Petrolio: il peggior avvio d’anno di sempre, incubo 30 dollari

Pubblicato il 07 gennaio 2016 da redazione

petrolio

ROMA. – Il peggior inizio anno della storia, 100 miliardi di dollari di capitalizzazione andati in fumo in una settimana, un futuro sempre più incerto con il prezzo che sembra puntare inesorabile sotto quota 30 dollari. L’allarme Cina e la sovrapproduzione mettono ancora in ginocchio il mondo petrolifero, incapace di prendere la via del recupero malgrado le forti tensioni in Medio Oriente che, in passato, hanno sempre messo il turbo alle quotazioni.

La situazione del settore appare in tutta la sua gravità guardando alle quotazioni dal primo gennaio a oggi. Il petrolio americano Wti ha perso infatti circa il 12% nei primi quattro giorni di scambi del 2016 e oggi è sceso sotto quota 33, chiudendo poi a 33,27 dollari, con il petrolio Opec piombato sotto la soglia dei 30 dollari per la prima volta dal 2004: si tratta di un crollo molto più consistente di quello già cospicuo registrato lo scorso anno, quando il mercato rispose con una flessione dell’8,7% alla decisione dell’Opec di mantenere invariate le quote di produzione, il cui obiettivo era mettere in difficoltà gli operatori dello shale oil americano.

Una strategia che, almeno da questo punto di vista, appare vincente, se, come ha rilevato Standard & Poor’s nei giorni scorsi, un quarto dei default dello scorso anno (29 casi) ha riguardato proprio il settore dell’oil and gas e in particolare i produttori americani.

Ma con il petrolio a 30 dollari, una soglia che ormai gli analisti considerano possibile, anche la strategia dell’Opec potrebbe mostrare la corda: tuttavia la consistente sovrapproduzione e la situazione cinese, che non appare più come la gallina dalle uova d’oro per le big del greggio, pesano sull’altro piatto della bilancia.

La prova che il mercato è decisamente saturo sta anche nel mancato ‘risveglio’ dei prezzi in seguito alla gravissima crisi di questi giorni tra Arabia Saudita (che intanto valuta la quotazione in Borsa del colosso Aramco in una chiave di maggiore “trasparenza”, ma forse anche per rastrellare fondi in una fase così difficile) e Iran, dietro cui secondo molti si cela proprio una guerra del petrolio in vista del ritorno di Teheran all’export in seguito alla fine delle sanzioni.

E così non solo le compagnie riducono gli investimenti, ma si trovano anche a fare i conti con un crollo in Borsa senza precedenti: da inizio anno, secondo i calcoli dell’agenzia Bloomberg, hanno bruciato oltre 100 miliardi di dollari di capitalizzazione. Anche oggi il segno meno è stato generalizzato: Royal Dutch Shell -2,8%, Total -2,4%, mentre Eni limita le perdite a -0,7%, per guardare solo all’Europa.

Il futuro, insomma, è decisamente incerto per un settore che negli anni passati aveva vissuto un lungo periodo di vacche grasse con quotazioni arrivate a un passo dai 150 dollari: “Potrebbe andare ancora più giù – ha osservato oggi l’ad di Statoil Eldar Saetre – e questo sottolinea l’incertezza. Abbiamo ancora una situazione di squilibrio del mercato”.

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora