In Francia tutti contro Le Pen. Il Partito Socialista vuole la ripartenza

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

Le Pen - Sarkozy (elaborazione)

Le Pen – Sarkozy (elaborazione)

PARIGI. – Alle 18, tutti ai blocchi di partenza. La sinistra sacrificando le proprie liste dove sono in testa le due Le Pen, la destra rifiutando accordi e serrando i ranghi. Domenica si riparte da zero e la vittoria al primo turno del Front National potrebbe diventare un po’ meno storica. I socialisti, grandi perdenti finora, sognano la ripartenza.

Mentre Marine Le Pen risponde per le rime al giornalista che le chiede – in diretta al tg delle 20 – se da presidente della Regione pensi di potersi candidare all’Eliseo (“certo, ho un’enorme capacità di lavorare”), Manuel Valls proclama che al ballottaggio la sinistra “può ancora vincere ovunque”. Cinque regioni sono alla sua portata, ma il premier spera anche di più.

Intanto, dilagano le discussioni sulle colpe della classe dirigente francese per l’aumento esponenziale dei voti all’estrema destra negli ultimi 20 anni. La parola d’ordine è rigettare la responsabilità sugli avversari negando ogni addebito. In ogni caso – come ha ordinato Nicolas Sarkozy di fronte all’emergenza regionali – l’imperativo è restare tutti allineati fino a domenica. Poi, dibattito aperto su quella che deve essere la linea del partito.

La giornata si è consumata in un braccio di ferro fra i leader socialisti e Jean-Pierre Masseret, capolista nella terza regiona a rischio Front National, il Grande Est dell’Alsazia-Lorena-Champagne-Ardenne. Dopo il segretario Jean-Christophe Cambadelis, era stato il primo ministro Valls a dichiarare in tv che nelle regioni dove il FN ha più possibilità di vincere e il PS è tagliato fuori, i socialisti devono votare per il candidato dei Republicains.

Il finora sconosciuto dirigente locale Masseret, dopo un bagno mediatico di ore che non aveva mai conosciuto in vita sua, ha resistito ad ogni pressione. Ha detto di no al segretario, ha risposto picche ad un seccatissimo Valls che gli ha mandato un sms (“non puoi aver ragione da solo contro tutti”) e non ha nemmeno ceduto di fronte a 71 dei suoi (su un totale di 189) che hanno optato per la desistenza.

Ne sarebbero serviti 95, quindi gli “indomabili” – come qualcuno li ha ribattezzati su Twitter – hanno depositato la lista. Che non potrà chiamarsi più socialista, ma che rischia di diventare un nuovo punto di riferimento per l’antipolitica dilagante.

Per il resto, la gauche ha ritrovato un minimo di compattezza con gli alleati più tradizionali (Verdi e Front de Gauche) quasi ovunque. Fa eccezione la Bretagna, roccaforte di sinistra dove il candidato e ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian, non ha voluto sentire ragioni e ha respinto ogni accordo con gli ecologisti.

Più compattezza, invece, nel campo dei Republicains, dopo il consiglio del partito che è uscito con una maggioranza di 65 a 2 (gli outsider Raffarin e Kosciusko-Morizet) a favore della linea del “né con i socialisti né con il Front National” scelta con decisione da Sarkozy. Con lui, allineati, i due potenziali avversari per la corsa alla candidatura di Eliseo 2017, Francois Fillon e Alain Juppé.

La sfida sulla linea del partito è soltanto rinviata al dopo-regionali. E Sarkozy ha già pronta la sua ricetta: nuova svolta a destra, ancora una caccia ai consensi sulle terre del Front National, come nel famoso discorso di Grenoble del 2010, quando alla fine del suo mandato all’Eliseo scelse l’opzione autoritaria per tentare di ottenere la conferma.

Proprio questo gli ha rimproverato Valls, l’atteggiamento di chi “insegue l’estrema destra”; “quando uno è stato presidente della Repubblica, quando è capo di un partito – ha detto il premier – deve fare delle scelte, non correre dietro al Front National, mettere sullo stesso piano la sinistra e l’estrema destra”.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora