Usa 2016: paura Hillary, testa a testa con Sanders

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Bernie Sanders e Hillary

Bernie Sanders e Hillary

WASHINGTON. – Mancano tre settimane al via delle primarie per la Casa Bianva negli Stati Uniti e dagli ultimi sondaggi emerge la mappa della sfida che potrebbe consumarsi fin dai primissimi Stati chiamati alle urne con potenziali sussulti fino ad ora inediti. Anche per la fin qui indiscussa frontrunner democratica Hillary Clinton che vede riaccendersi la minaccia da sinistra del senatore del Vermont Bernie Sanders, già in Iowa dove i due sono dati testa a testa al ‘caucus’ (assemblea) del primo febbraio.

Secondo un rilevamento Nbc News/Wall Street Journal/Marist College, nello Stato che dà il via alle primarie l’ex segretario di Stato è al 48% ma contro il 45% del senatore del Vermont che la segue così a strettissima distanza. Nel New Hampshire invece, dove si vota il 10 febbraio e che viene definito il primo appuntamento decisivo, le parti addirittura si ribaltano e Sanders che risulta in testa con il 50% mentre Hillary è al 46%.

Si prospetta così un inizio tutto in salita per Hillary e da più parti si nota montare un certo nervosismo nella campagna della ex first lady ed ex segretario di Stato. Manca tuttavia ancora un dibattito televisivo tra i candidati per la nomination democratica, previsto per domenica 17 dicembre, che potrebbe forse spostare qualche voto con un duello prevedibilmente acceso tra Hillary e Sanders, in particolare sul controllo delle ami da fuoco.

Hillary Clinton ha accolto con entusiasmo l’intervento del presidente Barack Obama, lo ha ringraziato per il coraggio di ricorrere ad una decisione esecutiva e ha promesso a sua volta una linea durissima. Sanders d’altro canto rappresenta uno Stato rurale con una tradizione radicata circa il possesso di armi, che già gli è valsa gli attacchi della rivale. E adesso che l’argomento tocca l’eredità della presidenza Obama è prevedibile che la ex segretario di Stato non si lascerà sfuggire l’occasione per mettere in chiaro le ‘differenze’ con il senatore liberal del Vermont, il cui successo ha stupito anche i più acuti osservatori.

Sul fronte repubblicano la tensione non è meno alta e nel countdown verso le primarie monta l’attesa il primo vero test per il ‘fenomeno Trump’. ‘The Donald’, Il miliardario di New York ha fin qui non solo guidato l’affollato campo repubblicano ma ha anche resistito gli attacchi, mantenuto il punto pur su temi controversi e soprattutto ha dominato il dibattito, tutto concentrato su di lui. Tanto che pure le crepe sembra in un certo senso averle generate lui stesso, visto che lo hanno reso ancora poù popolare.

Si pensi al senatore del Texas Ted Cruz: per mesi con Trump mai uno screzio o uno scambio sopra le righe. Poi Cruz ha cominciato a farsi strada nei sondaggi fino ad imporsi proprio in Iowa dove da qualche tempo è in testa superando lo stesso Trump. E allora il tycoon dell’immobiliare ha sferrato il suo attacco e, dopa aver messo in dubbio la professata fede evangelica di Cruz in quanto di origine cubana, ha sollevato la questione della sua legittimità, essendo il senatore texano nato in Canada ma da madre americana, che ne fa legalmente un cittadino Usa. Sufficiente?

Trump pone la questione e la cosa non passa affatto inosservata, anzi l’argomento viene ampiamente dibattuto e conquista subito spazi mediatici a macchia d’olio, con Cruz costretto a difendersi. Infine c’è l’ex sindaco di New York, il miliardario Mike Bloomberg. Gli si attribuisce da tempo l’intenzione di correre per la Casa Bianca come indipendente: anche questa volta avrebbe fatto elaborare alcuni sondaggi per capire quali siano le sue ‘chance’.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:23Siria: Sana, razzi ribelli uccidono 5 civili a Damasco

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 GEN - Razzi lanciati da gruppi armati ribelli che controllano sobborghi alle porte di Damasco hanno ucciso oggi 5 civili e ferito altri 8 nella capitale, secondo quanto riferisce l'agenzia governativa Sana. I razzi hanno colpito il quartiere di Bab Touma, a maggioranza cristiana. Altri 5 civili erano rimasti uccisi e 30 feriti il 9 gennaio scorso da razzi lanciati da gruppi armati anti-governativi sullo stesso quartiere di Bab Touma e in quelli di Qassa e Al Shaghour. Continuano intanto i bombardamenti delle forze governative sulle aree controllate dai ribelli alle porte della capitale. Oggi attivisti dell'opposizione e squadre di soccorso hanno denunciato un sospetto bombardamento con gas cloro sul sobborgo di Duma in cui sarebbero rimasti intossicati 20 civili.

18:22Wikileaks: Moreno, Assange è un ‘problema ereditato’

(ANSA) - QUITO, 22 GEN - Il presidente dell'Ecuador, Lenin Moreno, ha detto che l'asilo politico concesso al co-fondatore di Wikileaks, Julian Assange, nell'ambasciata del suo paese a Londra è "un problema ereditato" dal suo governo, che gli ha causato "più di un problema". In un'intervista televisiva con diverse testate locali, Moreno ha detto di "sperare di ottenere un risultato positivo a breve termine su questa questione, che effettivamente ci sta causando più di un problema". Il presidente si è lamentato che il fondatore di Wikileaks abbia diffuso opinioni e prese di posizione politiche dall'interno dell'ambasciata dell'Ecuador. "Chiediamo costantemente al signor Assange di rispettare le regole riguardo ad un asilo politico, e lui stesso ha firmato un accordo nel mese scorso in cui si è impegnato a non intervenire più nella politica ecuadoriana o di un altro paese".

18:21Usa: pornostar sfrutta affaire con Trump per tour osé

(ANSA) - NEW YORK 22 GEN - Stormy Daniels, al secolo Stephanie Clifford, capitalizza su Donald Trump. La porno star, che ha confermato di aver avuto una relazione con il magnate nel 2006, ha lanciato il tour 'Making America Horny Again' ('Rendi l'America nuovamente arrapata'), prendendo spunto dal famoso slogan della campagna elettorale di Trump 'Make America Great Again'. Secondo quanto scrive il New York Post, Stormy Daniels ha fatto il tutto esaurito in un club del sud Carolina. Si è presentata sul palco con un corsetto rosa e si è scoperta il seno ballando in modo sensuale. Il proprietario dello strip club ha detto di averla ingaggiata il giorno dopo lo scoop del Wall Street Journal, secondo cui la donna avrebbe ricevuto 130mila dollari dall'avvocato di Trump per mantenere il silenzio sulla loro relazione. In un'intervista del 2011, Daniels disse che continuarono a vedersi per quasi un anno. (ANSA)

18:20Allerta valanghe in Austria, 10mila persone bloccate

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - In Austria, in Tirolo, la prima volta dalla valanga killer di Galtuer di 19 anni fa, è stato proclamato il massimo livello di pericolo valanghe (5 di 5). Il 23 febbraio del 1999 31 persone morirono sotto una serie di slavine. Sono attualmente isolati i noti centri sciistici St. Anton e Ischgl, dove complessivamente 10mila turisti e abitanti attendono la fine dell'emergenza neve. Il Land Tirolo ha invitato la popolazione di non lasciare le case e di evitare, dove possibile, spostamenti in macchina. Una trentina di strade sono attualmente chiuse per pericolo valanghe.

18:20Calcio: curva Juve chiusa, protesta e minaccia class action

(ANSA) - TORINO, 22 GEN - La curva sud dell'Allianz Stadium sarà chiusa al pubblico questa sera per effetto della sanzione della Corte d'appello della Figc nella sentenza sui rapporti tra il club e gli ultrà. Ci sarà un raduno di protesta sul piazzale davanti alla curva e il Movimento Consumatori minaccia una class action nei confronti della società se non verrà ottenuto il rimborso della quota dell'abbonamento. La Juventus "è tenuta a rimborsare gli abbonati - sostiene il Movimento Consumatori - perché i comportamenti oggetto del provvedimento, riferibili a violazioni della normativa che regola i rapporti con la tifoseria organizzata, secondo gli organi della giustizia sportiva, sono direttamente addebitabili alla società". Il Movimento Consumatori aggiunge di avere "ottenuto un incontro per giovedì 25 gennaio con la Juventus Fc per verificare la sua disponibilità a effettuare i rimborsi". In caso contrario, "farà partire un'azione collettiva". Al momento sarebbero arrivate all'associazione già 100 adesioni da parte dei tifosi.

18:19Siria: Tillerson e Johnson, Turchia ha diritto di difendersi

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - Gli Stati Uniti "riconoscono pienamente il diritto legittimo della Turchia di proteggere i suoi cittadini da elementi terroristi che lanciano i loro attacchi dalla Siria". Così il segretario di Stato, Rex Tillerson, a Londra a margine di un faccia a faccia con il suo omologo britannico Boris Johnson, parlando a proposito dell'offensiva militare lanciata da Ankara in territorio siriano contro formazioni curde. Secondo Tillerson, gli Usa chiedono peraltro "moderazione" sia ai turchi sia alle milizie curde. Johnson ha evocato da parte sua una situazione "compromessa" dall'eredità del conflitto siriano sul terreno, sottolineando da un lato il ruolo svolto dai curdi "nella lotta contro il Daesh" (ossia l'Isis), dall'altro "il legittimo interesse della Turchia a proteggere i suoi confini e la sua sicurezza".

18:17Usa: sparatoria in scuola Texas

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Una ragazza ferita: è questo per ora il bilancio della sparatoria in una scuola superiore di Italy, Texas. Lo riferiscono i media Usa. L'istituto è ancora in 'lockdown'.

Archivio Ultima ora