Riad crea un’alleanza anti-terrorismo con 34 Paesi islamici

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

FILE - In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia.  (ANSA/AP Photo/Mosa'ab Elshamy, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/Mosa’ab Elshamy, File)

BEIRUT. – L’Arabia Saudita prende l’iniziativa formando una “alleanza militare islamica” di 34 Paesi contro il terrorismo, non solo quello dell’Isis. Ma il segretario alla Difesa americano Ash Carter, giunto in Turchia, dice di volere ricevere più informazioni in proposito, mentre l’esclusione di Iran e Iraq dalla nuova coalizione lascia aperta la questione della divisione e delle rivalità tra mondo sunnita e sciita.

Il segretario di Stato americano John Kerry ha avuto intanto a Mosca colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e con il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. I jihadisti dello Stato islamico, ha affermato Kerry al termine di un incontro durato oltre tre ore, sono “peggio dei terroristi” e “non c’è altra scelta per le nazioni civilizzate che unirsi e combatterli per distruggerli”.

Per questo, ha aggiunto Kerry, Usa e Russia devono trovare “un terreno comune” e l’incontro con Putin è “un buon inizio che apre possibilità per la soluzione della crisi siriana”. “La Russia sta cercando insieme a voi la soluzione per le crisi più complicate”, si è limitato a rispondere Putin. La Russia sostiene l’iniziativa degli Usa di svolgere un vertice sulla Siria il 18 dicembre a New York, ma è noto che sulla soluzione della crisi siriana tra Mosca e Washington permangono differenze di fondo, a partire dal destino del presidente Bashar al Assad.

Dubbi restano anche sulla coalizione annunciata da Riad di cui fanno parte Paesi che, insieme alla stessa Arabia Saudita, sono accusati dallo schieramento sciita di sostenere i gruppi estremisti sunniti in Siria. E’ il caso, per esempio, del Qatar. I sauditi, inoltre, sono a capo di una coalizione già esistente di Paesi arabi sunniti che in Yemen combattono contro i ribelli sciiti Houthi, alleati dell’Iran.

Il ministro della difesa saudita Mohammed bin Salman ha chiarito che la coalizione non si limiterà a combattere lo Stato Islamico ma “qualunque gruppo terroristico”, anche in Libia, Egitto, Afghanistan e Mali. Il ministro degli Esteri saudita, Adel al-Jubeir, è tornato sull’argomento per affermare che la coalizione fornirà assistenza ai Paesi membri che la richiederanno e che “non ci sono limiti ai modi in cui tale assistenza sarà fornita”. Ma compito della alleanza sarà anche quella di combattere il terrorismo “sul piano ideologico”.

Tra i Paesi del Golfo, non ha aderito all’iniziativa solo l’Oman, da anni su una posizione di neutralità che gli ha consentito di assumere il ruolo di mediatore tra i Paesi arabi della regione e l’Iran sciita.

Tra coloro che ne faranno parte vi sono alcuni dei Paesi militarmente più forti di quest’area del mondo, come l’Egitto, il Pakistan e la Turchia, ma anche Giordania, Tunisia, Marocco, Sudan, Autorità nazionale palestinese e diversi Stati africani, come Ciad, Senegal, Somalia, Costa d’Avorio e Nigeria.

Ash Carter, che in Turchia ha cominciato una missione di una settimana nella regione per chiedere un maggiore impegno degli attori regionali nella guerra all’Isis, ha detto che l’iniziativa saudita sembra andare nella direzione più volte auspicata da Washington per un maggiore coinvolgimento dei Paesi sunniti nella lotta allo Stato islamico. Ma un funzionario americano citato dall’agenzia Ap ha detto che gli Usa non erano stati avvertiti in anticipo dell’iniziativa.

Quanto alla Turchia, ha aggiunto il capo del Pentagono parlando dalla base aerea di Incirlik, essa deve controllare meglio il suo confine con la Siria per ostacolare l’afflusso di foreign fighters per l’Isis e impegnarsi più a fondo nella coalizione a guida americana “nell’aria e a terra”.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

15:41L.elettorale: Romani, FI agevolerà approvazione

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Al Senato siamo sfortunati, perché non abbiamo la possibilità di votare il provvedimento come alla Camera, quindi dovremo trovare il modo di manifestare il nostro parere favorevole alla legge, abbiamo solamente il problema che ci sarà difficile votare la fiducia al governo, anche se trattasi di fiducia tecnica. Ma faremo in modo di agevolare che questa legge venga comunque approvata". Lo ha detto il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani.

15:38Vitalizi: Pizzetti, legge si farà entro legislatura

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "La legge sui vitalizzi verrà approvata entro la fine della legislatura. La Commissione fissa oggi il termine per gli emendamenti, e la legge va avanti". Lo ha detto il sottosegretario ai rapporti con il Parlamento, Luciano Pizzetti, arrivando in Commissione Affari costituzionali del Senato, dopo la Conferenza dei capigruppo.

15:37Manovra: Guerra, senza Mdp governo non ha maggioranza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Con l'uscita di Mdp il governo non ha la maggioranza. Chiederemo un incontro al Colle per capire come può un governo fare una Legge di Bilancio senza avere una maggioranza consolidata". Lo dice ai cronisti la senatrice Cecilia Guerra capogruppo di Mdp a margine della conferenza dei capigruppo che ha calendarizzato la legge elettorale.

15:37Stupri Rimini: processo con rito abbreviato per Butungu

(ANSA) - RIMINI, 17 OTT - Rito abbreviato allo stato degli atti, sei parti civili ammesse e prosecuzione del processo direttissimo al 10 novembre per Guerlin Butungu, il 20enne congolese arrestato dalla squadra mobile della Questura di Rimini per gli stupri di una turista polacca e di una transessuale peruviana avvenuti nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi a Miramare. Quella stessa notte venne anche picchiato con violenza un amico della giovane dell'Est. Il Tribunale collegiale, presieduto dal giudice Silvia Corinaldesi - dopo aver sciolto il nodo sulla scelta del rito direttissimo su cui la Procura della Repubblica ha presentato una memoria e ammettendolo sui punti in cui la confessione di Butungu era piena - ha accolto la richiesta della difesa di procedere per tutti i capi di imputazione per evitare una doppia condanna al congolese.(ANSA).

15:36Mondiali: Conte, l’Italia andrà in Russia

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - "Da italiano sono sicuro che andremo al mondiale": alla vigilia della sfida di Champions contro la Roma, il tecnico del Chelsea Antonio Conte commenta così la sfida di playoff contro la Svezia. "Spero che sia di buon auspicio la vittoria della mia nazionale contro gli svedesi a Euro 2016. Saranno due partite dentro-fuori, con grande pressione. Ma spero e penso che l'Italia andrà al mondiale".

15:35Coniugi uccisi, perizia psichiatrica su figlio e amico

(ANSA) - BOLOGNA, 17 OTT - Sarà una perizia psichiatrica a valutare le condizioni dei due ragazzi imputati davanti al tribunale per i minorenni di Bologna per il delitto di Pontelangorino (Ferrara) dove nella notte tra il 9 e il 10 gennaio i coniugi Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni furono uccisi a colpi di scure. L'ha disposta in udienza il giudice Anna Filocamo, accogliendo la richiesta di rito abbreviato condizionato alla perizia, avanzata dall'avvocato Gloria Bacca, difensore del figlio 16enne della coppia, accusato di omicidio premeditato in concorso con un amico di un anno più grande, difeso dall'avvocato Lorenzo Alberti. Il Procuratore Silvia Marzocchi si è associato alla richiesta di perizia. I due minori sono stati interrogati e avrebbero sostanzialmente ribadito la confessione. L'esecutore materiale fu l'amico del figlio, questi in conflitto da mesi con i genitori. Il 16enne poi diede l'allarme, fingendo di aver ritrovato i corpi. I due furono sentiti, emersero contraddizioni e infine ammisero i fatti. (ANSA).

15:30Mondiali: playoff, la Svezia ci crede

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Finalmente conosciamo la nostra rivale: l'Italia è forte, ma lo è anche la Svezia. Ora dipende da noi prepararci al meglio, e siamo consapevoli dell'impegno che ci attende". Il ct della Svezia Janne Andersson commenta a RaiSport l'esito del sorteggio dei playoff mondiali a Zurigo Ma cosa sa il ct svedese dell'Italia? "Ora la studierò attentamente - risponde Andersson - ma finora non l'avevo seguita molto. Quali suoi giocatori stimo? Di solito non parlo dei singoli ma certamente ora mi concentrerò su di loro e li studierò, così come studierò Ventura del quale per ora non so molto". Giocare l'andata in casa per la Svezia è un vantaggio? "Adesso che lo sappiamo - risponde -, la prima in casa per noi è meglio, è bene saperlo" Infine una battuta su Ibrahimovic. "Io non ho lavorato con lui - spiega Andersson -, perché se n'era già andato dalla nazionale. Quindi ho costruito una nuova squadra, ci siamo ricompattati e c'è un nuovo progetto senza di lui. Siamo arrivati fin qui e ora continuiamo così".

Archivio Ultima ora