Da lavoro a giustizia, l’Istat fotografa l’Italia

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

istat

ROMA. – Italiani sempre più longevi e affezionati alle vecchie abitudini, dall’andare in ufficio con l’auto al rientro a casa per il pranzo. Ancora alle prese con una giustizia ingolfata e con un mercato del lavoro, dove riappare il segno più, ma restano le criticità: l’occupazione resta lontana dai livelli della media europea e le barriere all’entrata spesso scoraggiano, con la “zona grigia dell’inattività” in espansione. Avere un titolo di studio alto ripaga ma la fiducia nel sistema universitario sembra vacillare, visto il calo delle matricole.

E’ questo il profilo del Paese, così come immortalato dalla fotografia dell’Istat, che come ogni anno tira le fila delle mille statistiche prodotte durante i dodici mesi. Il classico Annuario dell’Istituto, quasi 800 pagine, fa il punto su tutti i diversi aspetti, dall’economia all’ambiente, dalla popolazione all’istruzione. Ecco i principali risultati.

ZONA GRIGIA LAVORO, 3,6 MILIONI AI MARGINI. Nel 2014 in Italia il tasso di occupazione è aumentato di 0,2 punti percentuali, ma si tratta ancora di un “valore ampiamente al di sotto del dato medio dell’Ue”. Fanno peggio solo Croazia e Grecia. Al contrario, se si guarda alla pressione fiscale, siamo ai massimi in Ue (43,4% nel 2014 contro una media del 40%).

Tornando al lavoro, i miglioramenti riguardano i più anziani, ancora sul posto a causa della riforma delle pensioni, mentre i giovani soffrono. Soprattutto c’è quella che lo stesso Istat definisce una “zona grigia dell’inattività”, dove ricadono più di 3,6 milioni di persone. In termini statistici si parla di individui che pur essendo disponibili a lavorare non cercano attivamente un impiego.

UNIVERSITÀ, CALA NUMERO ISCRIZIONI. Più il titolo di studio è alto e maggiore sarà la probabilità di trovare un impiego: l’occupazione passa dal 28% di chi ha solo le elementari al 75,5% dei laureati. Ma molti, una volta presa la maturità, si fermano. Cala, infatti, la quota di diplomati che proseguono gli studi accademici: decide di continuare meno della metà (49,7%).

ITALIANI PIU’ LONGEVI, AUMENTANO DIVORZI. Vivono in Italia oltre 60 milioni di persone e 5 milioni sono stranieri. Di certo aumentano i capelli grigi: la speranza di vita sale più per gli uomini (da 79,8 a 80,2 anni) che per le donne (da 84,6 a 84,9).

Intanto aumentano i matrimoni in frantumi e le coppie che si sono lasciate, nel 2013, sono state 161.610, pari al 6,3% in più rispetto al 2012. Dopo la grande fuga dalla città, registrata nei primi anni del 2000, l’Istat rileva un ritorno nelle ‘big city’ (da sottolineare la riduzione nel numero dei Comuni grazie agli accorpamenti, si è tornati ai livelli di 40 anni fa).

CASA È DI PROPRIETÀ MA UNA FAMIGLIA SU 5 HA MUTUO. Il 71,2% delle famiglie è proprietaria dell’abitazione in cui vive, tra queste hanno un mutuo il 19,3%, quindi quasi una su cinque. Anche se la quota dei possessori scende leggermente (2014 su 2013) resta alta, almeno a confronto con il resto dell’Europa. Ecco che risulta in affitto solo il 18,7%, ma si tratta di una percentuale che varia sul territorio: nel Nord Ovest è doppia rispetto alle Isole.

4,5 MILIONI CAUSE PENDENTI, BOOM FURTI IN CASA. Il carico dell’arretrato nel settore civile, pur registrando un calo del 3,3%, costituisce un vero e proprio ‘tappo’ con 4 milioni e mezzo di cause da smaltire, e nel settore penale le cose non vanno meglio con l’aumento dei reati che più destano allarme sociale, come i furti in casa, o il sovraffollamento delle carceri, una piaga non ancora superata.

PIÙ DI 7 ITALIANI SU 10 PRANZANO A CASA. Il pasto veloce consumato fuori casa sembra ancora non prendere piede in Italia. Secondo l’Istat nel 2015 il pranzo costituisce ancora il pasto principale nella gran parte dei casi (67,2% della popolazione), e molto spesso (73,4%) è consumato tra le mura domestiche. Si fa sempre più largo l’abitudine a fare una colazione adeguata, non limitandosi alla tazzina di caffè. Ma l’italiano tipo non è ancora un salutista doc: solo uno su tre fa sport.

SI FERMA CADUTA LETTORI E AUMENTANO VISITE NEI MUSEI. La cultura torna di moda, tanto che nel 2014 il numero di ingessi negli istituti museali italiani è aumentato del 6,7% rispetto all’anno precedente, raggiungendo quasi 41 milioni di presenze. Soprattutto, nel 2015 si ferma la discesa dei lettori sia di giornali che di libri. Dopo anni di trend decrescente, spiega l’Istat, quest’anno è risultata stabile la percentuale dei lettori di giornali, anche se l’attività riguarda comunque meno della metà della popolazione (47,1%). Lo stesso vale per i libri, dove la quota si ferma un pochino sotto (42%).

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora