Corea del Nord: Obama alza la voce, allo studio nuove sanzioni

Pubblicato il 07 gennaio 2016 da redazione

A South Korean protester burns the defaced pictures of North Korean leader Kim Jong Un during a rally in Seoul, South Korea, Thursday, Jan. 7, 2016,  (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

A South Korean protester burns the defaced pictures of North Korean leader Kim Jong Un during a rally in Seoul, South Korea, Thursday, Jan. 7, 2016, (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

NEW YORK. – Una provocazione. Un gesto incosciente. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama alza la voce contro l’ultimo test nucleare del regime di Pyongyang. E al telefono con i suoi più stretti alleati in Estremo Oriente – il presidente sud coreano Park Geyun-Hye e il premier giapponese Shinzo Abe – parla della necessità di una “risposta internazionale forte e unitaria”, ribadendo “l’irremovibile sostegno” degli Usa ai paesi partner.

La condanna unanime del Consiglio di sicurezza dell’Onu è già un primo passo importante. E apre la strada a nuove sanzioni che isolino ulteriormente la Corea del Nord dal resto del mondo. Ma non basta. Sul tavolo della Casa Bianca ci sono diverse opzioni, tra cui anche il dispiegamento di armi strategiche: ne hanno parlato il numero uno del Pentagono, Ash Carter, con il ministro della difesa sudcoreano Hano Mon Koo, invocando “una reazione adeguata”.

E probabilmente ne ha parlato anche il segretario di Stato John Kerry nelle telefonate con i ministri degli esteri di Seul e Tokyo. Allo studio anche l’avvio di colloqui con Corea del Sud, Giappone, Cina e Russia per la messa a punto di veri e propri “piani di emergenza”.

Intanto il presidente americano ha inviato nella regione il vicesegretario di stato, Tony Blinken, mentre il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Susan Rice, ha parlato con l’ambasciatore di Pechino a Washington. E’ infatti ben chiaro all’amministrazione statunitense che senza la Cina, finora principale alleato del regime di Pyongyang, ben poco di realmente efficace può essere fatto. Anche per determinare gli auspicati cambiamenti del regime.

Nell’area nel frattempo sale la tensione, con aerei da ricognizione americani decollati dalla base sull’isola di Okinawa, nel sud del Giappone, con l’obiettivo di raccogliere più prove possibili sulla presunta esplosione di una bomba ad idrogeno. Ma soprattutto con la decisione di Seul di riprendere la propaganda anti-Pyongyang con gli altoparlanti al confine fra le due Coree (che era stata interrotta lo scorso agosto come gesto di distensione) e di limitare l’accesso alla zona industriale di Kaesong, condivisa tra i due stati.

La mossa di Kim Jong-un, comunque, è riuscita in quello che era almeno uno degli intenti: mettere ancora una volta in difficoltà la strategia di politica estera di Obama, già messa a dura prova non solo dalla lotta all’Isis ma negli ultimi giorni dalle fortissime tensioni tra Arabia Saudita e Iran.

I detrattori accusano il presidente americano di aver per troppo tempo trascurato i rischi dalla penisola coreana, sottovalutando la minaccia nucleare rappresentata da Pyongyang e concentrandosi solamente sull’accordo sul programma nucleare dell’Iran.

Gli esperti, pur sottolineando come l’arsenale nucleare nordcoreano sia al momento limitato, da tempo mettono in guardia dal fatto che entro l’anno le testate a disposizione di Pyongyang possano essere almeno 20, al pari di Paesi come il Pakistan. Con un netto miglioramento della mobilità del sistema missilistico, che rende più difficile la sua individuazione.

Qualcuno si spinge a dire che negli anni a venire la minaccia potrebbe riguardare non solo Corea del Sud, Giappone e le forze americane nel Pacifico, ma anche la West Coast americana.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

19:58Golf: Andalucia, rimonta Manassero

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Matteo Manassero si porta dal 36/o al 12/o posto con 212 (70 74 68, -1) colpi dopo il terzo giro nell'Andalucia Valderrama Masters di golf, torneo dell'European Tour che si sta svolgendo sul percorso del Real Club Valderrama (par 71), a Sotogrande, in Spagna. E' risalito anche Nino Bertasio da 44/o a 21/o con 214, stabile Renato Paratore, 44/ con 217 ed è finito in bassa classifica Edoardo Molinari, 59/o con 221. Ha preso il comando lo spagnolo Sergio Garcia (205, -8) seguito dall'inglese Daniel Brooks (206, -7), autore con 64 (-7) del miglior score del turno. Saranno in corsa per il titolo nel giro finale anche l'olandese Joost Luiten, terzo con 207 (-6), in vetta dopo 2 giri, il gallese Jamie Donaldson e lo scozzese Scott Jamieson, quarti con 208 (-5), e l'australiano Wade Ormsby, sesto con 210 (-3). Qualche chance anche per i 5 concorrenti in 7/a posizione con 211 (-2): lo statunitense Julian Suri, l'irlandese Shane Lowry, il danese Anders Hansen, il portoghese Ricardo Gouveia e l'inglese Robert Rock.

