Riad crea un’alleanza anti-terrorismo con 34 Paesi islamici

Pubblicato il 15 dicembre 2015 da redazione

FILE - In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia.  (ANSA/AP Photo/Mosa'ab Elshamy, File)

FILE – In this Thursday, Sept. 17, 2015 file photo, Saudi security forces take part in a military parade in preparation for the annual Hajj pilgrimage in Mecca, Saudi Arabia. (ANSA/AP Photo/Mosa’ab Elshamy, File)

BEIRUT. – L’Arabia Saudita prende l’iniziativa formando una “alleanza militare islamica” di 34 Paesi contro il terrorismo, non solo quello dell’Isis. Ma il segretario alla Difesa americano Ash Carter, giunto in Turchia, dice di volere ricevere più informazioni in proposito, mentre l’esclusione di Iran e Iraq dalla nuova coalizione lascia aperta la questione della divisione e delle rivalità tra mondo sunnita e sciita.

Il segretario di Stato americano John Kerry ha avuto intanto a Mosca colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e con il ministro degli Esteri Serghei Lavrov. I jihadisti dello Stato islamico, ha affermato Kerry al termine di un incontro durato oltre tre ore, sono “peggio dei terroristi” e “non c’è altra scelta per le nazioni civilizzate che unirsi e combatterli per distruggerli”.

Per questo, ha aggiunto Kerry, Usa e Russia devono trovare “un terreno comune” e l’incontro con Putin è “un buon inizio che apre possibilità per la soluzione della crisi siriana”. “La Russia sta cercando insieme a voi la soluzione per le crisi più complicate”, si è limitato a rispondere Putin. La Russia sostiene l’iniziativa degli Usa di svolgere un vertice sulla Siria il 18 dicembre a New York, ma è noto che sulla soluzione della crisi siriana tra Mosca e Washington permangono differenze di fondo, a partire dal destino del presidente Bashar al Assad.

Dubbi restano anche sulla coalizione annunciata da Riad di cui fanno parte Paesi che, insieme alla stessa Arabia Saudita, sono accusati dallo schieramento sciita di sostenere i gruppi estremisti sunniti in Siria. E’ il caso, per esempio, del Qatar. I sauditi, inoltre, sono a capo di una coalizione già esistente di Paesi arabi sunniti che in Yemen combattono contro i ribelli sciiti Houthi, alleati dell’Iran.

Il ministro della difesa saudita Mohammed bin Salman ha chiarito che la coalizione non si limiterà a combattere lo Stato Islamico ma “qualunque gruppo terroristico”, anche in Libia, Egitto, Afghanistan e Mali. Il ministro degli Esteri saudita, Adel al-Jubeir, è tornato sull’argomento per affermare che la coalizione fornirà assistenza ai Paesi membri che la richiederanno e che “non ci sono limiti ai modi in cui tale assistenza sarà fornita”. Ma compito della alleanza sarà anche quella di combattere il terrorismo “sul piano ideologico”.

Tra i Paesi del Golfo, non ha aderito all’iniziativa solo l’Oman, da anni su una posizione di neutralità che gli ha consentito di assumere il ruolo di mediatore tra i Paesi arabi della regione e l’Iran sciita.

Tra coloro che ne faranno parte vi sono alcuni dei Paesi militarmente più forti di quest’area del mondo, come l’Egitto, il Pakistan e la Turchia, ma anche Giordania, Tunisia, Marocco, Sudan, Autorità nazionale palestinese e diversi Stati africani, come Ciad, Senegal, Somalia, Costa d’Avorio e Nigeria.

Ash Carter, che in Turchia ha cominciato una missione di una settimana nella regione per chiedere un maggiore impegno degli attori regionali nella guerra all’Isis, ha detto che l’iniziativa saudita sembra andare nella direzione più volte auspicata da Washington per un maggiore coinvolgimento dei Paesi sunniti nella lotta allo Stato islamico. Ma un funzionario americano citato dall’agenzia Ap ha detto che gli Usa non erano stati avvertiti in anticipo dell’iniziativa.

Quanto alla Turchia, ha aggiunto il capo del Pentagono parlando dalla base aerea di Incirlik, essa deve controllare meglio il suo confine con la Siria per ostacolare l’afflusso di foreign fighters per l’Isis e impegnarsi più a fondo nella coalizione a guida americana “nell’aria e a terra”.

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora