Italia in prima fila contro il terrorismo

Pubblicato il 22 dicembre 2015 da redazione

terrorismo

BAGHDAD. – L’Italia intende continuare a giocare “un ruolo fondamentale nella coalizione contro Daesh: Qui siamo impegnati al massimo e lo saremo sempre di più”. E’ la promessa che Pietro Grasso lascia ai vertici dello Stato iracheno incontrati durante la sua visita a Baghdad per gli auguri di Natale per i circa 700 militari italiani impegnati in questo Paese .

Quello italiano è il secondo contingente straniero impegnato nell’area per consistenza, ed è impegnato soprattutto per la formazione delle forze di polizia locali e per la tutela dei beni culturali. Un lavoro fondamentale per il futuro dell’Iraq, ancora martoriato dalla violenza e minacciato dall’Isis, che ha per capofila i Carabinieri.

Grasso definisce l’Arma come “una eccellenza italiana, il meglio che l’Italia può dare per formare forze di polizia irachene che garantiscano ordine pubblico con umanità e rispetto delle persone”.

L’Iraq vive una delle fasi più delicate della sua storia dopo la fine della guerra. E si gioca tutto sulla credibilità internazionale. E’ per questo che la visita di Grasso a Baghdad viene letta positivamente dal presidente del Parlamento iracheno Salim al Jabouri, che la definisce “un segnale importante soprattutto per i nostri vicini che così capiscono come il nostro Paese può contare su degli amici”, con una chiara allusione a Daesh.

Il Paese ha bisogno di una ricostruzione non solo fisica: un processo che avanza con difficoltà sia per la violenza che impera nel territorio sia per la minaccia rappresentata dai fondamentalisti dell’Isis. Per questo bisogna costruire una convivenza pacifica che tuteli le minoranze, soprattutto quella cristiana, che si vede fortemente minacciata dalla preponderanza islamica nelle Istituzioni.

I cristiani, infatti, si sentono fortemente presi di mira dai politici al governo, tutti musulmani. “Grave preoccupazione” esprime il patriarca di Baghdad, monsignor Louis Sako, che a Grasso denuncia tanti gesti di intolleranza nei confronti dei fedeli, in particolare una legge in base alla quale i figli di chi si converte all’islam verranno automaticamente considerati musulmani. La legge è stata rinviata al Parlamento dal presidente della Repubblica Fouad Masum, il quale anche oggi ha assicurato a Grasso, che ha avanzato le sue perplessità, che il provvedimento non andrà avanti.

Grasso ha sollevato il tema anche nell’incontro con il presidente del parlamento iracheno, il quale non solo ha confermato che la legge sarà rivista, ma che essa desta perplessità tra vari componenti del parlamento. Ma il patriarca di Baghdad ha comunque paura: “Non sono ottimista. Se si va avanti così non resteranno più cristiani qui. È questo la comunità internazionale non può accettarlo”.

Da Baghdad, Grasso si trasferisce a Erbil, la capitale regione autonoma del Kurdistan dove la situazione è decisamente più pacifica che nella capitale e si guarda a uno sviluppo economico in cui l’Italia vuol giocare una parte importante: in questo quadro si inserisce l’inaugurazione del consolato italiano che, sostiene la seconda carica dello Stato, testimonia la voglia “di far crescere qui la presenza italiana”.

(dell’inviato Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

19:55Calcio: Andrea Bocelli ospite nella sede dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Un ospite speciale per l'Inter oggi negli uffici della sede del club nerazzurro: Andrea Bocelli ha incontrato il vicepresidente Javier Zanetti e l'ad Alessandro Antonello. Il grande tenore italiano, noto tifoso dell'Inter, ha visitato la sala delle Coppe del club, indossando la maglia personalizzata numero 5, regalata per l'occasione dai dirigenti nerazzurri. Bocelli a sfiorato i trofei conquistati in passato dall'Inter, sollevando anche la Coppa della Champions League e la Coppa Intercontinentale.

19:54Pallavolo: Mazzanti, il nostro motto è stupire e stupirci

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Al via domani in Azerbaigian e Georgia gli Europei di pallavolo femminile: l'Italia debutterà a Tbilisi contro le padrone di casa georgiane e avrà sette esordienti in una rassegna continentale: Alessia Orro, Carlotta Cambi, Sara Bonifacio, Anna Danesi, Sara Loda, Paola Egonu e Beatrice Parrocchiale. "Ho buone sensazioni - ha detto il ct Davide Mazzanti, a sua volta al primo Europeo - Negli ultimi giorni ho visto delle cose belle da parte della squadra. Durante la preparazione abbiamo fatto passi avanti dal punto di vista del gioco e ora bisognerà continuare a crescere. Il calendario del torneo ci permetterà di aumentare progressivamente la qualità del gioco e vedere dove possiamo arrivare. Mi sta piacendo molto il percorso che le ragazze stanno facendo: la squadra ha compiuto un ulteriore step e ne siamo consapevoli. Il nostro motto è sempre lo stesso: stupire e stupirci". In dubbio per domani è la schiacciatrice Lucia Bosetti, che in allenamento ha riportato una leggera distorsione a una caviglia.

19:51Boldrini, senza legge elettorale paese meno credibile

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 SET - "Rosatellum? Non entro nel merito della legge elettorale, sarebbe improprio. Ma senza legge elettorale il Paese rischia un contraccolpo, perderebbe credibilità. Bisogna fare tutti uno sforzo, faccio un appello a tutte le forze politiche perchè riescano ad avere una prova di responsabilità e trovare un accordo". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, partecipando alla Festa nazionale di Sinistra Italiana.

19:51Salvini, pronti a votare Rosatellum settimana prossima

(ANSA) - FONTANELLA (BERGAMO), 21 SET - Il Rosatellum Bis? "Ne abbiamo sentite tante - risponde il leader della Lega Nord, Matteo Salvini -, ma se la settimana prossima porta in discussione questa legge elettorale i voti della Lega ci sono già la settimana prossima". Salvini lo ha detto a margine di un presidio della Lega a Fontanella, nel Bergamasco, dove ieri un richiedente asilo ha violentato un'operatrice.

19:50Noemi: trovata punta coltello in nuca vittima

(ANSA) - SPECCHIA (LECCE), 21 SET - La punta di un coltello è stata trovata incastrata nella nuca di Noemi Durini durante l'autopsia compiuta due giorni fa a Lecce. Per questo motivo la Procura per i minorenni ha disposto una nuova perquisizione nella casa del fidanzato 17enne della ragazza, ora detenuto in Sardegna con l'accusa di omicidio premeditato. Nell'appartamento si cerca la parte mancante del coltello utilizzato per commettere il delitto. Il fidanzato di Noemi, Lucio, durante l'interrogatorio in cui aveva confessato il delitto, aveva detto che la lama del coltello utilizzato per uccidere la ragazza si era spezzata dopo aver sferrato il fendente alla nuca della sedicenne. Aveva quindi spiegato di aver avvolto il manico dell'arma nella sua maglietta e di averlo nascosto in una zona di campagna che non ha saputo indicare. Il giovane aveva spiegato che il coltello era stato portato proprio da Noemi all'alba del 3 settembre, giorno della scomparsa e del delitto, per mettere in atto l'uccisione dei genitori del ragazzo.

19:43Donna muore intossicata in principio d’incendio cucina

(ANSA) - BELLUNO, 21 SET - Una donna quarantenne è morta intossicata dal fumo di un principio d'incendio che, probabilmente, ha innescato lei stessa cercando di accendere con del liquido infiammabile la cucina a legna della casa. La disgrazia è avvenuta a Cesiomaggiore (Belluno). E' stato il figlio quindicenne della donna, tornando da scuola, ad accorgersi del fumo che usciva dall'edificio, dando l'allarme al 115. Quando i pompieri di Belluno sono giunti sul posto per la donna non c'era più nulla da fare. Le fiamme avevano attaccato solo le suppellettili della cucina, senza allargarsi al resto dell'abitazione, ma questo è bastato a produrre una grande quantità di fumo, che non ha dato scampo alla quarantenne. Le cause esatte del principio d'incendio sono ancora al vaglio dei tecnici del vigili del fuoco.

19:38Pedofilia: andrà in carcere giovane liberato nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 SET - Andrà in carcere il giovane pakistano di 21 anni accusato di violenza sessuale nei confronti di un minorenne disabile residente in un comune della bassa reggiana. Lo ha deciso il Riesame accogliendo il ricorso del sostituto procuratore di Reggio Emilia Maria Rita Pantani contro la decisione del Gip Giovanni Ghini, che il 18 agosto scorso aveva concesso all'indagato, reo confesso, l'obbligo di firma e il divieto di avvicinamento alla vittima dell'abuso. Il 21enne era stato arrestato nei giorni precedenti ed era finito ai domiciliari. Il suo ritorno in libertà aveva poi sollevato vaste proteste e quella decisione del Gip è ora al vaglio del Csm e del ministero della Giustizia. Da alcuni giorni il 21enne, che ha sempre sostenuto come il ragazzo con cui aveva avuto il rapporto fosse consenziente, risiedeva a Reggio. Il suo avvocato, Domenico Noris Bucchi, fa sapere che non ricorrerà in Cassazione contro il provvedimento di custodia cautelare in carcere, per volere del suo stesso assistito. (ANSA).

Archivio Ultima ora