Renzi inaugura la Variante di Valico, segno dell’Italia che riparte

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi all'inaugurazione della variante di valico dell'autostrada A1, Castiglione dei Pepoli (Bologna), 23 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi all’inaugurazione della variante di valico dell’autostrada A1, Castiglione dei Pepoli (Bologna), 23 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

CASTIGLIONE DEI PEPOLI (BOLOGNA). – La variante di valico è il simbolo dell’Italia che riparte. Matteo Renzi ha aperto al traffico il nuovo tracciato dell’A1 Bologna-Firenze fra la Quercia e Barberino di Mugello, 32 km diventati, nella percezione pubblica, l’antonomasia di quelle grandi opere che non si sa mai quando finiscono. E la cui apertura ben si presta, quindi, per il premier, a metafore di riscossa nazionale.

In realtà, come ha tenuto a precisare l’ad di Autostrade Giovanni Castellucci, le lentezze e le lungaggini sono dovute più all’iter autorizzativo che ai lavori, che sono durati nove anni, in linea, secondo la società, con lo svolgimento di opere analoghe in Europa. In ogni caso l’Italia è da adesso un po’ più vicina: in uno dei tratti più tribolati d’Italia per il traffico, si potrà scegliere se percorrere la variante o il vecchio tracciato, limitando l’impatto di intoppi, code e maltempo.

“Oggi è arrivato il giorno che sembrava non dovesse arrivare mai, che manda in soffitta i professionisti del ‘tanto non ce la farete mai’, del piagnisteo e della lamentazione, è il giorno che sembrava talmente lontano l’anno scorso”.

A novembre infatti Renzi aveva annunciato l’apertura della variante entro la fine del 2015: “Questo – aveva detto il premier – sarà l’ultimo Natale in cui i bambini vomiteranno sull’A1”. L’apertura, peraltro, in un giorno tradizionalmente complicato per il traffico come l’antivigilia di Natale, da bollino rosso come i weekend estivi, non è stata indolore: i lavori per l’apertura hanno infatti creato, in mattinata, code di oltre dieci chilometri verso Firenze.

“Quando annunciammo che entro un anno avremmo inaugurato la variante – ha detto Renzi – fummo accolti con disillusione, come quando dicevamo che avremmo fatto l’Expo e che sarebbe stato un successo. Il 2015 si chiude con l’inaugurazione della variante, con il successo dell’Expo, con l’occupazione che torna a crescere. Le promesse si rispettano e le tasse scendono perché se l’Italia fa l’Italia non ce n’è per nessuno: se facciamo quello che dobbiamo fare siamo il paese più all’avanguardia, più innovativo, più attraente”.

Il nuovo percorso dell’Autosole comunque rimane, secondo il premier, immagine di ciò che funziona e di quello che non va in Italia: “Dà il senso – ha detto – che se questo paese si tira su le maniche è in grado di fare opere che segnano la storia della ingegneria del mondo”. Ed è un esempio, stavolta in negativo, “anche per la burocrazia perché nessuno ci mette 32 anni per dare via libera”.

Prima di percorrere alcuni chilometri della nuova strada, al volante, con al fianco il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, Renzi ha colto l’occasione anche per fissare un nuovo obiettivo per le strade italiane, che forse, sarebbe ancora più storico: “La prossima, come mi suggerisce Delrio, sarà la Salerno-Reggio Calabria”.

(Dell’inviato Leonardo Nesti/ANSA)

Ultima ora

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

17:03Germania: Stern, Gabriel rinuncia alla candidatura

(ANSA) - BERLINO, 24 GEN - Bild online anticipa la copertina del nuovo numero di Stern secondo cui Sigmar Gabriel rinuncia alla candidatura alla cancelleria. Il successore di Sigmar Gabriel alla testa del partito socialdemocratico tedesco sarà Martin Schulz. Lo scrive Spiegel on line che citando fonti proprie titola sulla rinuncia di Gabriel. La prassi vuole che il leader del Spd si candidi per la cancelleria: salvo sorprese Schulz sarà l'avversario della cancelliera uscente Angel Merkel alle elezioni di fine settembre.

16:47Calcio: Palermo, club dispiaciuto per l’addio di Corini

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Mi è dispiaciuto per la scelta di Corini, si era instaurato un buon rapporto. È una persona seria, in questi pochi giorni ho visto che ha ottime qualità". Lo ha detto il ds del Palermo Nicola Salerno commentando le dimissioni di Eugenio Corini. La settimana scorsa era stato proprio Salerno a convincere il presidente Maurizio Zamparini a rinnovare la fiducia al tecnico. "Lui avrebbe voluto un lavoro finalizzato anche in prospettiva - ha spiegato il ds - ma in questo momento nessuno può dare garanzie sul futuro: ci sono altri problemi da risolvere, anche perché non abbiamo ancora alzato bandiera bianca (in chiave salvezza, ndr)". Il club cerca ora un nuovo tecnico. "Ballardini probabilmente non è convinto della situazione - ha proseguito Salerno - Il Palermo ha iniziato male, ma a volte qualche risultato dà la svolta, come per il Cagliari, la cui salvezza partì da un match con il Napoli. Abbiamo fatto una buona gara con l'Inter, ma c'è stata quella disattenzione difensiva. C'era anche un rigore per noi".

Archivio Ultima ora