Guerra diplomatica all’Iran, Riad cancella tutti i voli

Pubblicato il 04 gennaio 2016 da redazione

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016.  (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

Followers of Shiite cleric Muqtada al-Sadr burn an effigy of King Salman of Saudi Arabia as they hold posters of Sheik Nimr al-Nimr and Shiite cleric Muqtada al-Sadr during a demonstration in Baghdad, Iraq, Monday, Jan. 4, 2016. (ANSA/AP Photo/Khalid Mohammed)

BEIRUT. – La guerra tra Iran e Arabia Saudita per ora si combatte con le armi della diplomazia, con Riad e i suoi principali alleati che rispondono all’assalto all’ambasciata saudita a Teheran tagliando o riducendo le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica.

In Iraq, principale terreno di scontro assieme a Siria e Yemen della guerra per procura tra i due giganti regionali, si sono invece registrati preoccupanti episodi di violenza a sfondo confessionale: due imam sunniti sono stati uccisi a Iskandariya e Hilla, rispettivamente a nord e a sud di Baghdad. Sempre a Hilla, regione a maggioranza sciita, due moschee sunnite sono state prese di mira da attacchi dinamitardi.

Invece nella regione saudita di Qatif, luogo natale dell’imam sciita Nimr al Nimr giustiziato dalle autorità di Riad e la cui morte ha scatenato la crisi in corso tra Iran e Arabia Saudita, un uomo e un minore sono rimasti uccisi in una sparatoria tra polizia e non meglio precisati uomini armati, secondo il racconto dei media controllati dal governo saudita.

Sul piano diplomatico, Riad aveva annunciato nella notte la rottura delle relazioni con Teheran richiamando in patria i suoi diplomatici, possibili bersaglio di nuovi attacchi in Iran. L’Arabia Saudita ha anche dato 48 ore di tempo ai diplomatici iraniani per lasciare il regno. Analogamente, il Bahrain ha rotto le relazioni diplomatiche con l’Iran.

Il piccolo Stato del Golfo è governato da una dinastia sunnita alleata di Riad, ma è abitato da una maggioranza sciita, politicamente vicina all’Iran e corteggiata da Teheran in funzione anti-saudita. Manama ha accusato l’Iran di “una crescente, pericolosa e flagrante interferenza” negli affari del Golfo.

“Per mantenere la sicurezza e la stabilità nella regione bisogna frenare la politica (iraniana) che mira alla divisione confessionale”, recitava un comunicato del ministero degli Esteri del Bahrain.

Anche gli Emirati Arabi Uniti, altro membro del Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg), l’alleanza di Paesi arabi guidata dall’Arabia Saudita, hanno espresso solidarietà a Riad ma si sono limitati a ridurre le relazioni diplomatiche mantenendo quelle commerciali. Mentre il Sudan, che da 2014 ha riallacciato i rapporti con Riad raffreddando invece quelli con Teheran, ha annunciato di aver espulso l’ambasciatore iraniano a Khartum. Riad ha inoltre annunciato di aver congelato tutti i collegamenti aerei con le destinazioni iraniane, nonché i legami commerciali.

Dal canto suo l’Iran, con un comunicato del ministero degli Esteri, ha risposto accusando i sauditi di “continuare a perseguire una politica tesa a esasperare lo scontro nella regione”. La replica di Riad non si è fatta attendere: “Nimr era un terrorista coinvolto in tre attacchi”, ha affermato il ministro degli Esteri Adel Jubeir. Per la sua uccisione, ha proseguito Jubeir, “l’Arabia Saudita deve essere elogiata e non criticata”.

Anche il ministero della Giustizia saudita ha giustificato nuovamente la decisione di condannare l’imam sciita alla pena capitale: “Abbiamo applicato la legge islamica (sharia) secondo i fatti accertati durante il processo”, ha affermato un portavoce del dicastero.

In un clima di scontro che rischia di far saltare qualsiasi tentativo negoziale sui fronti caldi finendo per favorire l’Isis, cresce la preoccupazione delle cancellerie occidentali. La Casa Bianca si è appellata ad entrambe le parti affinché “fermino l’escalation”, e il segretario di Stato Usa John Kerry ha alzato la cornetta per ripetere ai due ministri degli Esteri lo stesso messaggio.

Telefonate verso Riad e Teheran sono partite anche dal segretario generale dell’Onu Ban ki-moon, mentre il suo inviato per la Siria, Staffan De Mistura, ha fatto sapere al New York Times di essere in partenza per l’Arabia Saudita e l’Iran nel tentativo di raffreddare la situazione. Anche da Mosca era filtrata la disponibilità russa ad una possibile mediazione: per il momento, rifiutata.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

09:15Mafia capitale: Pignatone, ma a Roma i clan ci sono

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, difende l'impostazione dell'accusa al processo Mafia capitale, e in particolare la contestazione agli imputati del reato di associazione mafiosa, che la sentenza non ha accolto. Intervistato da alcuni quotidiani, il magistrato dice di essersi preso una notte di riflessione dopo la decisione dei giudici, "perché le cose si vedono meglio con la testa fredda", e ribadisce che "in città i clan esistono e io non mi rassegnerò mai". "Non mi sento sconfitto. E' crimine organizzato, noi andremo avanti", afferma fra l'altro Pignatone, sottolineando che comunque la sentenza "ha riconosciuto la sussistenza di gravi fatti di violenza e corruzione in un contesto di criminalità organizzata, e ha inflitto pene altissime". Per il magistrato, "non si può accettare l'idea che a Roma la corruzione sia un fatto normale o addirittura utile".

08:32Usa: Spicer, ‘Come mi sento? Sollevato’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Sean Spicer, l'ormai ex portavoce del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si sente "sollevato" dopo aver rassegnato nelle scorse ore le sue dimissioni. Lo ha detto - tra il serio e il faceto - rispondendo a domande della Abc: "Come sembra che mi senta? Sollevato".

08:27Polonia: sì del Senato a controversa legge sui giudici

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - Il Senato polacco ha accolto stanotte con i voti della maggioranza del partito di Jaroslaw Kaczynski la controversa legge sulla Corte suprema con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario. A favore della legge hanno votato 55 senatori, contrari erano 23, due senatori del Pis si sono astenuti. Contro la legge ieri sera hanno protestato i cittadini polacchi in 100 diverse citta' del Paese. Sotto la sede del parlamento polacco, circondato dalla polizia, e' tutt'ora in corso la protesta di diverse centinaia delle persone. Ora la legge passa al presidente, che ha 21 giorni per firmarla.

08:27Usa: capo polizia Minneapolis si dimette

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - La capo della Polizia di Minneapolis, Janee Harteau, ha annunciato le sue dimissioni in seguito al caso della donna Australiana disarmata uccisa da un agente meno di una settimana fa. Lo riferiscono i media americani. Le dimissioni erano state sollecitate anche dal sindaco della citta', Betsy Hodges.

08:12Usa: Trump Jr negozia per audizione privata

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Donald Trump Jr e Paul Manafort, il figlio del presidente degli Stati Uniti e l'ex manager della campagna elettorale del tycoon, stanno negoziando con la commissione Giustizia del Senato circa la loro audizione nell'ambito del cosiddetto 'Russiagate' prevista per mercoledì, chiedendo che avvenga in forma privata invece che pubblica. Lo riferiscono media Usa, tra cui la Cnn. La commissione Giustizia del Senato aveva chiesto in un primo momento che Trump Jr e Manafort comparissero in una audizione pubblica il prossimo mercoledì, fissando per queste ore la scadenza per una risposta ufficiale. Intanto, il genero di Trump, Jared Kushner, ha acconsentito a comparire anche davanti alla commissione Intelligence della Camera martedì 25 luglio, per un'audizione a porte chiuse nell'ambito del 'Rusdsiagate'.

07:53Venezuela: Parlamento sceglie giudici, alta corte respinge

(ANSA) - CARACAS, 22 LUG - Continua ad acuirsi lo scontro fra poteri dello Stato in Venezuela: ieri il Parlamento ha eletto 33 magistrati per il Tribunale supremo di giustizia (Tsg), ma l'Alta corte ha definito illegale la designazione e ha chiesto alle "autorità civili e militari" di prendere "le misure coercitive pertinenti". L'Assemblea nazionale, dove l'opposizione dispone di una maggioranza di due terzi, ha scelto i giudici perché sostituiscano quelli eletti nelle ultime ore della precedente maggioranza chavista - dopo la dura disfatta del governo nelle elezioni politiche del 2015 - la cui designazione è denunciata come illegale non solo dal Legislativo ma anche dalla procuratrice generale Luisa Ortega Diaz. Il Tsg, però, considera il Parlamento in situazione di oltraggio alla corte e dunque respinge ogni sua azione come irregolare e senza effetto legale. Questa volta, inoltre, ha denunciato che l'elezione dei magistrati costituisce un "abuso di funzioni" e possibilmente "un tradimento della Patria".

07:47Wp, Sessions parlò di campagna Trump con amb.russo

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - L'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak, ha riferito a suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi legati alla campagna elettorale di Donald Trump con Jeff Sessions, durante la stessa campagna nel 2016 quando Sessions era consigliere di Trump per la politica estera, adesso ministro della Giustizia. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali. I resoconti di Kislyak relativi a due conversazioni con Sessions sono stati intercettati da 007 americani.

Archivio Ultima ora