Coppa Sudamericana: Sejas nella storia, primo venezuelano a vincere il trofeo

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Luis Manuel Seijas, Santa Fe

Luis Manuel Seijas, Santa Fe

CARACAS – Il Santa Fe si proclama campione della Copa Sudamericana 2015 innalzando al cielo di Bogotà il primo trofeo internazionale della sua storia. Contro l’Huracan (Argentina) non sono stati sufficienti 210’ complessivi di gioco per vedere una squadra prendere il sopravvento sull’altra e quindi sono stati necessari i calci di rigore per sancire il vincitore della competizione.

A spuntarla dal dischetto sono ovviamente i colombiani, che regalano alla propria gente un titolo agognato da molto tempo, coronando così alla grande un percorso che ha visto i ‘Cardenales’ liberarsi di avversari illustri come Emelec, Club Nacional e Independiente. Ma la notizia più importante é che tra i protagonisti c’é il venezuelano Luis Manuel Seijas.

‘Luisma’ nella serata di mercoledì é entrato negli annali non solo del calcio ‘creolo’, ma anche a livello di Conmebol diventanto il primo vinotinto che alza al cielo la Coppa Sudamericana.

“La grandeza di questa impresa la capiremo tra molti anni, perché non é da tutti essere il primo a vincere una competizione come questa. Siamo la prima squadra di Santa Fe che vince un torneo internazionale e la prima formazione colombiana che vince la Coppa Sudamericana. Queste cose rimarranno per sempre nella mente dei tifosi e per questo motivo bisogna godersi il momento” ha confessato a fine gara il calciatore nato 29 anni fa a Valencia.

“Sono felice di portare in alto il nome del Venezuela, uno sempre punta a questo quando giochi fuori e quando ci riesci ne sei felice”.

Forse molti non lo sanno, ma c’é un pizzico di collettività nella vittoria di Seijas: i suoi primi calci ad un pallone li ha dati sui campetti del ‘Centro Social Italo-Venezolano’ di Valencia. Dove, dopo aver mostrato le sue abilità con la palla, ha iniziato il suo periplo nel mondo del calcio vestendo le casacche di Deportivo Táchira, Caracas, Banfield, Santa Fe, Standar Liegi, Sociedad Deportiva Quito per poi far ritorno al Santa Fe.

L’ex Csiv ha giocato tutta la gara di ritorno contro gli argentini dell’Huracan dove tral’altro ha segnato uno dei tiri dal dischetto e non solo, ma ha ricevuto anche il premio come ‘man of the match’. “Non ci sono dubbi che le vittorie hanno un sapore più dolce quando sei tra i protagonista di peso della gesta. Sono molto felice per gli elogi ricevuti”.

Il Santa Fe infatti non sarà di certo ricordata come una squadra divertente, ma si sa, chi vince ha sempre ragione ed è doveroso riconoscere ai colombiani il merito di aver sempre mantenuto il sangue freddo nei momenti opportuni, fino alla fatidica lotteria dei tiri dal dischetto di mercoledì.

I complimenti per il successo vanno anche al tecnico Gerardo Pelusso, bravo dopo alcuni passaggi a vuoto a tornare finalmente sulla cresta dell’onda: l’ uruguaiano ha fatto di necessità virtù e ben conscio di avere a disposizione un undici non eccelso tecnicamente, ha dato ai suoi un’ottima organizzazione difensiva, sorretta dalla potenza dei centrali Mina e Meza, quasi impeccabili durante l’intera competizione.

“Per tutto quanto ho vissuto in questa fetta di stagione, per la fiducia che ha avuto in me il miester, i suoi assistenti, il preparatore físico, i miei compagni e tutti membri della squadra posso dire che questa é stata una delle migliori stagioni della mia carriera da profesionista. Sarà indimenticabile”.

Dall’altro lato l’Huracan allenato dall’astuto Dominguez ha ben poco da rimproverarsi. E’ vero che nel match di andata in Argentina un atteggiamento più spregiudicato sarebbe stato preferibile, ma non dimentichiamoci da dove viene il ‘Globo’ (soprannome del team argentino) e i passi da gigante fatti durante un ultimo anno e mezzo pieno di soddisfazioni.

All’Huracan sono mancati i nervi saldi durante i penalty: soltanto Mancinelli è riuscito a segnare, mentre sono stati decisivi gli errori di Bogado (paratona di Zapata), Nervo e soprattutto dell’esperto Toranzo. Il Santa Fe invece è stato glaciale dagli undici metri e grazie alle trasformazioni di Perez, Seijas e Balanta si è aggiudicato la coppa con il risultato di 3 a 1. Sarà una settimana di baldoria per il popolo dell’Expreso Rojo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

20:22Calcio: Spagna, Real prova a scacciare la crisi con 7 gol

(ANSA) - MADRID, 21 GEN - Il Real Madrid ritrova la vittoria e ne segna sette in una volta sola al Deportivo La Coruna, mentre i giornali spagnoli di oggi scrivono che il presidente Florentino Perez ha detto chiaro e tondo a Cristiano Ronaldo che non ci sono i soldi per aumentargli l'ingaggio che attualmente è di 21 milioni di euro all'anno. Il successo per 7-1 delle 'merengue' al Bernabeu arriva dopo un periodo da incubo dopo due Ko consecutivi in casa e un solo punto raccolto nelle ultime tre partite. La squadra di Zidane (che, a sorpresa, nella formazione iniziale schiera Mayoral centravanti, con Benzema in panchina) parte male, perché va in vantaggio il Deportivo, ma poi spazzia via la squadra galiziana grazie alle doppiette di Nacho, Bale e Cristiano Ronaldo e alla rete di Modric. Questi tre punti consentono al Real di tornare in zona Champions e di ridurre la distanza dal secondo e terzo posto dopo il pari di ieri dell'Atletico Madrid e il ko del Valencia, ora distanti rispettivamente 8 e 5 punti.

20:20Calcio: Bologna, Donadoni “fascia a Verdi? Idea di Mirante”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - Roberto Donadoni si gode il ritorno dei tre punti e continua a coccolarsi Verdi a cui oggi ha affidato la fascia di capitano. "Il capitano Mirante ha avuto questa idea - ha detto Donadoni - che ho avallato subito, insieme con la squadra. Cio' dimostra che rapporto professionale c'è, il clima di affetto e stima. Verdi ha risposto benissimo. E' stata una giornata importante e va dato merito a tutta la squadra". "Quello di oggi è stato un buon risultato che ci fa guardare alla prossima settimana con un po' più di serenità. Ma non era tutto da buttare prima - ha detto il mister riferendosi alla striscia di una sola vittoria in cinque partite - non tutto è stato risolto ora". Quanto alla fascia in futuro Donadoni non chiude a un passaggio definitivo: "Non mettiamo il carro davanti ai buoi. Comunque non sarà mai una decisione unilaterale. Ora l'importante per Simone è mettersi alle spalle questo periodo e non parlarne più: gli ho detto, chiudi il telefono".

20:16Calcio: Pecchia “sconfitta pesante”

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Fabio Pecchia arriva in sala stampa un'ora dopo la fine della gara. Lo 0-3 incassato ad opera del Crotone è duro da digerire per il tecnico del Verona. "Una sconfitta pesante, una brutta gara - ammette -. Molto è dipeso dalla rete iniziale, abbiamo perso gli equilibri anche se nella prima frazione ci ha detto male, il palo, l'occasione di Romulo. Nella ripresa ci siamo disuniti e abbiamo perso completamente la serenità. Dispiace perché nelle ultime prestazioni la squadra aveva tenuto discretamente il campo". Pecchia non si sbilancia sul suo destino di allenatore in terra veronese. "Il futuro? Sono un professionista, continuo a fare il mio lavoro e mi sento sempre in discussione - taglia corto - Io continuo a credere alla squadra e nel gruppo".

20:15Calcio: De Zerbi “brutta giornata Benevento, passi indietro”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - "Una giornata brutta, abbiamo fatto dei passi indietro rispetto a prima della sosta". E' amaro il commento di Roberto De Zerbi alla netta sconfitta del Benevento a Bologna. Ma l'allenatore dei campani non si dà per vinto e rilancia perché "non è che dopo la Samp avessi detto che la situazione era semplice. La situazione è disperata. Ma finché possiamo vincere partite non vedo perché non dobbiamo sperare". Quanto al risultato, che non sembrerebbe lasciare spazio ad alibi, De Zerbi lo ritiene frutto di pochi episodi. Con esiti diversi. "Le palle inattive determinano spesso le partite - ha detto - Siamo partiti bene. Abbiamo avuto un'occasione vera poi loro hanno segnato su palla inattiva e noi invece sempre su palla inattiva non abbiamo trovato il pari. Altrimenti parleremmo di un'altra partita. L'uno e poi il due a zero su calcio piazzato l'hanno cambiata. Un palo no".

Archivio Ultima ora