Riad crea un’alleanza anti-terrorismo con 34 Paesi islamici

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

FILE - In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia.  (ANSA/AP Photo/Mosa'ab Elshamy, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/Mosa’ab Elshamy, File)

BEIRUT. – L’Arabia Saudita prende l’iniziativa formando una “alleanza militare islamica” di 34 Paesi contro il terrorismo, non solo quello dell’Isis. Ma il segretario alla Difesa americano Ash Carter, giunto in Turchia, dice di volere ricevere più informazioni in proposito, mentre l’esclusione di Iran e Iraq dalla nuova coalizione lascia aperta la questione della divisione e delle rivalità tra mondo sunnita e sciita.

Il segretario di Stato americano John Kerry ha avuto intanto a Mosca colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e con il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. I jihadisti dello Stato islamico, ha affermato Kerry al termine di un incontro durato oltre tre ore, sono “peggio dei terroristi” e “non c’è altra scelta per le nazioni civilizzate che unirsi e combatterli per distruggerli”.

Per questo, ha aggiunto Kerry, Usa e Russia devono trovare “un terreno comune” e l’incontro con Putin è “un buon inizio che apre possibilità per la soluzione della crisi siriana”. “La Russia sta cercando insieme a voi la soluzione per le crisi più complicate”, si è limitato a rispondere Putin. La Russia sostiene l’iniziativa degli Usa di svolgere un vertice sulla Siria il 18 dicembre a New York, ma è noto che sulla soluzione della crisi siriana tra Mosca e Washington permangono differenze di fondo, a partire dal destino del presidente Bashar al Assad.

Dubbi restano anche sulla coalizione annunciata da Riad di cui fanno parte Paesi che, insieme alla stessa Arabia Saudita, sono accusati dallo schieramento sciita di sostenere i gruppi estremisti sunniti in Siria. E’ il caso, per esempio, del Qatar. I sauditi, inoltre, sono a capo di una coalizione già esistente di Paesi arabi sunniti che in Yemen combattono contro i ribelli sciiti Houthi, alleati dell’Iran.

Il ministro della difesa saudita Mohammed bin Salman ha chiarito che la coalizione non si limiterà a combattere lo Stato Islamico ma “qualunque gruppo terroristico”, anche in Libia, Egitto, Afghanistan e Mali. Il ministro degli Esteri saudita, Adel al-Jubeir, è tornato sull’argomento per affermare che la coalizione fornirà assistenza ai Paesi membri che la richiederanno e che “non ci sono limiti ai modi in cui tale assistenza sarà fornita”. Ma compito della alleanza sarà anche quella di combattere il terrorismo “sul piano ideologico”.

Tra i Paesi del Golfo, non ha aderito all’iniziativa solo l’Oman, da anni su una posizione di neutralità che gli ha consentito di assumere il ruolo di mediatore tra i Paesi arabi della regione e l’Iran sciita.

Tra coloro che ne faranno parte vi sono alcuni dei Paesi militarmente più forti di quest’area del mondo, come l’Egitto, il Pakistan e la Turchia, ma anche Giordania, Tunisia, Marocco, Sudan, Autorità nazionale palestinese e diversi Stati africani, come Ciad, Senegal, Somalia, Costa d’Avorio e Nigeria.

Ash Carter, che in Turchia ha cominciato una missione di una settimana nella regione per chiedere un maggiore impegno degli attori regionali nella guerra all’Isis, ha detto che l’iniziativa saudita sembra andare nella direzione più volte auspicata da Washington per un maggiore coinvolgimento dei Paesi sunniti nella lotta allo Stato islamico. Ma un funzionario americano citato dall’agenzia Ap ha detto che gli Usa non erano stati avvertiti in anticipo dell’iniziativa.

Quanto alla Turchia, ha aggiunto il capo del Pentagono parlando dalla base aerea di Incirlik, essa deve controllare meglio il suo confine con la Siria per ostacolare l’afflusso di foreign fighters per l’Isis e impegnarsi più a fondo nella coalizione a guida americana “nell’aria e a terra”.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

17:19Charlie: genitori rinunciano a battaglia legale

(ANSA) - LONDRA, 24 LUG - I genitori di Charlie, il piccolo affetto da una gravissima malattia degenerativa, hanno annunciato di voler rinunciare alla loro battaglia legale per le cure del loro figlio. Lo ha reso noto il loro avvocato. "Non c'è più tempo", ha aggiunto il legale, stando al Guardian, annunciando la decisione di ritirare la richiesta di trasferire il figlio negli Stati Uniti per curarlo. L'avvocato ha detto che i genitori di Charlie hanno preso la decisione di rinunciare alla battaglia legale del loro figlio dopo gli ultimi rapporti medici. Il legale ha aggiunto che il danno ai muscoli e ai tessuti del piccolo di 11 mesi, è irreversibile. "Le peggiori paure dei genitori sono state confermate - ha detto -. Adesso è troppo tardi per curare Charlie". Grant Armstrong ha aggiunto che i genitori all'udienza all'Alta Corte di Londra erano in lacrime.

17:18Calcio: Inter vince 1-0 col Lione, gol di Jovetic

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - L'Inter vince 1-0 contro il Lione nel primo match dell'International Champions Cup in Cina. Gol di Jovetic al 30' della ripresa. Il primo tempo non regala molte emozioni con le due squadre in difficoltà fisica anche a causa del caldo torrido. Luciano Spalletti lancia il giovane Pinamonti titolare, affiancato da Eder e Candreva. Ma è il Lione ad essere più pericoloso soprattutto al 34', quando Handanovic perde il tempo su Diaz e rischia in uscita, scontrandosi con l'attaccante del Lione. Nella ripresa, l'allenatore nerazzurro cambia gran parte della squadra e l'Inter prova a fare la partita. Vicino al gol Kondogbia in semirovesciata, poi Jovetic prova a replicare la grande rete di Neymar alla Juventus, ma dopo aver dribblato i difensori il suo tiro viene respinto. Il gol arriva al 30': retropassaggio di Joao Mario a servire Jovetic che lasciato solo appoggia in rete. L'Inter giovedì sfiderà il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti mentre sabato toccherà al Chelsea di Antonio Conte.

