Guerra diplomatica all’Iran, Riad cancella tutti i voli

Pubblicato il 04 gennaio 2016 da redazione

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016.  (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016. (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

BEIRUT. – La guerra tra Iran e Arabia Saudita per ora si combatte con le armi della diplomazia, con Riad e i suoi principali alleati che rispondono all’assalto all’ambasciata saudita a Teheran tagliando o riducendo le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica.

In Iraq, principale terreno di scontro assieme a Siria e Yemen della guerra per procura tra i due giganti regionali, si sono invece registrati preoccupanti episodi di violenza a sfondo confessionale: due imam sunniti sono stati uccisi a Iskandariya e Hilla, rispettivamente a nord e a sud di Baghdad. Sempre a Hilla, regione a maggioranza sciita, due moschee sunnite sono state prese di mira da attacchi dinamitardi.

Invece nella regione saudita di Qatif, luogo natale dell’imam sciita Nimr al Nimr giustiziato dalle autorità di Riad e la cui morte ha scatenato la crisi in corso tra Iran e Arabia Saudita, un uomo e un minore sono rimasti uccisi in una sparatoria tra polizia e non meglio precisati uomini armati, secondo il racconto dei media controllati dal governo saudita.

Sul piano diplomatico, Riad aveva annunciato nella notte la rottura delle relazioni con Teheran richiamando in patria i suoi diplomatici, possibili bersaglio di nuovi attacchi in Iran. L’Arabia Saudita ha anche dato 48 ore di tempo ai diplomatici iraniani per lasciare il regno. Analogamente, il Bahrain ha rotto le relazioni diplomatiche con l’Iran.

Il piccolo Stato del Golfo è governato da una dinastia sunnita alleata di Riad, ma è abitato da una maggioranza sciita, politicamente vicina all’Iran e corteggiata da Teheran in funzione anti-saudita. Manama ha accusato l’Iran di “una crescente, pericolosa e flagrante interferenza” negli affari del Golfo.

“Per mantenere la sicurezza e la stabilità nella regione bisogna frenare la politica (iraniana) che mira alla divisione confessionale”, recitava un comunicato del ministero degli Esteri del Bahrain.

Anche gli Emirati Arabi Uniti, altro membro del Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg), l’alleanza di Paesi arabi guidata dall’Arabia Saudita, hanno espresso solidarietà a Riad ma si sono limitati a ridurre le relazioni diplomatiche mantenendo quelle commerciali. Mentre il Sudan, che da 2014 ha riallacciato i rapporti con Riad raffreddando invece quelli con Teheran, ha annunciato di aver espulso l’ambasciatore iraniano a Khartum. Riad ha inoltre annunciato di aver congelato tutti i collegamenti aerei con le destinazioni iraniane, nonché i legami commerciali.

Dal canto suo l’Iran, con un comunicato del ministero degli Esteri, ha risposto accusando i sauditi di “continuare a perseguire una politica tesa a esasperare lo scontro nella regione”. La replica di Riad non si è fatta attendere: “Nimr era un terrorista coinvolto in tre attacchi”, ha affermato il ministro degli Esteri Adel Jubeir. Per la sua uccisione, ha proseguito Jubeir, “l’Arabia Saudita deve essere elogiata e non criticata”.

Anche il ministero della Giustizia saudita ha giustificato nuovamente la decisione di condannare l’imam sciita alla pena capitale: “Abbiamo applicato la legge islamica (sharia) secondo i fatti accertati durante il processo”, ha affermato un portavoce del dicastero.

In un clima di scontro che rischia di far saltare qualsiasi tentativo negoziale sui fronti caldi finendo per favorire l’Isis, cresce la preoccupazione delle cancellerie occidentali. La Casa Bianca si è appellata ad entrambe le parti affinché “fermino l’escalation”, e il segretario di Stato Usa John Kerry ha alzato la cornetta per ripetere ai due ministri degli Esteri lo stesso messaggio.

