Usa 2016: Hillary gioca l’arma segreta, Bill in campo

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton is joined onstage by her husband former President Bill Clinton after she delivered her "official launch speech" at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015. REUTERS/Carlo Allegri

U.S. Democratic presidential candidate Hillary Clinton is joined onstage by her husband former President Bill Clinton after she delivered her “official launch speech” at a campaign kick off rally in Franklin D. Roosevelt Four Freedoms Park on Roosevelt Island in New York City, June 13, 2015. REUTERS/Carlo Allegri

NEW YORK. – “L’arma segreta” di Hillary Clinton è pronta a prendere parte alla battaglia: Bill Clinton si appresta a fare il suo ingresso nella campagna delle primarie per le presidenziali 2016 a sostegno della moglie. Finora relegato nelle retrovie, dove si è limitato a consigli privati e a raccolte di fondi a porte chiuse, l’ex presidente americano è pronto a scendere in campo con eventi pubblici in programma in Iowa e New Hampshire, due stati chiave in cui Hillary e Bernie Sanders sono vicini nei sondaggi.

Ad attendere Bill Clinton c’è Donald Trump, con i suoi commenti infuocati: una battaglia a distanza che lascia intravedere una retorica accesa per i prossimi mesi di campagna. Trump continua intanto la sua corsa incontrastata: il magnate del mattone avanza nei sondaggi, ha il 39,3% delle preferenze a fronte del 12,8% di Ted Cruz.

Marco Rubio prova ad affermarsi nella corsa, cercando di ‘vendersi’ come “l’Obama repubblicano”: giovane, con esperienza e in grado di dare al partito quella svolta che cerca. Rubio, che inizialmente aveva rifiutato il paragone con Obama, sta tornando sui propri passi e cerca ora di usarlo a suo vantaggio, puntando anche sui suoi punti di forza, quali la provenienza dalla classe media e l’essere figlio di immigrati cubani.

L’attenzione però è tutta sulla sfida fra Bill Clinton e Trump. L’ex presidente, la cui casa di nascita in Arkansas è stata danneggiata da un incendio doloso nelle ultime ore, si era già esposto per Hillary nel 2008, difendendola dalle critiche e attaccando Obama. Allora l’ex presidente aveva minimizzato la vittoria di Obama in South Carolina, definendola “non significativa” a causa dell’elevato numero di elettori afroamericani nello stato.

La battaglia più intensa ora vede come avversario Trump, che non risparmia critiche e battute. La sosta al bagno più lunga del previsto di Hillary nel corso dell’ultimo dibattito democratico e i commenti del magnate del real estate hanno infuocato lo scontro fra le campagne di Hillary e di Trump.

La candidata democratica ha definito le parole di Trump “sessiste”. La replica del candidato repubblicano non si è fatta attendere: “Ho rispetto per le donne”. E propri le donne potrebbero essere l’arma di Trump contro Hillary. Bill Clinton ha pagato 850.000 dollari per risolvere una causa per molestie sessuali. L’accusa risaliva ai tempi in cui era governatore dell’Arkansas ed è stata risolta nel corso della presidenza Clinton. La sua storia con Monica Lewinsky gli è costata l’impeachment alla Camera. “Hillary parla – afferma la campagna di Trump – di guerra alle donne ed è bigotta quando ha seri problemi con suo marito”.

(Di Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

21:04Madagascar: epidemia di peste dilaga, oltre 100 morti

(ANSA) - ANTANANARIVO, 23 OTT - Ha passato la soglia dei 100 e non sembra aver ancora raggiunto il proprio picco l'epidemia di peste che sta colpendo il Madagascar. Lo ha riferito dirigente locale dell'organizzazione umanitaria Action Against Hunger, Olivier Le Guillou. Il numero di morti da quando l'epidemia è scoppiata ad agosto è salito a 102, ha detto il dirigente dell'organizzazione alzando così di oltre una decina di casi il bilancio aggiornato al 17 ottobre dato dall'Onu giovedì. La maggior parte dei quasi 1.300 malati hanno contratto la peste polmonare, più pericolosa e infettiva rispetto a quella bubbonica: è quasi sempre mortale se non curata e si trasmette per via aerea con colpi di tosse e starnuti. L'anno scorso c'erano stati 63 morti, ma nell'arco dell'intero anno e come conseguenza di sole 275 infezioni. Tra le prime vittime dell'epidemia che in Europa ricorda il Medioevo c'è stato anche un allenatore di basket delle Seychelles che stava partecipando a un torneo nella capitale.

Archivio Ultima ora