Nuovo video di minacce dell’Isis a Roma

isis-minacce-italia

ROMA. – La propaganda dell’Isis alza ancora il tiro contro Roma, e nel suo ultimo video, 14 minuti dedicati all’Apocalisse, staglia anche tre carri armati che avanzano minacciosi su una distesa di deserto verso il Colosseo. “Roma è la battaglia finale prima del giorno del giudizio”, recita la cantilena, inframmezzata da altre minacce contro i miscredenti, e vari versetti religiosi.

Poi, per circa due minuti, scorrono a più riprese immagini dell’Altare della Patria, piazza Navona e San Pietro. Si parla anche di “armate di Roma”. La sequenza prosegue con le immagini dei miliziani, armati di tutto punto, in divisa e a bordo di mezzi corazzati impegnati in azioni di addestramento.

La capitale italiana torna così nel mirino della propaganda jihadista: dopo il massacro di Parigi, il ramo iracheno dell’Isis aveva pubblicato un video ‘Messaggio al popolo della croce’, in cui minacciava i cristiani, accompagnato da una foto con il britannico Big Ben, la Torre Eiffel e il Colosseo. A 24 ore di distanza un altro filmato, in cui si minacciavano nuovi attacchi suicidi e con autobomba, intitolato “Parigi prima di Roma”.

Infine, il 18 novembre scorso, quando nella rivista ‘Dabiq’ i seguaci di Abu Bakr al Baghdadi minacciavano di colpire cristiani ed ebrei, “meglio se francesi”, e promettevano di “aprire a Roma il mercato degli schiavi”, “prima dell’Apocalisse”. Il sinistro riferimento al “giorno del giudizio” è collegato, nella propaganda Isis, alla battaglia contro i crociati, e a una serie di riferimenti storici al passato islamico, fino al confronto con Bisanzio.

A differenza della propaganda anti-Roma dell’Isis, in occasione di questo ultimo video il riferimento non è solo alla capitale come simbolo della cristianità, ma anche alla città in quanto tale. Fonti dell’intelligence sottolineano che l’attenzione resta alta, che a una prima analisi il filmato non è legato a una minaccia specifica ma denota l’innalzamento della propaganda dell’Isis.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Condividi: