Migrantes, nel 2015 27mila migranti aiutati dalla Chiesa

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

migrantes

ROMA. – Procede a passo veloce l’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati nelle diocesi italiane: erano 23 mila il 6 settembre 2014, giorno dell’appello del Papa a estendere l’accoglienza nelle parrocchie, nelle comunità, nei monasteri e nei santuari, oggi sono diventati 27 mila, di cui 5 mila ospitati nelle parrocchie.

I numeri sono stati forniti da mons. Giancarlo Perego, direttore generale di Migrantes, nel corso della presentazione delle iniziative della Chiesa cattolica per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che si celebra domenica 17 gennaio. A Migrantes sono giunti numerosi messaggi istituzionali.

Primo fra tutti quello del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha sottolineato la necessità di “una più stretta cooperazione internazionale in materia di riconoscimento e ricollocazione dei rifugiati, mirata a contrastare i transiti irregolari, insieme al traffico e allo sfruttamento di esseri umani”.

Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha sottolineato che “il tema dell’integrazione, soprattutto in questo momento storico, è destinato a intersecarsi con quello della sicurezza”, mentre il collega degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha evidenziato che l’Italia nel 2015 ha realizzato “più della metà dei salvataggi avvenuti nel Mediterraneo centrale”.

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha reso noto che sta portando avanti un progetto per la realizzazione di una Cartella sanitaria elettronica per i migranti. Ma l’accoglienza, di cui tutti sottolineano l’importanza, per Migrantes non è, in questo momento storico, l’atteggiamento prevalente.

“Cresce la paura – ha detto mons. Perego – crescono i rischi non solo di alzare muri, di forme di protezionismo, di limitazioni al welfare per i migranti, ma anche di scontri e conflittualità sociale in Europa”. E anche in Italia “l’accoglienza rimane ancora in una situazione di forte precarietà, sia nei porti di arrivo che in molti centri di prima accoglienza”.

Attualmente nel nostro Paese, secondo le stime di Migrantes, su 153 mila persone sbarcate nel 2015 ne sono rimaste, accolte nelle diverse strutture, 103.792. E se le richieste di asilo sono aumentate (83 mila rispetto a 65 mila del 2014), l’accoglimento della domanda è sceso dal 60% del 2014 al 42% del 2015: uno dei motivi, secondo Perego, è da individuare nella “considerazione di un diritto alla tutela internazionale a partire dal paese di provenienza” mentre invece “questo diritto è personale. Abbiano assistito a delle espulsioni anche di gruppo, senza leggere la storia della persona, e questo non va bene in uno stato di diritto”.

“L’Europa deve dare accoglienza e integrazione. Dietro il fenomeno migratorio – ha detto mons. Guerino Di Tora, Vescovo Ausiliare di Roma e presidente di Migrates e della Commissione Episcopale per le Migrazioni – non ci sono numeri ma persone, essere umani”. Per questo, il messaggio per la Giornata che si celebra domenica è “In cammino con i migranti: gesti di accoglienza e di misericordia”.

La Giornata, ha spiegato mons. Di Tora, si celebra in tutte le 27 mila parrocchie italiane ma avrà un particolare momento celebrativo nel Lazio, la regione del Centro Italia con il maggior numero di immigrati: oltre 600 mila, di cui 500 mila a Roma.

Domenica prossima oltre 6.000 migranti e rifugiati provenienti da 17 diocesi del Lazio, di almeno 30 nazionalità, saranno in piazza San Pietro per l’Angelus del Papa. Dopo l’Angelus, i migranti attraverseranno la Porta Santa per recarsi nella Basilica di San Pietro, dove si celebrerà la messa presieduta dal card. Antonio Maria Vegliò, presidente del pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti.

Ai piedi dell’altare ci sarà la Croce di Lampedusa, per ricordare il viaggio drammatico di molti richiedenti asilo. Le ostie che saranno distribuite durante la messa sono state donate dai detenuti del carcere milanese di Opera.

(di Angela Abbrescia/ANSA)

Ultima ora

15:43Coni: 51/o concorso letterario, premiato Minà

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Il giornalista Gigi Riva per 'L'ultimo rigore di Faruk" (Sellerio editore) per la sezione narrativa e Gianni Minà per "Il mio Ali" (Rai Eri - Best Bur) per la sezione saggistica, sono i vincitori della 51/a edizione del Concorso Letterario del Coni. Lo ha deciso la commissione per l'assegnazione del premio riunitasi oggi nella sede del Comitato olimpico, presieduta da Marino Bartoletti e composta da Paola Pigni, Valerio Bianchini, Paolo Francia, Piero Mei, Giancarlo Padovan e Roberto Rosseti. Per la sezione tecnica il 1/o premio è andato a Fabio Inka per "Impacto Training" (Mediterranee editore).

15:40Accoltella giudici a Perugia: ferito anche impiegato

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Anche un impiegato amministrativo del tribunale civile di Perugia è rimasto lievemente ferito per difendere la giudice Francesca Altrui colpita con un coltello e in aiuto della quale era già intervenuto il collega Umberto Rana. I tre sono stati portati in ospedale ma le loro condizioni non sono gravi. In questura è stato condotto l'aggressore tempestivamente bloccato dagli agenti che erano in servizio. La sua posizione è ora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto si è appreso in ambito investigativo l'aggressione è maturata nell'ambito di un procedimento civile. La dinamica è ancora al vaglio della polizia che sta ricostruendo quanto successo. Anche con la scientifica. (ANSA).

