A Siviglia la Juve punita dall’ex Llorente. Ora rischia una big

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

 Juventus Turin's midfielder Claudio Marchisio (R) fights for the ball with striker Ferando Llorente (L) of Sevilla FC during the UEFA Champions League match between Sevilla FC and JUventus Turin held at Sanchez Pijuan stadium in Seville, Spain, 08 December 2015.  EPA/JULIO MUNOZ

Juventus Turin’s midfielder Claudio Marchisio (R) fights for the ball with striker Ferando Llorente (L) of Sevilla FC during the UEFA Champions League match between Sevilla FC and JUventus Turin held at Sanchez Pijuan stadium in Seville, Spain, 08 December 2015. EPA/JULIO MUNOZ

TORINO. – Sfuma a Siviglia il primato della Juventus nel girone di Champions: l’1-0 degli andalusi, firmato dall’ex Llorente, spedisce i bianconeri alle spalle del Manchester City, vittorioso 4-2 in rimonta sul Borussia Moenchengladbach e a un sorteggio sulla carta molto più ostico, con il rischio di pescare Real, Barcellona, Bayern nell’urna degli ottavi, lunedì prossimo a Nyon.

Esplode, invece, la festa del Siviglia, che riacciuffa con una partita di gran determinazione un posto in quell’Europa League che ha vinto nelle ultime due stagioni. Alla resa dei conti, resta a mani vuote solo il Borussia, che sembrava la squadra più in forma del girone: avanti 2-1 in casa del City, è crollato ed è stato scavalcato dagli spagnoli.

Dallo stadio Sanchez-Pizjun traboccante dell’entusiasmo dei tifosi del Siviglia, la Juventus esce con un grande rimpianto: più della traversa di Dybala, sfortunato al 36′ st dopo un bellissimo tiro, bruciano due clamorosi errori, uno per tempo, di Alvaro Morata, in pratica due calci di rigore in movimento falliti. E determinanti sono state anche le parate del ventiduenne Sergio Rico.

Alla Juve serviva almeno un punto per conservare il primo posto dal girone, il Siviglia doveva farne farne a sua volta almeno uno per agguantare il Borussia e rientrare nell’Europa League piazzandosi terzo.

Juventus con il previsto 3-5-2 e Cuadrado in panchina con il portiere Neto e quattro ragazzi, tra le riserve non c’è neppure Zaza costretto alla resa da un risentimento muscolare alla coscia sinistra. Andalusi con un unica punta, l’ex Fermando Llorente.

La partita è subito molto vivace. Morata cerca con ostinazione il gol che gli manca da un po’: colpo di testa (5′) su cross di Marchisio, rasoterra improbabile dal fondo e poi doppio dribbling in area concluso con una caduta (e difensori spagnoli innocenti). Il Siviglia reagisce con un tiro a giro di Konoplyanka: è destinato ad andare fuori ma sulla traiettoria c’è Llorente che per poco non riesce a deviare.

Il match si infiamma al 17′: un sinistro di Dybala sfiora il palo, un minuto dopo un colpo di testa con bella elevazione di Sturaro viene respinto con bravura da Sergio Rico. Il Siviglia risponde con un’azione nata da un incauto passaggio indietro a metà campo di Dybala: Buffon salva la porta con due ottime parate sui tiri ravvicinati di Llorente e Konoplyanka.

Al 25′ Morata si mangia il primo gol: lancio di Bonucci, appoggio di testa di Dybala, ma il destro nell’area piccola del numero 9 bianconero finisce fuori, tra l’incredulità di tutti. Un’altra gran risposta di Buffon sul colpo di testa di Llorente (31′), Sergio Rico ancora perfetto a neutralizzare un’ottima punizione di Dybala (41′).

Al 20′ st, dopo un’altra parata di Buffon su un sinistro di Bonega, passa il Siviglia con la zuccata di Llorente che si libera con maestria in area di Barzagli e insacca. Cominciano le emozioni dell’ultima mezz’ora, recupero compreso, con le continue novità da Manchester che caricano gli andalusi e costringono la Juventus a cercare il pareggio.

Traversa di Dybala, Gameiro (subentrato a Llorente) grazia Buffon in contropiede, ma il vero ‘regalo’ è quello di Morata: stop di petto di Cuadrado e assist, ma lo spagnolo a botta sicura esalta ancora i riflessi di Sergio Rico. La Juve è seconda, dietro il Manchester City che ha battuto due volte.

Ultima ora

17:18‘Ndrangheta: ‘Alto Piemonte’, chieste condanne per 112 anni

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese. La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione. Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

17:15Calcio: nessuna offerta per il Lecco, destinato a scomparire

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La società Calcio Lecco 1912 scomparirà. Ad annunciarlo è stato il curatore fallimentare Mario Motta, a cui il giudice del Tribunale di Lecco, Dario Colasanti, aveva affidato la società dopo il fallimento del 6 dicembre scorso. Per lunedì 29 maggio era fissata l'asta, con una base di 30mila euro, e oggi a mezzogiorno scadevano i termini per la presentazione delle offerte. Ma alla cancelleria del Tribunale di Lecco non ne è pervenuta nessuna. Il curatore fallimentare cederà quindi il titolo sportivo e poi chiuderà la società. Sul campo, la squadra aveva conquistato domenica scorsa la salvezza nel derby-playout di Serie D contro l'Olginatese.

17:06Banche: Quagliariello, subito audizione Ghizzoni al Senato

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Come primo atto da capogruppo chiederò l'immediata calendarizzazione della mozione per l' azzeramento dei vertici Consip, promossa da "Idea" su iniziativa del collega Andrea Augello e sottoscritta da oltre 70 senatori, per la quale sono già abbondantemente decorsi i termini per la procedura d'urgenza, e solleciterò una risposta alla richiesta di audizione del dottor Ghizzoni e alla richiesta di indagine conoscitiva sul caso Etruria-Unicredit presentate in Commissione Finanze dalla senatrice Cinzia Bonfrisco, vicecapogruppo vicario di "Federazione della Libertà". Tutto ciò non ha niente a che vedere con il piano giudiziario, del quale si occupa la magistratura, ma attiene alla correttezza dei comportamenti politico-istituzionali". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di "Idea" e capogruppo di "Federazione della Libertà".

17:05Calcio: processo Juve, l’udienza slitta al dopo Champions

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Dopo due ore di confronto si è chiuso con una sospensione la prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e ai rapporti con gli ultras. Lo slittamento, a questo punto, potrebbe portare le due parti a rivedersi innanzi al Tribunale nazionale della Figc dopo la finale di Champions del 3 giugno.

16:58Sport: doping, la Nado Italia si associa all’Inado

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La Nado Italia è il 68/o membro dell'Institute of National Anti-Doping Organisations-Inado, associazione internazionale che riunisce le principali organizzazioni nazionali antidoping. Lo annuncia con un comunicato la stessa Nado, nel quale viene precisato che nelle prossime settimane è in programma una visita del ceo di Inado Joseph de Pencier presso la sede della Nado "per iniziare a sviluppare reciproche collaborazioni e progettualità nell'ambito della lotta al doping". La Nado Italia, si legge nel suo sito internet, è l'organizzazione nazionale antidoping, derivazione funzionale dell'Agenzia mondiale antidoping (Wada), ed ha la responsabilità esclusiva in materia di adozione e applicazione delle norme in conformità al Codice mondiale antidoping (Codice Wada), del quale è parte firmataria.

16:48Sequestrato e riportato in Italia veliero Duce, Fiamma Nera

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Rintracciata in Spagna, nel porto di Valencia, e ricondotta in Italia la "Fiamma Nera", l'imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini sottoposta a sequestro di prevenzione nell'ambito di un'indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia capitolina. La barca, fu posta sotto sequestro nel febbraio del 2016: una volta espletate tutte le procedure è stata riportata in Italia ed ora si trova nel porto di Fiumicino. Lo yacth che fu del Duce, insieme a beni di un valore di oltre 70 milioni, sono stati sequestrati a Salvatore Squillante, imprenditore originario di Sarno (Salerno). Gli accertamenti patrimoniali delle Fiamme Gialle della compagnia di Fiumicino svolti nei confronti dell'imprenditore, che da tempo si è trasferito nella Capitale, hanno permesso di appurare "la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l'elevato tenore di vita, frutto di una carriera criminale basata su ingenti evasioni fiscali, bancarotte fraudolente e truffe".

16:42Terremoto: Anas, al via altri 5 affidamenti lavori strade

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Prosegue la fase operativa dell'opera di ricostruzione delle strade colpite dal terremoto del 30 ottobre scorso nel centro Italia. Anas ha infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi cinque bandi di gara per l'affidamento con 'procedura aperta accelerata' dei lavori di ripristino definitivo del tratto umbro della strada statale 685 "delle Tre Valli Umbre", per un valore complessivo di 16,6 milioni di euro che si aggiungono ai lavori già in fase di affidamento per la galleria "San Benedetto". I lavori rientrano nel primo stralcio del "Programma di ripristino delle strade colpite dal sisma", che prevede 497 interventi prioritari per un importo complessivo stimato in circa 474 milioni di euro. Si tratta, in particolare, di interventi sulle strade in gestione Anas che non era stato possibile eseguire in regime di emergenza per l'entità dei danni che richiedevano rilievi tecnici, geologici e una approfondita fase di progettazione nonché di interventi di ricostruzione da eseguire su strade di competenza di Comuni, Province e Regioni che, in base al decreto legge n. 205 del 2016, hanno deciso di delegare all'attuazione di Anas in qualità di "soggetto attuatore di Protezione civile". Dopo la fase di ricognizione e programmazione, che nei mesi scorsi ha interessato direttamente 124 strade con oltre 750 sopralluoghi e circa 500 interventi programmati e finanziati, "Anas - si legge in una nota - avvierà entro la fine del mese le procedure di affidamento dei lavori per circa 40 milioni di euro, che entro giugno raggiungeranno 100 milioni. A luglio saranno attivi cantieri per 40 milioni di euro".

Archivio Ultima ora