Usa 2016: paura Hillary, testa a testa con Sanders

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Bernie Sanders e Hillary

Bernie Sanders e Hillary

WASHINGTON. – Mancano tre settimane al via delle primarie per la Casa Bianva negli Stati Uniti e dagli ultimi sondaggi emerge la mappa della sfida che potrebbe consumarsi fin dai primissimi Stati chiamati alle urne con potenziali sussulti fino ad ora inediti. Anche per la fin qui indiscussa frontrunner democratica Hillary Clinton che vede riaccendersi la minaccia da sinistra del senatore del Vermont Bernie Sanders, già in Iowa dove i due sono dati testa a testa al ‘caucus’ (assemblea) del primo febbraio.

Secondo un rilevamento Nbc News/Wall Street Journal/Marist College, nello Stato che dà il via alle primarie l’ex segretario di Stato è al 48% ma contro il 45% del senatore del Vermont che la segue così a strettissima distanza. Nel New Hampshire invece, dove si vota il 10 febbraio e che viene definito il primo appuntamento decisivo, le parti addirittura si ribaltano e Sanders che risulta in testa con il 50% mentre Hillary è al 46%.

Si prospetta così un inizio tutto in salita per Hillary e da più parti si nota montare un certo nervosismo nella campagna della ex first lady ed ex segretario di Stato. Manca tuttavia ancora un dibattito televisivo tra i candidati per la nomination democratica, previsto per domenica 17 dicembre, che potrebbe forse spostare qualche voto con un duello prevedibilmente acceso tra Hillary e Sanders, in particolare sul controllo delle ami da fuoco.

Hillary Clinton ha accolto con entusiasmo l’intervento del presidente Barack Obama, lo ha ringraziato per il coraggio di ricorrere ad una decisione esecutiva e ha promesso a sua volta una linea durissima. Sanders d’altro canto rappresenta uno Stato rurale con una tradizione radicata circa il possesso di armi, che già gli è valsa gli attacchi della rivale. E adesso che l’argomento tocca l’eredità della presidenza Obama è prevedibile che la ex segretario di Stato non si lascerà sfuggire l’occasione per mettere in chiaro le ‘differenze’ con il senatore liberal del Vermont, il cui successo ha stupito anche i più acuti osservatori.

Sul fronte repubblicano la tensione non è meno alta e nel countdown verso le primarie monta l’attesa il primo vero test per il ‘fenomeno Trump’. ‘The Donald’, Il miliardario di New York ha fin qui non solo guidato l’affollato campo repubblicano ma ha anche resistito gli attacchi, mantenuto il punto pur su temi controversi e soprattutto ha dominato il dibattito, tutto concentrato su di lui. Tanto che pure le crepe sembra in un certo senso averle generate lui stesso, visto che lo hanno reso ancora poù popolare.

Si pensi al senatore del Texas Ted Cruz: per mesi con Trump mai uno screzio o uno scambio sopra le righe. Poi Cruz ha cominciato a farsi strada nei sondaggi fino ad imporsi proprio in Iowa dove da qualche tempo è in testa superando lo stesso Trump. E allora il tycoon dell’immobiliare ha sferrato il suo attacco e, dopa aver messo in dubbio la professata fede evangelica di Cruz in quanto di origine cubana, ha sollevato la questione della sua legittimità, essendo il senatore texano nato in Canada ma da madre americana, che ne fa legalmente un cittadino Usa. Sufficiente?

Trump pone la questione e la cosa non passa affatto inosservata, anzi l’argomento viene ampiamente dibattuto e conquista subito spazi mediatici a macchia d’olio, con Cruz costretto a difendersi. Infine c’è l’ex sindaco di New York, il miliardario Mike Bloomberg. Gli si attribuisce da tempo l’intenzione di correre per la Casa Bianca come indipendente: anche questa volta avrebbe fatto elaborare alcuni sondaggi per capire quali siano le sue ‘chance’.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

13:15Kirghizistan: aereo caduto, ‘probabile errore pilota’

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Stando alle informazioni preliminari, la teoria dell'attacco terroristico è esclusa, probabilmente lo schianto è stato causato da un errore del pilota": lo ha dichiarato il vice premier kirghiso Muhammetkaly Abulgaziev a proposito del disastro aereo avvenuto stamane nei pressi dell'aeroporto Manas di Biskek. Secondo una fonte dello scalo sentita dall'agenzia Interfax, c'era una nebbia molto fitta al momento dell'incidente e la visibilità era scarsa. Sempre stando a Interfax, il Boeing si è schiantato a 1,5-2 chilometri dalla pista finendo tra le case del villaggio Dacha-Suu.

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

12:58Cremlino smentisce incontro Trump-Putin in Islanda

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Tutte le informazioni su un qualsiasi accordo preliminare per un incontro" tra Putin e Trump "non corrispondono alla realtà": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, smentendo la notizia pubblicata dal Sunday Time secondo cui il primo summit di Donald Trump da presidente degli Usa sarà in Islanda con Vladimir Putin. "Per il momento - ha aggiunto Peskov - non c'è nessun accordo, nessun progetto, nessun preparativo di incontro. Il presidente Vladimir Putin e il signor Trump per ora non ne hanno discusso in alcun modo e non c'è nessun accordo a proposito".

12:56Thailandia: i due italiani arrestati tornano a casa

(ANSA) - BOLZANO, 16 GEN - Tornano a casa i due giovani italiani, arrestati in Thailandia per aver avere strappato alcune bandiere nazionali. "Il sottosegretario Della Vedova mi ha comunicato che oggi i due altoatesini saranno trasferiti a Bangkok e domani prenderanno il volo di ritorno verso l'Italia, dove arriveranno mercoledì", conferma il senatore Karl Zeller una notizia di Tagszeitung.it. "L'ambasciata si è data molto da fare per accorciare i tempi dell'estradizione, che potevano essere molto più lunghi", aggiunge Zeller.

Archivio Ultima ora