Dopo il risultato delle votazioni in Spagna, Renzi blinda l’Italicum

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

ROMA. – “Sia benedetto l’Italicum”. Matteo Renzi guarda alla Spagna e pensa all’Italia. Il “balletto post elettorale” prodotto da Podemos e Ciudadanos a Madrid, Roma l’ha sperimentato nel 2013 per l’exploit dei 5 Stelle, a incalzare Pd e Fi. Ma con l’Italicum non accadrà più: grazie al ballottaggio “ci sarà un vincitore chiaro”, rivendica il premier, ribadendo un pensiero già espresso a caldo, nella serata di domenica, dal ministro Maria Elena Boschi.

Il ragionamento, però, non convince affatto la sinistra. E non solo quella ‘extra Pd’, che nel doppio turno rischia di venire travolta. Ma anche quella interna al Pd, che torna a chiedere di cambiare la legge elettorale. O, avverte Pier Luigi Bersani, si corre un “rischio tsunami”.

Riformare il sistema istituzionale è necessario, sottolinea Sergio Mattarella, perché “il senso di incompiutezza” non produca “ulteriori incertezze e conflitti, oltre ad alimentare la sfiducia”. Perciò il presidente della Repubblica auspica che le riforme – il voto che chiuderà la prima lettura è in programma alla Camera l’11 gennaio – “giungano a compimento” in questa legislatura. E aggiunge che serve un “riordino e recupero della razionalità del processo legislativo”.

Ma intanto, all’indomani del voto che crea incertezza e timori in Spagna, il presidente del Consiglio sottolinea come la nuova legge elettorale “cancelli” in Italia il balletto delle trattative per formare i governi e consegni a chi vince “una maggioranza in grado di governare”. Ma per vincere, osserva Renzi, bisogna lasciarsi alle spalle la “miope politica di rigore” dettata negli ultimi anni dall’Europa.

Lo insegna quanto accaduto in Spagna, Portogallo e Grecia. Perciò il premier annuncia che andrà avanti nella sua “battaglia” anti-austerità in Ue, che lo ha portato la scorsa settimana a incalzare la Germania. “Spero di farla in compagnia più numerosa. Anche perché meno numerosa sarebbe tecnicamente impossibile”, scherza.

Ma proprio il risultato spagnolo porta il centrodestra e la sinistra (non il M5s, che esulta per la vittoria delle “forze antisistema”) a insorgere contro una legge elettorale con premio di maggioranza alla lista che, al ballottaggio, rischia di mandare in scena il confronto Pd-M5s e che in Parlamento ridurrà drasticamente la rappresentanza dei piccoli partiti.

“Di leggi che regalavano la maggioranza di seggi anche a chi non ha vinto ne ricordiamo già un’altra, nel Ventennio…”, protesta dalla Lega Roberto Calderoli. E anche Pippo Civati paragona l’Italicum alla legge Acerbo del 1923, perché – spiega – chi prende poco più del 20% rischia di prendere il 55% dei seggi in Parlamento. Scegliere la via di “un governo senza popolo è una strada pericolosa e senza uscita”, avverte Stefano Fassina.

Dalla minoranza Pd Gianni Cuperlo invita a evitare il “provincialismo” dei paragoni con la nostra legge elettorale e avviare una “riflessione seria” su uno scenario politico che in tutta Europa sancisce la “fine del bipolarismo”, in una nuova “dinamica tripolare”. “Altro che benedetto Italicum. All’altare della governabilità si rischia di ammazzare la rappresentanza”, replica più direttamente al premier Roberto Speranza. E afferma che l’Italicum “è stato un errore e va cambiato”.

La minoranza Dem chiede di introdurre il premio alla coalizione o la possibilità di apparentamento al secondo turno. Ma Bersani si spinge oltre: “Io continuo a essere per il doppio turno di collegio. La governabilità non può essere una camicia di forza” che penalizza le opinioni dei cittadini.

Ma il vicesegretario Lorenzo Guerini chiude ogni spiraglio: “Non è minimamente in discussione la possibilità di modificare l’Italicum”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

16:38Attacco Londra: la terza vittima è un turista americano

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Era un turista americano, a Londra per una vacanza con la moglie, la terza vittima dell'attacco di ieri sul ponte di Westminster in cui hanno perso la vita, oltre all'attentatore, anche una insegnante di origini spagnole e un poliziotto. Lo riporta il Mirror che cita familiari dell'uomo, Kurt Cochran, che è stato ferito gravemente dal suv ed è poi spirato in ospedale. Coinvolta anche la moglie Melissa, ancora ricoverata con alcune fratture ed una ferita alla testa. "Con dolore rendiamo noto che Kurt è deceduto per le ferite riportate durante l'attacco a Londra", ha postato su Fb la sorella di Melissa, Sara Payne-McFarland.

16:32Trattati Roma: 007, rischio violenze infiltrati in cortei

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - C'è preoccupazione nell'intelligence per la minaccia terroristica dopo l'attacco di Londra. Per quanto riguarda le celebrazioni per i Trattati di Roma di sabato, tuttavia, i pericoli potrebbero arrivare dai violenti infiltrati nei cortei. Lo ha detto, a quanto si apprende, il direttore dell'Aisi, Mario Parente, ascoltato oggi al Copasir per circa tre ore. L'attenzione è puntata sugli antagonisti dei centri sociali più 'duri' - alcune centinaia - che potrebbero strumentalizzare le manifestazioni per fare scontri di piazza. Solo alcune decine sarebbero i manifestanti in arrivo dall'estero, più interessati a eventi come il G20 di Amburgo di luglio ed il G7 di Taormina di fine maggio.

16:22Attacco Londra: King, minaccia estremamente alta in Europa

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - "Non credo sia completamente accidentale che l'attacco a Londra sia avvenuto nel giorno del primo anniversario degli attentati a Bruxelles. La minaccia degli attacchi terroristici è estremamente alta in Europa". Così il commissario Ue alla Sicurezza Julian King all'Eurocamera. "Quello di ieri è stato un attacco alla nostra democrazia e credo questo sia un sentimento condiviso in Europa - afferma -. Il loro obiettivo sono il nostro modo di vivere e i nostri valori, ma non li lasceremo vincere. Anche se non ci sarà mai sicurezza al 100% e zero rischio", verrà fatto di tutto per rafforzare la sicurezza.

16:20Attacco Londra: regina, ‘una terribile violenza’

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La regina Elisabetta offre i suoi ''pensieri, preghiere e la più profonda solidarietà'' a quanti coinvolti dalla ''terribile violenza'' dell'attacco di Londra. E' il messaggio della sovrana diffuso da Buckingham Palace.

16:17Premi: l’ ‘Ischia’ sezione sport a Paolo Condò

(ANSA) - ROMA, 23 MAR -Il Premio Ischia 2017 sezione Sport è stato assegnato a Paolo Condo', di Sky Sport, giornalista triestino gia' inviato della Gazzetta dello Sport. Lo ha deciso la giuria composta dai direttori dei principali quotidiani e agenzie italiane e dai rappresentanti della stampa estera in Italia, riunitasi a Roma. La consegna dei premi è in programma il 30 giugno e il primo luglio ad Ischia e sarà preceduta da una serie di dibattiti, che vedranno come protagonisti giornalisti, politici, esperti in economia e politica estera. Il Premio Ischia è patrocinato tra gli altri dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Campania

16:16Londra: romana ferita ha perso i sensi, ora sta meglio

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La donna italiana rimasta ferita ieri durante l'attacco a Westminster è stata colpita dal paraurti dell'auto dell'attentatore ed ha perso conoscenza per una decina di minuti. Lo ha raccontato lei stessa all'ambasciatore Pasquale Terracciano che - secondo quanto appreso dall'ANSA - l'ha visitata in ospedale, dove stanotte la donna è stata operata per ridurre una frattura scomposta alla gamba. La donna, una turista romana, ha riportato anche una lesione a due vertebre cervicali e un trauma alla testa, senza conseguenze gravi.

16:15Trump: Obama difende Obamacare, ‘sanità diritto per tutti’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Con l'Obamacare si e' stabilito che ''la sanità non e' un privilegio per pochi, ma un diritto per tutti''. ''L'America e' piu' forte grazie all'Affordable Care Act''. Lo afferma l'ex presidente Barack Obama difendendo la riforma sanitaria che porta il suo nome, in occasione del settimo anniversario dell'Obamacare. Una difesa che arriva nel giorno in cui i repubblicani si apprestano a votare alla Camera una misura per abolirla e sostituirla: ogni cambio ''deve rendere il sistema sanitario migliore, non peggio. Questa e' la priorità''. ''Ho sempre detto che questa legge e' una base'' che puo' essere migliorata, mette in evidenza Obama. ''Se i repubblicani sono seri nel voler ridurre i costi e ampliare la copertura sanitaria e se sono pronti a lavorare con i democratici, allora le loro misure sono le benvenute. Ma dobbiamo partire dall'idea che ogni cambio deve rendere il sistema sanitario migliore non peggiore per gli americani. Questa e' la priorità''.

Archivio Ultima ora