Usa 2016: nel dibattito repubblicano tutti inseguono Trump

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

usa

Terrorismo e immigrazione. Volente o nolente, è questo il “leit-motive” della politica americana di questi giorni. E sono anche gli argomenti sui quali dibatte l’uomo della strada, nelle grandi metropoli cosmopolite e nei piccoli centri rurali chiusi nel loro provincialismo. E’ inevitabile. A riproporre con forza questi argomenti, che sono diventati il cavallo di battaglia di Trump, sono stati gli attentati in Francia e il massacro di San Bernardino.

Il terrorismo, negli Stati Uniti, non è più un fenomeno astratto. La sensazione generalizzata, ormai, è che si sia alla presenza di qualcosa di tangibile. Lo dimostra la reazione delle autorità di Los Angeles che, complice una minaccia di bomba, hanno deciso di chiudere le scuole, obbligando oltre 620mila studenti a tornare a casa.

Nell’insolito scenario dell’Hotel “The Venetian” nel centro di Las Vegas, tra i canali veneziani di cartone e gesso, si è svolto l’ultimo dibattito dei candidati repubblicani per l’anno 2015. Stesso copione. Donald Trump, il magnate newyorkese, ha di nuovo imposto la sua agenda. Ed esposto le proprie idee in maniera chiara, semplice ma con toni insolitamente più pacati senza comunque abbandonare la sua carica. Cioè, come piace alla stragrande maggioranza dei conservatori americani. Infatti, più che il contenuto, è il linguaggio di Trump quel che seduce la destra americana. E’ una scatola vuota, ma piace.

Le sue posizioni radicali, esasperate, espresse senza titubanze, trovano puntualmente nei mass-media una cassa di risonanza di fronte all’insipido atteggiamento degli avversari. I mass-media non possono omettere le proposte di Trump che rimbalzano così da un lato all’altro degli States.

Nella corsa alla Casa Bianca, Donald Trump è l’unico candidato che non ha nulla da perdere. Qualora dovesse fallire nel suo tentativo, tornerà alle sue aziende e alla vita da milionario. Non così il resto dei “competitors”, politici di professione, che con una semplice ed anche innocente scivolata potrebbero vedere rovinata la propria carriera ed essere obbligati a reinventarsi.

Nel dibattito di martedì scorso, circa due ore di confronto trasmesso integralmente in diretta dalla Cnn e dai “canali alleati” nel mondo, la sicurezza nazionale è stato il “leit-motive”. Un argomento delicato sul quale più di un politico navigato ha visto distrutta la propria carriera.

Trump ha ripetuto, come ha fatto insistentemente nelle ultime settimane, le proprie tesi su musulmani ed emigrazione, sull’incapacità di Obama di arginare il terrorismo e sulla necessità di controllare l’Internet, uno strumento di propaganda, accusa Trump, che “i terroristi sanno usare meglio degli americani che l’hanno inventato”.

Gli altri candidati, con sfumature diverse, hanno attaccato le proposte dell’arcimiliardario considerandole semplicemente assurde e irrealizzabili. D’altronde Trump ha parlato di limitare e controllare la rete, una limitazione alla libertà e alla privacy degli americani, un’invasione inaccettabile nell’intimità dei cittadini; di deportazione di massa, anch’essa contraria alla filosofia americana di nazione aperta, confluenza di culture, religioni, razze e mondi diversi; di costruzione di muri in un mondo che li vuole abbattere perchè conducono all’odio e all’intolleranza.

Ma stranamente, e al contrario del resto dei candidati, non ha parlato di conflitti, né di morte. E ha sostenuto che sono stati spesi ben 4 biliardi di dollari in una guerra inutile e senza risultati.
Come era nelle attese, il magnate del mattone è stato al centro degli attacchi del resto dei candidati repubblicani.

In particolare di Jeb Bush che, nel tentativo di risalire la china nei sondaggi, si è spogliato dell’immagine di uomo razionale e pacato e ha punzecchiato con insistenza l’arcimiliardario. Ha accusato Trump di essere un semplice agitatore di masse.

– Io – ha detto categorico rivolgendosi a Trump nel corso del dibattito – sono un “Commander in Chief”. Tu sei solo un “Agitator in Chief”.

E poi ha calcato la mano sostenendo che Trump è un candidato caotico che sarebbe “un presidente caotico”.

Bush non è stato l’unico ad attaccare il frontrunner Donald Trump. Anche altri candidati hanno colto l’occasione per cercare di opacare la stella dell’outsider, da Cruz a Rubio, da Fiorina a Carson.

Il terrorismo è stato il grande protagonista della serata. Ad eccezione di Trump, tutti i candidati, con sfumature diverse, hanno difeso la presenza nordamericana in Siria e Iraq e la necessità di distruggere il Califfato. In difficoltà, su questo argomento, si è trovato il candidato di origine latinoamericana Ted Cruz. Questi, con una semplificazione che ha sorpreso i presenti, ha sostenuto che nella guerra all’Isis l’equazione è assai semplice: “noi vinciamo e loro perdono”.

Ha poi sostenuto la necessità di un bombardamento a tappeto e senza sosta alle postazioni dell’Isis. Quando sorpreso il giornalista Wolf Blitzer gli ha fatto notare che così si ucciderebbe un enorme numero di civili, senza immutarsi Cruz ha insistito nella sua tesi di bombardare le truppe dell’Isis, forse immaginando i reggimenti compatti di un secolo fa e non i terroristi che si nascondono e confondono tra la popolazione civile.

Apparentemente, nel dibattito di martedì, si è meglio districato Marco Rubio, anch’egli di origine latinoamericana, che però non ha le simpatie del Tea Party il cui beniamino è Ted Cruz.

Comunque sia, i sondaggi danno ancora il magnate del mattone in netto vantaggio sui “competitor” Rubio e Cruz, i soli ad inseguirli più da vicino. Dopo la pausa natalizia, in cui la politica solo in teoria dovrebbe deporre le armi, si assisterà allo sprint finale prima delle primarie.

Ultima ora

19:33Morto 77enne spinto da scogli, 17enne volontario per anziani

(ANSA) - BARI, 23 OTT - Dovrà fare volontariato in un centro per anziani, andare a scuola e frequentare corsi di legalità per tre anni il 17enne accusato di omicidio volontario per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo scorso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli insieme con l'amico 75enne Gesumino Aversa, fortunatamente sopravvissuto alla caduta in mare. Il Tribunale per i Minorenni di Bari ha ammesso il ragazzo alla misura alternativa della messa alla prova per la durata di tre anni, collocandolo presso una comunità per minori. Qui dovrà rispettare un serrato programma rieducativo al termine del quale il reato sarà dichiarato estinto. In particolare, dovrà frequentare la scuola (si è già iscritto ad un istituto alberghiero), fare attività sportiva, volontariato con la Caritas e prestare servizio agli anziani, sottoporsi a sedute di sostegno psicologico e frequentare corsi di legalità. L'amico 15enne che era con il 17enne risponde di omissione di soccorso e sarà processato in abbreviato il 29 gennaio 2018.

19:18Aggressione con acido a Rimini, vittima 60enne napoletano

(ANSA) - RIMINI, 23 OTT - Un sessantenne napoletano residente a Rimini da circa dieci anni è rimasto vittima di una aggressione con acido mentre usciva dalla palestra in città. L'uomo che ha alle spalle un passato di problemi con la giustizia è stato ustionato dalla sostanza che ha colpito in prevalenza il volto. Il fatto, si è appreso oggi, è successo ieri nel tardo pomeriggio. Sul luogo dell'aggressione è intervenuta la polizia di stato e le indagini sono state affidate alla squadra mobile di Rimini che non esclude alcuna pista. Il 60enne è stato ricoverato all'ospedale Infermi di Rimini. (ANSA).

19:16Uccise suocera,ora stalking sua compagna:cura da criminologo

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Più dieci anni fa aveva ucciso la suocera e poi uscito dal carcere era stato nuovamente arrestato per stalking nei confronti della nuova fidanzata, da lui minacciata con una pistola mentre aspettava un bus. Ora l'uomo, Francesco Palmisano, che si trova in regime di custodia cautelare, dovrà seguire un percorso terapeutico portato avanti da un'equipe guidata dal criminologo Paolo Giulini, anche a capo del Cipm, ente che si occupa del trattamento e della valutazione psicodiagnostica degli autori di violenze sessuali e domestiche. Lo ha deciso la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia, che con una decisione innovativa, sulla base di recente modifiche normative, ha disposto una "ingiunzione terapeutica" a carico dell'uomo, arrestato per stalking.

19:15Mafia: Commissione propone scioglimento Comune Lamezia

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 23 OTT - La Commissione d'accesso nominata nello scorso mese di giugno nel Comune di Lamezia Terme ha proposto lo scioglimento dell'Ente per infiltrazioni mafiose. L'accesso nel Comune di Lamezia era stato disposto dal prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, su delega del Ministro dell'Interno, a seguito dell'operazione "Crisalide", condotta dai carabinieri su direttive della Dda di Catanzaro contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri e che aveva portato a decine di arresti. Nell'inchiesta sono indagati il vicepresidente del Consiglio comunale lametino, Giuseppe Paladino, poi dimessosi, e Pasqualino Ruberto, candidato a sindaco nel 2015 e sospeso dalla carica di consigliere comunale dal Prefetto di Catanzaro dopo essere stato arrestato nel febbraio scorso nell'operazione "Robin Hood", condotta sempre dalla Dda di Catanzaro, sul presunto utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati alle famiglie bisognose distratti, secondo l'accusa, anche col concorso di presunti affiliati a cosche lametine.

18:34Mafia: Fedotov visita tomba Falcone

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Ha chiesto di visitare la tomba di Giovanni Falcone, ed è stato l'unico fuori programma per Yuri Fedotov, direttore esecutivo dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, a Palermo per partecipare alla Conferenza Mediterranea dell'Osce. Fedotov ha incontrato nella chiesa di San Domenico, Pantheon degli Illustri di Sicilia in cui il magistrato ucciso dalla mafia è tumulato, la sorella del giudice, Maria Falcone, presidente della fondazione che del magistrato porta il nome. Presente anche Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Falcone morto nella strage. Fedotov ha deposto una corona di fiori sulla tomba. "Fu il primo a capire l'importanza della cooperazione internazionale nelle indagini su Cosa nostra e la necessità di seguire i flussi di denaro per contrastare i clan - ha detto - All'Onu continuiamo a seguire i suoi insegnamenti".

18:29Calcio: giudice, oltre Bonucci, 4 squalificati per un turno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Oltre a Leonardo Bonucci, squalificato per due turni, il giudice sportivo ha fermato per una giornata altri quattro giocatori. Si tratta di Francesco Cassata (Sassuolo), Giancarlo Gonzalez (Bologna), Mario Mandzukic (Juventus) e Bruno Zuculini (Verona). Multe a Napoli (15.000 euro), Inter (12.000 + 4.000), Spal (2.500) e Fiorentina (2.000).

18:29Maltempo: albero cade su auto a Bari, illesi occupanti

(ANSA) - BARI, 23 OTT - In seguito delle forti raffiche di vento un albero si è spezzato a Bari cadendo su una Fiat Panda che era in transito su Viale della Repubblica, quasi ad angolo con via Toma. La donna di 41 anni che era alla guida e i suoi di figli di 13 e 5 anni che erano a bordo sono riusciti a mettersi in salvo e sono illesi. La caduta dell'albero è stata frenata parzialmente da alcuni cavi aerei. Sul posto sono giunti personale del 118, che ha soccorso la famiglia e i vigili del fuoco che sono al lavoro per sgomberare la sede stradale. Squadre dell'Amtab provvederanno a recidere per sicurezza il cavo che appartiene alla linea dei tram in disuso. (ANSA).

Archivio Ultima ora