15:39Tennis: classifiche, Nadal e Muguruza ancora al n.1

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Spagna ancora al comando del tennis mondiale: Rafael Nadal e Garbine Muguruza si confermano infatti al n.1 dei ranking Atp e Wta. Fabio Fognini e Camila Giorgi restano i migliori azzurri. Per Nadal si tratta della sesta settimana in vetta. Rafa ha un vantaggio sullo svizzero Roger Federer di poco meno di 2000 punti. A completare il podio lo scozzese Andy Murray. Quarto e quinto posto rispettivamente per il tedesco Alexander Zverev e il croato Marin Cilic, mentre il bulgaro Grigor Dimitrov scavalca in 8/a posizione lo svizzero Stan Wawrinka, fermo fino a fine stagione. Grazie alla finale a San Pietroburgo Fognini guadagna due posizioni e si porta al n. 27. Tra le donne Muguruza capeggia la classifica per la terza settimana davanti alla romena Simona Halep, terza la ceca Karolina Pliskova. Camila perde cinque posizioni e si trova al n.74, dietro di lei avanzano di un paio di gradini sia Francesca Schiavone (78/a) sia Roberta Vinci (82/a).

15:32Iraq: media, sì Parlamento a invio truppe a Kirkuk

(ANSA) - BEIRUT, 25 SET - Il parlamento iracheno ha approvato oggi una serie di misura in risposta alla decisione della regione autonoma del Kurdistan di svolgere il controverso referendum per l'indipendenza. Secondo la tv panaraba al Arabiya, l'assemblea legislativa di Baghdad ha, tra l'altro, approvato il dispiegamento delle truppe federali in tutti i territori controllati dalle milizie curde dal 2013-14. Tra queste zone c'è anche l'area contesa di Kirkuk, ricca di petrolio.

15:10Accoltella giudici Perugia: avvocati,basta ritardi sicurezza

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - L'Ordine degli avvocati annuncia che "non tollererà più alcun ritardo nell'adozione di misure volte a garantire la sicurezza all'interno dei palazzi di giustizia di Perugia". Ed annuncia di aver scritto al ministro della Giustizia e ai vertici degli Uffici giudiziari del capoluogo umbro dopo il ferimento odierno dei due giudici. L'ordine sottolinea anche di avere "più volte sollecitato" le misure. Il Consiglio degli Ordine degli avvocati, in una nota del presidente Gianluca Calvieri, parla di "vile aggressione in danno di due giudici della sezione civile, dottoressa Francesca Altrui, e dottor Umberto Rana, e di un impiegato amministrativo. Condanna fortemente l'atto - aggiunge - ed esprime, anche a nome dell'intero foro perugino, vicinanza nei confronti dei soggetti vittime del gravissimo episodio di violenza manifestando altresì la solidarietà a tutto l'ordine giudiziario". "Gli avvocati in questa circostanza - si legge nella loro nota -, pur nella diversità di ruoli e di funzioni, intendono nuovamente ribadire la loro sincera lealtà nei rapporti istituzionali con tutta la magistratura e la piena disponbilità a sostenere con essa unitarie iniziative in ogni sede volte a tutelare l'incolumità di tutti gli operatori della giustizia". (ANSA).

15:05Spese pazze Liguria: 13 ex consiglieri rinviati a giudizio

(ANSA) - GENOVA, 35 SET - Sono stati tutti rinviati a giudizio i 13 assessori ed ex consiglieri regionali, in carica nella legislatura 2005-2010, accusati di peculato nell'ambito di una delle varie inchieste sulle spese pazze in regione Liguria. Lo ha deciso il gup Nadia Magrini. Tra gli ex politici coinvolti, di tutti quasi tutti gli schieramenti politici, ci sono Sandro Biasotti (Fi), Tirreno Bianchi (Pdci), Rosario Monteleone (Udc) e Fabio Broglia (Italia di mezzo). Il processo comincerà a gennaio dell'anno prossimo. L'accusa è di peculato perché gli imputati avrebbero speso fondi pubblici per fini privati.

14:57Terremoto: De Micheli in Umbria il 27 settembre

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Mercoledì 27 settembre visita in Umbria del nuovo commissario straordinario per la ricostruzione, Paola De Micheli, per una giornata di incontri nelle aree colpite dal sisma, accompagnata dalla presidente della Regione, Catiuscia Marini. Alle 10, al Centro regionale della Protezione civile a Foligno, la riunione del Comitato istituzionale dell'Umbria, alle 12 l'incontro con i giornalisti. Alle 14.45 De Micheli sarà a Preci, nella frazione di Piedivalle, per la consegna di 5 casette, cui seguirà un sopralluogo all'Abbazia di Sant'Eutizio. Tappa successiva a Norcia, con sopralluogo nel centro storico e alle 16:40 la consegna di 32 casette nella zona industriale B (a Opaco). De Micheli raggiungerà infine Cascia: alle 17:40, nel piazzale San Francesco, la consegna delle strutture per la delocalizzazione delle attività commerciali. Alle 18 l'incontro con gli operatori economici della Valnerina. (ANSA).

Archivio Ultima ora