-Lorena-Champagne-Ardenne. Dopo il segretario Jean-Christophe Cambadelis, era stato il primo ministro Valls a dichiarare in tv che nelle regioni dove il FN ha più possibilità di vincere e il PS è tagliato fuori, i socialisti devono votare per il candidato dei Republicains.

Il finora sconosciuto dirigente locale Masseret, dopo un bagno mediatico di ore che non aveva mai conosciuto in vita sua, ha resistito ad ogni pressione. Ha detto di no al segretario, ha risposto picche ad un seccatissimo Valls che gli ha mandato un sms (“non puoi aver ragione da solo contro tutti”) e non ha nemmeno ceduto di fronte a 71 dei suoi (su un totale di 189) che hanno optato per la desistenza.

Ne sarebbero serviti 95, quindi gli “indomabili” – come qualcuno li ha ribattezzati su Twitter – hanno depositato la lista. Che non potrà chiamarsi più socialista, ma che rischia di diventare un nuovo punto di riferimento per l’antipolitica dilagante.

Per il resto, la gauche ha ritrovato un minimo di compattezza con gli alleati più tradizionali (Verdi e Front de Gauche) quasi ovunque. Fa eccezione la Bretagna, roccaforte di sinistra dove il candidato e ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian, non ha voluto sentire ragioni e ha respinto ogni accordo con gli ecologisti.

Più compattezza, invece, nel campo dei Republicains, dopo il consiglio del partito che è uscito con una maggioranza di 65 a 2 (gli outsider Raffarin e Kosciusko-Morizet) a favore della linea del “né con i socialisti né con il Front National” scelta con decisione da Sarkozy. Con lui, allineati, i due potenziali avversari per la corsa alla candidatura di Eliseo 2017, Francois Fillon e Alain Juppé.

La sfida sulla linea del partito è soltanto rinviata al dopo-regionali. E Sarkozy ha già pronta la sua ricetta: nuova svolta a destra, ancora una caccia ai consensi sulle terre del Front National, come nel famoso discorso di Grenoble del 2010, quando alla fine del suo mandato all’Eliseo scelse l’opzione autoritaria per tentare di ottenere la conferma.

Proprio questo gli ha rimproverato Valls, l’atteggiamento di chi “insegue l’estrema destra”; “quando uno è stato presidente della Repubblica, quando è capo di un partito – ha detto il premier – deve fare delle scelte, non correre dietro al Front National, mettere sullo stesso piano la sinistra e l’estrema destra”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

12:29Calcio: rinnovo ufficiale, Bonaventura al Milan fino 2020

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Il Milan ha prolungato di un anno, fino al 30 giugno 2020, il contratto di Giacomo Bonaventura. Il club ha ufficializzato l'intesa, già definita prima di Natale con il benestare della cordata cinese in procinto di completare l'acquisto del Milan. In base al nuovo accordo è stato ritoccato l'ingaggio del centrocampista che ora guadagnerà circa due milioni di euro a stagione.

12:28Siria: Iran, contrari a partecipazione Usa a vertice Astana

(ANSA) - TEHERAN, 18 GEN - L'Iran "è contrario alla partecipazione degli Stati Uniti" al vertice di Astana del 23 gennaio prossimo per i colloqui di pace in Siria. Lo ha riferito il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, riportato dall'agenzia Tasnim. "Non abbiamo invitato gli Stati Uniti e ci opponiamo alla loro presenza ai colloqui di Astana", ha detto Zarif. L'Iran si colloca in tal modo su una posizione diversa da Mosca. Ieri, infatti, il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, aveva detto di ritenere opportuno invitare anche Usa e Onu al vertice sulla Siria mediato da Russia, Iran e Turchia.

12:26Maltempo:Val d’Aosta ancora sottozero, ma allenta morsa gelo

(ANSA) - AOSTA, 18 GEN - Ancora sole e temperature sottozero in Valle d'Aosta, dove tuttavia la morsa del gelo degli ultimi giorni si sta lentamente allentando. Ad Aosta il termometro segna -7,8 gradi, la minima a Courmayeur è di -10 e a Cervinia di -14 gradi. Per le prossime ore è previsto un rialzo termico moderato, soprattutto oltre i mille metri di altitudine per il fenomeno dell'inversione termica nella valli. (ANSA).

12:23Maltempo: Anas, riaperti tratti E45 tra E-R e Toscana

(ANSA) - BOLOGNA, 18 GEN - E' stata riaperta la strada statale 3bis 'Tiberina' - nota anche come E45 - da Cesena Nord, in Romagna a Pieve Santo Stefano, nell'Aretino. Riaperto anche il tratto tra Bagno di Romagna e il confine con la Toscana. Lo comunica l'Anas, sul suo sito nella sezione dedicata all'emergenza maltempo e al piano neve. Sui tratti della E45 coinvolti, viene spiegato, "permangono rallentamenti ed il transito è consentito ai soli veicoli leggeri dotati di dispositivi invernali". Ieri sempre sulla E45, a causa della neve, era stato chiuso al traffico un tratto della strada tra Romagna e Toscana, compreso tra il km 149 e il km 200, fra S.Stefano e Montecastello nel Forlivese. Uomini e mezzi dell'Anas, si legge ancora, "stanno intervenendo ininterrottamente su numerosi tratti stradali in Abruzzo, Umbria, Marche, Emilia Romagna e Toscana per garantire la transitabilità e prevenire disagi alla circolazione". (ANSA).

12:23Tennis: Australia, Federer e Wawrinka al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il tennista svizzero Roger Federer si è qualificato per il terzo turno degli Australian Open, battendo l'americano Noah Rubin con il punteggio di 7-5 6-3 7-6 in una partita durata poco più di 2 ore. Nel prossimo turno lo svizzero se la vedrà con il ceco Thomas Berdych. Vittoria anche per l'altro svizzero, Stanislaw Wawrinka, che ha liquidato in un'ora e 51 minuti l'altro americano Steve Jonhson con il punteggio di 63- 6-4 6-4. Al prossimo turno Wawrinka affronterà il serbo Troicki che ha eliminato l'azzurro Paolo Lorenzi.(ANSA).

12:20Terremoto: scossa 5.3 tra L’Aquila e Rieti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Scossa di terremoto di magnitudo 5,3, secondo le prime stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), stamani alle 10.25 tra L'Aquila e Rieti. La scossa è stata sentita nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed è stata avvertita anche a Roma. L'epicentro si trova nella zona di Montereale.

12:13Pregiudicato ucciso a Bari,colpito alla testa mentre guidava

(ANSA) - BARI, 18 GEN - Il 40enne Francesco Barbieri, ucciso ieri sera in un agguato al quartiere Japigia di Bari sarebbe stato inseguito da sicari in sella ad un motorino e colpito mentre era alla guida di un'auto dinanzi al Palaflorio per poi finire la propria corsa, ormai senza vita contro il muro di una scuola. Almeno cinque i bossoli trovati sull'asfalto, quattro colpi sono andati a segno. I sicari hanno affiancato l'auto di Barbieri e hanno sparato infrangendo il finestrino dal lato del guidatore. Tre proiettili hanno ferito il 40enne a braccio e spalla, uno, mortale, alla testa. L'autopsia, che servirà anche a stabilire l'esatta traiettoria dei proiettili per ricostruire la dinamica dell'agguato, sarà eseguita nel pomeriggio. Secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Bari, coordinati dal pm della Dda Ettore Cardinali, l'uomo aveva piccoli precedenti per spaccio ma non risulta affiliato ad un clan. Ieri sera stava raggiungendo la famiglia ad una festa quando è stato freddato.

Archivio Ultima ora