In Italia lavorano 2,3 milioni di stranieri, ma la crisi ha pesato

Pubblicato il 28 dicembre 2015 da redazione

Un operaio egiziano al lavoro in un cantiere nel centro di Milano in una foto d'archivio. ANSA / DANIEL DAL ZENNARO

Un operaio egiziano al lavoro in un cantiere nel centro di Milano in una foto d’archivio. ANSA / DANIEL DAL ZENNARO

ROMA. – In Italia vivono e lavorano 2,3 milioni di stranieri, un numero in crescita anche se, soprattutto con la crisi, la ricerca di un posto non sempre ha un ‘happy end’: tra il 2008 e il 2014 la disoccupazione tra chi giunge da fuori confine è raddoppiata. Eppure il 57% viene per trovare un impiego, seguono motivazioni di tipo familiare (39%), mentre solo una piccola quota, appena il 2%, è spinta da ragioni legate allo studio.

A fare il punto sul rapporto tra immigrati e mercato del lavoro è l’Istat. L’Istituto torna sul tema dopo l’ultimo report, realizzato nel 2008, quando la recessione non aveva ancora sprigionato i suoi effetti.

Da allora tante cose sono cambiate, l’Istituto di statistica parte dal contesto generale e dai numeri: tra i 15 e i 74 anni i cittadini con residenza italiana ma passaporto diverso sono poco meno di quattro milioni, dati del secondo trimestre 2014 alla mano, circa l’8,6% della popolazione, in rialzo del 58,8% a confronto con sei anni prima.

L’aumento delle teste non si è però tradotto in un parallelo incremento degli occupati. Ovviamente, in numero assoluto, crescendo la popolazione di riferimento, sono aumentati anche gli stranieri a lavoro (dal 2008 il rialzo è stato di quasi 700 mila unità), ma in proporzione, guardando alle percentuali, il segno meno ha predominato.

Con la crisi infatti la quota di stranieri a lavoro è calata di 6,3 punti percentuali, mentre per gli italiani la discesa si è fermata a 3 punti. Le stime più aggiornate dell’Istat, relative al terzo trimestre del 2015, parlano di una ripresa che tocca tutti a prescindere dalla cittadinanza, ma anche in questo caso i miglioramenti più netti si riscontrano per gli italiani.

Nonostante ciò gli arrivi dall’estero non si fermano e la ragione che porta chi è nato in un altro Paese a migrare nella Penisola è proprio la ricerca di un impiego: è questa motivazione a muovere il 70,5% degli uomini. Tra le donne invece il fattore principale è rappresentato dalla famiglia (51,2%).

Ma non è sempre così, molto dipende dalla nazionalità: ci sono Paesi in cui le donne vanno via non per ricongiungersi a mariti e figli ma per ottenere un impiego, è il caso delle ucraine (79,8%), delle filippine (75,6%) e delle moldave (71,9%). E si tratta di valori addirittura più alti di quelli degli uomini loro connazionali.

La ricerca di un’attività avviene soprattutto attraverso il cosiddetto canale informale, ovvero amici e parenti. D’altra parte è così anche per gli italiani. Si affidano a conoscenti circa sei stranieri su dieci. Tra le difficoltà maggiori che si incontrano nella caccia all’impiego, vengono indicati, in ordine, la scarsa conoscenza della lingua italiana, il mancato riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero e motivi socio-culturali.

In generale, spiega l’Istat, non essere “italiano dalla nascita viene percepito un ostacolo dal 36,2% degli stranieri”. Ecco che non di rado ci si deve accontentare di quel che si trova: il 29,9% dichiara di svolgere “un lavoro poco qualificato rispetto al titolo di studio conseguito e alle competenze professionali acquisite”.

Ultima ora

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

22:22Calci: G.Jesùs non basta, Manchester City-Tottenham è 2-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Reduce da un periodo difficile e e dopo aver ammesso che per quest'anno di vincere la Premier League non se ne parla, Pep Guardiola si riscatta parzialmente contro il Tottenham. Il suo Manchester City infatti va sul 2-0 con le reti di Sanè e De Bruyne all'inizio del secondo tempo, poi però subisce il ritorno degli Spurs, che segnano con Alli e il coreano Son al 32'. Così per dare la scossa ai Citizens nel finale il tecnico fa entrare il nuovo acquisto Gabriel Jesùs, 19enne fenomeno ex Palmeiras e campione olimpico a Rio. Il ragazzo dà la scossa, prima con una serpentina micidiale non sfruttata a dovere dai compagni, poi con un gol annullato per fuorigioco. Così ora il Tottenham è a -6 (46 punti contro 52) dalla capolista Chelsea che domani riceve la visita dell'Hull. Il City è 5/o con 43 punti. Nelle altre partite del 22/o turno, 1-1 fra Stoke City e Manchester United con rete storica di Wayne Rooney, su punizione: é la n. 250 con i Red Devils diventando il miglior marcatore di ogni tempo nella storia del club.

Archivio Ultima ora