Usa 2016: nel dibattito repubblicano tutti inseguono Trump

Pubblicato il 16 dicembre 2015 da redazione

usa

Terrorismo e immigrazione. Volente o nolente, è questo il “leit-motive” della politica americana di questi giorni. E sono anche gli argomenti sui quali dibatte l’uomo della strada, nelle grandi metropoli cosmopolite e nei piccoli centri rurali chiusi nel loro provincialismo. E’ inevitabile. A riproporre con forza questi argomenti, che sono diventati il cavallo di battaglia di Trump, sono stati gli attentati in Francia e il massacro di San Bernardino.

Il terrorismo, negli Stati Uniti, non è più un fenomeno astratto. La sensazione generalizzata, ormai, è che si sia alla presenza di qualcosa di tangibile. Lo dimostra la reazione delle autorità di Los Angeles che, complice una minaccia di bomba, hanno deciso di chiudere le scuole, obbligando oltre 620mila studenti a tornare a casa.

Nell’insolito scenario dell’Hotel “The Venetian” nel centro di Las Vegas, tra i canali veneziani di cartone e gesso, si è svolto l’ultimo dibattito dei candidati repubblicani per l’anno 2015. Stesso copione. Donald Trump, il magnate newyorkese, ha di nuovo imposto la sua agenda. Ed esposto le proprie idee in maniera chiara, semplice ma con toni insolitamente più pacati senza comunque abbandonare la sua carica. Cioè, come piace alla stragrande maggioranza dei conservatori americani. Infatti, più che il contenuto, è il linguaggio di Trump quel che seduce la destra americana. E’ una scatola vuota, ma piace.

Le sue posizioni radicali, esasperate, espresse senza titubanze, trovano puntualmente nei mass-media una cassa di risonanza di fronte all’insipido atteggiamento degli avversari. I mass-media non possono omettere le proposte di Trump che rimbalzano così da un lato all’altro degli States.

Nella corsa alla Casa Bianca, Donald Trump è l’unico candidato che non ha nulla da perdere. Qualora dovesse fallire nel suo tentativo, tornerà alle sue aziende e alla vita da milionario. Non così il resto dei “competitors”, politici di professione, che con una semplice ed anche innocente scivolata potrebbero vedere rovinata la propria carriera ed essere obbligati a reinventarsi.

Nel dibattito di martedì scorso, circa due ore di confronto trasmesso integralmente in diretta dalla Cnn e dai “canali alleati” nel mondo, la sicurezza nazionale è stato il “leit-motive”. Un argomento delicato sul quale più di un politico navigato ha visto distrutta la propria carriera.

Trump ha ripetuto, come ha fatto insistentemente nelle ultime settimane, le proprie tesi su musulmani ed emigrazione, sull’incapacità di Obama di arginare il terrorismo e sulla necessità di controllare l’Internet, uno strumento di propaganda, accusa Trump, che “i terroristi sanno usare meglio degli americani che l’hanno inventato”.

Gli altri candidati, con sfumature diverse, hanno attaccato le proposte dell’arcimiliardario considerandole semplicemente assurde e irrealizzabili. D’altronde Trump ha parlato di limitare e controllare la rete, una limitazione alla libertà e alla privacy degli americani, un’invasione inaccettabile nell’intimità dei cittadini; di deportazione di massa, anch’essa contraria alla filosofia americana di nazione aperta, confluenza di culture, religioni, razze e mondi diversi; di costruzione di muri in un mondo che li vuole abbattere perchè conducono all’odio e all’intolleranza.

Ma stranamente, e al contrario del resto dei candidati, non ha parlato di conflitti, né di morte. E ha sostenuto che sono stati spesi ben 4 biliardi di dollari in una guerra inutile e senza risultati.
Come era nelle attese, il magnate del mattone è stato al centro degli attacchi del resto dei candidati repubblicani.

In particolare di Jeb Bush che, nel tentativo di risalire la china nei sondaggi, si è spogliato dell’immagine di uomo razionale e pacato e ha punzecchiato con insistenza l’arcimiliardario. Ha accusato Trump di essere un semplice agitatore di masse.

– Io – ha detto categorico rivolgendosi a Trump nel corso del dibattito – sono un “Commander in Chief”. Tu sei solo un “Agitator in Chief”.

E poi ha calcato la mano sostenendo che Trump è un candidato caotico che sarebbe “un presidente caotico”.

Bush non è stato l’unico ad attaccare il frontrunner Donald Trump. Anche altri candidati hanno colto l’occasione per cercare di opacare la stella dell’outsider, da Cruz a Rubio, da Fiorina a Carson.

Il terrorismo è stato il grande protagonista della serata. Ad eccezione di Trump, tutti i candidati, con sfumature diverse, hanno difeso la presenza nordamericana in Siria e Iraq e la necessità di distruggere il Califfato. In difficoltà, su questo argomento, si è trovato il candidato di origine latinoamericana Ted Cruz. Questi, con una semplificazione che ha sorpreso i presenti, ha sostenuto che nella guerra all’Isis l’equazione è assai semplice: “noi vinciamo e loro perdono”.

Ha poi sostenuto la necessità di un bombardamento a tappeto e senza sosta alle postazioni dell’Isis. Quando sorpreso il giornalista Wolf Blitzer gli ha fatto notare che così si ucciderebbe un enorme numero di civili, senza immutarsi Cruz ha insistito nella sua tesi di bombardare le truppe dell’Isis, forse immaginando i reggimenti compatti di un secolo fa e non i terroristi che si nascondono e confondono tra la popolazione civile.

Apparentemente, nel dibattito di martedì, si è meglio districato Marco Rubio, anch’egli di origine latinoamericana, che però non ha le simpatie del Tea Party il cui beniamino è Ted Cruz.

Comunque sia, i sondaggi danno ancora il magnate del mattone in netto vantaggio sui “competitor” Rubio e Cruz, i soli ad inseguirli più da vicino. Dopo la pausa natalizia, in cui la politica solo in teoria dovrebbe deporre le armi, si assisterà allo sprint finale prima delle primarie.

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora