Usa 2016: paura Hillary, testa a testa con Sanders

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Bernie Sanders e Hillary

Bernie Sanders e Hillary

WASHINGTON. – Mancano tre settimane al via delle primarie per la Casa Bianva negli Stati Uniti e dagli ultimi sondaggi emerge la mappa della sfida che potrebbe consumarsi fin dai primissimi Stati chiamati alle urne con potenziali sussulti fino ad ora inediti. Anche per la fin qui indiscussa frontrunner democratica Hillary Clinton che vede riaccendersi la minaccia da sinistra del senatore del Vermont Bernie Sanders, già in Iowa dove i due sono dati testa a testa al ‘caucus’ (assemblea) del primo febbraio.

Secondo un rilevamento Nbc News/Wall Street Journal/Marist College, nello Stato che dà il via alle primarie l’ex segretario di Stato è al 48% ma contro il 45% del senatore del Vermont che la segue così a strettissima distanza. Nel New Hampshire invece, dove si vota il 10 febbraio e che viene definito il primo appuntamento decisivo, le parti addirittura si ribaltano e Sanders che risulta in testa con il 50% mentre Hillary è al 46%.

Si prospetta così un inizio tutto in salita per Hillary e da più parti si nota montare un certo nervosismo nella campagna della ex first lady ed ex segretario di Stato. Manca tuttavia ancora un dibattito televisivo tra i candidati per la nomination democratica, previsto per domenica 17 dicembre, che potrebbe forse spostare qualche voto con un duello prevedibilmente acceso tra Hillary e Sanders, in particolare sul controllo delle ami da fuoco.

Hillary Clinton ha accolto con entusiasmo l’intervento del presidente Barack Obama, lo ha ringraziato per il coraggio di ricorrere ad una decisione esecutiva e ha promesso a sua volta una linea durissima. Sanders d’altro canto rappresenta uno Stato rurale con una tradizione radicata circa il possesso di armi, che già gli è valsa gli attacchi della rivale. E adesso che l’argomento tocca l’eredità della presidenza Obama è prevedibile che la ex segretario di Stato non si lascerà sfuggire l’occasione per mettere in chiaro le ‘differenze’ con il senatore liberal del Vermont, il cui successo ha stupito anche i più acuti osservatori.

Sul fronte repubblicano la tensione non è meno alta e nel countdown verso le primarie monta l’attesa il primo vero test per il ‘fenomeno Trump’. ‘The Donald’, Il miliardario di New York ha fin qui non solo guidato l’affollato campo repubblicano ma ha anche resistito gli attacchi, mantenuto il punto pur su temi controversi e soprattutto ha dominato il dibattito, tutto concentrato su di lui. Tanto che pure le crepe sembra in un certo senso averle generate lui stesso, visto che lo hanno reso ancora poù popolare.

Si pensi al senatore del Texas Ted Cruz: per mesi con Trump mai uno screzio o uno scambio sopra le righe. Poi Cruz ha cominciato a farsi strada nei sondaggi fino ad imporsi proprio in Iowa dove da qualche tempo è in testa superando lo stesso Trump. E allora il tycoon dell’immobiliare ha sferrato il suo attacco e, dopa aver messo in dubbio la professata fede evangelica di Cruz in quanto di origine cubana, ha sollevato la questione della sua legittimità, essendo il senatore texano nato in Canada ma da madre americana, che ne fa legalmente un cittadino Usa. Sufficiente?

Trump pone la questione e la cosa non passa affatto inosservata, anzi l’argomento viene ampiamente dibattuto e conquista subito spazi mediatici a macchia d’olio, con Cruz costretto a difendersi. Infine c’è l’ex sindaco di New York, il miliardario Mike Bloomberg. Gli si attribuisce da tempo l’intenzione di correre per la Casa Bianca come indipendente: anche questa volta avrebbe fatto elaborare alcuni sondaggi per capire quali siano le sue ‘chance’.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

19:05Totti: Baldissoni, come in campo non avrà un ruolo fisso

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il contratto da dirigente di Francesco Totti sarà valido anche se dovesse continuare a giocare? "Sì - risponde a Premium Sport il dg della Roma Mauro Baldissoni - Ma queste sono cose secondarie. Se dovesse scegliere di continuare a giocare è libero di farlo, ma in qualsiasi momento Totti avrà le porte aperte. Francesco sta vivendo una fase delicata della sua vita e noi dobbiamo stargli vicino senza alimentare polemiche che non esistono. Questa giornata è speciale, vivremo emozioni molto intense: per noi che l'abbiamo visto giocare fin dall'inizio, ci sarà una vena di tristezza, ma dev'esserci anche la felicità di trasferire a un campione come Totti tutto il nostro affetto". Definito il ruolo proposto? "Sì, a parte che, così come in campo, Totti non avrà un ruolo fisso: speriamo che faccia il Totti anche da dirigente. Abbiamo parlato più volte, mostrandogli le aree in cui potrà intervenire; dovrà imparare un nuovo lavoro, ma non lo andremo certo a chiudere in un recinto con un titolo attaccato all'armadio".

19:04Calcio: Fassone “nessun giallo,Milan aspetta risposta Gigio”

(ANSA) - CAGLIARI, 28 MAG - La trattativa fra il Milan e Gianluigi Donnarumma "non è una partita a scacchi, né un giallo". Lo ha spiegato l'ad rossonero Marco Fassone, chiarendo che il portiere "è stato il primo giocatore incontrato" dalla nuova dirigenza per parlare di rinnovo: "stiamo facendo ragionevoli sacrifici per trattenerlo, ci aspettiamo una risposta". Dopo l'ultima partita del campionato, persa a Cagliari, Fassone ha parlato anche di Vincenzo Montella, pure lui con un contratto in scadenza nel 2018. "Montella è certamente il nostro allenatore del prossimo anno - ha dichiarato -. Si lavora molto bene con Vincenzo. Sono convinto che sarà l'allenatore che ci riporterà in alto".

18:54Bangladesh: torna statua di Lady Justice

(ANSA) - DACCA, 28 MAG - Una statua raffigurante una reinterpretazione in chiave indù di Themis, la dea della giustizia greca, rimossa due giorni fa per le pressioni di movimenti islamici fondamentalisti dal piazzale antistante la Corte Suprema di Dacca, è stata reinstallata oggi davanti ad un altro edificio periferico della stessa istituzione. Lo ha riferito il portale di notizie BdNews24. Lo scultore Mrinal Haque, che aveva descritto come "un dolore equivalente alla morte di mia madre" la decisione di rimuovere la scultura raffigurante una donna in sari con una spada nella destra e la bilancia nella sinistra, ha supervisionato personalmente il lavoro di ricollocazione dell'opera in una zona meno visibile del compound giudiziario. Lo spostamento è stato ottenuto dal leader del movimento Hifazat-e-Islami, Shah Ahmed Shafi, secondo cui reinterpretare una statua greca in chiave indù "equivale a idolatria".

18:54Calcio: Montella, stagione comunque ampiamente positiva

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Siamo partiti male, il Cagliari aveva più ritmo; poi, dopo il loro primo gol, siamo migliorati e nella ripresa abbiamo fatto bene. Ma è stata una gara di fine stagione, non bella, e non mi sono divertito". Lo ha detto a Premium Sport l'allenatore del Milan Vincenzo Montella dopo il ko rossonero a Cagliari. L'errore di Donnarumma sul secondo gol e la prestazione di Bacca, forse infastidito da radiomercato, sono nel mirino. "Lasciamo stare Donnarumma e lasciamolo sbagliare - ha risposto il tecnico - Qualche mezzo errore a volte ci può stare, ha fatto una grande gara anche oggi. Bacca non è un ragazzino che si fa condizionare. Io potevo far qualcosa in più per lui come allenatore e anche lui poteva far di più. C'è sempre stata la volontà di fare il massimo, ma nessuno dei due ci è riuscito. Un voto alla stagione del Milan? Non so. A parte questa gara, non valutabile, è stata ampiamente positiva: siamo tornati in Europa, abbiamo alzato una coppa, lanciato molti ragazzi e dato un'identità a questa squadra".

18:40Affonda barca nel lago di Garda, illesi tre austriaci

(ANSA) - BRESCIA, 28 MAG - Tre ragazzi austriaci tra 25 e i trent'anni sono rimasti feriti nelle acque del lago di Garda a Sirmione in seguito all'esplosione del motore della loro barca, che è affondata. È accaduto nel primo pomeriggio e i giovani sono stati soccorsi in acqua. Sono spaventati e lievemente feriti. "L'imbarcazione è esplosa come se fosse scoppiata una bomba" hanno spiegato i soccorritori. Ancora da capire il motivo dello scoppio del motore.(ANSA).

18:37Totti: Franceschini, ora che potevamo vederti con la Spal…

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Certo proprio adesso che potevamo vederti contro la #Spal... #Tottiday". Così, sul filo dell'ironia, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, ferrarese e tifoso della Spal, saluta Francesco Totti su Twitter.

18:35Totti: su schermi Olimpico messaggi da 10 grandi campioni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Dieci campioni per il n.10. Prima del fischio d'inizio di Roma-Genoa sui maxi-schermi dello stadio Olimpico sono state trasmesse le testimonianze di grandi calciatori che hanno condiviso il campo con Francesco Totti, giunto all'ultima partita con la maglia giallorossa. Il primo videomessaggio è stato quello di Maldini, seguito da Cassano, Del Piero, Buffon (l'unico fischiati dai 70mila sugli spalti), Beckham, Sergio Ramos, Seedorf, Gerrard e De Rossi.

Archivio Ultima ora