La sfida di Renzi, se perdo il referendum sulle riforme ho fallito

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi during his "end of the year" press conference in Rome, 29 December 2015. ANSA/CLAUDIO PERI

Italian Prime Minister Matteo Renzi during his “end of the year” press conference in Rome, 29 December 2015. ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Il 2015 è stato un anno “con il segno più”, il Pil è allo 0,8 e va meglio delle previsioni, l’Italia “si è rimessa in moto” e ora, anche grazie all’Italicum, è “un paese solido e stabile”. Nella conferenza stampa di fine anno Matteo Renzi mette in fila i risultati ottenuti. E commenta: “Due anni fa c’era una legislatura strascicata che non riusciva ad andare avanti. Ora, se dovessi fare un titolo direi: ‘Politica batte populismo 4-0”.

Ma l’attenzione è tutta su quello che accadrà nel 2016, dalle elezioni amministrative al referendum sulle riforme. E il premier lancia la sua sfida, mettendo sul piatto la posta più alta: il referendum sulla riforma della Costituzione si farà a ottobre del prossimo anno “ma se lo perdiamo considererò fallita la mia esperienza politica”.

Nel lungo botta e risposta con la stampa (quasi due ore e mezzo), Renzi dice la sua su tutto, dalla battaglia sul superamento dell’austerità nella Ue al sistema bancario, dalle unioni civili alle pensioni.

LA SFIDA ALLA MERKEL “Io – dice il premier- non ho dichiaro guerra alla Ue. Con la Merkel ho uno splendido rapporto personale. Ho fatto solo delle domande e ho chiesto di far rispettare tutte le regole a tutti”. “Questo modello di politica economica – sostiene ancora parlando dell’austerità Ue – non funziona. Noi vogliamo flessibilità, crescita, investimenti: che non vuol dire aumentare il deficit, perché anzi lo stiamo abbassando”

BANCHE SOLIDE Sulla vicenda del salvataggio delle quattro banche il premier promette che i cittadini truffati saranno aiutati a recuperare le perdite. Ma, dice ancora, “non c’è un rischio sistemico per le banche italiane, che sono molto più solide di quelle di altri Paesi. Io per esempio non cambierei mai il sistema bancario italiano con quello tedesco”. E attacca l’opposizione: “Ora polemizzano, ma non stavano su Marte, spesso stavano dietro gli sportelli di qualche banca”

PENSIONI, NEL MIRINO SOLO QUELLE D’ORO. Renzi assicura che non ci saranno interventi salvo che sulle pensioni d’oro. E a scanso di equivoci chiarisce: “Io non considero una pensione di 3mila euro una pensione d’oro, anche se è stata data con il contributivo. Noi non toccheremo le pensioni degli italiani”.

UNIONI CIVILI, ANNO CHIAVE Renzi vuole che la legge sulle unioni civili sia approvata presto. Il 2016 deve essere “l’anno chiave” per i diritti. Il governo, comunque, non metterà la fiducia. Ma la legge va fatta, “è un fatto di equità e di giustizia”. E la stepchild adoption deve esserci: era un tema, ricorda Renzi, lanciato alla Leopolda nel 2012

IL PD VINCERA’ “Il Pd l’ho preso che era al 25 per cento e l’ho portato al 40. Ora dicono che nei sondaggi ha perso punti? Preferisco avere il 30 per cento nei sondaggi piuttosto che il 25 per cento alle elezioni. E comunque se devo scommettere sui risultati dico che noi vinciamo al primo turno le elezioni del 2018”. Un modo per dire che il Pd tornerà al 40 per cento, visto che con l’Italicum per la vittoria al primo turno serve quella percentuale

SINDACI, NON PRIMI MINISTRI: Per Renzi le amministrative di primavera non hanno un valore politico nazionale. “Si eleggono primi cittadini non primi ministri”. Il premier tiene aperta la porta a un’alleanza con la Sel e la Sinistra. Ma se “non vorranno partecipare ne prenderemo atto”.

A GIUGNO NUOVO INQUILINO CAMPIDOGLIO. Renzi poi smentisce che il governo voglia rinviare le elezioni di Roma: nella Capitale si voterà “intorno al 10 giugno” . Sempre su Roma Renzi prevede che il Pd “se la giocherà”. Poi arriva la frecciata contro Marino: “Il prossimo sindaco farà meglio di quello passato”

GRILLO INDECENTE Renzi Più volte Renzi attacca Grillo e i cinque stelle. La risposta più dura è sulla polemica sollevata dal leader cinque stelle sull’inquinamento : “Grillo dice che c’è un governo che passeggia sopra i cadaveri di 68mila persone morte per lo smog? C’è un limite alla decenza che non dovrebbe essere superato”.

MIGRANTI, MA QUALE INVASIONE “L’idea che ci sia un’invasione – dice il premier – non ha nulla a che vedere con la realtà. L’Italia può anche fare da sola, perché siamo un paese di 60 milioni di abitanti che deve gestire 150mila persone sbarcate. Ma serve un quadro unitario di politica di asilo europea”. E comunque, aggiunge “fa ridere sentirsi chiedere quanti hot spot abbiamo fatto, visto che siamo gli unici ad averli fatti”

MARO’, QUEL TENTATIVO CON PREMIER INDIA: Renzi rivela di aver tentato di trovare una “soluzione politica” con il premier indiano. “Ora però la vicenda ha preso una piega diversa, c’è un tribunale internazionale che se ne occuperà. In passato ci sono state diverse occasioni per chiudere rapidamente, ma non è stato fatto”.

LIBIA E ISIS, NON RIPETERE ERRORI Renzi parla del suo incontro con il premier libico, ieri a Roma, e dice che sulla lotta all’Isis “un’azione unilaterale sarebbe un clamoroso errore”.

STABILITA’, LAPSUS “ELETTORALE”. La legge di stabilità serve a “ridare fiducia” agli italiani. Nega che sia una legge “di mancette e favori, come l’hanno definita alcuni autorevoli premi nobel mancati…” Poi però la definisce “una legge elettorale”.

CARRIERA POLITICA MODELLO BRITISH “Sono presidente del consiglio, e questo – assicura – è il mio ultimo ruolo pubblico. Mi rifaccio alla concezione anglosassone: dopo che si è fatto questo, poi non si fa altro”.

Il discorso del premier ha ricevuto la bocciatura dell’opposizione, che contesta il suo ottimismo. Per Fi (Brunetta), “Renzi dipinge rose e fiori ma il paese arranca”, mentre per Giorgia Meloni “Renzi non dice che il Pil italiano è il peggiore d’Europa”. “E’ un bugiardo, farò di tutto per mandarlo a casa”, attacca Matteo Salvini.

(di Marco Dell’Omo/ANSA)

Ultima ora

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

Archivio Ultima ora