17:13Vigilante ferì ladro dopo furto, rischia posto lavoro

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Rischia di perdere il lavoro solo per avere fatto il suo lavoro. E' la paradossale vicenda di un addetto alla vigilanza di Genova, Yohann Sgambellone, condannato a una multa di 200 euro per avere ferito in modo lieve un ladro che lo aveva trattenuto per garantire la fuga alle due complici dopo un furto in un negozio di Genova. Sgambellone, difeso dall'avvocato Giuseppe Maria Gallo, si è ritrovato a processo insieme al ladro e alle sue due complici: loro sono stati condannati per quel colpo, lui per avere ferito uno dei tre che lo aveva bloccato. La guardia ha sempre sostenuto di essersi divincolato e di averlo così ferito involontariamente. Per i giudici non fu legittima difesa, ma vere e proprie lesioni anche se colpose. La condanna potrebbe portare la Prefettura a sospendere la sua licenza. "Faremo ricorso per impugnare la sentenza - ha commentato il legale del vigilante - perché ci sono gli estremi della legittima difesa".

17:12Sfregiata con acido: giudice ammette registrazione

(ANSA) - RIMINI, 24 LUG - Sarà una registrazione audio a chiarire i rapporti tra Gessica Notaro e Edson ("Eddy") Tavares, l'ex fidanzato della riminese, originario di Capo Verde, che il 10 gennaio l'ha sfregiata gettandole acido in faccia. Oggi il giudice, su richiesta dell'avvocato Andrea Tura che difende il capoverdiano, ha ammesso il file come prova che sarà quindi ascoltato la prossima udienza, il 7 settembre quando si concluderà l'istruttoria. Tavares, 29 anni, detenuto per l'aggressione con l'acido, deve rispondere di stalking nei confronti di Gessica. In aula oggi alcuni testimoni della difesa, tra cui un paio di amanti di Tavares che hanno raccontato come non fosse mai stato violento prima e come non fosse particolarmente scosso della fine della relazione con la riminese. La registrazione secondo la difesa di Tavares potrebbe mostrare come i rapporti tra i due ragazzi fossero distesi e intimi anche dopo che Gessica aveva sporto denuncia verso l'ex. Oggi i due ex fidanzati erano entrambi in aula.

17:10Vento riaccende rogo nell’ex zoo di Torino

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Il forte vento, che dal primo pomeriggio imperversa su Torino, ha riattizzato i tizzoni del rogo, che è divampato, a partire da ieri in tarda serata, nell'ex zoo della città. Nel parco Michelotti, in corso Cadore, lungo il fiume Po, le fiamme nella notte hanno distrutto la Casa della Giraffa. Due squadre di pompieri hanno lavorato per ore in modo da circoscrivere l'incendio. Oggi pomeriggio le raffiche di vento hanno però riacceso alcuni focolai e i vigili del fuoco, con carro fiamma e autobotte, intorno alle 15 sono tornati sul posto per spegnerli completamente. Indagini sono in corso per accertare le cause dell'incendio. Non si esclude l'origine dolosa.(ANSA).

16:47Migranti:Minniti,Ue e Africa devono lavorare insieme

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Sul tema dell'immigrazione "Europa e Africa hanno il dovere di lavorare insieme". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel suo intervento alla seconda riunione del gruppo di contatto Africa-Europa, in corso a Tunisi. "Abbiamo a che fare - ha sottolineato - con un fenomeno epocale che ci ha accompagnato in passato e molto probabilmente ci accompagnerà anche nel futuro. Esso può essere affrontato in maniera utile e definitiva soltanto attraverso una grande cooperazione tra Europa e Africa". Su questi temi, ha aggiunto, "non c'è un'unica soluzione miracolosa, c'è invece l'idea di mettere in campo un progetto strategico sapendo che nessun Paese può farcela da solo e che nessun Paese può essere lasciato solo. Chi ha orecchie per intendere, intenda". Il ministro ha invitato quindi l'Europa ad affrontare il tema della rotta sud e del Mediterraneo centrale facendo "lo stesso sforzo fatto per la Turchia".

16:47Calcio: Iago Falque ‘Torino club importante, faremo bene”

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - "Abbiamo le qualità per poter migliorare quanto fatto lo scorso anno". Punta in alto Iago Falque, attaccante spagnolo del Torino a caccia di un posto in Europa League. "La scorsa è stata una stagione positiva e speriamo che la prossima lo sia ancora di più, sia a livello personale che di squadra", è l'obiettivo dell'attaccante intervistato nel ritiro di Bormio. "Il Torino è una squadra importante, per questo sono felicissimo di essere qui - aggiunge al sito internet del club granata -. Il bilancio del ritiro? Positivo, la squadra sta rispondendo bene, è importante mettere allenamenti nelle gambe. Obiettivi? Dobbiamo pensare solo a noi stessi, possiamo fare delle belle cose, ma sempre mantenendo equilibrio". Tra i sogni c'è anche la nazionale spagnola. "É difficile perché ci sono tanti calciatori forti - conclude -, io devo solo continuare a far bene e poi si vedrà".

Archivio Ultima ora