Mosca rafforza l’arsenale atomico, 35 nuovi missili

Pubblicato il 11 dicembre 2015 da redazione

putin-atomica

MOSCA. – L’arsenale militare russo da quest’anno può contare su 35 nuovi missili balistici nucleari. Vladimir Putin ha scelto la platea del ministero della Difesa per fare il punto sulle operazioni militari in Siria e per lanciare un messaggio chiaro in patria come all’estero: Mosca, ha detto, considera una priorità strategica quella di “rafforzare il potenziale bellico nucleare” della nazione e dotare Marina, Aviazione ed Esercito di “nuovi armamenti”.

Insomma, a pochi giorni dall’augurio di non dover mai usare l’atomica contro i terroristi, lo zar ha fatto sapere ‘urbi et orbi’ che la Russia intende restare una potenza nucleare di primo piano e che anzi, in linea con i piani già annunciati, intende “aumentare l’efficienza dei sistemi di allerta missilistica” nonché quelli “di difesa aerospaziale”.

Quindi ha lasciato il podio al ‘padrone di casa’ Serghiei Shoigu, il ministro della Difesa, per illustrare lo stato dell’arte del vasto programma di modernizzazione delle forze armate russe. Prima di lasciare la scena, Putin ha però voluto sottolineare che la Russia è intervenuta in Siria non per oscuri “interessi geopolitici” o per testare il proprio arsenale – obiettivo comunque “importante” – ma per “garantire la sicurezza della nazione”.

Il rischio infatti è che l’Isis (dato in espansione) possa ‘tracimare’ nel Caucaso o nell’Asia Centrale e dunque trasformarsi in una minaccia diretta per la Russia.

Intanto, però, la campagna militare scatenata da Mosca ha già raggiunto risultati concreti “cambiando la situazione” sul campo in Siria. Ovviamente per il meglio. Shoigu, nella sua relazione, ha quantificato in quasi “60mila i militanti dello Stato Islamico” presenti in Siria e Iraq e ha precisato che le forze armate russe hanno condotto oltre 4mila missioni e hanno distrutto oltre 8mila postazioni militari dell’Isis.

Il ministro ha poi rivolto la sua attenzione al ‘fronte occidentale’, ricordando che “solo quest’anno nei paesi baltici, in Polonia e in Romania il contingente della Nato è aumentato di otto volte per quanto riguarda gli aerei e di 13 volte se si guarda ai soldati”. Quindi la stoccata. Shoigu ha dichiarato infatti che “in Belgio, Italia, Paesi Bassi, Germania e Turchia si trovano circa 200 bombe nucleari americane” ed è prevista la loro “modernizzazione”. Una realtà che la Russia non può ignorare. Ecco allora che “oltre il 95% dei sistemi di lancio delle armi nucleari russe è pronto al combattimento”.

Conclusione: non solo Mosca procede spedita nel rinnovare il suo stock di armi convenzionali e la qualità delle sue forze armate così da archiviare una volta per tutte il declino post-sovietico (il 47% del materiale bellico ha oggi standard moderni e raggiungerà il 51% il prossimo anno), ma non si concede nessun arretramento nel mantenere intatto il suo deterrente nucleare, che pure può contare su armamenti moderni pari al 55% dell’arsenale totale.

La Russia, dunque, c’è. E se Putin ha chiesto ai suoi generali di essere inflessibili in Siria, distruggendo “immediatamente ogni possibile minaccia alle nostre forze” presenti sul territorio, Shoigu ha chiarito che nel corso del 2016 saranno rafforzati i quadranti “occidentali, sud-occidentali e dell’Artico”.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

16:08Attacco Kabul: fonti sicurezza, 43 morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti dell'attacco di un commando di talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul potrebbero essere 43, ha detto una "fonte credibile della sicurezza" alla tv Tolo. Finora i portavoce del ministero dell'Interno hanno ammesso solo sei vittime, anche se altre fonti anonime hanno alzato il bilancio a 18 morti. Intanto un responsabile della compagnia Kam Air ha comunicato a 1TvNews che undici suoi dipendenti, fra cui cittadini ucraini e venezuelani, sono morti ed altri nove risultano dispersi.

16:06Re Giordania a Pence, ricreare fiducia Mo

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Re Abdallah di Giordania ha rivolto un appello al vice presidente americano Mike Pence di "ricostruire la fiducia" dopo la decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. In occasione della visita di Pence ad Amman, il sovrano ha sottolineato che la decisione del presidente americano "non fa parte di un piano complessivo" per risolvere il conflitto israelo-palestinese e adesso "gli Stati Uniti hanno una grande sfida da affrontare". Pence dal canto suo ha detto che gli "Usa sono impegnati per la ripresa del processo di pace".

Archivio Ultima ora