Italia in prima fila contro il terrorismo

Pubblicato il 22 dicembre 2015 da redazione

terrorismo

BAGHDAD. – L’Italia intende continuare a giocare “un ruolo fondamentale nella coalizione contro Daesh: Qui siamo impegnati al massimo e lo saremo sempre di più”. E’ la promessa che Pietro Grasso lascia ai vertici dello Stato iracheno incontrati durante la sua visita a Baghdad per gli auguri di Natale per i circa 700 militari italiani impegnati in questo Paese .

Quello italiano è il secondo contingente straniero impegnato nell’area per consistenza, ed è impegnato soprattutto per la formazione delle forze di polizia locali e per la tutela dei beni culturali. Un lavoro fondamentale per il futuro dell’Iraq, ancora martoriato dalla violenza e minacciato dall’Isis, che ha per capofila i Carabinieri.

Grasso definisce l’Arma come “una eccellenza italiana, il meglio che l’Italia può dare per formare forze di polizia irachene che garantiscano ordine pubblico con umanità e rispetto delle persone”.

L’Iraq vive una delle fasi più delicate della sua storia dopo la fine della guerra. E si gioca tutto sulla credibilità internazionale. E’ per questo che la visita di Grasso a Baghdad viene letta positivamente dal presidente del Parlamento iracheno Salim al Jabouri, che la definisce “un segnale importante soprattutto per i nostri vicini che così capiscono come il nostro Paese può contare su degli amici”, con una chiara allusione a Daesh.

Il Paese ha bisogno di una ricostruzione non solo fisica: un processo che avanza con difficoltà sia per la violenza che impera nel territorio sia per la minaccia rappresentata dai fondamentalisti dell’Isis. Per questo bisogna costruire una convivenza pacifica che tuteli le minoranze, soprattutto quella cristiana, che si vede fortemente minacciata dalla preponderanza islamica nelle Istituzioni.

I cristiani, infatti, si sentono fortemente presi di mira dai politici al governo, tutti musulmani. “Grave preoccupazione” esprime il patriarca di Baghdad, monsignor Louis Sako, che a Grasso denuncia tanti gesti di intolleranza nei confronti dei fedeli, in particolare una legge in base alla quale i figli di chi si converte all’islam verranno automaticamente considerati musulmani. La legge è stata rinviata al Parlamento dal presidente della Repubblica Fouad Masum, il quale anche oggi ha assicurato a Grasso, che ha avanzato le sue perplessità, che il provvedimento non andrà avanti.

Grasso ha sollevato il tema anche nell’incontro con il presidente del parlamento iracheno, il quale non solo ha confermato che la legge sarà rivista, ma che essa desta perplessità tra vari componenti del parlamento. Ma il patriarca di Baghdad ha comunque paura: “Non sono ottimista. Se si va avanti così non resteranno più cristiani qui. È questo la comunità internazionale non può accettarlo”.

Da Baghdad, Grasso si trasferisce a Erbil, la capitale regione autonoma del Kurdistan dove la situazione è decisamente più pacifica che nella capitale e si guarda a uno sviluppo economico in cui l’Italia vuol giocare una parte importante: in questo quadro si inserisce l’inaugurazione del consolato italiano che, sostiene la seconda carica dello Stato, testimonia la voglia “di far crescere qui la presenza italiana”.

(dell’inviato Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

18:46Spara e uccide padre, domani udienza per figlio 16enne

(ANSA) - PADOVA, 27 MAR - E' in programma domani l'udienza di convalida del fermo per omicidio volontario del 16enne che venerdì scorso nella sua abitazione di Selvazzano (Padova) ha fatto fuoco con un fucile contro il padre, Enrico Boggian, 52 anni, uccidendolo. Il giovane inizialmente aveva raccontato di essere tornato a casa e di averlo trovato privo di vita, ma dopo 16 ore di interrogatorio era crollato ammettendo di aver fatto fuoco contro il padre. Ai carabinieri ha raccontato però di essere andato a prendere il fucile custodito poco lontano, a casa dei nonni, "per fare uno scherzo", ovvero per spaventare il padre che stava riposando sulla poltrona della taverna. Il nonno del ragazzo è stato denunciato per omessa custodia dell'arma.

18:45Falso cieco condannato a 5 anni, guidava anche il trattore

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - Cieco per l'Inps, ma vedente per ospedali e ambulatori Asl dove andava per i controlli medici, così per un decennio ha continuato a percepire due assegni, uno per la cecità, l'altro come invalido civile anche per il diabete e l'obesità. Il tribunale di Firenze ha condannato un 70enne a 5 anni per reati di falso e truffa. Nelle indagini della tenenza della Gdf di Borgo San Lorenzo coordinate dal pm Paolo Barlucchi venne pure filmato mentre guidava con perizia un trattore a Vicchio, reato poi depenalizzato, e coglieva ciliegie. Il condannato 'giocava' su una reale 'retinopatia proliferante, poi curata con successo in modo risolutivo già dal 2001. Tuttavia alle commissioni mediche dell'Inps sosteneva di non essere in grado di vedere e veniva classificato come cieco. Condannato a sei mesi per falsa attestazione un parente, che talvolta lo accompagnava.

18:35Uccide figli e si suicida, forse motivi economici

(ANSA) - TRENTO, 27 MAR - Ci sarebbero difficoltà economiche alla base del gesto di Gabriele Sorrentino, l'uomo di 45 anni che a Trento ha ucciso due dei suoi tre figli - la terza era in gita scolastica - e poi si è tolto la vita lanciandosi da una roccia. L'uomo, hanno spiegato gli inquirenti, svolgeva delle attività finanziarie, lavorava in casa ed era normalmente in casa con i figli quando la moglie non c'era. I rapporti con la moglie erano ottimi. La donna avrebbe riferito che questa mattina la coppia avrebbe dovuto firmare il rogito per l'acquisto di un appartamento. Lei ad un certo punto sarebbe uscita ed avrebbe lasciato il marito a casa con i due figli; quando è rientrata, ha scoperto che i due bimbi erano stati uccisi. L'auto di Sorrentino è stata ritrovata dalle forze dell'ordine nel parcheggio di un albergo a Sardagna, una località sulla collina che sovrasta Trento; all'interno della vettura, un costoso suv, sul sedile posteriore erano fissati i seggiolini per i piccoli.

18:22Juve: Allegri twitta, complimenti a Sarri

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - ''Sinceri complimenti all'amico Maurizio per la Panchina d'oro, risultato che premia il lavoro quotidiano sul campo!''. Questo il tweet che Massimiliano Allegri ha postato per rallegrarsi con Sarri fresco vincitore del riconoscimento assegnato oggi dai colleghi a Coverciano. Il tecnico della Juventus, che ha vinto questo premio negli ultimi due anni, è stato battuto per tre voti (25 a 22) dal collega del Napoli. I due si affronteranno al San Paolo domenica prossima per il campionato e mercoledì 5 aprile per la semifinale di ritorno di Coppa Italia.

18:21Nato: venerdì ministeriale esteri, prima volta di Tillerson

(ANSA) - BRUXELLES, 27 MAR - La ministeriale esteri della Nato, inizialmente prevista per la prossima settimana (5-6 aprile), è stata anticipata a venerdì 31 marzo. Lo ha reso noto l'ufficio stampa dell'Alleanza Atlantica. Alla riunione parteciperà per la prima volta anche il nuovo Segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, che nei giorni scorsi aveva fatto sapere di avere altri impegni per le date iniziali. L'anticipo della data permetterà quindi un confronto diretto, in una riunione in cui - a quanto si apprende - il focus principale sarà la preparazione del vertice straordinario della Nato che si terrà il 25 maggio a Bruxelles con la presenza di Donald Trump. In particolare, uno dei temi sarà il criterio di valutazione della partecipazione alle missioni e operazioni della Nato nell'ottica del 'riequilibrio degli oneri' e dell'aumento delle spese per la difesa, col ritorno al livello del 2% del Pil, chiesto con forza dall'amministrazione Usa agli alleati europei e al Canada.

18:19Calcio: Figc, Sibilia e Ulivieri vicepresidenti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Il Consiglio federale della Federcalcio, riunitosi a Coverciano, ha eletto vice presidenti della Figc Cosimo Sibilia e Renzo Ulivieri. Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, in qualità di vice presidente più votato, assume la carica di vicario. Il consiglio ha votato all'unanimità la decadenza degli organi della Lega di serie A, presidente, vicepresidente e consiglio di Lega.

18:03Migranti: dopo 5 mesi piccola Oumoh ritrova mamma a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 27 MAR - Camara Zeinabou, 31 anni, la mamma della piccola Oumoh, la bimba ivoriana di 4 anni arrivata sola a Lampedusa (Ag), oggi ha potuto finalmente riabbracciare la figlia che non vedeva da cinque mesi. L'incontro è avvenuto stamane nell'aeroporto di Palermo. Ad accoglierla sottobordo anche l'ispettrice della Questura di Agrigento Maria Volpe, che si è occupata della bimba fin dal giorno del suo arrivo nell'isola della Pelagie e ha assistito la donna aiutandola ad ottenere il passaporto per l'Italia. Zeinabou, rimasta bloccata in Tunisia per ragioni burocratiche, ai cronisti ha raccontato la sua odissea, cominciata nella sua terra, la Costa d'Avorio, da dove la donna e un' amica erano fuggite insieme alla piccola per sottrarre la bimba alla pratica dell'infibulazione, fino al loro arrivo a Tunisi.

Archivio Ultima ora