Riad crea un’alleanza anti-terrorismo con 34 Paesi islamici

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

FILE - In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia.  (ANSA/AP Photo/Mosa'ab Elshamy, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/Mosa’ab Elshamy, File)

BEIRUT. – L’Arabia Saudita prende l’iniziativa formando una “alleanza militare islamica” di 34 Paesi contro il terrorismo, non solo quello dell’Isis. Ma il segretario alla Difesa americano Ash Carter, giunto in Turchia, dice di volere ricevere più informazioni in proposito, mentre l’esclusione di Iran e Iraq dalla nuova coalizione lascia aperta la questione della divisione e delle rivalità tra mondo sunnita e sciita.

Il segretario di Stato americano John Kerry ha avuto intanto a Mosca colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e con il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. I jihadisti dello Stato islamico, ha affermato Kerry al termine di un incontro durato oltre tre ore, sono “peggio dei terroristi” e “non c’è altra scelta per le nazioni civilizzate che unirsi e combatterli per distruggerli”.

Per questo, ha aggiunto Kerry, Usa e Russia devono trovare “un terreno comune” e l’incontro con Putin è “un buon inizio che apre possibilità per la soluzione della crisi siriana”. “La Russia sta cercando insieme a voi la soluzione per le crisi più complicate”, si è limitato a rispondere Putin. La Russia sostiene l’iniziativa degli Usa di svolgere un vertice sulla Siria il 18 dicembre a New York, ma è noto che sulla soluzione della crisi siriana tra Mosca e Washington permangono differenze di fondo, a partire dal destino del presidente Bashar al Assad.

Dubbi restano anche sulla coalizione annunciata da Riad di cui fanno parte Paesi che, insieme alla stessa Arabia Saudita, sono accusati dallo schieramento sciita di sostenere i gruppi estremisti sunniti in Siria. E’ il caso, per esempio, del Qatar. I sauditi, inoltre, sono a capo di una coalizione già esistente di Paesi arabi sunniti che in Yemen combattono contro i ribelli sciiti Houthi, alleati dell’Iran.

Il ministro della difesa saudita Mohammed bin Salman ha chiarito che la coalizione non si limiterà a combattere lo Stato Islamico ma “qualunque gruppo terroristico”, anche in Libia, Egitto, Afghanistan e Mali. Il ministro degli Esteri saudita, Adel al-Jubeir, è tornato sull’argomento per affermare che la coalizione fornirà assistenza ai Paesi membri che la richiederanno e che “non ci sono limiti ai modi in cui tale assistenza sarà fornita”. Ma compito della alleanza sarà anche quella di combattere il terrorismo “sul piano ideologico”.

Tra i Paesi del Golfo, non ha aderito all’iniziativa solo l’Oman, da anni su una posizione di neutralità che gli ha consentito di assumere il ruolo di mediatore tra i Paesi arabi della regione e l’Iran sciita.

Tra coloro che ne faranno parte vi sono alcuni dei Paesi militarmente più forti di quest’area del mondo, come l’Egitto, il Pakistan e la Turchia, ma anche Giordania, Tunisia, Marocco, Sudan, Autorità nazionale palestinese e diversi Stati africani, come Ciad, Senegal, Somalia, Costa d’Avorio e Nigeria.

Ash Carter, che in Turchia ha cominciato una missione di una settimana nella regione per chiedere un maggiore impegno degli attori regionali nella guerra all’Isis, ha detto che l’iniziativa saudita sembra andare nella direzione più volte auspicata da Washington per un maggiore coinvolgimento dei Paesi sunniti nella lotta allo Stato islamico. Ma un funzionario americano citato dall’agenzia Ap ha detto che gli Usa non erano stati avvertiti in anticipo dell’iniziativa.

Quanto alla Turchia, ha aggiunto il capo del Pentagono parlando dalla base aerea di Incirlik, essa deve controllare meglio il suo confine con la Siria per ostacolare l’afflusso di foreign fighters per l’Isis e impegnarsi più a fondo nella coalizione a guida americana “nell’aria e a terra”.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

16:11Calcio: Coppa Italia, tre giornate a Zarate

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tre giornate di squalifica sono state inflitte a Mauro Zarate (Fiorentina) dal giudice sportivo che ha esaminato i referti relativi alla gare degli ottavi di Coppa Italia. L'attaccante argentino è stato fermato "per condotta violenta avendo, al 26' del secondo tempo, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con un calcio un avversario", ovvero Bastien, del Chievo. Una giornata dovranno scontare Barreca (Torino) e Radovanovic (Chievo), entrambi espulsi per doppia ammonizione.

16:06Trump: suo team pensava a sfilata carri armati per cerimonia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La transition team del presidente eletto Donald Trump voleva che alla parata di oggi pomeriggio a Washington per l'inaugurazione del 45/mo presidente degli Stati Uniti sfilassero anche carri armati e lanciamissili in stile Russia-Corea del Nord: tuttavia, i militari, che collaborano sempre in stretto contatto con il comitato presidenziale per l'inaugurazione, hanno bocciato l'idea. Lo scrive il quotidiano online Huffington Post citando una fonte anonima. Il giornale ricorda che lo stesso Trump aveva ventilato questa ipotesi durante un'intervista al Washington Post pubblicata mercoledì scorso, lasciando intendere però che una simile iniziativa sarebbe stata presa in futuro. I militari, da parte loro, prosegue l'Huffington Post, hanno respinto la proposta temendo sia la reazione dell'opinione pubblica, sia i cingolati dei carri che avrebbero potuto distruggere l'asfalto di Pennsylvania Avenue e dintorni.

Archivio Ultima ora