Il manuale dell’Isis di come violentare le schiave

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

isis'schiave

LONDRA. – L’Isis arriva a ‘codificare’ i suoi orrori, diffondendo anche 15 ‘regole’ su come e quando violentare le proprie ‘schiave’. E’ il britannico Daily Mirror a rivelarlo, pubblicando sul suo sito web un documento con una fatwa emessa in gennaio dallo Stato islamico per spiegare ai jihadisti il comportamento da adottare con le prigioniere che finiscono nelle loro mani.

Si tratta di 15 ‘norme’ – viene spiegato – introdotte dopo che alcuni miliziani si erano lasciati andare a terribili violenze. Ma dietro la parvenza di un regolamento in realtà si nasconde l’autorizzazione a compiere altre atrocità.

La fatwa esordisce affermando che è “inevitabile conseguenza della jihad il fatto che donne e bambini degli infedeli diventino schiavi dei musulmani”. “Di conseguenza – si legge ancora – è necessario chiarire alcune regole riguardanti la cattura degli ostaggi per evitare ogni violazione nel trattare con loro”.

Una finta rassicurazione che nasconde ben altro. I miliziani vengono infatti definiti “proprietari” delle prigioniere, che diventano a tutti gli effetti delle schiave. Viene proibito lo stupro di donne con le mestruazioni, incinte, o di due sorelle contemporaneamente, e forme di sesso ‘estremo’.

Si definiscono i termini della “comproprietà” fra più miliziani della stessa donna e regolato il modo in cui le prigioniere devono essere vendute. Fra i casi analizzati, quello di madre e figlia finite nelle mani dello stesso jihadista: ebbene, quest’ultimo deve scegliere se avere rapporti sessuali con l’una o con l’altra, ma non con entrambe.

Un’altra regola afferma che se una ‘schiava’ rimane incinta, il suo proprietario non può venderla e lei acquista la libertà dopo la sua morte. E ancora, le ultime due ‘norme’, raggiungono l’apice dell’ipocrisia: in una si dice che il proprietario deve mostrare compassione nei confronti della prigioniera, non deve umiliarla od obbligarla a lavori che non può sopportare. E non deve venderla a qualcuno che “la possa trattare male”.

La realtà è ben diversa. I cosiddetti ‘fighters’ hanno catturato e stuprato migliaia fra donne e ragazze, in certi casi anche di soli 12 anni, soprattutto fra la minoranza yazida nel nord dell’Iraq. Lo Stato islamico ha perfino creato una sorta di dipartimento che si occupa proprio della gestione di queste persone ridotte in schiavitù.

(di Alessandro Carlini/ANSA)

  • capperaio

    L’occidente non interviene ritenendo non esserci nesso di casualità tra lo schiavismo aberrante e il petrolio.

Ultima ora

17:25Calcio: “Agnelli ignaro del profilo criminale degli ultrà”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Le frequentazioni tra Andrea Agnelli e Rocco Dominello "avvennero in maniera decisamente sporadica, ma soprattutto inconsapevole con riferimento alla conoscenza del presunto ruolo malavitoso": così il Tribunale nazionale della Figc nega la tesi che il presidente della Juventus sapesse dell'appartenenza di alcuni capiultrà alla 'ndrangheta. In particolare, si legge ancora nella sentenza di inibizione di 12 mesi per rapporti non consentiti con gli ultrà, "Agnelli era da ritenere completamente ignaro in merito alla peculiarità illecita di Dominello, presentatosi ai suoi occhi come deferente tifoso". Agnelli, tuttavia, aveva "agevolato e, in qualche modo, avallato o comunque non impedito le perduranti e non episodiche condotte illecite di Calvo, al dichiarato fine di mantenere rapporti ottimali con la tifoseria". I dirigenti bianconeri si rendevano "disponibili a scendere a patti pur di non urtare la suscettibilità dei tifosi".

17:24Calcio: Sarri, Milik? Campo indegno potrebbe essere causa ko (2)

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Faccio gli auguri a Milik, spero guarisca velocemente, è stato sfortunatissimo, ma nessuno ha osservato il terreno di gioco indegno. Potrebbe essere questo il motivo dell'infortunio di Milik. Un'attività che fattura sui 2 miliardi di euro l'anno non può avere uno strumento di lavoro non all'altezza". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida di Champions con il Feyenoord, la prima senza l'attaccante polacco, operato stamattina al ginocchio. "Un aspetto disturbante dell'infortunio di Milik - ha aggiunto Sarri - è che sabato abbiamo fatto dieci minuti stupendi col 4-2-3-1, un'alternativa di gioco che ora ci viene negata con la sua assenza. Soluzioni? Callejon è una certezza pure da centrale, ci darà grandi garanzie. Ounas è un potenziale: ci dà meno garanzie perché non è completamente inserito nel modo di giocare. E' un giovane molto istintivo, ha le caratteristiche per diventare una bella rottura per gli avversari".

