Natale in Consolato: una bella tradizione che si rinnova ogni anno

Pubblicato il 11 dicembre 2015 da redazione

apre

CARACAS – Una tradizione, una bella tradizione che, dopo una breve pausa è stata ripresa nel 2013. Il Consolato Generale d’Italia, ma in concomitanza anche i viceconsolati onorari di tutta la rete della circoscrizione di Caracas, hanno aperto le porte ai propri assistiti. Insomma, ai connazionali, anziani, malati o bisognosi che nel corso dell’anno il nostro Consolato ha aiutato con il sussidio, l’assistenza medica o l’acquisto di medicinali.

Barinas

Barinas

– Il Consolato – ha affermato il Console Generale Mauro Lorenzini nel commentare la simpatica iniziativa – si è fatto bello, è stato addobbato come nelle grandi occasioni per accogliere gli assistiti. Insomma, abbiamo voluto aprire questa casa, che è la casa degli italiani, come fa ognuno di noi quando vuole condividere un momento di allegria con i propri amici. Così abbiamo accolto le persone di cui conosciamo bene i problemi, i connazionali che sono l’anello fragile e debole della nostra Comunità.

Los Teques

Los Teques

La Console di Caracas, Carmen Taschini, che ha coordinato assieme alla dottoressa Sandra Vitale e al personale dell’Ufficio assistenza l’organizzazione della simpatica manifestazione, ha commentato che sebbene fossero stati invitati circa 190 assistiti, “alla fine il numero è aumentato visto che tanti di essi, disabili o anziani, erano accompagnati dai parenti”.

Porlamar

Porlamar

Ai connazionali è stato consegnato, nel corso del ricevimento, il sussidio natalizio e un pacco contenente prodotti tipici natalizi e vari generi alimentari. Un dono assai gradito dai connazionali, specialmente in epoca di carestia come quella che viviamo.

San Juan de Los Morros

San Juan de Los Morros

Il Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini; la Console d’Italia, Carmen Taschini; la dottoressa Sandra Vitale e tutto il personale del Consolato hanno poi trascorso con i connazionali alcune ore liete, dimenticando per un po’ i problemi della quotidianità. Presenti anche tanti imprenditori ed esponenti della Collettività che hanno contribuito all’iniziativa del Consolato Generale.

Valencia

Valencia

L’Ambasciatore d’Italia, Silvio Mignano, non ha voluto perdere l’occasione, unica a dir la veritá, per trascorrere alcune ore con i nostri connazionali, tanti pionieri della nostra Collettività sempre orgogliosi delle proprie origini,

Il Consolato di Caracas non è stato l’unico ad aprire le porte alla Comunità italo-venezuelana. Tutta la rete consolare ha invitato i propri connazionali meno fortunati a trascorrere una giornata diversa: da Barinas a Valencia, da San Juan de Los Morros a Porlamar e Los Teques. Insomma, una manifestazione che ha regalato a molti italiani del Venezuela quella luce, quel sorriso, che solo può trasmettere la solidarietà umana.

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora