Pallone d’oro 2016: la cinquina di Messi

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Argentina's Lionel Messi poses with his trophy after winning the FIFA Men's soccer player of the year 2015 prize during the FIFA Ballon d'Or awarding ceremony at the Kongresshaus in Zurich, Switzerland, 11 January 2016.  EPA/VALERIANO DI DOMENICO

Argentina’s Lionel Messi poses with his trophy after winning the FIFA Men’s soccer player of the year 2015 prize during the FIFA Ballon d’Or awarding ceremony at the Kongresshaus in Zurich, Switzerland, 11 January 2016. EPA/VALERIANO DI DOMENICO

ZURIGO – Leo Messi ha vinto il Pallone d’Oro per il 2015. Per l’argentino si tratta della quinta volta, avendo già conquistato il premio di miglior calciatore del mondo quattro volte di fila dal 2009 al 2012.

“E’ molto più di quanto potessi immaginare quando ero bambino”. L’asso argentino del Barcellona Messi riceve e subito dopo accarezza il suo quinto Pallone d’oro visibilmente emozionato. “Ringrazio i miei compagni e ringrazio il calcio per quello che mi ha regalato nel bene e nel male”.

L’argentino era favorito rispetto agli altri due finalisti, Cristiano Ronaldo – vincitore nel 2013 e nel 2014, proprio davanti al fuoriclasse del Barcellona e al portiere tedesco Manuel Neuer – e Neymar, non solo per il consueto alto numero di reti segnate durante l’anno (52) ma soprattutto in quanto leader di un Barcellona che nel 2015 ha vinto cinque trofei su sei.

I catalani si sono aggiudicati Champions League, Mondiale per club, Supercoppa europea, campionato e coppa spagnoli. Solo la supercoppa spagnola gli é sfuggita, per merito dell’Athletic Bilbao.

E’ di Wendell Lira, per la splendida sforbiciata nel derby Atletico Goianense-Goianesia dell’11 marzo scorso il più bel gol del 2015. Il 27enne brasiliano, premiato a Zurigo nel corso del Galà del Pallone d’Oro col ‘Premio Puskas’, ha superato gli altri due finalisti: Leo Messi, con la sua splendida serpentina nel match contro l’Athletic Bilbao nella finale di Coppa del Re del 30 maggio, e Alessandro Florenzi, col suo incredibile gol segnato da centrocampo al Barcellona lo scorso 16 settembre in Champions League.
Luis Enrique miglior tecnico 2015. Il tecnico del Barcellona, Luis Enrique, ha vinto il premio di miglior allenatore Fifa del 2015 nell’ambito della cerimonia per il Pallone d’Oro svoltasi a Zurigo. Per il calcio femminile, il riconoscimento è andato alla ct della nazionale degli Stati Uniti, campione del mondo 2015, Jill Ellis. La centrocampista Usa Carli Lloyd ha ottenuto il premio per la miglior giocatrice Fifa.
L’Equipe si interroga, voto condizionato? Voto falsato al Pallone d’Oro? Se lo chiede il quotidiano francese L’Equipe, citando uno studio di economisti inglesi pubblicato il mese scorso che punta il dito contro il diritto di voto aperto dal 2010 a capitani e allenatori. La partecipazione diretta nella giuria di compagni di squadra e tecnici condizionerebbe un giudizio che – da tradizione – veniva emesso da esperti e giornalisti, ma in conclusione l’impatto di tali voti non sarebbe decisivo. Lo studio ha preso in esame cinque anni e 2.470 voti espressi (820 di capitani, 822 di allenatori e 828 di giornalisti) sviscerandoli in base a sei criteri: paese rappresentato, nazionalità, continente di origine, competizioni disputate, posizione in campo ed età. La conclusione è che “un elettore è quattro volte più incline a votare per un giocatore della sua nazionale o del suo club, ed ha tre volte più probabilità di votare per un candidato della sua stessa nazionalità”. Si cita “il ct del Portogallo e di Cristiano Ronaldo, che l’anno scorso non ha inserito Lionel Messi fra i suoi tre nominati” e “quello dell’Argentina, che ha votato per tre argentini”. Al contrario, “i votanti sono meno inclini a scegliere un candidato che gioca nel proprio stesso ruolo o un giocatore più anziano di loro”. L’impatto di questi voti “falsati”, però, è “piuttosto debole”, ammettono gli economisti, dal momento che “ogni candidato ne ha più o meno lo stesso numero”.

Ultima ora

20:54Angela Celentano: cugina Rosa ascoltata per tre ore dal pm

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 27 MAR - È durato più di tre ore l'interrogatorio di Rosa Celentano, la cugina di Angela, la bambina scomparsa all'età di 3 anni, nell'agosto del 1996, mentre si trovava in gita con la famiglia sul Monte Faito, nel Napoletano. La ragazza, all'epoca dei fatti tredicenne, aveva raccontato nei giorni della scomparsa di Angela di avere sognato - 24 ore prima - che sconosciuti avevano rapito la bambina. Rosa Celentano è stata ascoltata in qualità di persona informata dei fatti dal sostituto della Procura di Torre Annunziata, Sergio Raimondi. Sul contenuto del lungo confronto gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo. Rosa è stata accompagnata dall'avvocato dei genitori di Angela Celentano, Luigi Ferrandino: "La Procura - dice il legale - vuole ripercorrere tutte le tappe della vicenda, alla luce delle novità emerse sul caso della scomparsa di Angela, tenendo conto anche delle sopravvenute tecniche investigative rispetto ai giorni seguenti la sparizione della bambina".(ANSA).

20:46Migranti: Austria verso disdetta piano ricollocamenti

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAR - Vienna potrebbe varare già domani il ritiro dal piano di ricollocamenti deciso dalla Ue. La proposta del ministro della Difesa Hanz Doskozil (socialdemocratici) è stata accolta dal ministro degli interni Wolfgag Sobotka (popolari). Secondo il ministro della Difesa, l'Austria ha "più che rispettato" gli obblighi europei.

20:39Trump: congresso nega credenziali stampa a Breibart

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAR - Il Congresso americano nega le credenziali stampa a Breibart News, il sito ultraconservatore guidato per anni da Steve Bannon, lo stratega della Casa Bianca. La richiesta di Breibart e' stata negata ''fino a che non ci saranno risposte'' sui rapporti fra la pubblicazione e Bannon. Lo riporta il New York Post. L'amministratore delegato e presidente di Breibart, Larry Solov, aveva presentato la richiesta di accredito permanente, accompagnata da una lettera in cui precisava che Bannon non ricopre alcun ruolo da novembre 2016. Ma la commissione chiamata a concedere le credenziali ha espresso dubbi e chiesto ulteriori chiarimenti visto che non ci sono prove che Bannon abbia tagliato tutti i rapporti.

20:34Massacrato da branco, 9 in Procura di Frosinone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Si è concluso nel pomeriggio il sopralluogo nella discoteca dove sarebbe avvenuta la lite che ha scatenato successivamente il pestaggio di Emanuele Morganti, morto per le lesioni riportate. Presente al sopralluogo, utile per cercare riscontri ai racconti degli indagati e dei testimoni, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Frosinone Giuseppe De Falco e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Alatri Antonio Contente. Successivamente i nove indagati sono stati convocati in Procura.

20:29Trump, ‘via fondi federali a ‘città santuario’

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Gli Stati e le città santuario che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull'immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali: lo ha annunciato l'attorney general Jeff Sessions.

20:29Calcio: Roma, Pallotta al lavoro a Londra

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Da Roma a Londra per continuare a programmare società e squadra del futuro: James Pallotta prosegue nella City gli incontri con il suo management, da Baldini a Baldissoni, passando per l'attuale ds Massara e il comparto commerciale. Secondo voci di mercato, smentite però da Trigoria, il presidente della Roma avrebbe incontrato anche quello che dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo, lo spagnolo Monchi, per fargli sottoscrivere un contratto triennale. La trattativa fra le parti sembra ormai agli sgoccioli, tanto che il quotidiano "Mundo Deportivo" riporta la posizione del club citando un qualificato dirigente romanista: "Manca solo la firma. Monchi è tremendamente eccitato per la sfida".

20:07Calcio: ds Barcellona, “Dybala? Pronti ad ogni occasione”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il Barcellona è attento a ogni movimento di mercato, specialmente a quelli che riguardano giocatori bravi che possano interessare anche altri club". Il ds del Barcellona, Robert Fernandez, usa un giro di parole per confermare l'interesse del club per lo juventino Paulo Dybala in un'intervista concessa a Mundo Deportivo. "E' un buon giocatore, non posso dire altro. E' chiaro che saremo pronti a sfruttare ogni situazione, sempre tenendo conto di quel cha abbiamo qui in casa". Fernandez ha anche parlato di Verratti, che potrebbe lasciare il Psg: "Questi giocatori sono sempre una questione di denaro. E a parte pagarlo quanto chiedono, poi è il club che non te lo vende. Vi ricordate quel che successe con Thiago Silva? Il Psg non volle trattare con il Barcellona".

Archivio Ultima ora