Dopo il risultato delle votazioni in Spagna, Renzi blinda l’Italicum

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

ROMA. – “Sia benedetto l’Italicum”. Matteo Renzi guarda alla Spagna e pensa all’Italia. Il “balletto post elettorale” prodotto da Podemos e Ciudadanos a Madrid, Roma l’ha sperimentato nel 2013 per l’exploit dei 5 Stelle, a incalzare Pd e Fi. Ma con l’Italicum non accadrà più: grazie al ballottaggio “ci sarà un vincitore chiaro”, rivendica il premier, ribadendo un pensiero già espresso a caldo, nella serata di domenica, dal ministro Maria Elena Boschi.

Il ragionamento, però, non convince affatto la sinistra. E non solo quella ‘extra Pd’, che nel doppio turno rischia di venire travolta. Ma anche quella interna al Pd, che torna a chiedere di cambiare la legge elettorale. O, avverte Pier Luigi Bersani, si corre un “rischio tsunami”.

Riformare il sistema istituzionale è necessario, sottolinea Sergio Mattarella, perché “il senso di incompiutezza” non produca “ulteriori incertezze e conflitti, oltre ad alimentare la sfiducia”. Perciò il presidente della Repubblica auspica che le riforme – il voto che chiuderà la prima lettura è in programma alla Camera l’11 gennaio – “giungano a compimento” in questa legislatura. E aggiunge che serve un “riordino e recupero della razionalità del processo legislativo”.

Ma intanto, all’indomani del voto che crea incertezza e timori in Spagna, il presidente del Consiglio sottolinea come la nuova legge elettorale “cancelli” in Italia il balletto delle trattative per formare i governi e consegni a chi vince “una maggioranza in grado di governare”. Ma per vincere, osserva Renzi, bisogna lasciarsi alle spalle la “miope politica di rigore” dettata negli ultimi anni dall’Europa.

Lo insegna quanto accaduto in Spagna, Portogallo e Grecia. Perciò il premier annuncia che andrà avanti nella sua “battaglia” anti-austerità in Ue, che lo ha portato la scorsa settimana a incalzare la Germania. “Spero di farla in compagnia più numerosa. Anche perché meno numerosa sarebbe tecnicamente impossibile”, scherza.

Ma proprio il risultato spagnolo porta il centrodestra e la sinistra (non il M5s, che esulta per la vittoria delle “forze antisistema”) a insorgere contro una legge elettorale con premio di maggioranza alla lista che, al ballottaggio, rischia di mandare in scena il confronto Pd-M5s e che in Parlamento ridurrà drasticamente la rappresentanza dei piccoli partiti.

“Di leggi che regalavano la maggioranza di seggi anche a chi non ha vinto ne ricordiamo già un’altra, nel Ventennio…”, protesta dalla Lega Roberto Calderoli. E anche Pippo Civati paragona l’Italicum alla legge Acerbo del 1923, perché – spiega – chi prende poco più del 20% rischia di prendere il 55% dei seggi in Parlamento. Scegliere la via di “un governo senza popolo è una strada pericolosa e senza uscita”, avverte Stefano Fassina.

Dalla minoranza Pd Gianni Cuperlo invita a evitare il “provincialismo” dei paragoni con la nostra legge elettorale e avviare una “riflessione seria” su uno scenario politico che in tutta Europa sancisce la “fine del bipolarismo”, in una nuova “dinamica tripolare”. “Altro che benedetto Italicum. All’altare della governabilità si rischia di ammazzare la rappresentanza”, replica più direttamente al premier Roberto Speranza. E afferma che l’Italicum “è stato un errore e va cambiato”.

La minoranza Dem chiede di introdurre il premio alla coalizione o la possibilità di apparentamento al secondo turno. Ma Bersani si spinge oltre: “Io continuo a essere per il doppio turno di collegio. La governabilità non può essere una camicia di forza” che penalizza le opinioni dei cittadini.

Ma il vicesegretario Lorenzo Guerini chiude ogni spiraglio: “Non è minimamente in discussione la possibilità di modificare l’Italicum”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:08Difesa: Pili, esplosivo a bordo di tre tir su statale 130

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - "Centomila chili di esplosivo a bordo di tre tir sulla strada statale 130, dal porto Canale di Cagliari allo stabilimento Rwm di Domusnovas, senza il rispetto di alcuna misura di sicurezza". E' la denuncia del deputato di Unidos, Mauro Pili, che ha scritto della "la movimentazione esplosiva" sulla sua pagina Facebook. E ha già annunciato un'interrogazione urgente al ministro dell'Interno per chiedere se è al corrente di "condizioni di sicurezza totalmente inesistenti per questo tipo di carico". L'esplosivo, ha spiegato l'ex presidente della Regione sarda, è stato scaricato in mattinata da una nave porta container. Pili ha parlato anche di "un tentativo di impedire la documentazione di ciò che stava accadendo": "Avermi identificato attraverso le forze dell'ordine (carabinieri e guardia di finanza) costituisce un fatto grave per la libertà parlamentare e di informazione. Non vi era alcuna area vietata mentre reiteratamente si è cercato, anche con metodi bruschi, di impedire la documentazione dei fatti". Infine: "E la prima volta che viene documentato un carico a ritroso di esplosivo verso la Rwm. Il quantitativo, oltre 100 chili di esplosivo, costituisce la più evidente dimostrazione di quanto questa fabbrica stia foraggiando il sistema mediorientale con particolare riferimento all'Arabia Saudita che sta incrementando come non mai i propri arsenali".(ANSA).

20:38Calcio: Juve, Bernardeschi ‘Buffon un esempio’

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - "Buffon è un esempio non solo per me, ma per tutti. Lo ringrazio per le belle parole". Si ispira al capitano della Juventus, la sua nuova squadra, Federico Bernardeschi. Il calciatore, nato a Carrara come il portiere, non vede l'ora di stringere la mano al numero uno che ne aveva caldeggiato l'acquisto. "Lui ha vinto il Mondiale, adesso sarà il mio capitano alla Juve e in Nazionale...". Grande l'accoglienza che i tifosi bianconeri hanno riservato all'ex viola. "Sono molto emozionato, voglio ringraziare tutti quanti perché appena sono arrivato c'era tanta gente ad accogliermi - sottolinea Bernardeschi ai microfoni di Jtv -. Mi hanno fatto sentire il loro calore e li ringrazio. Voglio mettermi a disposizione del Mister e della squadra. Forza Juventus".

20:34Migranti: ‘Welcome Taranto’,polveri minerali Ilva su hotspot

(ANSA) - TARANTO, 24 LUG - La rete di associazioni di 'Campagna Welcome Taranto' denuncia situazioni di rischio nell'area in cui è stato realizzato il centro hotspot per l'dentificazione e lo smistamento dei migranti a causa della diffusione delle polveri minerali provenienti dall'Ilva. "L'hotspot di Taranto - viene osservato - è uno di quelli, secondo la Guida per Rifugiati e Migranti redatta da Welcome to Europe, in cui si registrano ripetute violazioni dei diritti fondamentali. Oltre a questi, più volte documentati e denunciati dagli organi di stampa locali e nazionali, in questo hotspot incombe una seria aggravante: soccombere sotto i minerali che vengono movimentati dal porto alla zona industriale". In una nota si sottolinea che "il colore delle tensostrutture dell'hotspot originalmente era bianco, ad oggi questi tendoni hanno assunto il colore nero carbone e rosso scuro come il minerale di ferro". Alla denuncia viene allegata una foto scattata dalle ecosentinelle di Peacelink.

20:32Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:29Ericsson: licenziato anche lavoratore ricevuto da Papa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - "Il lavoro è dignità perché la dignità non deriva dall'assegno di disoccupazione. L'essere umano è spronato a vivere con il lavoro che è vita, aggregazione, condivisione, società e valori. E a me, papà separato, tutto questo manca da un giorno". Stefano Ponte è uno dei lavoratori licenziati da Ericsson (315 in Italia, 61 a Genova). Padre di 2 bambini di 8 e 5 anni, separato, ha 48 anni e sabato 27 maggio era sul palco con papa Francesco durante la Messa che si è svolta a Piazzale Kennedy, durante la visita del pontefice a Genova. Insieme ad un'altra lavoratrice, aveva portato pane e vino, al papa durante il rito dell'offertorio. "Ericcson mi ha dato molto ed io ho dato la mia vita e tutte le mie energie all'azienda. Amo l'azienda per cui ho lavorato, amo il mio lavoro ma vorrei evidenziare che, come ha detto proprio il Santo Padre ai lavoratori all'ILVA, non c'è domenica felice se al lunedì non hai il lavoro".

20:18Atletica: Russia ai Mondiali con 19 atleti ‘neutrali’

(ANSA) - MOSCA, 24 LUG - La Russia sarà presente ai Mondiali di atletica di Londra 2017 (4-13 agosto) con 19 atleti, autorizzati dalla Iaaf a competere come 'neutrali'. Fra loro, rientrati nei parametri fissati dalla Iaaf dopo lo stop alla nazionale russa per vicende di doping, ci sono campioni del mondo in carica come Maria Lasitskene (alto) e Sergei Shubenkov (110 hs). La direttrice generale della federazione russa, Elena Orlova, ha fatto il punto della situazione rivelando che fra coloro che hanno chiesto l'iscrizione c'è anche la mezzofondista Yulia Stepanova, dalle cui rivelazione aveva preso il via l'inchiesta sul 'doping di Stato', ma di non essere in grado di confermare se sarà in pista. I 19 russi in gara non potranno indossare gli indumenti della loro nazionale e se dovessero vincere durante la premiazione non verrà eseguito l'inno della Russia. In tutto 38 atleti hanno ricevuto il via libera dalla Iaaf, ma solo la metà ha ottenuto il minimo per Londra 2017.Sono state invece 106 le richieste dalla Russia respinte dalla Iaaf.

20:07Donna uccisa in Sardegna: fidanzato resta in carcere

(ANSA) - BIELLA, 24 LUG - Resta in carcere Dimitri Fricano, il trentenne che ha confessato di avere ucciso, lo scorso 11 giugno durante una vacanza in Sardegna, la fidanzata Erika Petri, 28 anni. Il gip Paola Rava, del tribunale di Biella, ha convalidato l'arresto dell'uomo, negando i domiciliari che avevano chiesto i suoi legali, gli avvocati Alessandra Guarini e Roberto Onida. Gli atti sono stati trasmessi alla procura di Nuoro, titolare dell'inchiesta. I difensori, intanto, non hanno ancora deciso quale linea adottare per la difesa, in attesa che i Ris diano l'esito delle ultime rilevazioni eseguite nella villetta di Lu Fraili, dove la giovane donna è stata accoltellata. I racconti del fidanzato sulla dinamica dei fatti sarebbero infatti ancora "confusi". (ANSA).

Archivio Ultima ora