A Siviglia la Juve punita dall’ex Llorente. Ora rischia una big

Pubblicato il 08 dicembre 2015 da redazione

 Juventus Turin's midfielder Claudio Marchisio (R) fights for the ball with striker Ferando Llorente (L) of Sevilla FC during the UEFA Champions League match between Sevilla FC and JUventus Turin held at Sanchez Pijuan stadium in Seville, Spain, 08 December 2015.  EPA/JULIO MUNOZ

Juventus Turin’s midfielder Claudio Marchisio (R) fights for the ball with striker Ferando Llorente (L) of Sevilla FC during the UEFA Champions League match between Sevilla FC and JUventus Turin held at Sanchez Pijuan stadium in Seville, Spain, 08 December 2015. EPA/JULIO MUNOZ

TORINO. – Sfuma a Siviglia il primato della Juventus nel girone di Champions: l’1-0 degli andalusi, firmato dall’ex Llorente, spedisce i bianconeri alle spalle del Manchester City, vittorioso 4-2 in rimonta sul Borussia Moenchengladbach e a un sorteggio sulla carta molto più ostico, con il rischio di pescare Real, Barcellona, Bayern nell’urna degli ottavi, lunedì prossimo a Nyon.

Esplode, invece, la festa del Siviglia, che riacciuffa con una partita di gran determinazione un posto in quell’Europa League che ha vinto nelle ultime due stagioni. Alla resa dei conti, resta a mani vuote solo il Borussia, che sembrava la squadra più in forma del girone: avanti 2-1 in casa del City, è crollato ed è stato scavalcato dagli spagnoli.

Dallo stadio Sanchez-Pizjun traboccante dell’entusiasmo dei tifosi del Siviglia, la Juventus esce con un grande rimpianto: più della traversa di Dybala, sfortunato al 36′ st dopo un bellissimo tiro, bruciano due clamorosi errori, uno per tempo, di Alvaro Morata, in pratica due calci di rigore in movimento falliti. E determinanti sono state anche le parate del ventiduenne Sergio Rico.

Alla Juve serviva almeno un punto per conservare il primo posto dal girone, il Siviglia doveva farne farne a sua volta almeno uno per agguantare il Borussia e rientrare nell’Europa League piazzandosi terzo.

Juventus con il previsto 3-5-2 e Cuadrado in panchina con il portiere Neto e quattro ragazzi, tra le riserve non c’è neppure Zaza costretto alla resa da un risentimento muscolare alla coscia sinistra. Andalusi con un unica punta, l’ex Fermando Llorente.

La partita è subito molto vivace. Morata cerca con ostinazione il gol che gli manca da un po’: colpo di testa (5′) su cross di Marchisio, rasoterra improbabile dal fondo e poi doppio dribbling in area concluso con una caduta (e difensori spagnoli innocenti). Il Siviglia reagisce con un tiro a giro di Konoplyanka: è destinato ad andare fuori ma sulla traiettoria c’è Llorente che per poco non riesce a deviare.

Il match si infiamma al 17′: un sinistro di Dybala sfiora il palo, un minuto dopo un colpo di testa con bella elevazione di Sturaro viene respinto con bravura da Sergio Rico. Il Siviglia risponde con un’azione nata da un incauto passaggio indietro a metà campo di Dybala: Buffon salva la porta con due ottime parate sui tiri ravvicinati di Llorente e Konoplyanka.

Al 25′ Morata si mangia il primo gol: lancio di Bonucci, appoggio di testa di Dybala, ma il destro nell’area piccola del numero 9 bianconero finisce fuori, tra l’incredulità di tutti. Un’altra gran risposta di Buffon sul colpo di testa di Llorente (31′), Sergio Rico ancora perfetto a neutralizzare un’ottima punizione di Dybala (41′).

Al 20′ st, dopo un’altra parata di Buffon su un sinistro di Bonega, passa il Siviglia con la zuccata di Llorente che si libera con maestria in area di Barzagli e insacca. Cominciano le emozioni dell’ultima mezz’ora, recupero compreso, con le continue novità da Manchester che caricano gli andalusi e costringono la Juventus a cercare il pareggio.

Traversa di Dybala, Gameiro (subentrato a Llorente) grazia Buffon in contropiede, ma il vero ‘regalo’ è quello di Morata: stop di petto di Cuadrado e assist, ma lo spagnolo a botta sicura esalta ancora i riflessi di Sergio Rico. La Juve è seconda, dietro il Manchester City che ha battuto due volte.

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora