Calcio venezuelano: Stifano punta in alto con il suo Zamora

Pubblicato il 19 dicembre 2015 da redazione

Francesco Stifano Campeón Adecuación 2015

Francesco Stifano Campeón Adecuación 2015

CARACAS – Il primo scudetto dell’era post Sanvicente è un punto di partenza e non di arrivo per lo Zamora. Lo sa bene Francesco Stifano che adesso è chiamato ad un passo successivo. Perchè vincere non è mai facile, confermarsi lo è ancora di meno.

Dal suo arrivo, la ‘furia llanera’, ha disputato 33 gare con un bottino di 18 vittorie, 9 pareggi e 6 sconfitte. Gli attaccanti messi in campo da Stifano hanno sfondato in 60 occasioni la porta avversaria e la difesa ha incassato 36 reti. Tra gli altri meriti di Francesco c’é quello di mantenere inviolato il rettangolo verde dello stadio La Carolina, dove l’imbattibilità dura da 28 gare.

“Abbiamo fatto qualcosa di straordinario – racconta il tecnico di origine campana -. Una marcia trionfale, sono orgoglioso dei miei ragazzi. È la vittoria di tutti, dico grazie alla squadra, allo staff e alla società che ha avuto fiducia in me nonostante non avessi una grande esperienza in Primera División”.

Possesso palla, pressing, velocità, freddezza sotto porta. C’è in realtà una sola parola che racchiude tutto questo, una parola che è anche il titolo di una favola, lo Zamora, attualmente, é una delle più belle che il calcio venezuelano: ‘Una macchina perfetta’.

I protagonisti di questa storia é indubbiamente l’allenatore italo-venezuelano, Francesco Stifano ed il suo gruppo di ragazzi non famosi, ma con tanta fame di vittorie.

“Durante questo Torneo Adecuación ho avuto a disposizione tanti giocatori della primavera e non si é notato in campo la loro gioventù, anzi, quando era necesario hanno fatto la differenza grazie alle loro qualità”.

Tante sono le virtú di questa società che in appena 13 anni di vita si é resa protagonista di pagine importanti negli almanacchi della Primera División: Un vice-campionato in ‘Copa Venezuela’ (2010), 3 ‘Torneos Clausura’ (2011, 2013, 2014), 2 ‘Estrellas’ (2012-2013 e 2013-2014) a cui va aggiunto l’inedito ‘Torneo Adcuación 2015’.

Il tecnico italo-venezuelano elogia il lavoro svolto dalla società: “Questa é un’instituzione che ti dà tutte le armi per poter puntare in alto. Oggigiorno sto lavorando con una delle direttive più vincenti del paese e i frutti si vedono riflessi nei risultati della squadra. Tutte queste vittorie non sono frutto della casualità, la direttiva pensa sempre al bene di tutti quelli che fanno parte del team”.

Molte squadre puntano ad aquistare giocatori giovani per puntare a cose grandi durante la stagione, nel Zamora la storia é diversa qui si punta sui giovani del vivaio che hanno dato i suoi frutti sia livello sportivo che monetario.

“Questa squadra ha una rosa di giovanissimi. Nelle ultime stagioni ha cambiato tantissimo, ma nonostante questo i giovani sono sempre stati lo zoccolo duro della rosa. Da quando sono arrivato, ho schierato fino a sette giocatori che non avevano mai lottato per un ‘título’, ma in questa squadra tutti hanno una specie di chip di campioni e sempre vogliono migliorare”.

Alla base dei parametri della tattica c’è il ‘tocco di Stifano’: Fase di possesso molto elaborata con una fitta trama di passaggi a partire dalla difesa e fino alla trequarti avversaria. Il pressing alto e la difesa che attua la tattica del fuorigioco.

“Una delle chiavi di questa vittoria é l’unione del gruppo: la relazione allenatore-giocatore é importante”.

Lo stadio La Carolina, sembra una sorta di sirena, che incanta a tutti gli allenatori che entrano con adosso i colori bianco e nero. Stifano non é il primo allenatore che si innamora della città llanera e del calore del suo pubblio.

“Sono felice di lavorare a Barinas, la sua gente, le loro amabilità: spero proprio di restare a lungo in questa città. Qui c’é una qualità umana stupenda, poi il senzo di appartenenza per la società ti stimola a lavorare meglio per continuare a regalare gioie a questa meravigliosa tifoseria”.

Adesso, però, bisogna fare un ulteriore passo in avanti per consacrare la realtà bianconera. Per il mese di gennaio dell’anno venturo la società farà un grande sforzo per dotarsi di due campi e degli spogliatoi di prima categoria.

La ‘furia llanera’ sa cosa vuol dire essere seduti sul trono della ‘Primera División’, ma la meta é quella di consacrarsi anche a livello continentale. Stifano sposa questa idea e punta a fare bene anche nelle manifestazioni internazionali.

“Anche se il torneo é finito, non vuol dire che il nostro lavoro sia finito. Stiamo lavorando per la prossima stagione. La nostra priorità é mantenere la rosa attuale e continuare a crescere con questo gruppo di giocatori. Loro hanno già assaporato la vittoria e per questo motivo puntiamo al grande colpo anche a livello internazionale”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

15:13Bullismo, permanenza in casa per due minori

(ANSA) - PERUGIA, 21 GEN - Sono accusati di avere minacciato per mesi i loro compagni di classe, derubandoli di penne e quaderni, colpendoli con calci e pugni, ma anche deridendoli per il loro aspetto due minorenni stranieri ai quali i carabinieri di Gualdo Tadino hanno notificato un provvedimento di permanenza in casa per atti persecutori. Senza possibilità di uscire né di comunicare con alcuno. La misura cautelare è stata notificata inizialmente a un quindicenne e ora a un connazionale di 16 anni, considerato suo complice. Quest'ultimo è stato rintracciato - hanno spiegato gli investigatori - appena tornato in Italia dal suo Paese d'origine nel quale si era recato con la famiglia. Nel fascicolo d'indagine sono finiti i racconti di sei studenti ascoltati dai militari della stazione di Gualdo Tadino e le note disciplinari scritte sul registro dai docenti. Il magistrato ha imposto ai due indagati di frequentare un corso di recupero in cui verranno approfonditi i concetti di legalità e rispetto.

Archivio Ultima ora