Corea del Nord: Obama alza la voce, allo studio nuove sanzioni

Pubblicato il 07 gennaio 2016 da redazione

A South Korean protester burns the defaced pictures of North Korean leader Kim Jong Un during a rally in Seoul, South Korea, Thursday, Jan. 7, 2016,  (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

A South Korean protester burns the defaced pictures of North Korean leader Kim Jong Un during a rally in Seoul, South Korea, Thursday, Jan. 7, 2016, (ANSA/AP Photo/Ahn Young-joon)

NEW YORK. – Una provocazione. Un gesto incosciente. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama alza la voce contro l’ultimo test nucleare del regime di Pyongyang. E al telefono con i suoi più stretti alleati in Estremo Oriente – il presidente sud coreano Park Geyun-Hye e il premier giapponese Shinzo Abe – parla della necessità di una “risposta internazionale forte e unitaria”, ribadendo “l’irremovibile sostegno” degli Usa ai paesi partner.

La condanna unanime del Consiglio di sicurezza dell’Onu è già un primo passo importante. E apre la strada a nuove sanzioni che isolino ulteriormente la Corea del Nord dal resto del mondo. Ma non basta. Sul tavolo della Casa Bianca ci sono diverse opzioni, tra cui anche il dispiegamento di armi strategiche: ne hanno parlato il numero uno del Pentagono, Ash Carter, con il ministro della difesa sudcoreano Hano Mon Koo, invocando “una reazione adeguata”.

E probabilmente ne ha parlato anche il segretario di Stato John Kerry nelle telefonate con i ministri degli esteri di Seul e Tokyo. Allo studio anche l’avvio di colloqui con Corea del Sud, Giappone, Cina e Russia per la messa a punto di veri e propri “piani di emergenza”.

Intanto il presidente americano ha inviato nella regione il vicesegretario di stato, Tony Blinken, mentre il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Susan Rice, ha parlato con l’ambasciatore di Pechino a Washington. E’ infatti ben chiaro all’amministrazione statunitense che senza la Cina, finora principale alleato del regime di Pyongyang, ben poco di realmente efficace può essere fatto. Anche per determinare gli auspicati cambiamenti del regime.

Nell’area nel frattempo sale la tensione, con aerei da ricognizione americani decollati dalla base sull’isola di Okinawa, nel sud del Giappone, con l’obiettivo di raccogliere più prove possibili sulla presunta esplosione di una bomba ad idrogeno. Ma soprattutto con la decisione di Seul di riprendere la propaganda anti-Pyongyang con gli altoparlanti al confine fra le due Coree (che era stata interrotta lo scorso agosto come gesto di distensione) e di limitare l’accesso alla zona industriale di Kaesong, condivisa tra i due stati.

La mossa di Kim Jong-un, comunque, è riuscita in quello che era almeno uno degli intenti: mettere ancora una volta in difficoltà la strategia di politica estera di Obama, già messa a dura prova non solo dalla lotta all’Isis ma negli ultimi giorni dalle fortissime tensioni tra Arabia Saudita e Iran.

I detrattori accusano il presidente americano di aver per troppo tempo trascurato i rischi dalla penisola coreana, sottovalutando la minaccia nucleare rappresentata da Pyongyang e concentrandosi solamente sull’accordo sul programma nucleare dell’Iran.

Gli esperti, pur sottolineando come l’arsenale nucleare nordcoreano sia al momento limitato, da tempo mettono in guardia dal fatto che entro l’anno le testate a disposizione di Pyongyang possano essere almeno 20, al pari di Paesi come il Pakistan. Con un netto miglioramento della mobilità del sistema missilistico, che rende più difficile la sua individuazione.

Qualcuno si spinge a dire che negli anni a venire la minaccia potrebbe riguardare non solo Corea del Sud, Giappone e le forze americane nel Pacifico, ma anche la West Coast americana.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:42Migranti: a Napoli la nave di Msf con 1500 persone

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAG - E' arrivata nel porto di Napoli e sono iniziate le operazioni di sbarco dei 1449 immigrati che si trovavano a bordo della nave ong 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere. La nave è stata fatta ormeggiare al molo Carmine e sono state predisposte tutte le attività logistiche per effettuare lo sbarco. Ancora non è stata resa nota la destinazione dei migranti raccolti da Msf e da motovedette della Guardia Costiera da ben dodici diversi barconi in appena 10 ore. Alle 21 di ieri, dopo l'allarme lanciato sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento era stata fatta approdare a Palermo per essere prima di ieri sera,attorno alle 21, dopo l'allarme lanciato dai responsabili di Msf sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento della nave - la capienza è di 600 persone - era stata fatta approdare a Palermo per essere rifornita di beni di prima necessità. A bordo 140 donne, 45 bambini, uno dei quali di appena una settimana e due cadaveri recuperati da un gommone.

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

Archivio Ultima ora