19:53Incidenti montagna: precipita per 200 metri nel Meranese

(ANSA) - BOLZANO, 21 OTT - Un uomo di 55 anni, Dietmar Reisigl, di Silandro, è morto dopo essere precipitato per 200 metri da un sentiero nel gruppo del Tessa nel Meranese. L'altoatesino stava scendendo verso le ore 16 dal rifugio Hahnenkamm, nella zona di Rifiano, quando a quota 2.000 metri improvvisamente è precipitato davanti alle sue due compagne d'escursione. Subito sono partiti i soccorsi, ma purtroppo per l'uomo non c'è stato più nulla da fare. E' morto sul posto. Il soccorso alpino, con l'ausilio del elicottero Pelikan 2, ha recuperato la salma che è stata trasportata nella vicina Merano. Sul posto anche i Carabinieri. (ANSA).

19:50Trump, sconfitta Isis a Raqqa, ‘una svolta significativa’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La sconfitta dell'Isis a Raqqa "rappresenta una svolta significativa" nella campagna internazionale contro lo Stato islamico "e la sua ideologia malvagia". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aggiungendo che "con la liberazione della capitale dell'Isis e della vasta maggioranza del suo territorio, la fine del Califfato dell'Isis è in vista".

19:47Catalogna: in 450mila a manifestazione Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Secondo la polizia urbana di Barcellona circa 450mila persone hanno partecipato alla grande manifestazione convocata nella capitale catalana per chiedere la liberazione dei "detenuti politici" Jordi Sanchez e Jordi Cuixart e denunciare le misure decise questa mattina contro la Catalgna dal premier spagnolo Mariano Rajoy.

19:38Scherma: spada, Navarria vince a Tallinn

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Mara Navarria vince a Tallinn la prima prova della nuova stagione di Cdm di spada femminile. L'atleta dell'Esercito ha battuto nel duello decisivo la campionessa del mondo 2017, la russa Tatiana Gudkova, col punteggio di 15-12, conquistando il 4/o successo in Coppa della sua carriera. Era approdata in finale dopo il 15-13 in semifinale contro la campionessa olimpica di Rio 2016, l'ungherese Emese Szasz, che aveva fatto seguito al successo ottenuto ai quarti di finale contro la svizzera Laura Staehli, sconfitta 15-7. "Non potevo sperare in un inizio migliore - ha detto Navarria dopo la vittoria -. Dopo aver vinto tutti gli assalti del girone ed essere approdata al main draw, sono uscita dal palazzetto e sono andata in riva al Baltico dove ho ricercato concentrazione ed un po' di ispirazione che oggi mi sono state utilissime. Ho avuto buone sensazioni sin dal primo match. Ho provato a cambiare spesso la mia scherma nel corso degli assalti e questo ha creato difficoltà alle mie avversarie".

19:37F1: Usa, Hamilton domina ultime libere, 2/a Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Terze e ultime prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti nel segno di Lewis Hamilton. Il leader del Mondiale ha segnato il miglior tempo con la sua Mercedes in 1'34''478 precedendo la Ferrari di Sebastian Vettel (1'34''570) e il compagno di squadra Valtteri Bottas (1'34''692). Quarto tempo per l'altra Rossa di Kimi Raikkonen (1'34''755) davanti alla Red Bull di Max Verstappen (1'35''103) ed alla Williams di Felipe Massa (1'35''346). Nona l'altra Red Bull di Daniel Ricciardo (1'35'723).

19:22Maltempo: forti venti al centro-nord e in Sardegna

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Generale peggioramento del tempo sull'Italia domani, con precipitazioni sparse al nord e sulle regioni centrali tirreniche, accompagnate da venti forti. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede da domattina, domenica 22 ottobre, venti forti o di burrasca dai quadranti settentrionali su Lombardia, Emilia Romagna e Marche, e venti di burrasca nord-occidentali sulla Sardegna. Saranno possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato sul territorio di Marche, Umbria e Lazio, nonché su settori di Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo, Molise e Campania.

Archivio Ultima ora