Guerra diplomatica all’Iran, Riad cancella tutti i voli

Pubblicato il 04 gennaio 2016 da redazione

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016.  (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016. (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

BEIRUT. – La guerra tra Iran e Arabia Saudita per ora si combatte con le armi della diplomazia, con Riad e i suoi principali alleati che rispondono all’assalto all’ambasciata saudita a Teheran tagliando o riducendo le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica.

In Iraq, principale terreno di scontro assieme a Siria e Yemen della guerra per procura tra i due giganti regionali, si sono invece registrati preoccupanti episodi di violenza a sfondo confessionale: due imam sunniti sono stati uccisi a Iskandariya e Hilla, rispettivamente a nord e a sud di Baghdad. Sempre a Hilla, regione a maggioranza sciita, due moschee sunnite sono state prese di mira da attacchi dinamitardi.

Invece nella regione saudita di Qatif, luogo natale dell’imam sciita Nimr al Nimr giustiziato dalle autorità di Riad e la cui morte ha scatenato la crisi in corso tra Iran e Arabia Saudita, un uomo e un minore sono rimasti uccisi in una sparatoria tra polizia e non meglio precisati uomini armati, secondo il racconto dei media controllati dal governo saudita.

Sul piano diplomatico, Riad aveva annunciato nella notte la rottura delle relazioni con Teheran richiamando in patria i suoi diplomatici, possibili bersaglio di nuovi attacchi in Iran. L’Arabia Saudita ha anche dato 48 ore di tempo ai diplomatici iraniani per lasciare il regno. Analogamente, il Bahrain ha rotto le relazioni diplomatiche con l’Iran.

Il piccolo Stato del Golfo è governato da una dinastia sunnita alleata di Riad, ma è abitato da una maggioranza sciita, politicamente vicina all’Iran e corteggiata da Teheran in funzione anti-saudita. Manama ha accusato l’Iran di “una crescente, pericolosa e flagrante interferenza” negli affari del Golfo.

“Per mantenere la sicurezza e la stabilità nella regione bisogna frenare la politica (iraniana) che mira alla divisione confessionale”, recitava un comunicato del ministero degli Esteri del Bahrain.

Anche gli Emirati Arabi Uniti, altro membro del Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg), l’alleanza di Paesi arabi guidata dall’Arabia Saudita, hanno espresso solidarietà a Riad ma si sono limitati a ridurre le relazioni diplomatiche mantenendo quelle commerciali. Mentre il Sudan, che da 2014 ha riallacciato i rapporti con Riad raffreddando invece quelli con Teheran, ha annunciato di aver espulso l’ambasciatore iraniano a Khartum. Riad ha inoltre annunciato di aver congelato tutti i collegamenti aerei con le destinazioni iraniane, nonché i legami commerciali.

Dal canto suo l’Iran, con un comunicato del ministero degli Esteri, ha risposto accusando i sauditi di “continuare a perseguire una politica tesa a esasperare lo scontro nella regione”. La replica di Riad non si è fatta attendere: “Nimr era un terrorista coinvolto in tre attacchi”, ha affermato il ministro degli Esteri Adel Jubeir. Per la sua uccisione, ha proseguito Jubeir, “l’Arabia Saudita deve essere elogiata e non criticata”.

Anche il ministero della Giustizia saudita ha giustificato nuovamente la decisione di condannare l’imam sciita alla pena capitale: “Abbiamo applicato la legge islamica (sharia) secondo i fatti accertati durante il processo”, ha affermato un portavoce del dicastero.

In un clima di scontro che rischia di far saltare qualsiasi tentativo negoziale sui fronti caldi finendo per favorire l’Isis, cresce la preoccupazione delle cancellerie occidentali. La Casa Bianca si è appellata ad entrambe le parti affinché “fermino l’escalation”, e il segretario di Stato Usa John Kerry ha alzato la cornetta per ripetere ai due ministri degli Esteri lo stesso messaggio.

Telefonate verso Riad e Teheran sono partite anche dal segretario generale dell’Onu Ban ki-moon, mentre il suo inviato per la Siria, Staffan De Mistura, ha fatto sapere al New York Times di essere in partenza per l’Arabia Saudita e l’Iran nel tentativo di raffreddare la situazione. Anche da Mosca era filtrata la disponibilità russa ad una possibile mediazione: per il momento, rifiutata.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

20:29Ammanettata a fermata bus, un vigile condannato a 2 mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 26 SET - Una condanna a due mesi per arresto illegale e due assoluzioni. E' la sentenza del tribunale di Bologna nel processo a tre vigili urbani che il 18 settembre 2014 ammanettarono ad una fermata una donna camerunense di 33 anni, dopo che questa si era rifiutata sull'autobus di dare i documenti ai controllori in via Indipendenza, nel centro della città. La Procura inizialmente aveva chiesto l'archiviazione ma, dopo l'opposizione della vittima, assistita dall'avvocato Gian Andrea Ronchi, il gip Bruno Perla aveva ordinato di formulare l'imputazione. Il vigile condannato, difeso dall'avvocato Marco Lisei, dovrà anche risarcire con cinquemila euro la parte civile. Gli altri due, assolti, erano difesi dallo stesso Lisei e dall'avvocato Fabio Chiarini. Tra le accuse portate a giudizio e oggi caduta c'era anche l'abuso d'ufficio. La Procura aveva chiesto assoluzione per tutti e tre.(ANSA).

20:26Calcio: Allegri, Higuain non è problema

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Higuain non è un problema, lo sarebbe se non giocasse alla Juventus. Scendiamo in campo ogni tre giorni, con un parco attaccanti come il nostro può capitare di non giocare". Così Massimiliano Allegri alla vigilia della sfida Champions con l'Olympiacos. "Ho parlato con Gonzalo ed è sereno. Lui è un titolare, deve solo pensare e fare quello che sa", aggiunge il tecnico bianconero, che non ha svelato se contro i greci, dopo la panchina nel derby, sarà titolare o meno. "Deciderò domani..."

20:23Ilva: chiusa inchiesta su morte operaio, nove indagati

(ANSA) - TARANTO, 26 SET - Sono nove, tra rappresentanti dell'Ilva e della ditta dell'appalto per cui lavorava, le persone destinatarie dell'avviso di chiusura delle indagini preliminari per la morte di Giacomo Campo, il 25enne operaio della Steel Service vittima di un incidente sul lavoro il 17 settembre 2016 nell'area esterna dell'Afo4 dello stabilimento siderurgico di Taranto. Gli avvisi di garanzia, con le ipotesi di omicidio colposo e altri reati in materia di infortunistica, sono stati firmati dal sostituto procuratore Giovanna Cannarile. Gli indagati in tutto sono 12; per tre di loro c'è la richiesta di archiviazione. L'operaio rimase schiacciato nel nastro trasportatore dell'Altoforno 4 sul quale stava intervenendo, con altri colleghi, per un'operazione di manutenzione. Sei indagati sono dipendenti dell'Ilva e tre della ditta dell'appalto.

20:17Champions: Ancelotti, con Psg importante ma non decisiva

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Domani la partita è importante ma non decisiva. Naturalmente vogliamo vincere per finire primi nel gruppo, questo è l'obiettivo". Lo ha detto l'allenatore del Bayern Carlo Ancelotti alla vigilia della sfida di Champions a Parigi contro il Psg. Non sarà facile, ammette il tecnico di Reggiolo perché la squadra parigina "ha una qualità media fantastica. I nuovi devono ancora trovare il loro posto nella tattica dell'allenatore, ma la squadra è stata costruita apposta per la Champions ed è molto competitiva". Come fermare le punte parigine? "Con il giusto equilibrio tra attacco e difesa, così possiamo arginare le loro ripartenze".

20:13Libia: Haftar ringrazia Pinotti per impegno italiano

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il generale libico Khalifa Haftar, ricevuto a Palazzo Baracchini, ha ringraziato il ministro della DIfesa Roberta Pinotti "per l'impegno italiano nel Paese nord-africano riconoscendone lo spirito collaborativo teso alla pacificazione della Libia". Lo fa sapere la Difesa spiegando che in particolare il generale "ha espresso la sua riconoscenza per la disponibilità offerta dall'Italia nel settore sanitario, prendendo in cura i casi più delicati dei feriti libici, presso le strutture ospedaliere del nostro Paese". Haftar ha anche ricordato "le sofferenze del popolo libico dopo sette anni di guerra e la necessità di una rapida soluzione che assicuri stabilità e unità della Libia". Da parte sua Pinotti ha ribadito "il sostegno italiano alla strategia politica inclusiva dell'inviato dell'Onu Gassam Salamè per dare un ulteriore impulso al dialogo politico libico ed ha auspicato che tutte le parti possano contribuire efficacemente a tale strategia, escludendo qualsiasi soluzione militare".

20:08Catalogna: procura ordina recintare i seggi

(ANSA) - BARCELLONA, 26 SET - La procura spagnola ha ordinato alla polizia catalana, i Mossos d'Esquadra, di recintare tutti i locali indicati come seggi elettorali per il referendum di indipendenza del 1 ottobre per impedire il voto. Il procuratore capo José Maria Romero de Tejada ha anche ordinato che nessuno possa entrare nei locali e che non si possa votare nel raggio di 100 metri dai seggi.

20:03Concorsi truccati: ex docente Bologna, mai fatto scambi

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - E' durato circa mezz'ora l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Angelo Pezzuti del professor Adriano Di Pietro, uno dei sette docenti agli arresti domiciliari per l'inchiesta sui concorsi truccati. Di Pietro è stato il primo, gli altri saranno sentiti nei prossimi giorni, e "ha reso una dichiarazione spontanea - ha detto l'avvocato Giovanni Flora che, insieme a Luigi Stortoni di Bologna, difende l'ex docente della facoltà emiliana - annunciando una successiva memoria sui fatti e in diritto. Il professore ha ribadito di aver sempre agito nell'esclusivo interesse della scienza e di non aver mai fatto scambi". I difensori, presente anche il pm Paolo Barlucchi, hanno chiesto la revoca della misura facendo presente che "il professor Di Pietro è ormai in pensione da diversi anni e non partecipa più ad alcuna commissione. Inoltre, anche a causa dell'immagine negativa creata da quanto detto tra ieri e oggi, non è più in grado di agire", ha spiegato Flora. Il giudice si è riservato la decisione.

Archivio Ultima ora