Italia in prima fila contro il terrorismo

Pubblicato il 22 dicembre 2015 da redazione

terrorismo

BAGHDAD. – L’Italia intende continuare a giocare “un ruolo fondamentale nella coalizione contro Daesh: Qui siamo impegnati al massimo e lo saremo sempre di più”. E’ la promessa che Pietro Grasso lascia ai vertici dello Stato iracheno incontrati durante la sua visita a Baghdad per gli auguri di Natale per i circa 700 militari italiani impegnati in questo Paese .

Quello italiano è il secondo contingente straniero impegnato nell’area per consistenza, ed è impegnato soprattutto per la formazione delle forze di polizia locali e per la tutela dei beni culturali. Un lavoro fondamentale per il futuro dell’Iraq, ancora martoriato dalla violenza e minacciato dall’Isis, che ha per capofila i Carabinieri.

Grasso definisce l’Arma come “una eccellenza italiana, il meglio che l’Italia può dare per formare forze di polizia irachene che garantiscano ordine pubblico con umanità e rispetto delle persone”.

L’Iraq vive una delle fasi più delicate della sua storia dopo la fine della guerra. E si gioca tutto sulla credibilità internazionale. E’ per questo che la visita di Grasso a Baghdad viene letta positivamente dal presidente del Parlamento iracheno Salim al Jabouri, che la definisce “un segnale importante soprattutto per i nostri vicini che così capiscono come il nostro Paese può contare su degli amici”, con una chiara allusione a Daesh.

Il Paese ha bisogno di una ricostruzione non solo fisica: un processo che avanza con difficoltà sia per la violenza che impera nel territorio sia per la minaccia rappresentata dai fondamentalisti dell’Isis. Per questo bisogna costruire una convivenza pacifica che tuteli le minoranze, soprattutto quella cristiana, che si vede fortemente minacciata dalla preponderanza islamica nelle Istituzioni.

I cristiani, infatti, si sentono fortemente presi di mira dai politici al governo, tutti musulmani. “Grave preoccupazione” esprime il patriarca di Baghdad, monsignor Louis Sako, che a Grasso denuncia tanti gesti di intolleranza nei confronti dei fedeli, in particolare una legge in base alla quale i figli di chi si converte all’islam verranno automaticamente considerati musulmani. La legge è stata rinviata al Parlamento dal presidente della Repubblica Fouad Masum, il quale anche oggi ha assicurato a Grasso, che ha avanzato le sue perplessità, che il provvedimento non andrà avanti.

Grasso ha sollevato il tema anche nell’incontro con il presidente del parlamento iracheno, il quale non solo ha confermato che la legge sarà rivista, ma che essa desta perplessità tra vari componenti del parlamento. Ma il patriarca di Baghdad ha comunque paura: “Non sono ottimista. Se si va avanti così non resteranno più cristiani qui. È questo la comunità internazionale non può accettarlo”.

Da Baghdad, Grasso si trasferisce a Erbil, la capitale regione autonoma del Kurdistan dove la situazione è decisamente più pacifica che nella capitale e si guarda a uno sviluppo economico in cui l’Italia vuol giocare una parte importante: in questo quadro si inserisce l’inaugurazione del consolato italiano che, sostiene la seconda carica dello Stato, testimonia la voglia “di far crescere qui la presenza italiana”.

(dell’inviato Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora