El Chapo di nuovo in manette, colpo ai narcos messicani

Pubblicato il 08 gennaio 2016 da redazione

Il Tweet del presidente Messicano, Enrique Peña Nieto, tratto dal suo profilo (@FPN)

Il Tweet del presidente Messicano, Enrique Peña Nieto, tratto dal suo profilo (@FPN)

CITTA’ DEL MESSICO. – Due volte è scappato, ma due volte lo hanno ripreso: Joaquin “El Chapo” Guzman, il boss del cartello di Sinaloa considerato il più ricco e potente narcotrafficante del mondo, è stato catturato da uomini della Marina militare messicana a Los Mochis, una cittadina sotto il controllo della sua organizzazione criminale.

“Missione compiuta!”, ha esultato il presidente Enrique Peña Nieto, annunciando per primo su Twitter l’arresto del Chapo. La sua fuga dal carcere di massima sicurezza di El Altiplano nel luglio scorso, infatti, aveva posto in forte imbarazzo il suo governo, a causa delle evidenti complicità con le quali aveva contato il superboss per una evasione rocambolesca, attraverso un tunnel sotterraneo lungo un chilometro e mezzo.

Peña Nieto, in un breve intervento televisivo, ha detto che la cattura di Guzman rappresenta “un orgoglio per l’intera nazione”, nonché “un trionfo per lo Stato di diritto”, che dimostra “che le istituzioni dispongono delle capacità necessarie per affrontare chi minaccia la tranquillità dei messicani”.

Ed ha rivendicato i successi nella lotta ai boss: con el Chapo sono 98 i criminali più ricercati assicurati alla giustizia su 122. Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, El Chapo è stato catturato al termine di un duro scontro a fuoco contro gli uomini del boss, cinque dei quali sono morti nella sparatoria, durante la quale è rimasto ferito anche un militare.

Nell’operazione, hanno riferito fonti ufficiali, sono stati sequestrati quattro veicoli, dei quali due blindati, otto armi lunghe, un lanciarazzi e una ingente quantità di dollari in contanti.

L’opinione pubblica messicana ha così assistito per seconda volta allo stesso copione. Peña Nieto aveva già annunciato l’arresto del Chapo Guzman su Twitter nel febbraio del 2014, quando altri uomini della Marina militare avevano catturato il narcotrafficante a Mazatlan, una località costiera dello stato di Sinaloa, nel nordovest del Messico, poco lontano da Los Mochis.

El Chapo era scappato 13 anni prima, nel 2001, da un altro carcere di massima sicurezza, questa volta quello di Puente Grande, a Jalisco, dove scontava una pena a 20 anni di carcere. La sua seconda latitanza, invece, è durata meno di sette mesi, ed è stata piuttosto movimentata: lo scorso 16 ottobre le autorità hanno informato di uno scontro a fuoco in una località non precisata dello stato di Sinaloa, durante il quale Guzman era rimasto ferito al volto, ma era riuscito comunque a scappare.

Anche la seconda fuga del Chapo, insomma, lo ha riportato al cosiddetto Triangolo d’Oro, la remota regione agricola a cavallo fra Sinaloa, Durango e Chihuahua dove è nato 61 anni fa, e dove è ancora rispettato e temuto, come un signore feudale. Resta ora da vedere se il Messico concederà l’estradizione verso gli Usa del narcoboss più ricercato del mondo: Washington l’ha richiesta nel giugno scorso.

Secondo analisti della stampa messicana, anche se legalmente l’estradizione potrebbe avvenire anche subito, è probabile che non sia concessa immediatamente. “In termini strategici risulterebbe raccomandabile tenerlo in Messico almeno per un certo tempo, anzitutto per evitare di far vedere il governo in una posizione di debolezza, e poi perché bisogna ottenere da lui informazioni che sono importanti per le autorità”, ha detto Eduardo Guerrero, analista del quotidiano Milenio.

Ultima ora

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

20:36Calcio: studenti Firenze premiano Bernardeschi

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - "Ringrazio i giovani che mi hanno votato e li invito a inseguire i loro sogni con umiltà e sacrificio". Lo ha detto Federico Bernardeschi ritirando oggi in Palazzo Vecchio il 36/o Trofeo Assi Giglio Rosso. Il n.10 della Fiorentina e della Nazionale è stato il più votato dai 3500 studenti delle scuole fiorentine, precedendo il compagno di squadra Federico Chiesa e la squadra della Fiorentina Women's, vincitrice della Serie A femminile. Intanto Bernardeschi continua ad essere al centro di voci di mercato, voci alimentate anche dal fatto che il giocatore non ha ancora risposto alla proposta di prolungamento avanzata qualche mese fa dalla società viola. Nel frattempo domenica si concluderanno le celebrazioni per i 90 anni della Fiorentina Prima del fischio d'inizio del match con il Pescara sfileranno in campo i protagonisti della stagione 2003/2004 che vide la Fiorentina di tornare in A a 2 anni dal fallimento dopo aver vinto lo spareggio di B con il Perugia.

20:21Ryder Cup: M5S incontra Montali

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Contatto: dopo mesi di polemiche, anche feroci, oggi c'è stato il primo incontro in Campidoglio tra il Movimento 5 stelle e il direttore generale del Progetto Ryder Cup Roma 2022 Gian Paolo Montali. Lo apprende l'Ansa. Alla riunione erano presenti, oltre a Montali, il presidente dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito, l'assessore Massimo Colomban e il responsabile sport e portavoce del M5s alla Camera, Simone Valente. "Tengo a dire - spiega al telefono Valente - che resta la contrarietà politica alla decisione del governo di stanziare soldi sull'evento, ma c'è ampia disponibilità istituzionale a collaborare da parte della giunta M5s in Campidoglio".

20:18M5s, si vota in autunno solo se partecipiamo a stesura legge

(ANSA) - ROMA, 23 MAG -"Si vota in autunno solo se il M5s parteciperà alla scrittura della nuova legge elettorale, altrimenti senza numeri si candidano al Vietnam del Senato. Noi ci siamo anche per andare a votare il prima possibile". Così Luigi Di Maio risponde a chi gli chiede se preferisca la linea Salvini dell'ok a qualsiasi legge pur di andare al voto il prima possibile: "E allora perché si è tirato fuori dalla proposta M5s di discutere sulla base della proposta della Consulta?" ribatte e ripete: "La presenza del M5s nell'accordo sulla legge elettorale velocizzerà la procedura per indire nuove elezioni".

Archivio Ultima ora