Smog a Roma: le targhe alterne non bastano, le polveri restano alte

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

smog roma

ROMA. – E’ ancora Sos smog a Roma. Le targhe alterne fanno flop. Non basta la due giorni di stop alternato alle auto pari e dispari per far diminuire l’inquinamento. Restano alti i valori delle Pm10 nell’aria: ieri limiti sforati in ben 11 centraline su 13.

I Verdi scendono in piazza e si dicono pronti a denunciare, con un esposto in Procura, il commissario straordinario Francesco Paolo Tronca se non adotterà misure serie anti-smog. E la Lista Marchini chiede interventi per fermare l’emergenza dei roghi tossici nei campi rom.

Intanto il Campidoglio ha prorogato anche per domani la misura che prevede la possibilità di usare i mezzi pubblici con un solo biglietto per tutta la giornata al costo di 1,50 euro e ha potenziato il servizio pubblico.

Nonostante a Roma ieri ci fossero le targhe alterne rimane nella Capitale l’allarme smog. Il bollettino dell’Arpa Lazio parla chiaro: il limite giornaliero delle polveri sottili è stato superato ieri in 11 centraline su 13. Il limite massimo giornaliero da non sforare è fissato dalla legge per le Pm10 a 50 microgrammi/m3.

Ieri a Roma le centraline hanno registrato 67 a Preneste, 58 a Francia, 56 a Magna Grecia, 53 a Villa Ada, 66 a Cavaliere, 51 a Fermi, 59 a Bufalotta, 57 a Cipro e 58 ad Arenula. I picchi più alti sono stati a Cinecittà dove la centralina ha toccato i 92 e a Tiburtina dove si è arrivati a 76. La misura delle targhe alterne adottata dal Campidoglio sembra essere quindi servita a poco.

“Non è questa la soluzione visto che non tagliano le emissioni del 50% ma solo del 10-15%”, tuonano i Verdi scesi oggi in piazza davanti Montecitorio, armati di mascherine sul volto e barattoli ‘riempiti’ di gas di scarico, per ribadire ancora una volta che “di smog si muore”. E lanciano un allarme: nelle zone più inquinate di Roma, come l’Aurelia, c’è un aumento della mortalità del 7%.

Le principali malattie rilevate, secondo uno studio dell’epidemiologo Francesco Forastiere, sono quelle cardiovascolari e il tumore al polmone, la cui incidenza è superiore del 9% nelle aree dove gli inquinanti hanno i livelli più alti – le morti dal 2001 al 2010 per cause cardiovascolari sono state oltre 60mila, più di 22mila quelle per malattie ischemiche del cuore, circa 9mila per malattie respiratorie e 12mila per tumore al polmone.

“Secondo uno studio del 2012, se a Roma venissero rispettati i limiti di Pm2,5 segnalati dall’Oms l’aspettativa di vita aumenterebbe di oltre 12 mesi e si conterebbero quasi 1.300 morti in meno all’ anno”, spiega il portavoce dei Verdi di Roma Gianfranco Mascia. Dati e numeri allarmanti, quanto basta per un esposto in Procura.

“Se non arriveranno i giusti provvedimenti dal commissario Tronca domani presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica per denunciarlo – annuncia Mascia – Le targhe alterne non servono dicono gli scienziati ma servono il blocco totale del traffico, più ciclabili e lo stop ai suv”.

Intanto Roma conquista la maglia nera tra le capitali e le grandi città europee per dotazioni di metropolitane, tram e ferrovie suburbane. Non solo: nel 2015 la metro è stata k.o. per 40 giorni (29 volte per guasti tecnici), una media di circa uno stop ogni 6 giorni. Insomma Roma ultima in Europa per eco-mobilità, sentenzia Legambiente che annovera tra i record negativi della Città Eterna anche quello del possesso di automobili, pari a 71 ogni 100 abitanti, quando a Berlino sono 35 e a Londra 36.

(di Davide Muscillo/ANSA)

Ultima ora

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

21:58Pd: Renzi, o vincono populisti o vinciamo noi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "O vincono loro, i populisti, quelli che urlano, o vinciamo noi. E per evitare che vincano dobbiamo evitare di rispondere alle provocazioni. Ci insulteranno nei comizi e noi dovremo sorridere di più. Litigheranno in tv e noi dovremo studiare di più. Cercheranno di nascondere i nostri risultati". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi chiudendo la festa nazionale dell'Unità".

21:47Calcio: Bologna, Donadoni “Nostro 1/o tempo da dimenticare”

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 SET - Il Bologna si gode la terza vittoria consecutiva nel Mapei stadium. "Nella prima frazione - le parole di Roberto Donadoni - siamo stati un po' remissivi e potevamo far male ai nostri avversari. Nell'intervallo mi sono fatto sentire e nella seconda parte lo spirito è stato diverso. Dobbiamo imparare ad avere più continuità. Okwonkwo? Deve mangiare ancora tanta polvere e imparare l'italiano, sono curioso di sentire la sua intervista a fine partita. Il nostro principale obiettivo è fare un campionato che ci porti a una ragionevole salvezza". Quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per il Sassuolo. La posizione di Bucchi sembra salda, anche se la situazione in casa neroverde non è delle migliori. "Né io e nemmeno la squadra - spiega il tecnico - possiamo perdere da soli. Questa è una sconfitta immeritata. Nella prima frazione abbiamo giocato meglio noi, nella ripresa il Bologna è stato meglio del Sassuolo. La partita è stata equilibrata fino all'espulsione di Magnanelli".

21:34Germania: manifestanti anti AfD in piazza, ‘Berlino vi odia’

(ANSA) - BERLINO, 24 SET - Centinaia di manifestanti anti AfD sono scesi in piazza a Berlino vicino al club dove si sono riuniti i leader del partito populista per celebrare il loro ingresso nel Parlamento tedesco dopo il voto in Germania, che li ha premiati terzo partito. Al grido di "Tutta Berlino odia l'AfD", "Nazisti maiali" e altri slogan i dimostranti hanno lanciato alcune bottiglie mentre la polizia li portava fuori dall'edificio. Ore prima i manifestanti avevano organizzato un'altra protesta vicino a Alexanderplatz.

21:24Pezzi intonaco galleria cadono su auto, nessun ferito

(ANSA) - CATANZARO, 24 SET - Pezzi di intonaco della copertura di una galleria sulla statale 280 "Dei due mari", nel territorio del comune di Marcellinara, nel catanzarese, si sono staccati colpendo alcune auto in transito. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, comunque, non risultano persone ferite. Il distacco è avvenuto nella galleria in direzione Catanzaro. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale, i tecnici dell'Anas oltre ai vigili del fuoco. La galleria è stata chiusa al traffico e la circolazione deviata sul vecchio tracciato della statale 280 da Marcellinara a Settingiano con conseguenti disagi per la viabilità. I vigili del fuoco sono intervenuti con un'autoscala per eliminare ulteriori parti di intonaco che rischiano di cadere. (ANSA).

20:55Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Classifica del campionato di calcio di Serie B, dopo il posticipo Cesena-Ascoli (domani Palermo-Pro Vercelli, alle 20,30): Perugia e Frosinone punti 13; Empoli e Carpi 11; Cittadella e Avellino 10; Bari, Palermo e Parma 9; Cremonese 8; Pescara, Salernitana, Venezia e Spezia 7; Brescia, Novara, Entella, Foggia e Ascoli 6; Ternana 5; Cesena 4; Pro Vercelli 2. Brescia, Palermo, Pro Vercelli e Ternana una partita in meno.

20:48Calcio: Cesena-Ascoli 0-2

(ANSA) - CESENA, 24 SET - Vince l'Ascoli, che si risolleva; perde il Cesena, fischiatissimo da tutto il Manuzzi e che adesso riflette su Camplone. Finisce 2-0 per i marchigiani. Tra i romagnoli l'unico pericoloso è Jallow che andrà al tiro in totale cinque volte, ma raramente lo farà con cattiveria. Cacia (salutato affettuosamente dai mille tifosi dell'Ascoli), invece, non riceve un pallone giocabile in area. Mentre i marchigiani già nel primo tempo si rendono pericolosi con la punizione di Buzzegoli e il tiro-cross di Mignanelli, entrambi respinti da Fulignati. Ripresa dello stesso tono: Cesena con un possesso palla prolungato, ma sterile. Senza pericolosità. L'Ascoli tiene e colpisce: all'38' della ripresa è Varela con un gran sinistro ad incrociare a sbloccare il risultato, poi è Baldini di destro a giro al 41' (bella azione corale, cross di Bianchi, assist di Varela e tiro) a chiudere i conti.

Archivio Ultima ora