Messico: uccisa sindaco anti-narcos appena insediata

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

sindaco-messico

ROMA. – Aveva promesso ai suoi concittadini di Temixco, cittadina dello stato messicano di Morelos, una lotta senza quartiere ai narcotrafficanti. E questi hanno atteso solo poche ore dopo il suo insediamento per colpire la giovane sindaco Gisela Mota, appena 33enne, e crivellarla di colpi nella sua casa.

Mota, ex deputata federale del Partito della Rivoluzione Democratica (Prd), di centro-sinistra, era stata eletta trionfalmente alla carica lo scorso luglio, con la promessa di fare di tutto per riportare la legalità nella sua cittadina di Temixco, 85 chilometri a sud di Città del Messico, circa 90.000 abitanti che ne fanno quasi un sobborgo – finora ridente, pieno di giardini e di verde – di Cuernavaca, il popoloso capoluogo di Morelos, vicino al confine con lo stato di Guerrero.

Morelos, a differenza dello stato vicino, è ancora “terra di nessuno” nello scontro fra i grandi cartelli della criminalità organizzata, che in Messico fanno e disfano i potenti, rapiscono, torturano e uccidono chiunque si metta di traverso e impongono la loro morsa di violenza e morte su intere comunità.

Ieri la giovane Mota aveva prestato giuramento e si era insediata nel primo giorno del primo dei tre anni del suo mandato. Alle 7 di mattina, ora locale di ieri, quattro uomini armati sono entrati nella sua casa e l’hanno uccisa. Ma il furgone nero degli assassini – scrive il sito del giornale locale Diario de Morelos – è stato poi inseguito da una pattuglia della polizia, probabilmente allertata dopo il blitz, che ha ingaggiato con i sicari una sparatoria, terminata con l’uccisione di due di essi e con l’arresto di altri tre, fra cui una donna.

Una nota della polizia dichiara che sono stati i sicari ad aprire il fuoco per primi. In un’altra auto, guidata da una quinta persona, gli agenti hanno trovato armi, fra cui un fucile automatico, e una mascherina da sci. Gli arrestati sono una donna di 32 anni, un 18enne e un minore. Le foto diffuse dai media messicani e internazionali mostrano due giovanissimi ragazzi, adolescenti o poco più, capelli corti, seduti ammanettati sul sedile posteriore di un’auto della polizia che guardano l’obiettivo con aria di sfida.

Sulla matrice dell’assassinio le autorità non sembrano avere dubbi: il governatore dello stato di Morelos, Graco Ramirez, senza nominare alcun particolare cartello della droga, ha promesso che “non ci sarà alcuna impunità” per gli autori di questo crimine e che “non ci sarà alcun cedimento” al crimine organizzato.

E il suo partito, il Prd, in una nota elogia una “donna forte e coraggiosa che nell’assumere l’incarico di sindaco ha dichiarato che la guerra al crimine sarebbe stata frontale e diretta”. Ma se l’incarico della coraggiosa Gisela Mota non è durato che lo spazio d’un mattino, la sua morte è solo l’ultimo, clamoroso grano di un rosario infinito di sangue, che annovera politici, amministratori, giornalisti, poliziotti, donne e migliaia e migliaia di vittime quasi senza nome.

Secondo il Prd, sono quasi 100 i sindaci messicani uccisi in un decennio, quasi tutti dai narcos. Nel vicino stato di Guerrero una giovane donna candidata sindaco di Oxtotitlan, Aidé Nava Gonzales, anch’essa del Prd, lo scorso marzo è stata rapita e il suo corpo è stato trovato decapitato e coperto con un lenzuolo con un messaggio di minacce (“narcomanta”). Prima di lei era toccato al marito, assassinato, e al figlio, rapito nel 2014 e mai più ritrovato. Lo scorso giugno nello stato di Guanajuato è stato inoltre assassinato il sindaco eletto e non ancora insediato di Jerecuaro.

Ultima ora

23:01Gb, Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il leader Labour Jeremy Corbyn accolto come una star al Glastonbury Festival, la famosa tre giorni di concerti che si svolge ogni anno nel Somerset. Davanti a una folla di giovani, molti dei quali indossavano magliette con il suo nome, il sessantottenne Corbyn è tornato sui temi centrali della sua campagna elettorale, dal lavoro, ai diritti umani, alla giustizia. Un discorso più volte interrotto dagli applausi del pubblico al quale il leader Labour ha ricordato che "solo uniti si può cambiare il mondo", che la politica riguarda "la vita di tutti i giorni, quello che vogliamo, quello che sogniamo, quello che desideriamo per chi ci sta accanto". Ed ha inviato un messaggio anche al presidente Usa Donald Trump: "Costruisci ponti, non muri". Al termine del suo discorso la folla lo ha salutato intonando il suo nome al ritmo di Seven Nation Army, il pezzo degli White Stripes diventato ormai lo slogan dei suoi fan in campagna elettorale.

22:48Vela: Coppa America,New Zeland e Oracle una vittoria a testa

(ANSA) - HAMILTON (BERMUDA), 24 GIU - Prima vittoria in questa edizione della Coppa America di vela per l'imbarcazione statunitense Oracle del tycoon Larry Ellison, che alla Bermuda si è aggiudicata la regata numero 6 delle finali. In precedenza, l'equipaggio di Emirates Team New Zealand si era imposto nella quinta con il più ampio margine di vantaggio di questi giorni, ovvero 2'04''. Di soli 11 secondi il successo degli americani nel secondo 'match race' di oggi. Ora il punteggio complessivo, tenendo conto che la barca kiwi ha cominciato la serie sul -1, è di 4-1 per la Nuova Zelanda, a cui servono altre tre vittorie per portare a casa il trofeo.

22:37Calcio: Milan, Lotti, su trattativa Kalinic resto neutrale

(ANSA) - FIRENZE, 24 GIU - Sul possibile acquisto del Milan dell'attaccante croato in forza alla Fiorentina, Nikola Kalinic, "io sono neutrale perché non posso né commentare, né fare il mercato del Milan. Spero che il prossimo sia un bel campionato e faccio l' 'in bocca al lupo' a tutte le squadre". Lo ha detto il ministro dello Sport Luca Lotti, di cui è nota la 'fede' calcistica rossonera, ai cronisti a margine della finale del Calcio Storico Fiorentino, in piazza Santa Croce a Firenze a cui ha assistito come 'magnifico messere' della rievocazione storica.

22:31Nuoto: Settecolli, Pellegrini chiude 100 stile al 6/o posto

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Federica Pellegrini ha chiuso al sesto posto la finale dei 100 stile libero degli Internazionali Settecolli di Roma col tempo di 54"48. Ad aggiudicarsi la gara è stata la nuotatrice olandese Ranomi Kromowidjojo col crono di 53"07 davanti alla danese Pernill Blume (53"59) e alla svedese Michelle Coleman (53"64). "Va bene, mi aspettavo questo tempo dopo questa mattina. Va benissimo così, i 100 per me sono più facili quando sono in forma e riesco ad essere anche veloce. Sotto carico invece è un po' difficile, però comunque nuotare costantemente sui 54" basso va benissimo - le parole dell'azzurra che ieri si era imposta in rimonta nei 200 stile libero -. Per me poi gareggiare in questa piscina è sempre fantastico indipendentemente dal risultato, vedere il calore del pubblico è una cosa eccezionale. Ora ci vediamo direttamente a Budapest, io parto per i monti e scenderò per la partenza del Mondiale".

22:29Taekwondo: Mondiali,azzurro Dell’Aquila già in zona medaglie

(ANSA) - MUJU (COREA DEL SUD), 24 GIU - Italia protagonista ai Mondiali di Taekawondo in Corea. Nella prima giornata di competizioni, Vito Dell'Aquila assicura subito una medaglia alla squadra azzurra. Nella categoria -54 kg il 17enne pugliese oro iridato nei cadetti e quest'anno oro europeo Under 21 passa il primo turno battendo per abbandono il kazako Osmonov, poi vince contro l'azero Magomedov e contro l'albanese Gjana. Ai quarti supera abilmente il brasiliano Alves centrando il primo podio azzurro nella manifestazione, in attesa di capire il colore della medaglia. In semifinale il giovanissimo azzurro dovrà vedersela con il beniamino del pubblico di casa, il coreano Kim Tae-Tae Hun. Male che vada, per lui sarà comunque bronzo al primo mondiale. L'azzurra Sarah Al Halwani, anche lei in gara oggi (-46 kg), vince il primo incontro con la sudanese Yousif ma poi viene sconfitta dalla thailandese Charanawat.

22:19Uranio: morto militare malato dopo missione in Afghanistan

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Antonio Attianese, il militare ammalato di tumore dopo essere stato in missione in Afghanistan e che a lungo si era battuto per ottenere un adeguato indennizzo e assunzioni di responsabilità a nome di tutte le vittime dell'uranio impoverito, è morto oggi nella sua casa di Sant' Egidio del Monte Albino. Lo hanno fatto sapere le associazioni Assoranger e Assomilitari fondate da commilitoni che avevano abbracciato la sua causa, da lui presiedute. "Il decesso è avvenuto oggi alle 15,30 dopo lunghi anni di sofferenze per la malattia - senza aver ricevuto le dovute risposte dallo Stato", sottolineano in una nota. Attianese lascia la moglie Maria e due bambini di 5 e 6 anni. "I colleghi - aggiunge la nota - annunciano che 'il caso Attianese' non si chiude con il decesso del collega, ma che la battaglia, che è anzitutto di civiltà e umanità, continuerà nutrita dalla partecipazione dei moltissimi militari che, in tutta Italia, hanno risposto all'appello e aderito alle associazioni Assoranger e Assomilitari".

22:13Due bimbi rischiano di annegare in piscina, malori in acqua

(ANSA) - AULLA (MASSA CARRARA), 24 GIU - La festa di compleanno rischia di finire in tragedia in Lunigiana dove due bambini di 6 anni hanno rischiato di annegare nella piscina di una villetta. Un bimbo è stato trasportato in elicottero all'ospedale Meyer di Firenze, l'altro all'ospedale delle Apuane (Noa) a Marina di Massa. Secondo prime informazioni entrambi non sarebbero in pericolo di vita; quello trasferito al Meyer è in prognosi riservata. I soccorsi sono scattati a Canova di Aulla a una festa di compleanno: fra le attrazioni proprio la piscina, dove i bambini hanno fatto il bagno trovando refrigerio. Verso le 17, secondo una ricostruzione al vaglio dei carabinieri, i due hanno accusato malori mentre stavano facendo il bagno, molto probabilmente per una congestione. Ad accorgersene i genitori degli altri bimbi, che si sono buttati in acqua per salvarli e hanno chiamato il 118.(ANSA).

Archivio Ultima ora