Usa 2016: nel dibattito repubblicano tutti inseguono Trump

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

usa

Terrorismo e immigrazione. Volente o nolente, è questo il “leit-motive” della politica americana di questi giorni. E sono anche gli argomenti sui quali dibatte l’uomo della strada, nelle grandi metropoli cosmopolite e nei piccoli centri rurali chiusi nel loro provincialismo. E’ inevitabile. A riproporre con forza questi argomenti, che sono diventati il cavallo di battaglia di Trump, sono stati gli attentati in Francia e il massacro di San Bernardino.

Il terrorismo, negli Stati Uniti, non è più un fenomeno astratto. La sensazione generalizzata, ormai, è che si sia alla presenza di qualcosa di tangibile. Lo dimostra la reazione delle autorità di Los Angeles che, complice una minaccia di bomba, hanno deciso di chiudere le scuole, obbligando oltre 620mila studenti a tornare a casa.

Nell’insolito scenario dell’Hotel “The Venetian” nel centro di Las Vegas, tra i canali veneziani di cartone e gesso, si è svolto l’ultimo dibattito dei candidati repubblicani per l’anno 2015. Stesso copione. Donald Trump, il magnate newyorkese, ha di nuovo imposto la sua agenda. Ed esposto le proprie idee in maniera chiara, semplice ma con toni insolitamente più pacati senza comunque abbandonare la sua carica. Cioè, come piace alla stragrande maggioranza dei conservatori americani. Infatti, più che il contenuto, è il linguaggio di Trump quel che seduce la destra americana. E’ una scatola vuota, ma piace.

Le sue posizioni radicali, esasperate, espresse senza titubanze, trovano puntualmente nei mass-media una cassa di risonanza di fronte all’insipido atteggiamento degli avversari. I mass-media non possono omettere le proposte di Trump che rimbalzano così da un lato all’altro degli States.

Nella corsa alla Casa Bianca, Donald Trump è l’unico candidato che non ha nulla da perdere. Qualora dovesse fallire nel suo tentativo, tornerà alle sue aziende e alla vita da milionario. Non così il resto dei “competitors”, politici di professione, che con una semplice ed anche innocente scivolata potrebbero vedere rovinata la propria carriera ed essere obbligati a reinventarsi.

Nel dibattito di martedì scorso, circa due ore di confronto trasmesso integralmente in diretta dalla Cnn e dai “canali alleati” nel mondo, la sicurezza nazionale è stato il “leit-motive”. Un argomento delicato sul quale più di un politico navigato ha visto distrutta la propria carriera.

Trump ha ripetuto, come ha fatto insistentemente nelle ultime settimane, le proprie tesi su musulmani ed emigrazione, sull’incapacità di Obama di arginare il terrorismo e sulla necessità di controllare l’Internet, uno strumento di propaganda, accusa Trump, che “i terroristi sanno usare meglio degli americani che l’hanno inventato”.

Gli altri candidati, con sfumature diverse, hanno attaccato le proposte dell’arcimiliardario considerandole semplicemente assurde e irrealizzabili. D’altronde Trump ha parlato di limitare e controllare la rete, una limitazione alla libertà e alla privacy degli americani, un’invasione inaccettabile nell’intimità dei cittadini; di deportazione di massa, anch’essa contraria alla filosofia americana di nazione aperta, confluenza di culture, religioni, razze e mondi diversi; di costruzione di muri in un mondo che li vuole abbattere perchè conducono all’odio e all’intolleranza.

Ma stranamente, e al contrario del resto dei candidati, non ha parlato di conflitti, né di morte. E ha sostenuto che sono stati spesi ben 4 biliardi di dollari in una guerra inutile e senza risultati.
Come era nelle attese, il magnate del mattone è stato al centro degli attacchi del resto dei candidati repubblicani.

In particolare di Jeb Bush che, nel tentativo di risalire la china nei sondaggi, si è spogliato dell’immagine di uomo razionale e pacato e ha punzecchiato con insistenza l’arcimiliardario. Ha accusato Trump di essere un semplice agitatore di masse.

– Io – ha detto categorico rivolgendosi a Trump nel corso del dibattito – sono un “Commander in Chief”. Tu sei solo un “Agitator in Chief”.

E poi ha calcato la mano sostenendo che Trump è un candidato caotico che sarebbe “un presidente caotico”.

Bush non è stato l’unico ad attaccare il frontrunner Donald Trump. Anche altri candidati hanno colto l’occasione per cercare di opacare la stella dell’outsider, da Cruz a Rubio, da Fiorina a Carson.

Il terrorismo è stato il grande protagonista della serata. Ad eccezione di Trump, tutti i candidati, con sfumature diverse, hanno difeso la presenza nordamericana in Siria e Iraq e la necessità di distruggere il Califfato. In difficoltà, su questo argomento, si è trovato il candidato di origine latinoamericana Ted Cruz. Questi, con una semplificazione che ha sorpreso i presenti, ha sostenuto che nella guerra all’Isis l’equazione è assai semplice: “noi vinciamo e loro perdono”.

Ha poi sostenuto la necessità di un bombardamento a tappeto e senza sosta alle postazioni dell’Isis. Quando sorpreso il giornalista Wolf Blitzer gli ha fatto notare che così si ucciderebbe un enorme numero di civili, senza immutarsi Cruz ha insistito nella sua tesi di bombardare le truppe dell’Isis, forse immaginando i reggimenti compatti di un secolo fa e non i terroristi che si nascondono e confondono tra la popolazione civile.

Apparentemente, nel dibattito di martedì, si è meglio districato Marco Rubio, anch’egli di origine latinoamericana, che però non ha le simpatie del Tea Party il cui beniamino è Ted Cruz.

Comunque sia, i sondaggi danno ancora il magnate del mattone in netto vantaggio sui “competitor” Rubio e Cruz, i soli ad inseguirli più da vicino. Dopo la pausa natalizia, in cui la politica solo in teoria dovrebbe deporre le armi, si assisterà allo sprint finale prima delle primarie.

Ultima ora

21:35Sisma: Sala, ghisa che ridono non degni divisa Milano

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - "Ho visto in rete un video di pessimo gusto dei vigili milanesi di stanza nei luoghi del sisma. Ho chiesto al comandante della Polizia locale Antonio Barbato di prendere al più presto i giusti provvedimenti". Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando un video girato da alcuni agenti della Polizia locale ad Amatrice, in cui ridono ed escono dalle macerie di alcune case come degli zombie. Il video è stato diffuso su alcuni siti di quotidiani online. "Non sono questi i ghisa che noi conosciamo e per questo ritengo che vederli indossare la divisa del nostro corpo di Polizia Locale sia un'offesa per tutti noi milanesi", ha concluso. (ANSA).

21:27Poletti: presidente calcio a 5 “giocate e mandate curricula”

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Purtroppo devo smentire il Ministro Poletti che ha detto ai giovani che per trovare lavoro è meglio 'giocare a calcetto che inviare il proprio curriculum vitae'. Se fosse vero in Italia non esisterebbe la disoccupazione". Sulla polemica del giorno in ambito lavoro, interviene anche il presidente della Divisione Calcio a 5 della Figc-Lega Dilettanti, Andrea Montemurro. "Il calcio a 5 - dice all'Ansa - e quindi non non il 'calcetto', come lo stesso ministro Poletti lo ha erroneamente definito, è lo sport di squadra più praticato in Italia, diffusissimo tra giovani, donne e adulti, conta oltre centomila iscritti e milioni di praticanti amatoriali. Ai giovani dico: se giocate a Futsal, a 'calcetto', sono assicurati il divertimento, lo spettacolo, la grande tecnica e uno sport sano, purtroppo non anche il lavoro. Quindi - conclude il dirigente - giocate a Futsal e mandate curricula".

