In Italia lavorano 2,3 milioni di stranieri, ma la crisi ha pesato

Pubblicato il 28 dicembre 2015 da redazione

Un operaio egiziano al lavoro in un cantiere nel centro di Milano in una foto d'archivio. ANSA / DANIEL DAL ZENNARO

Un operaio egiziano al lavoro in un cantiere nel centro di Milano in una foto d’archivio. ANSA / DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – In Italia vivono e lavorano 2,3 milioni di stranieri, un numero in crescita anche se, soprattutto con la crisi, la ricerca di un posto non sempre ha un ‘happy end’: tra il 2008 e il 2014 la disoccupazione tra chi giunge da fuori confine è raddoppiata. Eppure il 57% viene per trovare un impiego, seguono motivazioni di tipo familiare (39%), mentre solo una piccola quota, appena il 2%, è spinta da ragioni legate allo studio.

A fare il punto sul rapporto tra immigrati e mercato del lavoro è l’Istat. L’Istituto torna sul tema dopo l’ultimo report, realizzato nel 2008, quando la recessione non aveva ancora sprigionato i suoi effetti.

Da allora tante cose sono cambiate, l’Istituto di statistica parte dal contesto generale e dai numeri: tra i 15 e i 74 anni i cittadini con residenza italiana ma passaporto diverso sono poco meno di quattro milioni, dati del secondo trimestre 2014 alla mano, circa l’8,6% della popolazione, in rialzo del 58,8% a confronto con sei anni prima.

L’aumento delle teste non si è però tradotto in un parallelo incremento degli occupati. Ovviamente, in numero assoluto, crescendo la popolazione di riferimento, sono aumentati anche gli stranieri a lavoro (dal 2008 il rialzo è stato di quasi 700 mila unità), ma in proporzione, guardando alle percentuali, il segno meno ha predominato.

Con la crisi infatti la quota di stranieri a lavoro è calata di 6,3 punti percentuali, mentre per gli italiani la discesa si è fermata a 3 punti. Le stime più aggiornate dell’Istat, relative al terzo trimestre del 2015, parlano di una ripresa che tocca tutti a prescindere dalla cittadinanza, ma anche in questo caso i miglioramenti più netti si riscontrano per gli italiani.

Nonostante ciò gli arrivi dall’estero non si fermano e la ragione che porta chi è nato in un altro Paese a migrare nella Penisola è proprio la ricerca di un impiego: è questa motivazione a muovere il 70,5% degli uomini. Tra le donne invece il fattore principale è rappresentato dalla famiglia (51,2%).

Ma non è sempre così, molto dipende dalla nazionalità: ci sono Paesi in cui le donne vanno via non per ricongiungersi a mariti e figli ma per ottenere un impiego, è il caso delle ucraine (79,8%), delle filippine (75,6%) e delle moldave (71,9%). E si tratta di valori addirittura più alti di quelli degli uomini loro connazionali.

La ricerca di un’attività avviene soprattutto attraverso il cosiddetto canale informale, ovvero amici e parenti. D’altra parte è così anche per gli italiani. Si affidano a conoscenti circa sei stranieri su dieci. Tra le difficoltà maggiori che si incontrano nella caccia all’impiego, vengono indicati, in ordine, la scarsa conoscenza della lingua italiana, il mancato riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero e motivi socio-culturali.

In generale, spiega l’Istat, non essere “italiano dalla nascita viene percepito un ostacolo dal 36,2% degli stranieri”. Ecco che non di rado ci si deve accontentare di quel che si trova: il 29,9% dichiara di svolgere “un lavoro poco qualificato rispetto al titolo di studio conseguito e alle competenze professionali acquisite”.

Ultima ora

13:06Scherma: Mondiali, spadiste eliminate

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Si ferma agli ottavi di finale il cammino dell'Italia della prova di spada a squadre femminile ai Mondiali di scherma di Lipsia. Le azzurre sono state infatti sconfitte 37-26 dagli Stati Uniti.

13:02Calcio:Ancelotti, Vidal? Ho detto a Inter di lasciar perdere

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Vidal rimane con noi. Ho già detto agli amici Sabatini e Spalletti di lasciar perdere". Carlo Ancelotti chiude le porte all'Inter per Arturo Vidal. Domani il club nerazzurro sfiderà il Bayern Monaco nell'International Champions Cup. "Sarà una partita importante - dice Ancelotti - in questo contesto possiamo giocare in modo organizzato. L'Inter ha un nuovo allenatore che ha tanta esperienza".

13:02Calcio: moglie Cassano, non voleva stravolgerci la vita

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Antonio semplicemente non voleva stravolgerci la vita, far cambiare tutto a me e ai bimbi". La moglie di Antonio Cassano, Carolina Marcialis, racconta così gli ultimi tormenti di Fantantonio che ha annunciato l'addio al Verona, squadra a cui si era appena legato, e al calcio. E per "tutto" - scrive il settimanale - la pallanuotista intende la casa di Nervi, la scuola dei figli, e anche la voglia di riscossa professionale della stessa Marcialis, che dopo l'annata a Genova in serie A2 era entrata nel mirino del Rapallo (A1). "Ma io sono la prima che lo appoggia in qualsiasi scelta - sottolinea -: anche se ci fosse da andare in Cina lo seguirei con i bimbi. Mi ambiento ovunque. L'importante è essere uniti: per il resto possiamo andare in capo al mondo". Proprio la signora Cassano - ricostruisce Oggi - aveva in un primo tempo convinto il giocatore a fare marcia indietro sull'addio al Verona, raggiungendo Primiero, dove si allenava.

12:57Migranti:in codice per ong anche impegno a recuperare motori

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - C'è anche l'impegno a recuperare, "una volta soccorsi i migranti e nei limiti del possibile", le imbarcazioni improvvisate ed i motori usati dai trafficanti di uomini, nel Codice di condotta proposto ieri dal Viminale alle ong. Si tratta complessivamente di 13 punti e la mancata sottoscrizione del documento o l'inosservanza degli impegni previsti "può comportare - si legge - l'adozione di misure da parte delle autorità italiane nei confronti delle relative navi, nel rispetto della vigente legislazione internazionale e nazionale, nell'interesse pubblico di salvare vite umane, garantendo nel contempo un'accoglienza condivisa e sostenibile dei flussi migratori". Tra gli altri impegni chiesti alle navi umanitarie c'è quello di attestare l'idoneità tecnica per le attività si soccorso. In particolare, viene chiesto alle ong di avere a bordo "capacità di conservazione di eventuali cadaveri".

12:53‘Respingere i ricorsi su relocation dei migranti’

(ANSA) - BRUXELLES, 26 LUG - La Corte di Giustizia Ue deve "respingere i ricorsi di Slovacchia e Ungheria" contro il meccanismo di ricollocamento provvisorio obbligatorio dei richiedenti asilo da Italia e Grecia. E' questo il parere dell'avvocato generale Yves Bot, secondo cui il meccanismo contribuisce realmente e in modo proporzionato a far sì che la Grecia e l'Italia possano far fronte alle conseguenze della crisi migratoria del 2015". Nella maggior parte dei casi la Corte accoglie i pareri degli avvocati generali. (ANSA).

12:53Striscione di Fn su sede Arcigay Rimini contro Summer Pride

(ANSA) - RIMINI, 26 LUG - Stelle filanti, ghirlande, schiuma e coriandoli e uno striscione con la scritta "La vostra sfilata è una carnevalata". Così la sezione locale di Forza Nuova ha deciso di contestare il Rimini Summer Pride in programma nei prossimi giorni. Lo striscione è stato affisso all'alba all'ingresso dell'ex seminario di via Covignano dove ha sede l'Arcigay riminese. "Siamo l'unico movimento a chiedere senza timori che queste carnevalate siano proibite e che amministrazione comunale ed istituzioni pensino a privilegiare innanzitutto le famiglie riminesi ed i loro bambini, ovvero il futuro della nostra patria", ha spiegato Mirco Ottaviani, responsabile regionale Forza Nuova, criticando anche la presenza in testa alla sfilata di sabato del sindaco Andrea Gnassi. "Sabato prossimo assisteremo all'ennesima carnevalata fuori stagione - ha aggiunto - una giornata all'insegna della volgarità e della perversione che segue un sentiero senza uscita verso la distruzione della famiglia, cellula fondamentale di ogni società". (ANSA).

12:51Vitalizi: norme Fornero su età da prossima legislatura

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dalla prossima legislatura i criteri anagrafici per la pensione dei parlamentari saranno quelli della legge Fornero. Lo prevede l'emendamento della commissione alla pdl Richetti approvato dall'Aula della Camera. Oggi il vitalizio viene maturato al compimento del sessantacinquesimo anno di età. L'adeguamento alla legge Fornero comporterà un aumento dei requisiti anagrafici richiesti per l'accesso all'assegno mensile.

Archivio Ultima ora