Telefonate verso Riad e Teheran sono partite anche dal segretario generale dell’Onu Ban ki-moon, mentre il suo inviato per la Siria, Staffan De Mistura, ha fatto sapere al New York Times di essere in partenza per l’Arabia Saudita e l’Iran nel tentativo di raffreddare la situazione. Anche da Mosca era filtrata la disponibilità russa ad una possibile mediazione: per il momento, rifiutata.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

17:09Hayden: espiantati gli organi

(ANSA) - RIMINI, 23 MAG - Rispettando la volontà dello stesso pilota, i familiari di Nicky Hayden hanno acconsentito all'espianto degli organi per la donazione. Una volta restituita la salma partiranno per gli Stati Uniti. In queste ore stanno ultimando le pratiche per il rimpatrio, per il quale non è stata ancora fissata una data. Il desiderio dei familiari è di rientrare al più presto. La camera ardente non verrà allestita. Intanto prosegue l'indagine sull'incidente costato la vita al pilota. La procura ha conferito l'incarico ai consulenti che dovranno fare una perizia.

17:00++ Venezuela: sale a 5 il numero di morti ieri a Barinas ++

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - Un quinto giovane venezuelano è stato ucciso ieri durante le proteste antigovernative nello stato di Barinas, portando così a 57 il numero di persone morte dall'inizio delle manifestazioni contro Nicolas Maduro. Lo ha reso noto su Twitter il deputato oppositore Freddy Superlano.

16:53Calcio: morto Stefano Farina, designatore arbitri serie B

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' morto a Genova Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B. Farina aveva 54 anni ed aveva diretto 236 partite in serie A, oltre a due supercoppe italiane e la supercoppa europea del 2006. Lascia la moglie e un figlio. Farina era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era trapelato nulla. Arbitro della sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in serie A nel gennaio 1995 e aveva diretto anche 117 partite di serie B. Osservatore Uefa, è stato rappresentante degli arbitri in attività e Responsabile della CAN D e della CAN PRO. Il presidente dell'AIA Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta anche a nome dei 35.000 arbitri italiani - si legge in una nota dell'Aia - esprimono alla famiglia di Stefano Farina profondo cordoglio e vicinanza.

16:49Giro: Dumoulin perde terreno da big

(ANSA) - BORMIO (SONDRIO), 23 MAG - Colpo di scena a 32 chilometri e mezzo dall'arrivo della 16/a tappa del 100/o Giro d'Italia. La maglia rosa Tom Dumoulin è stato costretto a fermarsi per un problema intestinale, si è portato fuori dalla carreggiata per un problema fisiologico - forse dovuto a una cattiva alimentazione - e poi è risalito in sella, rimediando comunque diversi secondi di ritardo da Quintana, Pinot, Nibali e gli altri big. Un 'contrattempo' che potrebbe costringerlo a perdere la leadership.

16:47Francia:Macron riceve sindacati per spiegare riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Riforma ad alto rischio per Emmanuel Macron. Il presidente della Francia riceve oggi all'Eliseo i leader delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali per illustrare la nuova riforma del codice del lavoro che il governo intende adottare per sbloccare l'economia del Paese. A poche settimane dalla sua elezione all'Eliseo e a meno di un mese dalle elezioni politiche di giugno il capo dello Stato intende accelerare la procedura della riforma anche "per dimostrare di essere in grado di "mantenere le proprie promesse ed inviare un 'segnale forte' ai connazionali", scrive Le Figaro, parlando di "guerra lampo". Obiettivo della riforma è rilanciare l'occupazione e attribuire più flessibilità alle imprese.

16:44Trump ravviva la fiamma perenne allo Yad Vashem

(ANSA) - TEL AVIV, 23 MAG - Donald Trump è giunto in visita allo Yad Vashem, il Mausoleo della Shoah a Gerusalemme. Il presidente è entrato nella Tenda della Rimembranza dove ha ravvivato la fiamma perenne che arde in ricordo dei sei milioni di ebrei uccisi dai nazisti e deposto, mano nella mano con la moglie Melania, una corona di fiori sulla lapide. Trump, durante la cerimonia con il copricapo rituale ebraico in testa, era affiancato dal premier Benyamin Netanyahu, della moglie Sarah, dalla figlia Ivanka e dal genero Jared Kushner.

16:43Calcio: Mondiali 2018, Putin rassicura Infantino

(ANSA) - MOSCA, 23 MAG - La Russia farà "tutto per portare al più alto livello possibile gli impianti e le condizioni di soggiorno in Russia nonché tutto quel che riguarda le forniture di servizi ai numerosi tifosi, agli spettatori e agli atleti" della Confederations Cup 2017 e dei mondiali di calcio 2018: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin incontrando a Krasnodar il n.1 Fifa Gianni Infantino. Lo riferisce l'agenzia statale russa Tass.

Archivio Ultima ora