21:24Neonata morta in ospedale Catanzaro, indagati otto medici

(ANSA) - CATANZARO, 28 MAR - La Procura della Repubblica di Catanzaro ha emesso otto informazioni di garanzia nei confronti di altrettanti medici in servizio nel reparto di ginecologia dell'ospedale cittadino nell'ambito di un'inchiesta avviata sulla morte di una neonata. L'inchiesta della Procura é stata avviata sulla base della denuncia presentata dai genitori della neonata. I carabinieri, su delega della Procura, hanno sequestrato la salma, il cordone ombelicale, la placenta e le cartelle cliniche di madre e figlia. Domani sul corpo della neonata verrà effettuata l'autopsia. L'ipotesi di reato a carico dei sanitari è quella di omicidio colposo. L'autopsia servirà ad accertare le cause del decesso contribuendo a chiarire se la morte della neonata sia riconducibile a responsabilità del personale medico. (ANSA).

20:47Sospeso vigile che esce dalla bara e fa lo zombi ad Amatrice

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - Il comandante delle Polizia Locale di Milano Antonio Barbato ha disposto il richiamo disciplinare per i due vigili protagonisti di un video offensivo girato ad Amatrice, in cui si vede un agente uscire da una bara facendo finta di essere uno zombie. L'agente fa parte della squadra inviata dal Comune ad Amatrice per aiutare le popolazioni colpite da sisma. Il procedimento implica la sospensione dal lavoro di 10 giorni. Successivamente entrambi saranno trasferiti a nuovi incarichi. "Sono comportamenti indegni per chi indossa una divisa - ha commentato il comandante Barbato - e non fanno onore al corpo dei ghisa. Per questo è stata predisposta la massima sanzione possibile in questi casi". "Un atteggiamento inaccettabile - ha aggiunto l'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza - perché danneggia il grande lavoro fatto dalla Polizia Locale ad Amatrice in tutti questi mesi. Mi scuso con i cittadini di Milano e Amatrice per questo gesto ingiustificabile".

20:43Uccide moglie e chiama Cc, la accusava di spendere troppo

(ANSA) - TORINO, 28 MAR - Uxoricidio a Pinerolo: un uomo di 64 anni ha accoltellato in casa la moglie di 52 anni uccidendola. Secondo le prime informazioni, è stato lo stesso uomo a chiamare i carabinieri e a confessare il delitto: "Venitemi a prendere". I militari stanno intervenendo in stradale Poirino 37. L'uomo, disoccupato, accusava la vittima, che lavorava come donna delle pulizie, di spendere troppo. La coppia aveva un figlio, anche lui disoccupato, ma il delitto è avvenuto quando marito e moglie erano soli in casa.

20:41Non dichiarò piscina,confermata condanna ex pm Trani Savasta

(ANSA) - BARI, 28 MAR - La Corte di Appello di Lecce ha confermato la condanna a 2 mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione) per falso nei confronti dell'ex pm di Trani Antonio Savasta, nei mesi scorsi trasferito come giudice a Roma. Si tratta di uno dei procedimenti penali relativi alla trasformazione di una antica masseria di Bisceglie in resort di lusso. L'accusa di falso riguarda l'aver falsamente dichiarato dinanzi ad un notaio in due diverse occasioni (nel 2009 e nel 2010) di non aver fatto costruire una piscina, per la cui realizzazione sarebbe stata necessaria specifica autorizzazione edilizia. Nell'ambito della stessa vicenda Savasta è stato assolto nelle scorse settimane dall'accusa di concussione e sarà processato a partire da luglio insieme con familiari, soci e tecnici comunali per lottizzazione abusiva e violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio.

20:41Casa Bianca sostiene Congresso su riduzione privacy su web

(ANSA) - WASHINGTON, 28 MAR - La Casa Bianca sostiene fortemente la cancellazione delle regole sulle privacy su internet, cancellazione che la Camera ha in programma di approvare oggi, dopo che lo ha fatto il Senato nei giorni scorsi, con il plauso dei colossi del settore (Verizon, Comcast e At&t). Si tratta di regole dell'era Obama, che imponevano paletti ai colossi del web per vendere e condividere i dati dei consumatori per motivi pubblicitari. Le norme erano state approvate lo scorso anno e vietavano ai provider di abusare dei dati raccolti dai loro clienti durante la navigazione su internet da cellulari e computer. (ANSA).

Archivio Ultima ora