Gli orrori dei narcos messicani, un killer racconta

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

Cimitero di Ciudad Juarez

Cimitero di Ciudad Juarez

CITTA’ DEL MESSICO. – Ancora una storia dell’orrore dal mondo dei ‘narcos’ messicani. Un sicario 29/enne ha raccontato in modo dettagliato e senza tentennamenti di aver ucciso trenta persone, dei quali forse tre per errore. A raccogliere le dichiarazioni del killer è stata l’agenzia AP: “molte volte il tuo villaggio, o la tua città, viene invasa da gente che ritieni negativa per la tua famiglia, paese o società. E allora devi agire, il governo non ti aiuterà”, afferma tra l’altro l’anonimo sicario, presentando così quelle che considera le ragioni delle uccisioni, e precisando di non considerarsi “un narco”.

La zona nella quale si muove è quella della Costa Grande nello stato di Guerrero, dope si trova tra l’altro il porto turistico di Acapulco, area al centro di una lotta senza tregua fra diversi gruppi e ‘carteles’ del crimine organizzato che cercano di non mollare un centimetro nel controllo dei propri territori.

Nell’intervista il sicario precisa di aver fatto “desaparecer” per la prima volta un uomo quando era un ventenne: poi, nel corso degli anni ha ucciso trenta uomini, tre dei quali forse per errore. Utilizza il termine “desaparecer” proprio per riferirsi alla eliminazione del suo obiettivo, e cioè della persona da uccidere.

“Desaparecido” è quindi sinonimo di omicidio, di chi è stato cancellato dal mondo, di chi non tornerà mai più a casa. Come? Prima col sequestro, poi con la tortura per ottenere i dati che si cercano, infine con la morte. Il killer del quale non si conosce il nome – e neppure il viso, coperto da un passamontagna durante l’intervista – ritiene però che ci siano delle regole da rispettare, e cioè non uccidere, o fare del danno, a donne e bambini.

E cosa pensa del ‘Chapo’ Guzman, l’uomo più ricercato del mondo, svanito nel nulla qualche mese fa dopo anni di prigionia in un carcere messicano?: “fra tutti i cattivi, a me non sembra poi così cattivo”.

Altra domanda: come ottiene dalle sue vittime le informazioni che vuole avere? Risposta: colpendolo, con scariche elettriche ai testicoli e altre parti del corpo. In altre parole, con la tortura: “Con il tempo uno impara come far male ad una persona in modo da ottenere le informazioni che si cercano”, sottolinea, precisando che “il 99% delle persone” torturate prima o poi parla.

Con questo risultato in tasca, il ‘killer’ procede poi all’uccisione della vittima. In che modo? “sparandogli”. Ma c’è un problema, precisa, visto che alcune delle persone torturate dicono cose non vere: “lo fanno con la speranza di porre fine al supplizio, pensano a come uscire dalla situazione nella quale si trovano”.

Pentimenti? Solo in parte: “in un modo o in un altro stai facendo del male e stai togliendo la vita a qualcuno. Ti stressa, un pò ti penti perchè sai che non è una cosa buona. Con il tempo però vai dimenticando”, precisa riferendosi sia alle persone uccise sia ai posti dove i corpi vengono sotterrati, e cioè le fosse comuni. Paure? Soprattutto di essere ucciso da una gang rivale: “più di morire in uno scontro a fuoco”.

Ultima ora

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

Archivio Ultima ora