Italia in prima fila contro il terrorismo

Pubblicato il 22 dicembre 2015 da redazione

terrorismo

BAGHDAD. – L’Italia intende continuare a giocare “un ruolo fondamentale nella coalizione contro Daesh: Qui siamo impegnati al massimo e lo saremo sempre di più”. E’ la promessa che Pietro Grasso lascia ai vertici dello Stato iracheno incontrati durante la sua visita a Baghdad per gli auguri di Natale per i circa 700 militari italiani impegnati in questo Paese .

Quello italiano è il secondo contingente straniero impegnato nell’area per consistenza, ed è impegnato soprattutto per la formazione delle forze di polizia locali e per la tutela dei beni culturali. Un lavoro fondamentale per il futuro dell’Iraq, ancora martoriato dalla violenza e minacciato dall’Isis, che ha per capofila i Carabinieri.

Grasso definisce l’Arma come “una eccellenza italiana, il meglio che l’Italia può dare per formare forze di polizia irachene che garantiscano ordine pubblico con umanità e rispetto delle persone”.

L’Iraq vive una delle fasi più delicate della sua storia dopo la fine della guerra. E si gioca tutto sulla credibilità internazionale. E’ per questo che la visita di Grasso a Baghdad viene letta positivamente dal presidente del Parlamento iracheno Salim al Jabouri, che la definisce “un segnale importante soprattutto per i nostri vicini che così capiscono come il nostro Paese può contare su degli amici”, con una chiara allusione a Daesh.

Il Paese ha bisogno di una ricostruzione non solo fisica: un processo che avanza con difficoltà sia per la violenza che impera nel territorio sia per la minaccia rappresentata dai fondamentalisti dell’Isis. Per questo bisogna costruire una convivenza pacifica che tuteli le minoranze, soprattutto quella cristiana, che si vede fortemente minacciata dalla preponderanza islamica nelle Istituzioni.

I cristiani, infatti, si sentono fortemente presi di mira dai politici al governo, tutti musulmani. “Grave preoccupazione” esprime il patriarca di Baghdad, monsignor Louis Sako, che a Grasso denuncia tanti gesti di intolleranza nei confronti dei fedeli, in particolare una legge in base alla quale i figli di chi si converte all’islam verranno automaticamente considerati musulmani. La legge è stata rinviata al Parlamento dal presidente della Repubblica Fouad Masum, il quale anche oggi ha assicurato a Grasso, che ha avanzato le sue perplessità, che il provvedimento non andrà avanti.

Grasso ha sollevato il tema anche nell’incontro con il presidente del parlamento iracheno, il quale non solo ha confermato che la legge sarà rivista, ma che essa desta perplessità tra vari componenti del parlamento. Ma il patriarca di Baghdad ha comunque paura: “Non sono ottimista. Se si va avanti così non resteranno più cristiani qui. È questo la comunità internazionale non può accettarlo”.

Da Baghdad, Grasso si trasferisce a Erbil, la capitale regione autonoma del Kurdistan dove la situazione è decisamente più pacifica che nella capitale e si guarda a uno sviluppo economico in cui l’Italia vuol giocare una parte importante: in questo quadro si inserisce l’inaugurazione del consolato italiano che, sostiene la seconda carica dello Stato, testimonia la voglia “di far crescere qui la presenza italiana”.

(dell’inviato Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora