Coppa Sudamericana: Sejas nella storia, primo venezuelano a vincere il trofeo

Pubblicato il 10 dicembre 2015 da redazione

Luis Manuel Seijas, Santa Fe

Luis Manuel Seijas, Santa Fe

CARACAS – Il Santa Fe si proclama campione della Copa Sudamericana 2015 innalzando al cielo di Bogotà il primo trofeo internazionale della sua storia. Contro l’Huracan (Argentina) non sono stati sufficienti 210’ complessivi di gioco per vedere una squadra prendere il sopravvento sull’altra e quindi sono stati necessari i calci di rigore per sancire il vincitore della competizione.

A spuntarla dal dischetto sono ovviamente i colombiani, che regalano alla propria gente un titolo agognato da molto tempo, coronando così alla grande un percorso che ha visto i ‘Cardenales’ liberarsi di avversari illustri come Emelec, Club Nacional e Independiente. Ma la notizia più importante é che tra i protagonisti c’é il venezuelano Luis Manuel Seijas.

‘Luisma’ nella serata di mercoledì é entrato negli annali non solo del calcio ‘creolo’, ma anche a livello di Conmebol diventanto il primo vinotinto che alza al cielo la Coppa Sudamericana.

“La grandeza di questa impresa la capiremo tra molti anni, perché non é da tutti essere il primo a vincere una competizione come questa. Siamo la prima squadra di Santa Fe che vince un torneo internazionale e la prima formazione colombiana che vince la Coppa Sudamericana. Queste cose rimarranno per sempre nella mente dei tifosi e per questo motivo bisogna godersi il momento” ha confessato a fine gara il calciatore nato 29 anni fa a Valencia.

“Sono felice di portare in alto il nome del Venezuela, uno sempre punta a questo quando giochi fuori e quando ci riesci ne sei felice”.

Forse molti non lo sanno, ma c’é un pizzico di collettività nella vittoria di Seijas: i suoi primi calci ad un pallone li ha dati sui campetti del ‘Centro Social Italo-Venezolano’ di Valencia. Dove, dopo aver mostrato le sue abilità con la palla, ha iniziato il suo periplo nel mondo del calcio vestendo le casacche di Deportivo Táchira, Caracas, Banfield, Santa Fe, Standar Liegi, Sociedad Deportiva Quito per poi far ritorno al Santa Fe.

L’ex Csiv ha giocato tutta la gara di ritorno contro gli argentini dell’Huracan dove tral’altro ha segnato uno dei tiri dal dischetto e non solo, ma ha ricevuto anche il premio come ‘man of the match’. “Non ci sono dubbi che le vittorie hanno un sapore più dolce quando sei tra i protagonista di peso della gesta. Sono molto felice per gli elogi ricevuti”.

Il Santa Fe infatti non sarà di certo ricordata come una squadra divertente, ma si sa, chi vince ha sempre ragione ed è doveroso riconoscere ai colombiani il merito di aver sempre mantenuto il sangue freddo nei momenti opportuni, fino alla fatidica lotteria dei tiri dal dischetto di mercoledì.

I complimenti per il successo vanno anche al tecnico Gerardo Pelusso, bravo dopo alcuni passaggi a vuoto a tornare finalmente sulla cresta dell’onda: l’ uruguaiano ha fatto di necessità virtù e ben conscio di avere a disposizione un undici non eccelso tecnicamente, ha dato ai suoi un’ottima organizzazione difensiva, sorretta dalla potenza dei centrali Mina e Meza, quasi impeccabili durante l’intera competizione.

“Per tutto quanto ho vissuto in questa fetta di stagione, per la fiducia che ha avuto in me il miester, i suoi assistenti, il preparatore físico, i miei compagni e tutti membri della squadra posso dire che questa é stata una delle migliori stagioni della mia carriera da profesionista. Sarà indimenticabile”.

Dall’altro lato l’Huracan allenato dall’astuto Dominguez ha ben poco da rimproverarsi. E’ vero che nel match di andata in Argentina un atteggiamento più spregiudicato sarebbe stato preferibile, ma non dimentichiamoci da dove viene il ‘Globo’ (soprannome del team argentino) e i passi da gigante fatti durante un ultimo anno e mezzo pieno di soddisfazioni.

All’Huracan sono mancati i nervi saldi durante i penalty: soltanto Mancinelli è riuscito a segnare, mentre sono stati decisivi gli errori di Bogado (paratona di Zapata), Nervo e soprattutto dell’esperto Toranzo. Il Santa Fe invece è stato glaciale dagli undici metri e grazie alle trasformazioni di Perez, Seijas e Balanta si è aggiudicato la coppa con il risultato di 3 a 1. Sarà una settimana di baldoria per il popolo dell’Expreso Rojo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

21:49Comuni:Cosenza,installata antenna ponte Calatrava,alta 104 m

(ANSA) - CATANZARO, 23 LUG - Conclusa la prima parte della realizzazione del ponte progettato dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, a Cosenza. È stata innalzata infatti l'antenna del ponte, alta 104 metri per 800 tonnellate di peso, che fa dell'infrastruttura il più alto ponte d'Europa del genere strallato in cui l'impalcato è retto da una serie di cavi - gli stralli - ancorati a piloni di sostegno. L'antenna è stata montata tra via Reggio Calabria e via Popilia. "Un'opera importante - ha detto il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto - che unisce la città antica a quella nuova. Oltre tutto collegherà e unirà questa parte che diventerà pedonale con il parco Mancini. L'obiettivo è aumentare la fruibilità, il benessere dei nostri cittadini e la qualità di vita. La città è fonte di ricchezza e deve produrre lavoro per i nostri giovani. Questi sono gli obiettivi che muovono i nostri progetti. Ho ripreso idee importanti del sindaco Mancini e oggi le completiamo". All'inaugurazione, in autunno, è prevista la presenza di Calatrava.

Archivio Ultima ora