Dopo il risultato delle votazioni in Spagna, Renzi blinda l’Italicum

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

ROMA. – “Sia benedetto l’Italicum”. Matteo Renzi guarda alla Spagna e pensa all’Italia. Il “balletto post elettorale” prodotto da Podemos e Ciudadanos a Madrid, Roma l’ha sperimentato nel 2013 per l’exploit dei 5 Stelle, a incalzare Pd e Fi. Ma con l’Italicum non accadrà più: grazie al ballottaggio “ci sarà un vincitore chiaro”, rivendica il premier, ribadendo un pensiero già espresso a caldo, nella serata di domenica, dal ministro Maria Elena Boschi.

Il ragionamento, però, non convince affatto la sinistra. E non solo quella ‘extra Pd’, che nel doppio turno rischia di venire travolta. Ma anche quella interna al Pd, che torna a chiedere di cambiare la legge elettorale. O, avverte Pier Luigi Bersani, si corre un “rischio tsunami”.

Riformare il sistema istituzionale è necessario, sottolinea Sergio Mattarella, perché “il senso di incompiutezza” non produca “ulteriori incertezze e conflitti, oltre ad alimentare la sfiducia”. Perciò il presidente della Repubblica auspica che le riforme – il voto che chiuderà la prima lettura è in programma alla Camera l’11 gennaio – “giungano a compimento” in questa legislatura. E aggiunge che serve un “riordino e recupero della razionalità del processo legislativo”.

Ma intanto, all’indomani del voto che crea incertezza e timori in Spagna, il presidente del Consiglio sottolinea come la nuova legge elettorale “cancelli” in Italia il balletto delle trattative per formare i governi e consegni a chi vince “una maggioranza in grado di governare”. Ma per vincere, osserva Renzi, bisogna lasciarsi alle spalle la “miope politica di rigore” dettata negli ultimi anni dall’Europa.

Lo insegna quanto accaduto in Spagna, Portogallo e Grecia. Perciò il premier annuncia che andrà avanti nella sua “battaglia” anti-austerità in Ue, che lo ha portato la scorsa settimana a incalzare la Germania. “Spero di farla in compagnia più numerosa. Anche perché meno numerosa sarebbe tecnicamente impossibile”, scherza.

Ma proprio il risultato spagnolo porta il centrodestra e la sinistra (non il M5s, che esulta per la vittoria delle “forze antisistema”) a insorgere contro una legge elettorale con premio di maggioranza alla lista che, al ballottaggio, rischia di mandare in scena il confronto Pd-M5s e che in Parlamento ridurrà drasticamente la rappresentanza dei piccoli partiti.

“Di leggi che regalavano la maggioranza di seggi anche a chi non ha vinto ne ricordiamo già un’altra, nel Ventennio…”, protesta dalla Lega Roberto Calderoli. E anche Pippo Civati paragona l’Italicum alla legge Acerbo del 1923, perché – spiega – chi prende poco più del 20% rischia di prendere il 55% dei seggi in Parlamento. Scegliere la via di “un governo senza popolo è una strada pericolosa e senza uscita”, avverte Stefano Fassina.

Dalla minoranza Pd Gianni Cuperlo invita a evitare il “provincialismo” dei paragoni con la nostra legge elettorale e avviare una “riflessione seria” su uno scenario politico che in tutta Europa sancisce la “fine del bipolarismo”, in una nuova “dinamica tripolare”. “Altro che benedetto Italicum. All’altare della governabilità si rischia di ammazzare la rappresentanza”, replica più direttamente al premier Roberto Speranza. E afferma che l’Italicum “è stato un errore e va cambiato”.

La minoranza Dem chiede di introdurre il premio alla coalizione o la possibilità di apparentamento al secondo turno. Ma Bersani si spinge oltre: “Io continuo a essere per il doppio turno di collegio. La governabilità non può essere una camicia di forza” che penalizza le opinioni dei cittadini.

Ma il vicesegretario Lorenzo Guerini chiude ogni spiraglio: “Non è minimamente in discussione la possibilità di modificare l’Italicum”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora