Dopo il risultato delle votazioni in Spagna, Renzi blinda l’Italicum

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

Elezioni Spagna: Pablo Iglesias

ROMA. – “Sia benedetto l’Italicum”. Matteo Renzi guarda alla Spagna e pensa all’Italia. Il “balletto post elettorale” prodotto da Podemos e Ciudadanos a Madrid, Roma l’ha sperimentato nel 2013 per l’exploit dei 5 Stelle, a incalzare Pd e Fi. Ma con l’Italicum non accadrà più: grazie al ballottaggio “ci sarà un vincitore chiaro”, rivendica il premier, ribadendo un pensiero già espresso a caldo, nella serata di domenica, dal ministro Maria Elena Boschi.

Il ragionamento, però, non convince affatto la sinistra. E non solo quella ‘extra Pd’, che nel doppio turno rischia di venire travolta. Ma anche quella interna al Pd, che torna a chiedere di cambiare la legge elettorale. O, avverte Pier Luigi Bersani, si corre un “rischio tsunami”.

Riformare il sistema istituzionale è necessario, sottolinea Sergio Mattarella, perché “il senso di incompiutezza” non produca “ulteriori incertezze e conflitti, oltre ad alimentare la sfiducia”. Perciò il presidente della Repubblica auspica che le riforme – il voto che chiuderà la prima lettura è in programma alla Camera l’11 gennaio – “giungano a compimento” in questa legislatura. E aggiunge che serve un “riordino e recupero della razionalità del processo legislativo”.

Ma intanto, all’indomani del voto che crea incertezza e timori in Spagna, il presidente del Consiglio sottolinea come la nuova legge elettorale “cancelli” in Italia il balletto delle trattative per formare i governi e consegni a chi vince “una maggioranza in grado di governare”. Ma per vincere, osserva Renzi, bisogna lasciarsi alle spalle la “miope politica di rigore” dettata negli ultimi anni dall’Europa.

Lo insegna quanto accaduto in Spagna, Portogallo e Grecia. Perciò il premier annuncia che andrà avanti nella sua “battaglia” anti-austerità in Ue, che lo ha portato la scorsa settimana a incalzare la Germania. “Spero di farla in compagnia più numerosa. Anche perché meno numerosa sarebbe tecnicamente impossibile”, scherza.

Ma proprio il risultato spagnolo porta il centrodestra e la sinistra (non il M5s, che esulta per la vittoria delle “forze antisistema”) a insorgere contro una legge elettorale con premio di maggioranza alla lista che, al ballottaggio, rischia di mandare in scena il confronto Pd-M5s e che in Parlamento ridurrà drasticamente la rappresentanza dei piccoli partiti.

“Di leggi che regalavano la maggioranza di seggi anche a chi non ha vinto ne ricordiamo già un’altra, nel Ventennio…”, protesta dalla Lega Roberto Calderoli. E anche Pippo Civati paragona l’Italicum alla legge Acerbo del 1923, perché – spiega – chi prende poco più del 20% rischia di prendere il 55% dei seggi in Parlamento. Scegliere la via di “un governo senza popolo è una strada pericolosa e senza uscita”, avverte Stefano Fassina.

Dalla minoranza Pd Gianni Cuperlo invita a evitare il “provincialismo” dei paragoni con la nostra legge elettorale e avviare una “riflessione seria” su uno scenario politico che in tutta Europa sancisce la “fine del bipolarismo”, in una nuova “dinamica tripolare”. “Altro che benedetto Italicum. All’altare della governabilità si rischia di ammazzare la rappresentanza”, replica più direttamente al premier Roberto Speranza. E afferma che l’Italicum “è stato un errore e va cambiato”.

La minoranza Dem chiede di introdurre il premio alla coalizione o la possibilità di apparentamento al secondo turno. Ma Bersani si spinge oltre: “Io continuo a essere per il doppio turno di collegio. La governabilità non può essere una camicia di forza” che penalizza le opinioni dei cittadini.

Ma il vicesegretario Lorenzo Guerini chiude ogni spiraglio: “Non è minimamente in discussione la possibilità di modificare l’Italicum”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

Archivio Ultima ora