17:22Germania: Gentiloni,difficoltà ma avanti impegno Ue

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "L'Europa ha bisogno di essere rilanciata: ho visto i risultati delle elezioni tedesche e non mi sfuggono difficoltà e preoccupazioni anche se confido che la cancelliera Merkel continuerà nell'impegno europeista insieme all'Italia e alla Francia. L'impegno europeista è la sfida a trasformare L'Europa per dare risposte ai cittadini. La migliore risposta agli estremismi è l'impegno sul lavoro, sugli investimenti, sull'immigrazione". Così il premier Paolo Gentiloni all'incontro con i volontari del servizio civile.

17:22Usa: Pentagono testa laser e ‘reti’ contro droni terroristi

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Il Pentagono sta testando nuove tecnologie, come armi laser e grandi reti high tech, per combattere i droni usati con sempre maggiore frequenza ed efficacia dai terroristi. Lo scrive il Nyt, rivelando che il dipartimento della difesa ha lanciato un programma da 700 milioni di dollari, supervisionato da due generali, per attingere al know-how e alle risorse di tutte le branche delle forze armate, della Silicon Valley e dei giganti dell'industria militare come Boeing e Raytheon, per mettere a punto tattiche e tecnologie capaci di sventare questa minaccia. Un poligono di tiro del New Mexico ha gia' ospitato "Hard Kill Challenge", una competizione di cinque giorni in cui i contractor della difesa piu' importanti come Boeing e Bae Sysems, insieme a societa' tecnologiche specializzate piu' piccole, dovevano distruggere o mettere fuori uso 30 droni che volavano ad oltre 200 metri di distanza.

17:18Terremoto:sindaco Amatrice,a pm ho ribadito quanto già detto

(ANSA) - RIETI, 25 SET - "Ho ribadito quello che ho detto nei giorni scorsi, mi sono fatto portavoce dell'indignazione degli italiani, di chi mi ha scritto e di chi mi ha fermato per strada. Di coloro che quando hanno versato i soldi intendevano darli ad Amatrice. Chi decide non è mai sprovveduto, è sbagliato da un punto di vista morale. È stata tradita la fiducia degli italiani". È quanto ha detto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, lasciando la Procura di Rieti dove è stato sentito, in qualità di persona informata sui fatti, dal procuratore capo Giuseppe Saieva in merito alla vicenda degli sms solidali. "Abbiano il coraggio - ha aggiunto - di dire che la cosa era tecnicamente giusta ma moralmente sbagliata. Se la chiudono, bene così. Abbiamo saputo che la scuola di Collevecchio sarà stralciata. Il procuratore era a conoscenza di tutto, aveva ascoltato la registrazione delle mie dichiarazioni".

17:12Ciclismo: Aru e Nibali al Giro dell’Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - Il Gruppo Sportivo Emilia ha completato il campo delle squadre che parteciperanno alla 100/a edizione del Giro dell'Emilia-Granarolo (sabato 30 settembre) e al Gran Premio Bruno Beghelli (domenica 1 ottobre). A entrambe le corse - spiega una nota - saranno al via 12 formazioni World Tour: la Uae Team Emirates con Diego Ulissi (vincitore del Giro dell'Emilia 2013) e Valerio Conti, la francese AG2R la Mondiale con il dominatore dell'edizione 2015 dell'Emilia, Jan Bakelants, la Astana guidata da Fabio Aru, la Bmc Racing Team (solo Giro dell'Emilia) con Tejay Van Garderen, l'Orica Scott, la Bahrain Merida con Vincenzo Nibali, la Cannondale Drapac con Rigoberto Uran, la Dimension Data, la FDJ di Thibaut Pinot, la Trek Segafredo, il Team Sky con Mikel Landa, Gianni Moscon e Diego Rosa oltre alla Movistar Team.

16:53Agnelli: Juve resta positiva in Borsa dopo condanna

(ANSA) - MILANO, 25 SET - Juventus ancora in rialzo a Piazza Affari dopo la condanna del presidente Andrea Agnelli, ad un anno di inibizione in relazione ai rapporti tenuti con gli ultrà del club bianconero. Il titolo, che in corso di seduta aveva toccato un rialzo massimo del 2,5%, sale dell'1,16% a 0,796 euro, con la Borsa che mostra più interesse al successo nel derby e al mantenimento del primato in classifica.

Archivio Ultima ora