Derby della Lanterna: Cassano show, al Genoa non basta un gran finale

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Genoa's Olivier Ntcham (R) and Sampdoria's Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Genoa’s Olivier Ntcham (R) and Sampdoria’s Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016.
ANSA/LUCA ZENNARO

GENOVA. – Vincono le scelte di Montella. Vince Cassano. E la Sampdoria il derby della Lanterna numero 111 inguaiando molto il Genoa nella classifica (quartultimo posto a +2 sul Frosinone che deve affrontare il Napoli), nel morale e nel fisico. Perché questa partita, se la perdi, lascia sempre cattivi pensieri nella mente e tossine difficili da smaltire nel fisico.

Il punteggio finale è di 3-2 con doppietta di Soriano e gol di Eder da una parte e doppietta di Pavoletti dall’altra. E soprattutto con gli assist di Cassano, 2 e mezzo. Vince la Samp, con il Genoa che butta via un tempo.

La squadra di Montella comanda per 65 minuti, poi, quando è sul 3-0, cala e subisce la rabbia e il cuore del Genoa che riapre la partita con Pavoletti, fallisce con Lazovic la palla del 3-2, punteggio che fissa ancora con Pavoletti. Gli ultimi minuti di gara sono da emozioni continue, occasioni da una parte e dall’altra, carambole, parate di Viviano e una traversa di Barreto.

Per un derby bello che il Genoa deve dimenticare in fretta, preservando il finale, se non vuole vedere fantasmi. E’ una Sampdoria diversa dal verbo calcistico di Montella, quella che stordisce il Genoa che pure gioca e attacca, anche con cinque uomini, ma è vulnerabilissimo quando i blucerchiati ripartono. Già le ripartenze: Montella abbandona il suo credo, il possesso palla, e sceglie il contropiede.

Si affida al sapere di Cassano e viene ripagato. Fantantonio è uno show e gli altri interpreti fanno tutto quello che Montella ha chiesto loro: Carbonero ed Eder pronti a fare anche i terzini, Soriano a contenere e a proporsi in avanti e per lui, sempre imbeccato da Cassano, arriva una doppietta. La Sampdoria si compatta, si schiera anche con un 4-5-1, regge alla pressione del Genoa e quando riparte colpisce. Sempre.

E sempre nella stesso modo: palla su Cassano e poi ci pensa lui. Anche con facilità perchè al barese schierato da falso centravanti i difensori genoani lascia inspiegabilmente grande libertà. Il banco salta al 18′ del primo tempo dopo che in avvio la gara era stata sospesa per 4 minuti per lancio di fumogeni dalla gradinata rossoblù e Pavoletti era stato pericoloso con un colpo di testa: Cassano riceve palla, vede l’inserimento di Soriano e lo serve; Burdisso maldestramente non riesce a intercettare la palla che raggiunge il centrocampista doriano, diagonale al volo e gol.

Il Genoa reagisce con Laxalt a cui Viviano dice no (35′), ma ancora un errore frena il tentativo di risalita. E’ il 39′ quando Ansaldi perde palla sulla pressione di Carbonero, il colombiano chiede e ottiene l’uno-due a Cassano e vola verso il fondo da dove la mette dentro per Barreto che non ci arriva, la palla è sporcata da Cassano (mezzo assist) e arriva a Eder: rigore in movimento e gol con precisione chirurgica.

Si riparte con Suso e Rigoni al posto di Ntcham e Dzemaili, ma dopo appena 4 minuti Soriano fa il bis per il 3-0: contropiede di Regini, palla a Cassano che la gira al centrocampista. Poi esce Eder per Correa (13′), il Genoa aumenta la pressione e con un bel colpo di testa di Pavoletti fa 3-1.

Ora nella Samp subentra un po’ di paura e il Genoa cresce, Lazovic sbaglia clamorosamente il 3-2, che arriva al 35′ ancora con Pavoletti, un gol spettacolare: controllo, sombrero su Viviano e tuffo per spingere di testa la palla in rete. Il finale è scoppiettante. A Montella bastano 65 minuti per vincere il derby; a Gasperini non ne bastano 25 per pareggiarlo.

Ultima ora

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

Archivio Ultima ora