Derby della Lanterna: Cassano show, al Genoa non basta un gran finale

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Genoa's Olivier Ntcham (R) and Sampdoria's Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Genoa’s Olivier Ntcham (R) and Sampdoria’s Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016.
ANSA/LUCA ZENNARO

GENOVA. – Vincono le scelte di Montella. Vince Cassano. E la Sampdoria il derby della Lanterna numero 111 inguaiando molto il Genoa nella classifica (quartultimo posto a +2 sul Frosinone che deve affrontare il Napoli), nel morale e nel fisico. Perché questa partita, se la perdi, lascia sempre cattivi pensieri nella mente e tossine difficili da smaltire nel fisico.

Il punteggio finale è di 3-2 con doppietta di Soriano e gol di Eder da una parte e doppietta di Pavoletti dall’altra. E soprattutto con gli assist di Cassano, 2 e mezzo. Vince la Samp, con il Genoa che butta via un tempo.

La squadra di Montella comanda per 65 minuti, poi, quando è sul 3-0, cala e subisce la rabbia e il cuore del Genoa che riapre la partita con Pavoletti, fallisce con Lazovic la palla del 3-2, punteggio che fissa ancora con Pavoletti. Gli ultimi minuti di gara sono da emozioni continue, occasioni da una parte e dall’altra, carambole, parate di Viviano e una traversa di Barreto.

Per un derby bello che il Genoa deve dimenticare in fretta, preservando il finale, se non vuole vedere fantasmi. E’ una Sampdoria diversa dal verbo calcistico di Montella, quella che stordisce il Genoa che pure gioca e attacca, anche con cinque uomini, ma è vulnerabilissimo quando i blucerchiati ripartono. Già le ripartenze: Montella abbandona il suo credo, il possesso palla, e sceglie il contropiede.

Si affida al sapere di Cassano e viene ripagato. Fantantonio è uno show e gli altri interpreti fanno tutto quello che Montella ha chiesto loro: Carbonero ed Eder pronti a fare anche i terzini, Soriano a contenere e a proporsi in avanti e per lui, sempre imbeccato da Cassano, arriva una doppietta. La Sampdoria si compatta, si schiera anche con un 4-5-1, regge alla pressione del Genoa e quando riparte colpisce. Sempre.

E sempre nella stesso modo: palla su Cassano e poi ci pensa lui. Anche con facilità perchè al barese schierato da falso centravanti i difensori genoani lascia inspiegabilmente grande libertà. Il banco salta al 18′ del primo tempo dopo che in avvio la gara era stata sospesa per 4 minuti per lancio di fumogeni dalla gradinata rossoblù e Pavoletti era stato pericoloso con un colpo di testa: Cassano riceve palla, vede l’inserimento di Soriano e lo serve; Burdisso maldestramente non riesce a intercettare la palla che raggiunge il centrocampista doriano, diagonale al volo e gol.

Il Genoa reagisce con Laxalt a cui Viviano dice no (35′), ma ancora un errore frena il tentativo di risalita. E’ il 39′ quando Ansaldi perde palla sulla pressione di Carbonero, il colombiano chiede e ottiene l’uno-due a Cassano e vola verso il fondo da dove la mette dentro per Barreto che non ci arriva, la palla è sporcata da Cassano (mezzo assist) e arriva a Eder: rigore in movimento e gol con precisione chirurgica.

Si riparte con Suso e Rigoni al posto di Ntcham e Dzemaili, ma dopo appena 4 minuti Soriano fa il bis per il 3-0: contropiede di Regini, palla a Cassano che la gira al centrocampista. Poi esce Eder per Correa (13′), il Genoa aumenta la pressione e con un bel colpo di testa di Pavoletti fa 3-1.

Ora nella Samp subentra un po’ di paura e il Genoa cresce, Lazovic sbaglia clamorosamente il 3-2, che arriva al 35′ ancora con Pavoletti, un gol spettacolare: controllo, sombrero su Viviano e tuffo per spingere di testa la palla in rete. Il finale è scoppiettante. A Montella bastano 65 minuti per vincere il derby; a Gasperini non ne bastano 25 per pareggiarlo.

Ultima ora

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

22:46Calcio: amichevole, la Samp supera 3-0 la Cremonese

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Buon test per la Sampdoria che supera la Cremonese, neopromossa in Serie B: finisce 3-0 per i blucerchiati nell'amichevole di Temù (Brescia), a pochi chilometri da Ponte di Legno, dove la squadra di Giampaolo sta svolgendo il ritiro. La Samp è partita inizialmente con Puggioni tra i pali, in difesa Bereszynski, Silvestre, Simic e Dodò; a centrocampo Capezzi, Barreto e Linetty, con Alvarez in appoggio a Quagliarella e Caprari. Poi, il tecnico ha mischiato tutto. Il primo tempo si è chiuso sull'1-0, grazie alla rete di Alvarez al 42' dopo uno scambio con Caprari. Nella ripresa, raddoppio al 17' con Djuricic e tris al 28' con il nuovo acquisto Kownacki. La notizia del successo sulla Cremonese arriva però in un giorno di lutto per il mondo blucerchiato: è morto a 108 anni "Nonno Pietro", il più anziano tifoso della Sampdoria. Nel 2013/'14 fu volto della campagna abbonamenti blucerchiata. Lo società lo ricorda così: "Ciao Nonno Pietro, tifa per noi anche da lassù".

22:34Calcio: Palermo, tifosi protestano contro Zamparini

(ANSA) - PALERMO, 26 LUG - Protesta dei tifosi del Palermo a Boccadifalco, dove i rosanero avrebbero dovuto svolgere la prima seduta al rientro dal ritiro di Bad Kleinkirchheim. Oltre 300 tifosi hanno impedito ad alcuni giocatori, tra cui Posavec e Balogh, di accedere al campo d'allenamento, mentre altri hanno evitato di entrare su indicazione delle forze dell'ordine. Momenti di tensione con fumogeni, petardi e cori, hanno fatto da sfondo alla protesta contro la gestione di Zamparini. Dura la reazione del presidente, in una nota. "Oggi un gruppo di fuorilegge ha proibito alla vostra squadra di allenarsi regolarmente, coprendo di insulti i giocatori. Accetto le violenze nei miei confronti ma la città non può permettere violenze contro la sua squadra. Chiedo alle istituzioni di garantire la legalità ed il diritto di allenarsi senza turbative: altrimenti vi aspetta la Serie C".

22:22Calcio: Montella “il budget non gioca, Craiova pericoloso”

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Il budget speso sul mercato non gioca. Contro il Craiova dovremo fare una prestazione aggressiva come contro il Bayern, altrimenti possiamo avere tante difficoltà: sono un avversario pericoloso. Siamo un po' indietro come condizione generale ma arriviamo con grande entusiasmo. Il Craiova è molto evoluto tatticamente''. Così l'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, nella conferenza stampa della vigilia del match contro il Craiova nell'andata del turno preliminare di Europa League. ''Il mercato è stato coraggioso e importante dopo il non mercato della scorsa estate. Altre squadre si sono mosse anni fa. Ma ora tocca al campo parlare. L'Europa League è un obiettivo molto importante per la nostra società perché manchiamo dall'Europa da più di tre anni''.

22:04Calcio: Serie A, Juventus-Cagliari primo anticipo

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Sarà Juventus-Cagliari, sabato 19 agosto, ad aprire la Serie A 2017/'18. La partita in programma all'Allianz Stadium è in programma alle 18 e precederà il primo anticipo serale, Verona-Napoli (20:45). Domenica 20 agosto tutte le partite si disputeranno alle 20:45 ad eccezione di Atalanta-Roma, in programma alle 18. Il primo posticipo del lunedì sarà invece Crotone-Milan, alle 20:45. La Lega Serie A precisa poi che l'anticipo del Napoli è stato disposto per l'impegno degli azzurri in Champions League e che, in caso di qualificazione del Milan ai play-off di Europa League e di richiesta in tal senso della società all'esito del sorteggio del 4 agosto, Crotone-Milan potrà essere riprogrammata domenica 20 alle ore 20:45. Sempre secondo quanto rende noto la Lega, questo è invece il programma degli anticipi e posticipi della 2/a giornata: sabato 26 agosto, Genoa-Juventus alle 18 e Roma-Inter alle 20:45. Domenica 27 agosto, alle 18, Torino-Sassuolo; tutte le altre partite alle 20:45.

21:33Cade da balcone dopo lite: compagno, non l’ho spinta io

(ANSA) - SASSARI, 26 LUG - "Non l'ho buttata dal terrazzo e i continui litigi non erano causati dai miei maltrattamenti, anzi è stata lei a cercare in altre situazioni di accoltellarmi o di colpirmi con dell'acido". È il passaggio più significativo delle dichiarazioni spontanee rese oggi agli inquirenti da Gianluca Delrio, il 39enne di Alghero fermato nei giorni scorsi dai carabinieri della compagnia di Sassari con l'accusa di tentato omicidio. Il suo fermo non è stato convalidato, tuttavia è stato disposto che l'uomo resti in carcere a Bancali: essendo la sua abitazione sotto sequestro e non avendo altro luogo in cui andare o parenti disposti ad accoglierlo, è una soluzione che ha incontrato il favore di tutte le parti, almeno finché non potrà tornare a casa sua. Secondo la ricostruzione dei militari, avallata dal sostituto procuratore Maria Paola Asara, sarebbe stato Delrio a provocare la caduta della propria compagna Fernandez Rodriguez, cubana di 42 anni, dal balcone dell'appartamento in cui vivono, al secondo piano di un palazzo di piazza Bottego, nel quartiere di Latte Dolce a Sassari. Oggi, davanti alla gip Carmela Rita Serra, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere, riservandosi di fornire solo più avanti ogni ulteriore spiegazione sulla dinamica dei fatti. Difeso dall'avvocata Patrizia Marcori, Delrio ha comunque spiegato che i litigi erano continui e che lui ne era spesso vittima. Nel corso dell'interrogatorio sarebbe emerso che i due, al momento del drammatico scontro al termine del quale la donna è precipitata dal balcone, avevano assunto droghe, perciò i ricordi di entrambi sono ulteriormente vaghi.Intanto migliorano le condizioni di Fernandez Rodriguez, che nella caduta ha riportato solo qualche piccola frattura e una escoriazione al capo. (ANSA).

21:26Calcio: Tavecchio “Italia chiuda discorso in Spagna”

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Dobbiamo qualificarci ai Mondiali e speriamo di chiuderla il 2 settembre anche se poi potremmo avere gli esami di riparazione". Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, al termine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, chiede al ct dell'Italia, Giampiero Ventura, un successo contro la Spagna il prossimo 2 settembre. E Ventura, al suo fianco, è positivo tanto che afferma: "Vi stupiremo".

Archivio Ultima ora