Derby della Lanterna: Cassano show, al Genoa non basta un gran finale

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Genoa's Olivier Ntcham (R) and Sampdoria's Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Genoa’s Olivier Ntcham (R) and Sampdoria’s Antonio Cassano in action during the Italian Serie A soccer match Genoa CFC vs UC Sampdoria at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 05 January 2016.
ANSA/LUCA ZENNARO

GENOVA. – Vincono le scelte di Montella. Vince Cassano. E la Sampdoria il derby della Lanterna numero 111 inguaiando molto il Genoa nella classifica (quartultimo posto a +2 sul Frosinone che deve affrontare il Napoli), nel morale e nel fisico. Perché questa partita, se la perdi, lascia sempre cattivi pensieri nella mente e tossine difficili da smaltire nel fisico.

Il punteggio finale è di 3-2 con doppietta di Soriano e gol di Eder da una parte e doppietta di Pavoletti dall’altra. E soprattutto con gli assist di Cassano, 2 e mezzo. Vince la Samp, con il Genoa che butta via un tempo.

La squadra di Montella comanda per 65 minuti, poi, quando è sul 3-0, cala e subisce la rabbia e il cuore del Genoa che riapre la partita con Pavoletti, fallisce con Lazovic la palla del 3-2, punteggio che fissa ancora con Pavoletti. Gli ultimi minuti di gara sono da emozioni continue, occasioni da una parte e dall’altra, carambole, parate di Viviano e una traversa di Barreto.

Per un derby bello che il Genoa deve dimenticare in fretta, preservando il finale, se non vuole vedere fantasmi. E’ una Sampdoria diversa dal verbo calcistico di Montella, quella che stordisce il Genoa che pure gioca e attacca, anche con cinque uomini, ma è vulnerabilissimo quando i blucerchiati ripartono. Già le ripartenze: Montella abbandona il suo credo, il possesso palla, e sceglie il contropiede.

Si affida al sapere di Cassano e viene ripagato. Fantantonio è uno show e gli altri interpreti fanno tutto quello che Montella ha chiesto loro: Carbonero ed Eder pronti a fare anche i terzini, Soriano a contenere e a proporsi in avanti e per lui, sempre imbeccato da Cassano, arriva una doppietta. La Sampdoria si compatta, si schiera anche con un 4-5-1, regge alla pressione del Genoa e quando riparte colpisce. Sempre.

E sempre nella stesso modo: palla su Cassano e poi ci pensa lui. Anche con facilità perchè al barese schierato da falso centravanti i difensori genoani lascia inspiegabilmente grande libertà. Il banco salta al 18′ del primo tempo dopo che in avvio la gara era stata sospesa per 4 minuti per lancio di fumogeni dalla gradinata rossoblù e Pavoletti era stato pericoloso con un colpo di testa: Cassano riceve palla, vede l’inserimento di Soriano e lo serve; Burdisso maldestramente non riesce a intercettare la palla che raggiunge il centrocampista doriano, diagonale al volo e gol.

Il Genoa reagisce con Laxalt a cui Viviano dice no (35′), ma ancora un errore frena il tentativo di risalita. E’ il 39′ quando Ansaldi perde palla sulla pressione di Carbonero, il colombiano chiede e ottiene l’uno-due a Cassano e vola verso il fondo da dove la mette dentro per Barreto che non ci arriva, la palla è sporcata da Cassano (mezzo assist) e arriva a Eder: rigore in movimento e gol con precisione chirurgica.

Si riparte con Suso e Rigoni al posto di Ntcham e Dzemaili, ma dopo appena 4 minuti Soriano fa il bis per il 3-0: contropiede di Regini, palla a Cassano che la gira al centrocampista. Poi esce Eder per Correa (13′), il Genoa aumenta la pressione e con un bel colpo di testa di Pavoletti fa 3-1.

Ora nella Samp subentra un po’ di paura e il Genoa cresce, Lazovic sbaglia clamorosamente il 3-2, che arriva al 35′ ancora con Pavoletti, un gol spettacolare: controllo, sombrero su Viviano e tuffo per spingere di testa la palla in rete. Il finale è scoppiettante. A Montella bastano 65 minuti per vincere il derby; a Gasperini non ne bastano 25 per pareggiarlo.

Ultima ora

15:36Tennis: Australia, Struff ko, tutto facile per Federer

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Terzo turno degli Open d'Australia centrato facilmente per Roger Federer. Lo svizzero n.2 al mondo e campione in carica allo slam in corso a Melbourne ha superato in tre set con il punteggio di 6-4 6-4 7-6(4) il tedesco Jan-Lennard Struff, numero 55 Atp e al prossimo turno incontrerà il francese Richard Gasquet, numero 31 del ranking. Impresa di Fabio Fognini agli Australian open, che rimonta e batte il russo Evgeny Donskoy e vola al terzo turno. Fognini raggiunge l'altro italiano Andreas Seppi già qualificato. Lorenzo Sonego, invece, non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova.Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione.

15:25Maltempo: almeno due morti in Olanda

(ANSA) - L'AJA, 18 GEN - Almeno due persone sono morte in Olanda a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese: lo ha reso noto la polizia. La prima vittima è un uomo di 62 anni colpito sul volto dal ramo di un albero nella provincia di Overijssel, nell'est dell'Olanda. L'altra è un uomo, anche lui di 62 anni, che è caduto da un'altezza di diversi metri nella città di Vuren. La polizia sta indagando sulle cause della morte ma non esclude che sia stato il vento fortissimo.

15:18Mo: Jenin, polizia conferma ‘un morto e arresti’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - "Un morto ed alcuni arresti": questo, secondo un comunicato del portavoce della polizia israeliana, il bilancio aggiornato dell'operazione condotta la scorsa notte a Jenin, in Cisgiordania, contro una cellula ritenuta responsabile della uccisione di un rabbino avvenuta il 9 gennaio. In precedenza la radio militare aveva parlato di due morti, mentre l'agenzia di stampa palestinese Maan aveva riferito di un "morto accertato" e di un "disperso", possibilmente ancora coperto dai detriti di uno di tre edifici demoliti dall'esercito. Intanto il ministero palestinese della sanità ha identificato l'ucciso in Ahmed Ismail al-Jarrar, e non Ahmed Nasr al-Jarrar. La sorte di quest'ultimo (già indicato da Hamas come un membro del proprio braccio armato) è adesso ignota.

15:17Migranti: Minniti, avanti progetto Centro rimpatri a Macomer

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - Va avanti il progetto per la realizzazione del Centro di Permanenza per il Rimpatrio (Cpr) a Macomer, nel Centro della Sardegna. La conferma è arrivata oggi, a margine dell'incontro sui migranti in prefettura a Nuoro, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, che poco prima della riunione ha avuto un faccia a faccia con il governatore Francesco Pigliaru e il sindaco di Macomer, Antonio Onorato Succu. Il primo passo sarà quello di sottoscrivere un patto per la sicurezza dell'area del Marghine, nel Nuorese occidentale, dove sorge appunto Macomer. "Il ministro ci ha detto che la struttura di accoglienza, che é l'ex carcere a Bonu Trau, sarà un carcere vero e proprio da cui non si potrà uscire liberamente - spiega Succu - inoltre ha chiesto al presidente Pigliaru e alla prefetta Bellantoni di predisporre un patto sulla sicurezza in tutto il Marghine in vista dell'avvio della struttura". Quanto al numero dei migranti che potranno essere ospitati nel Cpr, il sindaco spiega che "il ministro non ci ha dato numeri, ma ha detto che verrà stabilito un numero massimo in base alle potenzialità della struttura di accoglienza e in base a come verrà potenziata con i lavori di ristrutturazione: sarà questo il compito dei tecnici. Ci ha, inoltre, comunicato, e questa é una cosa molto positiva - ha annunciato infine il primo cittadino - che sarà riaperta a Macomer la sede della Guardia di Finanza".(ANSA).

15:12Sci: Cdm, Vonn ancora la più veloce in prova discesa Cortina

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 18 GEN - La campionessa statunitense Lindsey Vonn si conferma la più veloce anche nel secondo giorno di allenamento ufficiale sulla pista di Cortina che da domani ospiterà la prima di due libere di coppa del mondo femminile. Vonn ha fermato il cronometro sul tempo di 1'36''87, migliorandosi di oltre un secondo rispetto a ieri. Ha staccato l'atleta del Liechtenstein Tina Weirather di 96 centesimi e la connazionale Jacqueline Wiles di 1''25. Giornata dedicata allo studio delle traiettorie per la squadra italiana, con Sofia Goggia che ha raccolto il quarto tempo a 1''38 da Vonn, seguita da Johanna Schnarf al nono (+1''96). Quattordicesima Federica Brignone a 2"05 con salto di porta, mentre Verena Stuffer ha chiuso a 2''29, Nadia Delago a 3''01, Nadia Fanchini a 3''17, Anna Hofer a 4''09, la rientrante Laura Pirovano a 5''67. Domani è in programma la discesa che recupera quella non disputata a St. Moritz, sabato si replica con un'altra libera e domenica è in programma un SuperG.

15:09Moto: l’Aprilia Racing ‘corre’ al Motor Bike Expo 2018

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Moto Guzzi e Aprilia, marchi motociclistici italiani tra i più blasonati, sono grandi protagonisti al Motor Bike Expo 2018, la più importante esposizione europea relativa al mondo delle moto custom e special che si apre oggi a Verona. Un contesto dove viene esaltata la grande sensibilità di Moto Guzzi verso le personalizzazioni: accanto alla rinnovata gamma V7 III, la Casa dell'aquila presenta al pubblico la vasta gamma di accessori originali grazie ai quali è possibile creare la propria special su misura. Al centro del palcoscenico i riflettori sono tutti per la Aprilia RSV4 equipaggiata con l'inedito Kit Factory Works, un esclusivo "pacchetto" che consente alla Superbike vincitrice di 7 titoli mondiali di raggiungere una potenza massima di quasi 220 CV, riducendo nel contempo il peso complessivo di circa 10 Kg.

15:06Violenza sessuale: in carcere per 45 giorni ma è innocente

(ANSA) - BRESCIA, 18 GEN - La Procura di Brescia ha definitivamente archiviato l'inchiesta a carico di Saint Petrisor, romeno di 32 anni che nell'ottobre 2016 rimase 45 giorni in carcere con l'accusa di violenza sessuale ai danni della vicina di casa di 87 anni. Fatto accaduto a Castelcovati, in provincia di Brescia. A scagionare l'uomo fu la prova del Dna che stabilì che le tracce biologiche trovate sulle lenzuola della donna, che aveva sporto denuncia con tanto di riconoscimento, non erano dello straniero, ma di un altro vicino di casa che aveva una relazione con l'anziana. Saint Petrisor, stando alle indagini che hanno stabilito che la violenza sessuale non è avvenuta, è stato vittima della donna di 87 anni che lo ha incolpato per allontanarlo dalla palazzina, teatro dell'intera vicenda. "Senza l'esame del Dna sarei rimasto in carcere" ha commentato l'uomo. "Non so perché s'è inventata che l'ho violentata, ma la perdono e la rispetto vista l'età".

Archivio Ultima ora